Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

La Luna dal pozzo: il futuro si legge guardando al passato

Pubblicato

-

Un’iniziativa dall’aspetto internazionale che nel legame con il castello di Pergine valorizza il territorio e coinvolge anche le associazioni locali che lavorano per il bene comune“: così l’assessore provinciale all’Istruzione, Università e Cultura Mirko Bisesti, nel foyer del teatro di Pergine Valsugana ha salutato la presentazione dell’evento culturale “La Luna dal Pozzo“, dedicato al 50esimo anniversario dello sbarco sulla Luna, che caratterizzerà la XVI edizione del workshop di geopolitica ed economia internazionale promosso da “Il Nodo di Gordio” in collaborazione con il Centro Studi “Vox Populi”.

La tre giorni di studio, prevista dal 19 al 21 luglio, sin dalla prima edizione richiama a confrontarsi su temi attuali esperti, giornalisti, diplomatici e docenti universitari italiani e stranieri, con l’obiettivo di interpretare dinamiche ed evoluzioni di complessi scenari scientifici, economici e geopolitici.

Nella giornata del 20 luglio, proprio a mezzo secolo dall’impresa dell’Apollo 11, nella cornice del castello di Pergine, gli enti promotori in collaborazione con la Fondazione Castel Pergine e la Pro Loco cittadina organizzeranno un convegno di studi che, oltre ad occuparsi dello storico allunaggio, indagherà il futuro dell’esplorazione aerospaziale con la partecipazione di ricercatori, astronomi e astrofisici.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto prevede di coinvolgere anche gli istituti scolastici trentini di ogni ordine e grado attraverso iniziative specifiche.

“I percorsi per le scuole sono un valore aggiunto” ha commentato Bisesti, ricordando che il nostro territorio, pur geograficamente piccolo, ha moltissimo da offrire dal punto di vista culturale.

“Questi eventi sono anche motivo di aggregazione sociale e inoltre affrontare un argomento non scontato e dai risvolti complessi rappresenta un’occasione per tutto il Trentino” ha concluso l’assessore.

Daniele Lazzeri, chairman del think tank internazionale “Il Nodo di Gordio” ha anticipato alcune iniziative correlate al convegno al qualificato pubblico del foyer, tra cui erano presenti figure istituzionali e alcune personalità del mondo culturale e scientifico, come il figlio dell’artista Othmar Winkler e l’ingegnere Bruno Strim, tornato in Trentino dopo gli anni trascorsi alla Nasa.

Lo stesso Strim ha ricordato che alla fine degli anni 50 arrivare alla Luna sembrava impensabile, ma già il presidente degli Stati Uniti Kennedy nel 1961 annunciò che entro 10 anni l’obiettivo sarebbe stato raggiunto.

La luna dal pozzo è stato definito un progetto “under construction”, pensato non solo per la riflessione scientifica e culturale di respiro internazionale, ma anche per la partecipazione popolare, con momenti dedicati a concerti, mostre e concorsi di idee, così da rendere ancora più forte il legame dell’iniziativa con la comunità che, come ha ricordato Denis Fontanari, referente culturale della Fondazione “Castel Pergine”, è da oggi – giorno dell’iscrizione al Tavolare – formalmente proprietaria del castello di Pergine.

Un luogo che non vuole essere semplice location dell’evento, ma un crogiolo culturale per forgiare iniziative a beneficio di tutti.

dav

sdr 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Film e musica sotto le stelle: Peppe Vessicchio a Trento

Pubblicato

-

Cinema e musica sotto le stelle. Tornano due eventi culturali, in programma a luglio e ad agosto, tipici dell’estate trentina. Si tratta di Cinema in Cortile, organizzato dal Comune di Trento in collaborazione con Trentino Film Commission e di Contrada Larga, che proporrà una serie di concerti, a cominciare da quello del maestro Peppe Vessicchio. Tutte e due le manifestazioni si terranno presso il cortile delle Scuole Crispi-Bonporti in via S. Giovanni Bosco a Trento.

