Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Cev Cup 2019: Trentino Itas vicina alla semifinale europea.

Pubblicato

-

Giannelli in azione nella partita di andata

Si giocano fra mercoledì 13 e giovedì 14 febbraio le gare di ritorno dei quarti finale di 2019 CEV Cup, la seconda più importante competizione continentale per club.

La Trentino Itas si appresta a disputare la sesta gara europea della sua stagione, la quarta casalinga: mercoledì 13 febbraio alla BLM Group Arena di Trento sfiderà gli elvetici del Lindaren Volley Amriswil, già superati in tre set lo scorso 30 gennaio in Svizzera.

Fischio d’inizio fissato per le ore 20.30 italiane.

Pubblicità
Pubblicità

Per proseguire la propria corsa europea, continuando così ad ambire ad un altro risultato internazionale di prestigio, la formazione gialloblù deve necessariamente vincere due set.

Grazie al promettente successo per 3-0 dell’andata, tanto basterebbe alla squadra di casa per staccare la qualificazione al turno successivo.

Angelo Lorenzetti deve però valutare le condizioni fisiche imperfette di alcuni giocatori; anche per questo motivo, quindi il match contro la compagine svizzera va preso con tutte le attenzioni del caso. “Con la partita di mercoledì si apre un periodo differente rispetto a tutti quelli che abbiamo sin qui vissuto durante questa stagione – ha specificato l’allenatore – . I prossimi saranno quindici giorni in cui dovremo fare necessariamente i conti con l’infermeria e magari in cui saremo spesso in emergenza a livello di organico; dobbiamo recuperare al meglio qualche giocatore. Valuterò fino all’ultimo quale sestetto mandare in campo, ma mi auguro che chiunque giochi lo faccia con la giusta attenzione e concentrazione perché l’Amriswil è una squadra che non va sottovalutata. Pur potendo vantare un livello assoluto inferiore, è in grado di metterci in difficoltà, come è già successo nel terzo set della gara d’andata”.

Le sessioni di allenamento di questa sera e di mercoledì mattina saranno utili per sciogliere gli ultimi dubbi di starting six, in cui sicuramente non figurerà Lisinac (alle prese con un problema al polpaccio che lo aveva limitato già nel match giocato sabato sera a Bologna) e che potrebbe fare a meno anche di Giannelli e Kovacevic, che accusano risentimenti rispettivamente agli addominali e alla schiena.

Mercoledì sera l’impianto di via Fersina ospiterà la cinquantaseiesima partita europea casalinga della storia di Trentino Volley, la trentatreesima di sempre in CEV Cup, dove sino ad ora ha vinto in ventisette circostanze (uniche cinque sconfitte: due con Ankara nell’edizione 2005, una con Mosca in quella 2015, una col Fenerbahce e Tour in quella 2017). L’ultima vittoria fra le mura amiche in CEV Cup risale a meno di un mese fa (16 gennaio, 3-1 nel ritorno nel ritorno degli ottavi con l’Haching). Il Club di via Trener in questo caso disputerà la 798a gara ufficiale della sua storia, la 157a internazionale (bilancio: 129 vittorie e 28 sconfitte).

Il Lindaren Volley Amriswil giunge per la prima volta nella propria storia a Trento con l’obiettivo di ribaltare il risultato sfavorevole dell’andata e non concedere più di un set ai padroni di casa. Tanto dovrà fare per strappare la qualificazione alle semifinali, unico risultato che le consentirebbe di proseguire la corsa in campo europeo e quindi migliorare ulteriormente un risultato di per sé già storico.

Mai prima di questa partecipazione, la formazione biancoblù era arrivata così in là in una competizione CEV, pur avendo già disputato quindici edizioni di CEV Cup. Dopo il match d’andata, la squadra allenata dall’olandese Marko Klok (noto agli appassionati di pallavolo italiana per aver vinto da giocatore uno scudetto nel 2000 a Roma e aver giocato in Serie A anche con le maglie di Città di Castello, Napoli e Forlì) nel campionato svizzero ha vinto in casa con lo Jona (3-0) e perso, proprio domenica scorsa, a Lucerna (primo ko in regular season dopo quindici vittorie consecutive).

LA FORMULA E GLI ALTRI INCONTRI La 2019 CEV Cup prevede lo svolgimento di sei doppi turni (andata e ritorno) di gare (Trentaduesimi, Sedicesimi, Ottavi, Quarti di finale, Semifinali e Finale) ad eliminazione diretta: si qualifica a quello successivo la squadra che nell’arco delle due gare ottiene il maggior numero di punti, assegnati come in campionato: 3 per la vittoria per 3-0 o 3-1, 2 per il successo al tie break, 1 per la sconfitta al tie break (golden set a 15 in caso di parità di punti). Le altre gare di ritorno dei quarti di finale (fra parentesi il risultato dell’andata): mercoledì: Kuzbass Kemerovo-Ford Store Levoranta Sastamala (3-0); giovedì: Olympiacos Piraeus-Neftohimic Burgas (1-3), Lindemans Aalst-Galatasaray Istanbul (1-3).

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Semifinale Play Off Scudetto, giovedì l’Itas Trentino a Civitanova per gara 4

Pubblicato

-

Si gioca giovedì 25 aprile all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche gara 4 di Semifinale Play Off Scudetto Credem Banca 2019.

Per la seconda volta nella serie l’Itas Trentino sarà di scena nelle Marche, andando a caccia della vittoria in grado di pareggiare i conti ed al tempo stesso di annullare la seconda (di tre) opportunità per la Cucine Lube per chiudere il discorso qualificazione.

Fischio d’inizio previsto per le ore 18

Pubblicità
Pubblicità

Il successo ottenuto il giorno di Pasquetta di fronte al proprio pubblico ha rialzato le quotazioni della squadra Campione del Mondo, chiamata però subito ad un’impresa ancora più difficile per non dover chiudere in questa occasione la propria esaltante stagione.

Per riportare la serie alla BLM  Group Arena serve infatti la vittoria all’Eurosuole Forum, dove Trentino Volley non ha mai vinto in nove precedenti ufficiali.

“L’affermazione in gara 3 non rende comunque differente rispetto a prima la nostra situazione: ci troviamo ovvero di nuovo a giocare una sfida da dentro o fuori – ha chiarito l’allenatore Angelo Lorenzetti presentando l’appuntamento – ; siamo contenti di aver prolungato la serie ma siamo sotto per 1-2 e il nostro compito sarà sempre più difficile perché ora dobbiamo provare a conquistare un risultato che in passato non ci è mai riuscito a Civitanova. Vogliamo essere ancora protagonisti, prendendo spunto dalla precedente partita disputata nelle Marche, dove eravamo stati su buoni livelli solo per due dei quattro set giocati. Se riusciremo ad affrontare alla pari la Cucine Lube in ogni parziale potremo giocarci fino in fondo le nostre carte e sperare di arrivare a gara 5”.

La formazione trentina è partita già nel primo pomeriggio di oggi alla volta di Civitanova dopo aver sostenuto l’ultimo allenamento all’ora di pranzo alla BLM Group Arena.

Giovedì mattina all’Eurosuole Forum la classica rifinitura pre-gara; una sessione utile per verificare la condizione di tutta la rosa e decidere che tipo di schieramento adottare, tenendo conto che lunedì scorso il tecnico gialloblù ha ruotato buona parte degli effettivi per ottenere il risultato.

Gara 4 di Semifinale sarà la 52a partita stagionale di Trentino Volley, la 815a ufficiale della sua storia, la 118a nei Play Off Scudetto (bilancio 70 vinte e 47 perse).

La gara sarà diretta da Luca Sobrero (di Carcare – Savona, di ruolo dal 1996 ed internazionale dal 2004) e Marco Braico (di Torino, in massima categoria dal 2003).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Pioggia di titoli sul Pressano. Vinto anche il campionato provinciale under 15

Pubblicato

-

Per Pressano arriva un altro titolo giovanile ed è il terzo in questa fase finale dei campionati di categoria.

Dopo quello Regionale per l’Under 19 e Under 17 tocca ora a quello Provinciale per l’Under 15, guidata da Giuliano Merlo e Dinko Dedovic.

La formazione di Pressano è composta quasi totalmente da giocatori delle classi 2004 e 2005 ed a parte le “fuori quota” con Merano e Innsbruck, i baby gialloneri hanno giocato alla pari con tutti gli avversari ed alla fine si sono classificati al primo posto a livello Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Una prima piazza della classifica condivisa tra Pressano e Mori entrambi a quota 22.

A fare la differenza sono stati gli scontri diretti tutti vinti dal Pressano.

Le prime due classificate dell’Alto Adige e del Trentino si qualificano per le fasi finali di categoria e così anche l’Under 15 sarà di scena a livello nazionale con la possibilità di competere per il titolo di categoria.

Le finali si giocheranno a Misano Adriatico dal 2 al 7 luglio, nell’ambito del Festival della Pallamano 2019.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

«Kung Fu Ala Cup 2019»: ottimi risultati per le arti marziali a Rovereto

Pubblicato

-

Domenica 7 aprile 2019, presso la palestra delle scuole medie “Damiano Chiesa”, a Rovereto, si è svolta la competizione di arti marziali vietnamite KUNG FU ALA CUP 2019; la 1^ gara sociale organizzata unicamente per gli iscritti all’ A.S.D. Kung Fu – Ala.

Questa Scuola di Arti Marziali nasce nel 2010 con lo scopo di diffondere e far conoscere la tradizione, le tecniche e l’efficacia del Kung Fu Vietnamita.

Si è da subito stabilità nel territorio di Ala, più precisamente nel paese di Serravalle, raccogliendo iscritti da tutti i paesi circostanti quali Chizzola, Santa Margherita, Santa Lucia, Marco, Ala e Avio.

Pubblicità
Pubblicità

L’Arte Marziale può essere praticata da persone di tutte le età e l’ A.S.D. Kung Fu – Ala offre corsi per bambini, ragazzi e adulti, raggiungendo nell’ultima stagione il numero complessivo di 50 atleti.

I corsi sono gestiti dai Maestri Lorenzo Adami (Cintura Nera 2° Dang) e Elena Busetti (Cintura Nera) che vedendo il successo ottenuto e gli ottimi risultati che i loro allievi hanno conseguito partecipando a gare Nazionali ed Internazionali hanno deciso di aprire un corso anche nel territorio di Rovereto.

Da settembre 2018 infatti seguono dei corsi nel quartiere Brione, rivolti sempre a bambini, ragazzi e adulti di tutte le età.

La KUNG FU ALA CUP è una competizione organizzata solo per bambini dai 6 ai 12 anni iscritti regolarmente ai corsi di Serravalle e Rovereto con la scopo di fargli vivere un’esperienza agonistica e fargli superare quegli ostacoli che possono essere la paura e la timidezza. La manifestazione ha potuto contare sulla presenza di una quarantina di giovani atleti che si sono affrontati nelle varie discipline di gara. Infatti la competizione si divideva in tre diverse tipologie di gara:

  • I QUYEN TRADIZIONALI A MANI NUDE ovvero delle sequenze codificate che l’atleta deve eseguire cercando di trasmettere l’idea del combattimento immaginario davanti ad una giuria.

  • PERCORSO DEL PICCOLO GUERRIERO ovvero un percorso ad ostacoli che vede il bambino cimentarsi in una prova di agilità, velocità e tecnica, ottenendo il miglior tempo possibile.

  • COMBATTIMENTO ovvero uno sca mbio di tecniche il totale sicurezza dove i bambini, completi di protezioni imbottite, si scambiano colpi di kung fu. Sotto la supervisione di un arbitro centrale e della sua terna.

La manifestazione si è conclusa con le premiazioni, dove gli atleti che si sono piazzati nei primi tre posti hanno ricevuto una medaglia che si porteranno a casa orgogliosi di se stessi ma consapevoli che oltre alla vittoria oggi hanno superato un piccolo ostacolo e imparato che per ottenere qualcosa serve l’impegno e la costanza.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza