Connect with us
Pubblicità

Trento

Chicco Forti compie 60 anni. Dal carcere di Miami la sua lettera agli amici trentini

Pubblicato

-


L’incubo, per Chico Forti, oggi sessantenne, trentino nato nel quartiere di Cristo Re, inizia il 16 febbraio 1998 con l’omicidio di Dale Pike e diventa senza fine il 15 giugno 2000 quando, dopo poche ore di camera di consiglio, il Giudice designato al caso legge la sconcertante sentenza che riportiamo fedelmente: “La Corte non ha le prove che Lei Sig. Forti abbia premuto materialmente il grilletto, ma ho la sensazione, al di là di ogni dubbio, che lei sia stato l’istigatore al delitto. I suoi complici non sono stati trovati ma lo saranno un giorno e seguiranno il suo destino. Portate quest’uomo al penitenziario di Stato. Lo condanno all’ergastolo senza condizionale.”

Sono trascorsi 20 anni e Chico è ancora rinchiuso in carcere, a Miami, a scontare una condanna a vita pronunciata in assenza di prove e dell’arma del delitto.

Chicco Forti si è sempre dichiarato innocente. (qui la sua storia)

Pubblicità
Pubblicità

20 anni di carcere, un’esistenza distrutta, una famiglia persa, forse un macroscopico orrore giudiziario.

Ma lui non si è mai perso d’animo e oggi, giorno del suo compleanno scrive una lettera a tutti i Trentini.

LA LETTERA DI CHICO FORTI

Pubblicità
Pubblicità

Carissimi,

per questo mio compleanno, voglio solo regalarvi un frullato di riflessioni estemporanee.

Pubblicità
Pubblicità

Compio 60 anni e non li sento ne fisicamente ne mentalmente. Ho sempre tanta voglia di vivere anche in gabbia.

Nei miei 40 anni libero, ho vissuto l’universita’ della vita.

La pianta piu’ prolifica per l’apprendimento.

La clorofilla era (lo e’ tuttora) la voglia di conoscere, d’esplorare, d’apprendere. Non mi sono mai vergognato nel chiedere come, dove, perche’ quando, quanto?
In giapponese e’ semplice … Basta aggiungere il suffisso desuka (che si pronuncia deska) alla parola indagata.

Mi nutrivo d’informazioni, assimilando quanto conosciuto da esperti.

Quando inizio’ la moda del cubo di rubic, piu’ di 40 anni fa, al lago di san Cristoforo, la figlia di un diplomatico austriaco, sempre sotto scorta (quasi sempre…) mi insegno’ le prime mosse, lo trovai super impegnativo ed applicandomi giorno e notte, appresi in un paio di settimane a risolverlo in meno di due minuti. In seguito me ne insegno’ delle altre e ci misi un po’ di piu’…

All’isef impegnato in troppe attivita’, alcuni esami li preparavo in treno, nel tragitto trento-verona.

Con mille domande a massimo, Nadia, Luisa, Cristina ed Antonio, che avendo diligentemente studiato, mi aiutavano partecipi.

Memorizzavo i concetti, e con l’aiuto di una componente di fortuna, passavo gli esami, a volte con un trenta e lode.

Quiz e rompicapo ritenuti insolvibili, erano la mia passione specialmente quando appariva qualche primo della classe a proporli. Non di rado completavo le frasi degli amici.

Viaggiando, oltre ai nomi di paesi e rispettive capitali, di laghi, fiumi e montagne d’ogni continente.

Ho appreso costumi e tradizioni e 14 lingue, e dialetti.

Chiedendo di ripetere le dimostrazioni ho appreso ad usare il monociclo, a fare il joggling nell’aria con tre palle da bowling, a lanciarmi con paracadute e senza.

Piu’ l’impresa era difficile, piu’ ne ero attratto. Come col windsurf, dove il primo giorno ho passato ore a cercare di sollevare la vela.

I miei hobbies erano la mia fonte di sostentamento.

Stunts considerati suicidi erano la mia seconda droga, la mia prima era la primordiale attrazione per l’altro sesso (ora un po’ demode’, me ne rendo conto).

Amavo la semplicita’, non mi facevo problemi ad essere diretto.

Se la gente mi era simpatica lo esternavo senza mezzi termini, se non lo era, il mio modo di fare parlava per me.

Amavo le sensazioni molto di piu’ delle cose materiali.

Le vere amicizie per me valevano piu’ di rolls e diamanti.

Eppure nonostante la mia iper socialita’ amavo anche i miei rari momenti di solitudine, amavo riflettere e cercare di comprendere psicologicamente, filosoficamente, e moralmente, il mio comportamento e quello della gente attorno a me.

Mi veniva il mal di testa (tuttora) a cercare di capire le nostre origini.

La spiegazione religiosa non mi era sufficiente, quella di Darwin, invece e’ un po’ difficile da digerire.

Pensare d’aver uno scimpanze’ come antenato, immaginare pinne al posto di mani e piedi, e branchie al collo, non e’ un pedigree di cui vantarsi.

L’uomo utilizza meno del 15% della capacita’ del cervello, una parte minuta del corpo che consuma un quinto dell’energia per mantenerlo. In un futuro non troppo lontano, riusciremo a trasferirne il contenuto come fosse l’hard disk di un pc.

Assieme al codice genetico, formeranno lo zainetto eredita’ per le generazioni a venire.

A mio parere, l’unico modo d’essere immortali.

Mi sono spesso chiesto cosa succederà quando si spegneranno le luci.

Non riesco a trovare una soluzione soddisfacente.

Il corpo e’ evidente, non lo possiamo tenere, ma anche potessimo, cosa facciamo…

Scegliamo la nostra annata migliore, e la indossiamo?

E’ ovvio non ci saranno bisogni fisiologici, se questo e’ conveniente da un lato, dall’altro rimuove anche quelli generatori d’endorfina.

La reincarnazione ha pochi pro e tanti contro.

La scelta dell’animale/insetto/pianta chi la fa? La zanzara vive solo pochi giorni, quando invece la vita della pluri centenaria tartaruga, offre gli stimoli dell’osservare onde in uno stagno.

Sul soggetto religioso, per Papa Francesco, come per la Juventus, ho perso l’entusiasmo, anche se entrambi sono in voga piu’ che mai.

Mi sono inginocchiato nello scrivergli, con la speranza che, oltre ad attori, magnati, atleti, mussulmani, ed animali in estinzione, avesse potuto dedicare 5 minuti alla mia causa.

L’ho fatto con una lettera in piu’ copie, fatta pervenire per canali diversi, cosciente che il sottobosco vaticano a volte, per ridurre il traffico, intercetta ed accartoccia.

Ne da lui, ne dai suoi preposti, ho ricevuto il minimo cenno di riscontro.

Deluso? Un po’, lo ammetto.

Avrei messo la mano sul fuoco su di una sua replica, diretta od indiretta che fosse. Meno male non l’ho fatto, altrimenti ora vi scriverei mancino.

Magari gli riscrivo come ultimo sopravvivente della specie chiccus erectus.

Nel frattempo continuo ad ammirarlo per tante altre cause sicuramente piu’ importanti del sottoscritto.

Pero’ caro Francesco, le farfalle nella pancia non ci sono piu’!

Come mio solito vi ho portati in un viaggio pindarico, senza filo logico.

Ho trascritto la mia mente, senza censura col piacere di condividerla con voi, anche con chi ha la fortuna di non conoscermi.

Forse dovremo incominciare ad apprezzare noi stessi, ad amarci, piacerci confidenti.

A vivere ogni giorno come non ci fosse un domani, perche’ il destino e’ imprevedibile.

Non riesco a giustificare le cose orribili che capitano alle persone buone, e le cose belle che accompagnano i malvagi.

Credo nel karma anche se ha tempi un po’ lunghi, come nel caso Sacco e Vanzetti.

Il Dalai Lama ha detto che la cosa piu’ preziosa che l’uomo possiede, e’ una mente sana e libera.

Non possono incatenare riflessione, fantasia, e spirito, ed e’ per questo che continuo a vivere, libero…

Chicco Forti – Miami U.S.A.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]

Categorie

di tendenza