Qui tutte le info per Contrada Larga Qui tutte le info per Cinema in Cortile

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Arte e Cultura

Successo a Pergine per festival dell’arte al Parco della Pace

Pubblicato

-

L’appuntamento del Parco della Pace dove si sono ritrovati artisti e non solo di Pergine e dintorni, è stato un successo.

Come prima edizione non ci si poteva di certo aspettare la folla, però è stato un regolare susseguirsi di visitatori che hanno potuto apprezzare le opere di artisti locali, dialogare con loro.

Quello che ha più incuriosito è il modo attraverso il quale questi artisti arrivano alla realizzazione della loro opera: dall’idea, la prima bozza, il prototipo e poi l’opera definitiva.

Pubblicità
Pubblicità

Sono tutte produzioni autofinanziate, perché nessuno degli artisti in esposizione riceve dei contributi a qualsiasi titolo ed è quindi passione pura col desiderio di condividerla con gli altri e specialmente nel caso dello scrittore di libri gialli e di spionaggio Albert Pillowsky è stato frequente il confronto con i lettori dei suoi primi libri.

Insomma una domenica diversa dalle altre che ha offerto la possibilità agli artisti presenti di farsi conoscere, vendendo anche qualche pezzo della loro produzione.

Susi Andreatta, l’ideatrice di questo evento: “Un ringraziamento di cuore agli artisti che mi hanno dato la loro fiducia nel partecipare alla prima edizione del Festival dell’Arte di Primavera. Nella speranza di rivederli anche all’edizione del mese di settembre gli auguro ogni bene per le loro attività”.

Per settembre ci saranno delle sorprese.

Ma anche nuove partecipazioni come quella del fotografo e del fumettista che non hanno potuto partecipare alla prima edizione.

Nelle intenzioni di Susi Andreatta, il Festival dell’Arte oggi di primavera, ma che sarà d’autunno, è una manifestazione destinata a crescere ed affermarsi sempre più.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Al parco della Pace di Pergine spazio all’arte e alla cultura con «Un salto al parco»

Pubblicato

-

Nella foto Albert Pillowsky

Susi Andreatta oltre a gestire il bocciodromo di Pergine è anche una scrittrice che come molti suoi colleghi, si auto produce e auto promuove i propri libri.

L’idea che ha avuto per questa domenica di giugno, è quella di abbinare la promozione del Parco della Pace, dove si trova il bocciodromo, ad una serie di artisti locali dei quali pubblicheremo la gallery completa, che avranno così occasione di farsi conoscere, pubblicizzare le proprie opere, passando una giornata tra loro ed insieme ai visitatori che si preannunciano numerosi.

L’evento fa parte della più ampia manifestazione promossa dal Comune di Pergine “ Un salto al parco”.

Pubblicità
Pubblicità

Ma tra le tante proposte, quella di Susi Andreatta è certamente la più originale.

Al momento hanno garantito la loro presenza i seguenti artisti: le pittrici Mariarosa Chistè e Fani Ioratti.

La creatrice di libri artistici Elisa Pagano, l’ormai affermato scultore Leonardo Lebnicnick.

Il romanziere Albert Pillowsky che presenterà la sua ultima opera “ 047261Codice Rozin”, ci sarà anche la Fata Matilde, scrittrice per bambini.

Tutti ospiti della scrittrice Andreatta che a sua volta presenterà l’ultimo nato della sua serie di romanzi “Il mondo di ghiaccio“.

Ci sono ancora alcuni spazi liberi e le adesioni si raccolgono anche questa mattina, fino ad esaurimento.

Sarà questa l’occasione per da vicino questi artisti che non vivono d’arte, ma che nel quotidiano, fanno tutt’altro, ma hanno trovato la loro forma espressiva grazie alla passione.

Dialogando con loro si potranno conoscere i segreti di una pubblicazione auto prodotta, i loro sogni e come sono riusciti a ritagliarsi uno spazio partendo da Pergine e dalle sue frazioni.

Insomma oggi, un salto al parco lo si deve proprio fare.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza