Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Tragedia del Cermis: il dovere di ricordare

Pubblicato

-

“La seconda delle tragedie del Cermis è la testimonianza penosissima di irrisione della vita, di mancanza del senso di responsabilità verso questo dono che ci è stato affidato”.

Sono parole del parroco di Cavalese, don Albino Dell’Eva che questa mattina ha celebrato la Santa Messa in suffragio delle vittime dei due disastri che hanno funestato il Cermis, nel 1976 e nel 1998.

Pubblicità
Pubblicità

Un momento simbolico e toccante – con la lettura dei nomi di tutte le persone che hanno perso la vita a causa dei due tragici fatti – al quale ha partecipato tra gli altri, il vicepresidente Mario Tonina in rappresentanza della Giunta provinciale di Trento, presenti il presidente della Comunità di Valle, Giovanni Zanon, la procuradora del Comun General de Fascia, Elena Testor, accanto a sindaci e consiglieri provinciali.

Pubblicità
Pubblicità

Anche il sindaco, Silvano Welponer ha posto l’accento sulla necessità di celebrare l’esistenza, pur nel rispetto del dolore delle tante vittime delle due tragedie, ricordando che, nella giornata mondiale della vita, commemorare quei fatti significa non solo rendere omaggio alle vittime e rinnovare l’abbraccio della nostra comunità ma anche imprimere nel ricordo di quegli eventi un monito che istituzioni e società civile non possono lasciare inascoltato. Ciò che è accaduto, ha detto Welponer, è figlio della “superficialità dei comportamenti e della mancanza di rispetto per la vita altrui”.

“È giusto non dimenticare – ha commentato a margine della cerimonia il vicepresidente della Giunta provinciale, Mario Tonina – perchè tenere viva la memoria è il primo dovere da osservare affinché simili sciagure non si ripetano. Senza mai dimenticare che tutti dobbiamo avvertire la responsabilità di preservare i delicati equilibri che caratterizzano la nostra esistenza, quella degli altri esseri a noi vicini ed il rapporto con l’ambiente che ci accoglie”.

Al termine della messa un corteo ha reso omaggio alle vittime davanti alla lapide a loro dedicata al cimitero di Cavalese.

LA TRAGEDIA – Il 3 febbraio 1998 il pilota di un aereo militare statunitense, volando ad una quota ben più bassa del consentito, causò la morte di venti passeggeri e del macchinista della funivia del Cermis.

I responsabili di questo massacro, i quattro militari dell’equipaggio, avrebbero dovuto essere processati in Italia, ma invece così non avvenne.

I marine furono processati negli Stati Uniti, da un tribunale militare.

Fu così che i due addetti ai sistemi di guerra elettronica del Grumman EA/6B non vennero neanche processati, perché ritenuti innocenti dal Procuratore. Mentre nella sentenza furono assolti il pilota ed il navigatore.

Beffa finale fu, nel marzo 1999, il documento conclusivo della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle responsabilità relative alla tragedia, dove si legge che “questo era un incidente che era destinato ad avvenire, senza responsabilità alcuna dell’equipaggio”…

A nessuno sembrò casuale che di lì a poco gli Stati Uniti acconsentirono all’estradizione in Italia dell’attivista Silvia Baraldini, fortemente sostenuta dai movimenti e dai partiti della sinistra al governo, da anni detenuta in America per vari reati: contropartita risarcitoria per l’impunità della strage del Cermis?

Sono in molti a pensarlo anche se si tratta solo di un’ipotesi. In compenso, l’Aereonautica Militare ha stampato qualche l’anno scorso un libro sui 100 anni dell’aeroporto di Aviano, “dimenticandosi” tuttavia di citare la strage del Cermis…

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

A Verla di Giovo un corvo finisce infilzato sul campanile

Pubblicato

-

Si potrebbe parlare di vera sfortuna per il povero corvo finito infilzato nel campanile della chiesa di santa Maria Assunta di Verla di Giovo.

Infatti nemmeno con tutto l’impegno possibile si poteva centrare meglio lo «spadino» della torre a pianta quadrangolare, situata a destra della terza campata della navata.

Pubblicità
Pubblicità

I testimoni hanno visto i due animali librarsi in aria come stessero litigando oppure giocando al corteggiamento, che però per uno dei è finito male. Non si era mai visto nulla di simile dal 1766, cioè da quando l’architetto Pietro Bianchi realizzò il nuovo progetto della chiesa.

PubblicitàPubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Moena, truffa online: denunciato 33 enne veneziano

Pubblicato

-

Sono ormai all’ordine del giorno le denunce di truffa che pervengono ai vari organi di polizia per acquisti di oggetti posti in vendita su piattaforme on line poi non recapitati ai poveri acquirenti che, una volta corrisposto il pagamento (talvolta anche di importi considerevoli) attendono invano il bene “desiderato/acquistato” .

Stavolta però la musica cambia, i truffati non sono più gli acquirenti bensì i venditori che, una volta inserita l’inserzione dell’oggetto posto in vendita utilizzando i più comuni siti e-commerce, vengono “agganciati” da sedicenti compratori che con la tecnica del prelievo “guidato” al telefono, raggirano il povero venditore.

Pubblicità
Pubblicità

In questi ultimi periodi sono varie le denunce presentate ai Reparti dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Cavalese riferite al fenomeno descritto che sta crescendo a livello esponenziale.

Pubblicità
Pubblicità

Uno di questi casi è stato seguito dal Comando Stazione Carabinieri di Moena, al quale un giovane della zona si è rivolto verso la fine del mese di gennaio, dopo aver posto in vendita – sulla piattaforma subito.it – quattro pneumatici e relativi cerchi in lega, venendo poi truffato mediante la solita dinamica: ossia nel pomeriggio di sabato il venditore è stato contattato dal sedicente acquirente con il quale iniziava una trattativa conclusasi con l’accordo di vendita, il malcapitato giovane seguiva la procedura già descritta (sotto) dettata dal furbo acquirente, vedendosi però addebitato anzichè accreditato quello che avrebbe dovuto essere il suo ricavo.

Le immediate e minuziose indagini condotte dai militari di Moena, tese ad accertare gli intestatari delle carte prepagate beneficiarie delle ricariche nonché delle utenze telefoniche utilizzate per “agganciare” le povere vittime, hanno portato, in questo caso, al deferimento a piede libero, di un giovane 33enne veneziano che dovrà così rispondere alla competente autorità giudiziaria del reato di truffa.

Altre indagini sono ad oggi tuttora in corso per fatti analoghi a quello appena rappresentato.

La dinamica della truffa: 

Il truffatore/sedicente acquirente contatta al telefono la propria “preda” sempre e solo in orari serali, sabato e domenica ovvero quando gli Istituti di Credito sono chiusi e pertanto irraggiungibili per annullare ogni tipo di transazione avvenuta in tali momenti;

Il truffatore/sedicente acquirente riferisce di non disporre di un conto corrente bancario e pertanto impossibilitato ad effettuare un bonifico quale tipologia di pagamento dell’oggetto posto in vendita dal “povero” inserzionista”;

Il truffatore/sedicente acquirente raggira la propria vittima invitandolo a recarsi al più vicino sportello ATM “POSTE ITALIANE” ingannandolo sul fatto che il pagamento mediante POSTAMAT (definito vaglia online) è immediato e sicuro;

La vittima – ignara di quanto succederà – si reca presso il più vicino sportello POSTAMAT – POSTE ITALIANE ed avendo il truffatore/sedicente acquirente al telefono, segue le istruzioni di quest’ultimo ovvero:

inserisce la propria carta di debito/credito nel lettore di schede del POSTAMAT; digita il proprio codice PIN;
digita sul monitor “RICARICA POSTEPAY” come viene indicato dal truffatore/sedicente acquirente. Ed è qui il momento cruciale in cui si consuma la truffa ovvero la vittima è IGNARA che starà per effettuare una ricarica sulla carta prepagata in uso al truffatore anziché venire accreditato dell’equivalente importo dell’oggetto posto in vendita;

digita “il codice fornito dal truffatore/sedicente acquirente” che non è altro che il numero della carta prepagata in uso al truffatore che verrà ricaricata;

digita sul monitor il tasto “CONFERMA” e “le jeux son fait”;

il processo di ricarica sulla carta prepagata del truffatore è avvenuto con successo ma purtroppo è IRREVERSIBILE. La somma sottratta ovvero transitata dal venditore al truffatore corrisponde al limite massimo giornaliero di cui può disporre la carta di debito/credito della vittima.

Si invita a diffidare da metodologie di pagamento sospette proposte dal sedicente acquirente che, come ricordiamo, è solito contattare le vittime in orari serali, sabato e domenica, quando ogni possibilità di intervento tramite propri istituti di credito è pari a zero.

Di questa tipologia di truffa se ne è occupata recentemente anche la trasmissione televisiva “Striscia la Notizia” che ha apportato il proprio contributo in termini di prevenzione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Canazei, affitta appartamento che non esiste intascando 600 euro. Denunciato 28enne maceratese

Pubblicato

-

Nel Dicembre 2018, la Stazione Carabinieri di Canazei riceveva una denuncia di una venticinquenne sarda che raccontava di aver letto su di un rinomato sito di “vendita on line”, un’alettante inserzione che pubblicizzava l’affitto di un appartamento sito in Canazei per il periodo invernale.

Contattato l’inserzionista sui riferimenti telefonici indicati nell’annuncio, la giovane sarda trovava un accordo sul contratto d’affitto e successivamente, come da istruzioni ricevute, versava una caparra di 600,00 euro attraverso una ricarica sulle coordinate di una Carta Postepay fornite dal venditore che si era presentato con il nome di Pasquale.

Pubblicità
Pubblicità

Da quel momento in poi l’inserzionista, faceva perdere le proprie tracce rendendosi irreperibile nonostante gli insistenti tentativi di rintraccio sul recapito cellulare utilizzato dallo stesso per i precedenti contatti.

PubblicitàPubblicità

Sulla scorta degli elementi forniti dalla giovane denunciante, i Carabinieri di Canazei avviavano tutta una serie accertamenti che portavano all’individuazione di un ventottenne di origine campana residente nella Provincia di Macerata con numerosi precedenti penali in materia di reati contro il patrimonio.

Le investigazioni condotte dai militari Fassani hanno inoltre evidenziato come lo stesso per la realizzazione della truffa, si sia servito di utenze telefoniche intestate fittiziamente a soggetti extracomunitari, precauzioni bypassate dai Carabinieri di Canazei che attraverso ad una serie controlli incrociati riuscivano ad identificare il truffatore nel ventottenne di origine campana P.P., deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Napoli per il reato di truffa.

In ordine alla recrudescenza di questa tipologia di truffe, la Compagnia Carabinieri di Cavalese, mette in guardia gli utenti dei siti on line, a ben verificare le inserzioni reclamizzate sui portali, attraverso opportune ricerche sui dati riportati, evitando pagamenti su carte di credito ricaricabili, prive di garanzie per eventuali rimborsi e spesso utilizzate dai malviventi per l’indebito incasso del denaro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza