Connect with us
Pubblicità

Politica

Forza Italia spara a zero su Donatella Conzatti: «Prima faccia la tessera e poi parli»

Pubblicato

-

«Le ingerenze della Senatrice Donatella Conzatti in merito all’attività di partito di Forza Italia in Trentino, non sono accettabili» – È questo il primo commento  di Giorgio Leonardi, Maurizio Perego e Gabriella Maffioletti dopo l’ennesima idea creativa della senatrice di formare una costituente prima del congresso

I tre attraverso una nota ricordano che la Senatrice Conzatti è stata eletta al Senato grazie ai voti di Forza Italia e della Lega, e che «non solo non ha mai svolto attività di partito prima dell’elezione, ma non si è nemmeno degnata di fare la tessera del partito per cui si è candidata ed è stata eletta il 4 marzo 2018».

I tre «forzisti» riassumono la vita politica della Conzatti, fatta di continui «salti della quaglia»: «Prima di avere la possibilità di candidare al Senato con Forza Italia, – incalzano i tre – ha girovagato dalla Civica per Monti all’UPT, quindi in un ambito di centro sinistra, senza molta fortuna. Solo Forza Italia e la coalizione di Centro destra le ha portato i voti necessari ad essere eletta al Senato. Anche durante la campagna elettorale per le elezioni provinciali dell’ottobre scorso la Senatrice Conzatti,  non è stata molto attiva ( ed uso un eufemismo ) nel sostenere i candidati di Forza Italia, la coalizione di Centro destra ed il Candidato Presidente Fugatti, preferendo magari ammiccare altrove»<

PubblicitàPubblicità

E ancora: «Ora alla vigilia del Congresso Provinciale di Forza Italia, la Senatrice Conzatti, propone la creazione di una costituente, forse la Senatrice non ha presente che la vita di un partito è fatta di congressi, di confronti democratici in cui ogni tesserato ha la possibilità di esprimere le proprie posizioni. Quindi anche la Senatrice Conzatti se si tessera potrà partecipare alla vita di partito, potrà venire al congresso e potrà democraticamente esprimere le sue idee sulla organizzazione di Forza Italia».

Dal congresso di Forza Italia uscirà un coordinatore provinciale ed una squadra di persone che cercheranno di creare delle basi organizzative per i prossimi immediati impegni elettorali delle europee di maggio e delle comunali del 2020 e che cercheranno di costruire le basi per un partito che dia fiducia ad i tanti elettori di centro destra che hanno sempre visto in Forza Italia un punto di riferimento.

«Come in ogni congresso ci sarà la conta dei voti e ci sarà chi esce vittorioso e che no,  – concludono Maffioletti, Leonardi e Perego – ma all’interno di un progetto politico comune che deve mantenerci uniti per raggiungere gli obiettivi di rafforzare e fare crescere Forza Italia, questa è la democrazia interna ad un partito maturo come noi vogliamo essere.  Se la  Senatrice Conzatti vorrà far parte di questo progetto ne siamo lieti, però si appartiene ad un partito partendo dalla base che è quella di avere una tessera, ma anche da azioni concrete quale portare tesserati,  lavorare sul territorio e raccogliere voti anche quando sono altri i candidati».

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Ristrutturazione e riqualificazione energetica degli edifici: accolte quasi 1.400 domande

Pubblicato

-

La Provincia incrementa i soldi destinati alla ristrutturazione e alla riqualificazione energetica delle abitazioni: un bando di 150.000 euro per dieci anni, in totale 1,5 milioni di euro.

La delibera è stata approvata su proposta dell’assessore Segnana.

Si tratta di un impegno finanziario contenuto – ha detto Segnana – che consente di dare una risposta alle quasi 150 richieste presentate negli ultimi due giorni del periodo di apertura del bando, che altrimenti sarebbero rimaste escluse.

PubblicitàPubblicità

In totale sono quasi 1.400 le domande presentate per usufruire di questa importante agevolazione, che consente un risparmio notevole per interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica, che migliorano le abitazioni, aumentano il valore del bene casa e, al contempo, favoriscono il risparmio nei consumi”.

Il bando, arrivato alla terza edizione dopo quelle del 2016 e del 2017, prevede un contributo provinciale a copertura degli interessi del mutuo sulla prima casa acceso per anticipare le detrazioni fiscali.

Il mutuo deve essere stipulato con gli istituti di credito convenzionati e il contributo provinciale viene erogato in dieci rate annuali.

Le domande potevano essere presentate fino al 30 novembre 2018.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Confermato altri tre anni il Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio

Pubblicato

-

Ieri (15 febbraio) la giunta provinciale, su proposta del vicepresidente e assessore all’urbanistica Mario Tonina, ha confermato per altri tre anni i componenti del Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio.

Si tratta di Elena Galvagnini, progettista milanese che dal 2006 al 2010 ha fatto parte dell’analogo Comitato di Bolzano, Carlo Magnani, veneziano, professore ordinario di Composizione architettonica e urbana e già direttore del Dipartimento di culture dello Iuav, dal 2002 al 2012 presidente della giuria del Premio Architettura Città di Oderzo e di Markus Scherer, architetto di Merano, vincitore del Premio Città di Oderzo nel 2003 e vincitore di più premi per progetti nell’area alpina.

Dal 2016 l’organismo di consulenza sostiene enti pubblici, soggetti privati e progettisti che si trovano ad affrontare interventi particolarmente significativi o posti in contesti paesaggistici delicati.

PubblicitàPubblicità

Li vogliamo ringraziare perché in questi tre anni hanno svolto un ottimo lavoro di consulenza e affiancamento, proponendo soluzioni che hanno contribuito a migliorare la qualità architettonica e del paesaggio trentino”, ha detto Tonina.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Monitoraggio parassiti nelle carni: arrivano i centri di controllo della fauna selvatica abbattuta

Pubblicato

-

Un progetto in grado di assicurare il monitoraggio zoosanitario ed il rispetto delle norme in materia di igiene degli alimenti di origine animale: stiamo parlando dei futuri centri di raccolta degli ungulati selvatici abbattuti, che permetteranno la valutazione della presenza di parassiti nelle carni tramite un sistema di controllo capillare ed organizzato.

Il piano di realizzazione è stato approvato dalla giunta provinciale su proposta dell’assessore all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli d’intesa con l’assessore alla salute Stefania Segnana.

La necessità di una nuova regolamentazione è stata dettata dal costante aumento della domanda e dell’offerta delle carni di selvaggina negli ultimi anni, dovuto soprattutto all’incremento numerico di alcune popolazioni di animali selvatici, in particolare ungulati.

PubblicitàPubblicità

I centri, assicura la Provincia, verranno gestiti in stretta collaborazione tra pubblico e privato.

La giunta ha incaricato della pianificazione i dipartimenti in materia di salute, benessere animale, sicurezza alimentare e in materia di fauna selvatica, in raccordo con l’ente gestore della caccia nelle riserve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza