Connect with us
Pubblicità

Trento

Nuovo attacco dei centri sociali al gazebo della Lega

Pubblicato

-

Nuovo attacco degli antagonisti al Gazebo della Lega in piazza Pasi, a distanza dell’ultimo avvenuto solo una settimana fa.

I militanti della lega stavano raccogliendo le firme per il decreto sicurezza voluto dal ministro dell’interno Matteo Salvini

Il tentativo è stato sventato dalle forze di Polizia presenti sul posto.

PubblicitàPubblicità

I provocatori, una decina circa, tutti molto giovani, hanno dapprima contestato i militanti della lega per poi tentare una timida aggressione.

«Un ringraziamento particolare alle forze di polizia che anche oggi sono dovute intervenire per allontanare quei “bravi ragazzi” dei centri sociali che sono venuti a contestare la nostra raccolta firme al gazebo in piazza Pasi a Trento. Noi andiamo avanti, non ci fate paura!» – Scrive sulla sua pagina social Giulio D’alterio consigliere circoscrizionale del centro storico.

In merito ai fatti di oggi, Moranduzzo dichia: “Anche oggi, così come avviene con cadenza settimanale, i soliti soggetti hanno voluto attaccare il gazebo della Lega Trentino presente nel capoluogo. Per l’ennesima volta ringrazio le forze dell’ordine per essere intervenute e per aver evitato feriti. L’attuale situazione di odio che proviene da certi soggetti non è passata inosservata nell’attività consiliare in Provincia che sto compiendo da tre mesi a questa parte e sarà oggetto di opportune verifiche con le modalità che il popolo sovrano mi ha concesso”.

Katia Rossato aggiunge: “Solidarietà ai nostri ragazzi impegnati oggi al gazebo della Lega del giovedì. Ancora una volta si sono verificate le usuali vessazioni da parte dei soliti “portatori dei diritti”. Sono convinta del fatto che se da una parte criticano alcune scelte politiche, dall’altra si dimenticano totalmente i principi base del contratto sociale. Concetti stanno alla base di qualsiasi normale civiltà. Da genitore, mi chiedo se queste persone abbiano o meno ricevuto una qualche forma di educazione civica”.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Venerdì Santo, Vescovo Tisi: «Croce immagine più alta di Dio»

Pubblicato

-

”Per sapere qualcosa di Lui e di noi, Dio ci ha dato un appuntamento: un uomo in croce. La croce è l’immagine più pura e più alta di Dio”.

Le parole dell’arcivescovo di Trento Lauro Tisi nel Venerdì Santo, in cui la Chiesa celebra la Passione e Morte di Gesù, con l’adorazione silenziosa della croce, partecipata nel pomeriggio da molti fedeli.

“Dio – sottolinea Tisi – non salva dalla croce, ma nella croce. Scandalosa soluzione per uomini e donne che invocano prove di forza, il ricorso alla violenza, la scorciatoia della vendetta, l’arma della semplificazione che divide in buoni e cattivi.  Il Venerdì Santo è accorato appello ad abbandonarsi all’uomo della croce che ci offre la via della non-violenza, la strada sicura del perdono, la grandezza d’animo che unisce e non divide”.

Pubblicità
Pubblicità

Questa sera monsignor Tisi guiderà la Via Crucis nella basilica di S. Maria Maggiore (20.30).

Tra le tante Via Crucis di oggi in Diocesi, segnaliamo quella delle parrocchie di Trento Nord, partendo dalla chiesa di Sant’Apollinare (ore 20.30) fino alla chiesa di Cristo Re.

Domani, Sabato Santo, la Chiesa rimane in silenzio in attesa della Veglia Pasquale, il momento più importante dell’anno liturgico, con il solenne annuncio della Risurrezione.

In cattedrale la Veglia avrà inizio alle ore 21.00. L’arcivescovo Lauro battezzerà quattro catecumeni adulti e un bambino.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ponti e cantieri stradali, attenzione alle code

Pubblicato

-

In vista delle festività pasquali e dei successivi ponti del 25 aprile e 1 maggio, il Servizio Gestione Strade della Provincia comunica che lungo le strade principali della rete viaria sono in corso dei lavori, anche con restringimenti di carreggiata, che potrebbero comportare, in alcune fasce orarie delle diverse giornate, dei momentanei e localizzati rallentamenti del flusso veicolare.

Si segnalano questi cantieri:

– SS 12 dell’Abetone e del Brennero, in loc. Acquaviva a sud di Mattarello: con transito mantenuto a doppia corsia di marcia;

Pubblicità
Pubblicità

– SS 43 della Val di Non, all’interno del centro abitato di Mezzolombardo: con transito mantenuto a doppia corsia di marcia;

– SS 47 della Valsugana, in località Ospedaletto: con transito mantenuto a doppia corsia di marcia;

– SS 50 del Grappa e Passo Rolle, tra San Martino di Castrozza e Passo Rolle: con tratti a senso unico alternato a vista;

– SS 48 delle Dolomiti, tra Ziano di Fiemme e Predazzo: con transito a senso unico alternato con impianto semaforico;

– SP 71 Fersina – Avisio, tra loc. Segonzano e loc. Sevignano: con transito a senso unico alternato con impianto semaforico.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Torna a colpire la banda delle BMW. Danni per 12 mila euro a Canova di Gardolo

Pubblicato

-

È successo questa notte a Canova di Gardolo dove una Bmw è stata letteralmente devastata. (foto)

La prestigiosa marca tedesca da circa sei mesi è presa di mira dai ladri che ne smontano i pezzi con la massima attenzione in modo che siano recuperabili.

I ladri, che è ormai accertato essere dei veri professionisti,  rubano tutto in meno di 7 minuti.

PubblicitàPubblicità

La macchina era parcheggiata all’interno di un condominio e nessuno si è accorto di nulla.

Il proprietario stamane si è trovato davanti l’amara sorpresa.

«Ti da fastidio anche perché violano la tua vita, le tue cose – dichiara Mauro il proprietario – ora speriamo che l’assicurazione mi passi qualcosa visto che la macchina è del 2011. Ho fatto intervenire la Polizia di Stato, ma anche loro sono i primi ad essere sconsolati»

Anche in questo caso i danni ammontano a circa 12 mila euro.

Smontano impianti stereo, navigatori, impianti tecnologici, airbag, volanti e impianti antifurto per migliaia di euro per poi dileguarsi e far perdere le loro tracce

La banda era entrata in azione dall’ottobre al dicembre 2018 dove avevano devastato ben 26 Bmw in tutto il Trentino.

I furti sembrano effettuati su commissione, probabilmente perché i pezzi  sono facilmente intercambiabili tra le varie serie di produzione e per questo immediatamente piazzabili sul mercato.

Gli investigatori ipotizzano da tempo anche che i ladri possano aver lavorato presso qualche concessionaria BMW, visto la velocità nello staccare tutti gli impianti elettrici e tecnologici delle autovetture e portarli via del tutto funzionanti.

Per contrastare efficacemente questo triste fenomeno la stessa casa automobilistica è scesa in campo al fianco delle forze dell’ordine.

La Bmw Italia collabora da tempo allo svolgimento e al successo dell’attività investigativa.

Come prevenzione standard di fabbrica Bmw provvede già da tempo a inserire nei veicoli nuovi una serie di blocchi elettronici per i principali componenti considerati appetibili da razziare con lo scopo di impedirne il riutilizzo.

A questo Bmw Italia aggiunge la disponibilità di blocchi meccanici e dissuasori acustici in post montaggio per i veicoli circolanti che possono essere facilmente richiesti allarete ufficiale Bmw.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza