Connect with us
Pubblicità

Salute

Bilancio influenza in Trentino: 25 mila a letto, 75 mila vaccini

Pubblicato

-

Sono oltre 25 mila i trentini costretti a letto dall’influenza stagionale che la settimana scorsa ha raggiunto, a detta delle autorità sanitarie, il picco massimo.

Si tratta di un’epidemia più leggera rispetto a quella che ha interessato la regione lo scorso anno, un virus che attacca perlopiù le vie respiratorie.

Della cinquantina di pazienti che sono stati ricoverati per complicazioni polmonari o altre patologie collegate all’influenza, 5 sono risultati avere gravi complicazioni respiratorie, dati che rimangono comunque nella media stagionale.
Per quanto riguarda il numero dei trentini che hanno deciso di richiedere la somministrazione del vaccino antinfluenzale, le dosi distribuite ai medici di famiglia sono state 75.000; resta da verificare quante di queste siano poi state effettivamente iniettate ai richiedenti in base anche allo stato di salute degli stessi.

Pubblicità
Pubblicità

Importante precisare che nessuno dei pazienti ricoverati in gravi condizioni rientra tra quanti avessero ricevuto il vaccino.

Pubblicità
Pubblicità

Salute

Domenica 14 Aprile si corre in Valle dei Laghi la 4ª edizione di «DiVinNosiola Ecorunning»

Pubblicato

-

Ventuno chilometri correndo fra le campagne coltivate, accanto a laghi e corsi d’acqua, attraversando persino le cantine dove l’uva viene trasformata nell’unico vino bianco autoctono trentino.

È questo ciò che attende chi prenderà parte alla quarta edizione di «DiVinNosiola Ecorunning», la mezza maratona organizzata da APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Asd Charly Gaul Internazionale in collaborazione con il G.S. Fraveggio per valorizzare la zona nella quale nasce questo prodotto enologico di eccellenza.

Da quest’anno gli atleti saranno concentrati in un’unica competizione, che si disputerà su un tracciato lungo 21 chilometri con 590 metri di dislivello positivo, e ciò renderà ancora più appassionante la lotta per salire sul podio, anche perché le iscrizioni già raccolte promettono molto bene sia sul piano qualitativo sia quello quantitativo.

Il passaparola alimentato da chi ha già preso parte alla gara e la promozione portata avanti nelle ultime settimane nel Nord Italia stanno dando ottimi frutti.

Il via verrà dato alle ore 10 presso il Teatro Valle dei Laghi, a Vezzano, poi i concorrenti si muoveranno lungo la strada forestale che li porterà a lambire prima Calavino e poi Castel Madruzzo.

La valle sarà attraversata in corrispondenza di Lasino, poi i runner saliranno sul versante opposto e raggiungeranno Pergolese, correndo lungo il Rimone fino a Ponte Oliveti, da dove raggiungeranno il Lago di Toblino.

Il bacino sarà costeggiato fino ai Due Laghi, poi i concorrenti passeranno nei pressi di Padergnone, per salire e ridiscendere verso il Lago e il borgo di Santa Massenza, che sarà attraversato prima di salire nuovamente verso Vezzano a lato della strada statale.

Lo scorso anno si imposero Luca Miori e Lorenza Beatrici nella prova lunga, Francesco Trenti e Sabrina Malacarne in quella breve, questa volta, come accennato, tutti gli iscritti percorreranno lo stesso tracciato, rendendo più appassionante la sfida per il podio maschile e femminile.

Unica variante rimane la modalità “duo half marathon”, che consente di affrontare la gara in coppia con passaggio del testimone a metà percorso.

Dopo la partenza dei corridori si muoverà anche il gruppo iscritto alla camminata ludico motoria guidata da un accompagnatore di territorio, che coprirà la distanza di 5 chilometri.

La quota di iscrizione è di 35 euro per la gara individuale e di 25 euro a testa per chi prende parte alla “duo half marathon”, mentre quella per la passeggiata ludico motoria costa 10 euro.

Le richieste si compilano e si inviano attraverso il portale www.endu.net con la possibilità di pagamento tramite bonifico bancario, carta di credito o paypal.

C’è tempo fino a venerdì 12 aprile o al raggiungimento del tetto massimo di partecipanti, fissato a quota 500. Inoltre ci si può iscrivere anche prima del via presso l’ufficio gara.

Continua a leggere

Salute

L’ Hammam di Borgo Valsugana: dove distendere il corpo e la mente

Pubblicato

-

A Borgo Valsugana un’oasi per rilassarsi e prendersi cura di sé, situato all’interno del centro commerciale «Le Valli» e aperto anche la domenica.

Si chiama «Sole e Hammam» ed è un vero centro benessere.

Gli orari?

Il lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica orario continuato dalle ore 9.00 alle 19.00. Il mercoledì e venerdì  invece dalle ore 9.00 alle 21.00

L’Hammam è un luogo di ricerca apprendimento e condivisione.

Un luogo magico che ferma il tempo e libera lo spirito, invita alla meditazione e alla rigenerazione del corpo

Quante volte ci e’ capitato di ascoltare il racconto di una amica che di ritorno da un viaggio in qualche lontano paese orientale ci ha parlato di una sua visita a un Hammam?

E forse ci siamo ritrovati ad annuire, un po’ stupidamente, colti dall’imbarazzo di non sapere esattamente di cosa ci stanno parlando.

Perché la parola hammam sembra essere molto di moda, e dall’oriente questo servizio si sta diffondendo anche nelle nostre città.

Probabilmente aveva ragione Sherazade, la bellissima narratrice de: “Le mille e una notte”, che affermava che una città non può dirsi completa se non possiede un Hammam. Una tradizione molto antica, e come già detto estremamente diffusa in Medio Oriente, che oggi però viene riscoperta anche in Occidente.

Per chi ancora non ha capito di cosa stiamo parlando, diciamo che si tratta di uno speciale bagno di vapore, i cui effetti benefici sul corpo erano già conosciuti dagli antichi egizi, ma la cui tradizione affonda le origini nel mondo greco-romano.

Recarsi in un Hammam è senz’altro uno dei modi migliori per viziarsi di tanto in tanto.

Immergersi nei rituali dell’ Hammam tradizionale, assorbirne le proprietà benefiche del vapore e delle essenze balsamiche, e godersi il piacere di una pelle morbida e depurata, per poi soccombere alla seduzione di un massaggio è ciò di meglio che una persona possa fare.

Quando si riemerge dal labirinto di camere a vapore, avvolti in soffici accappatoi, ogni centimetro del corpo e ogni poro della pelle urlerà di gioia.

Il bagno di vapore, con i suoi diversi effetti benefici, è una pratica utile per rilassarsi e ringiovanire il proprio corpo.

Ma il rituale orientale poi continua per purificare il corpo e la mente.

Nel primo ambiente tiepido infatti è possibile degustare la tisana sdraiati su una comoda panca riscaldata.

Nel secondo a temperatura di 45° secco, si rimane per 15 minuti per la prima sudorazione.

Dopo una doccia nebulizzata alle essenze si entra nel terzo ambiente di circa 50° ma con umidità 100% per 15 minuti.

Eliminate le tossine e le rigidità il corpo viene frizionato e lavato con saponi e guanti naturali.

Il relax al lume di candela e un infuso completano il percorso. L’Hammam è una pratica riservata a singole persone ma viene anche consigliato in gruppo.

La durata del rituale è di circa 90 minuti.

                                                                                                                 articolo pubblicitario

 

Continua a leggere

Salute

Cristo Re: al via la nuova gestione di «Riccio e Capriccio»

Pubblicato

-

E’ stata inaugurata sabato pomeriggio nel rione di Cristo Re la nuova gestione del salone “ Riccio e Capriccio” di Via Abondi 3 passata dalla pluriennale presenza di Manuela Pedrotti a Maurizio Matuella e Rudy Zadra.

Arredamento del tutto nuovo dove si gioca sul contrasto tra nero e grigio metallizzato, ma la novità principale sono gli orari: apertura al lunedì e orario continuato fino alle 21.

Poi particolare attenzione non solo al benessere dei capelli, ma di tutto il corpo con creme e lozioni.

Un trattamento completo che caratterizza questa prima esperienza da imprenditori di Maurizio e Rudy.

Sabato, in occasione dell’inaugurazione arrivata dopo un lungo periodo di attesa, la partecipazione è stata massiccia.

E’ stata anche l’occasione per alcune dimostrazioni e per chiacchierare e condividere questa nuova esperienza.

Il salone cambia passo dopo ventisette anni di gestione da parte di Manuela Pedrotti che aveva saputo ritagliarsi uno spazio ben definito nel quartiere di Cristo Re.

A questo punto l’affezionata clientela è pronta  a “cambiare mano” e di certo Maurizio e Rudy sapranno muoversi con la stessa professionalità e discrezione che erano caratteristiche di Manuela.

“Riccio e Capriccio” è pronto per una nuova sfida anche con una serie di iniziative che saranno promozionali, ma anche di intrattenimento.

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza