Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

2019 CEV Cup, Trentino Itas senza problemi con l’Amriswil. Risultato finale 3 a 0

Pubblicato

-

Per la seconda volta in questa stagione, la Svizzera si conferma terra di conquista per la Trentino Itas.

Dopo Losanna, lo scorso 21 novembre, i Campioni del Mondo hanno sbancato stasera anche il campo del Lindaren Amriswil, leader incontrastata del campionato elvetico, risolvendo in tre set la gara d’andata dei quarti di finale di 2019 CEV Cup.

Il netto risultato permette ai gialloblù di compiere un bel balzo in avanti verso le semifinali della competizione europea; per completare l’operazione qualificazione, a Trentino Volley basterà vincere due set nel match casalingo di ritorno programmato il 13 febbraio alla BLM Group Arena.

PubblicitàPubblicità

Con un servizio ancora una volta molto affilato (11 ace a fronte di tredici errori) ed un attacco di palla alta che Giannelli ha gestito al meglio (Russell 82%, Van Garderen 64%, Vettori 47%), i gialloblù non hanno incontrato particolari problemi ad imporre la loro legge e anche quando Amriswil in avvio del terzo set ha provato a fare la voce grossa (0-6 iniziale), è bastato tornare a giocare la pallavolo pratica ed efficace vista nei precedenti parziali per risolvere la questione.

Best scorer gialloblù proprio lo schiacciatore americano (17 punti con anche due ace), ma anche Lisinac (3 block ed altrettante battute punto) e Giannelli (4 muri) si sono fatti notare particolarmente.

La cronaca della gara. Angelo Lorenzetti tiene ancora a riposo Kovacevic e conferma fra i titolari Maarten Van Garderen; nello starting six c’è poi posto per Giannelli in regia, Vettori opposto, Russell in banda, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero. Marki Klok, tecnico olandese dei locali presenta Howatson al palleggio, Zass opposto, Gommans e Djokic schiacciatori, Ljubicic Kamnik centrali, Daniel libero.

Il primo spunto è dei padroni di casa, che col servizio di Djokic si portano sul 2-4, ma i gialloblù pareggiano subito i conti con un muro di Van Garderen su Gommans e poi con Russell in pipe mettono la freccia (5-6).

Pubblicità
Pubblicità

L’americano è ispirato a rete e assieme a Giannelli (ace) porta gli ospiti al +3 (9-6); col servizio, stavolta di Lisinac, la squadra di Lorenzetti respinge il tentativo di riscossa elvetico (da 9-8 a 11-8) e poi allunga ulteriormente (altro punto diretto con Vettori per il 13-9).

La seconda parte di set è contraddistinta anche dalla battuta vincente di Candellaro (16-11, time out dei locali), che consente ai Campioni del Mondo di viaggiare veloci verso l’1-0 (19-14, 22-15) senza nessun tipo di pressione, anche perché il Lindaren è molto falloso con l’opposto Zass.

Il parziale si conclude con un divario contenuto, 25-21, solo perché nel finale Trento si rilassa sul turno al servizio del neoentrato Brandl, concedendo agli avversari di annullare quattro palle set (da 24-17 a 24-21); risolve il problema una pipe di Russell, sempre lui.

Vettori e il posto 4 americano sono efficaci anche in avvio di secondo parziale (5-2), ma le percentuali di Zass e un errore di Lisinac riportano in partita subito il Lindaren (6-5). Lo stesso centrale serbo con un ace e Candellaro con un muro su Djokic riallargano la forbice (9-5); in seguito i gialloblù si portano sul +5 (11-6) con un attacco da seconda linea di Van Garderen.

Non si tratta ancora dello spunto decisivo perché gli svizzeri col solito Zass (stavolta a segno a muro sullo schiacciatore olandese) si rifanno sotto (13-10); per allontanare definitivamente il pericolo servono la pipe di Russell in fase di break e un altro ace, in questo caso di Giannelli (16-10). Nell’ultima parte della frazione la Trentino Itas tiene alta l’attenzione soprattutto in fase di cambiopalla (19-14, 21-16, 23-18), con gli attaccanti di palla alta sempre efficienti.

Il 2-0 arriva con un muro di Van Garderen su Zass (25-19).

Il terzo set vede Amriswil scattare dai blocchi di partenza benissimo fra servizio affilato di Howatson e muri vincenti; sullo 0-5 Lorenzetti spende il primo time out della sua serata. Alla ripresa i gialloblù si riportano subito sotto (5-6) approfittando degli errori dei locali e delle battute punto di Russell, che firma anche l’ace dell’incredibile sorpasso (7-6). Il muro di Lisinac su Gommans vale il +2 (9-7). Trento accelera ancora (15-12) con Russell, ma poi subisce il ritorno degli elvetici (19-18). L’ace di Giannelli scuote gli ospiti (21-18), che poi viaggiano veloci verso il 3-0 (25-20).

Siamo stati pratici ed efficaci come avevo chiesto alla vigilia – ha commentato a fine gara l’allenatore della Trentino Itas Angelo Lorenzetti ; non abbiamo sofferto l’impatto con l’ambiente, sbagliando poco e limitando al massimo i rischi anche con il servizio, decisamente conservativo. Amriswil è una squadra esperta ma non è riuscita ad esprimersi perché l’abbiamo sempre contenuta attentamente. Ho visto la giusta attenzione in campo e sono contento di tutto ciò; torniamo a casa col risultato che volevamo e adesso possiamo concentrarci sulla partita di domenica in SuperLega“

La Trentino Itas rientrerà a Trento già nella notte e godrà di un giovedì di riposo prima di preparare il prossimo appuntamento, in programma domenica 3 febbraio alla BLM Group Arena contro la BCC Castellana Grotte (ventesima giornata di SuperLega – ore 18).

La gara di ritorno dei quarti di 2019 CEV Cup si giocherà invece mercoledì 13 febbraio in Trentino a partire dalle ore 20.30 (match compreso in abbonamento).

Di seguito il tabellino dell’andata dei quarti di finale di 2019 CEV Cup, giocata questa sera alla Spothalle Tellenfeld di Amriswil.

Lindaren Volley Amriswil-Trentino Itas 0-3
(21-25, 19-25, 20-25)
LINDAREN VOLLEY: Kamnik 2, Howatson 2, Djokic 9, Ljubicic 4, Zass 17, Gommans 4, Daniel (L); Brandl 4, Fort, Weber. N.e. Lengweiler, Mueller, Schnegg e Weisigk. All. Marko Klok.
TRENTINO ITAS: Vettori 11, Russell 16, Candellaro 5, Giannelli 7, Van Garderen 8, Lisinac 7, Grebennikov (L); Nelli. N.e. Cavuto, Daldello, De Angelis, Kovacevic e Codarin.  All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Ilhan di Ankara (Turchia) e Takaichvili (Georgia).
DURATA SET: 23’, 24’, 24’; tot 1h e 11’.
NOTE: 1.000 spettatori circa. Lindaren Volley: 3 muri, 6 ace, 14 errori in battuta, 7 errore azione, 51% in attacco, 41% (25%) in ricezione. Trentino Itas: 9 muri, 11 ace, 13 errori in battuta, 5 errore azione, 61% in attacco, 34% (30%) in ricezione.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

George King: «Contro Cantù vogliamo dare continuità al successo di coppa»

Pubblicato

-

I bianconeri stasera al PalaBancoDesio affrontano i padroni di casa dell’Acqua S. Bernardo Cantù (palla a due alle 18.30, diretta Eurosport Player anche in Club House Aquila Basket). Coach Nicola Brienza, grande ex della partita: «Sarà emozionante tornare in un clima familiare e amico, ma dalla palla a due testa solo sul match»

GEORGE KING (Ala DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Contro Cantù il nostro obiettivo primario è scendere in campo mettendo il massimo della nostra energia e intensità per vincere la partita. Sappiamo che farlo in trasferta non è mai facile, quindi avremo bisogno della nostra miglior pallacanestro: rispetto alle nostre ultime uscite credo che possiamo ancora migliorare tanto a rimbalzo, anche nel match vinto contro Oldenburg per buoni tratti della partita abbiamo sofferto troppo nel controllare le carambole sotto i tabelloni ed è un aspetto che coinvolge tutti e cinque i giocatori in campo assieme. Contro Cantù vogliamo “costruire” sopra alla prestazione contro i tedeschi, usandola come base da cui partire per provare a mettere in fila qualche buona prestazione e qualche buona vittoria senza incappare in troppi alti e bassi. Il mio ruolo nella squadra? Ogni giorno mi sento meglio all’interno del team e all’interno delle competizioni europee, Serie A ed EuroCup, che per me erano una novità assoluta. La mia priorità in campo è difendere al meglio e aiutare la squadra a costruire i propri successi partendo da una buona difesa».

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Quella contro Cantù è per me sicuramente una partita emozionante: sarà particolare vivere un prepartita in cui proverò tanti sentimenti contrastanti in un contesto familiare e molto amico, ma poi dalla palla a due proverò a mettere tutto da parte e vivere con la giusta concentrazione un match per noi molto importante. Servirà una partita di focus e attenzione, perché Cantù ha tanti giocatori capaci di grandi fiammate offensive e ha già dimostrato su un campo duro come quello di Brindisi di avere armi per vincere contro chiunque nonostante stia ancora cercando i propri equilibri e le proprie gerarchie».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Tennis: domani Jannik Sinner entra nella top 100 mondiale

Pubblicato

-

Jannik Sinner perde la sua prima semifinale a livello Atp, ma da domani farà ufficialmente parte della top 100 mondiale.

A fermare il diciottenne di San Candido è stato Wawrinka, prima Simmer aveva eliminato il polacco Kamil Majchrzak, numero 91 Atp, proveniente dalle qualificazioni; il francese Gael Monfils, numero 13 della classifica mondiale e primo favorito del seeding e l’americano Frances Tiafoe, numero 53 Atp.

Lo stop per Sinner numero 119 del ranking e in gara con una wild card, nella sua prima semifinale in carriera nel circuito maggiore, è arrivato dallo svizzero Stan Wawrinka, numero 18 Atp e quarto favorito del tabellone col punteggio di 63, 62 con cui dopo un’ora e cinque minuti, Wawrinka ha staccato il pass per la sua trentesima finale in carriera.

Pubblicità
Pubblicità

Con l’arrivo Sinner saranno 9 gli italiani presenti nella Top 100 e davanti a Sinner ci sarà un altro azzurro: il siciliano Caruso. Se consideriamo che a gennaio Sinner era al numero 551, la sua crescita è stata progressiva ed inarrestabile.

Già a 13 anni ha lasciato la famiglia per trasferirsi a Bordighera dal miglior coach italiano: Riccardo Piatti.

A scoprire Sinner è stato Massimo Sartori, coach di Andreas Seppi.

Un ultimo confronto. Matteo Berettini numero 8 della Race ATP 2019 fino a 18 anni non aveva nessun punto ATP, Sinner ribatte con 554 alla stessa età.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Via alla stagione 2019/20, la guida a Consar Ravenna-Itas Trentino di domenica

Pubblicato

-

Scatta ufficialmente domenica 20 ottobre al Pala De André di Ravenna la ventesima stagione di attività di Trentino Volley. La Società Campione del Mondo in carica inaugurerà la sua SuperLega Credem Banca 2019/20 affrontando in trasferta la Consar Ravenna nel match valido per il primo turno di regular season. Fischio d’inizio previsto per le ore 18: cronaca diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.elevensports.it.

Dopo una preparazione pre-campionato lunghissima, durata sessanta giorni (la maggior parte dei quali trascorsi a ranghi ridotti), i gialloblù sono pronti ad iniziare il proprio cammino, ripartendo da una rosa che ha modificato solo tre tredicesimi dei suoi effettivi e che ha rinforzato esclusivamente la batteria di attaccanti di palla alta.
Angelo Lorenzetti ha potuto svolgere solo un allenamento, quello nel pomeriggio di oggi alla palestra Sanbapolis di Trento, col gruppo al completo, considerato che Candellaro e Russell sono rientrati dal Giappone solo da pochi giorni e nella giornata di venerdì hanno lavorato esclusivamente in sala pesi.

Anche per questo motivo la partita inaugurale della nostra stagione è da prendere con le molle – ha dichiarato alla vigilia l’allenatore di Trentino Volley – . Abbiamo lavorato poco insieme e non abbiamo molti dati rispetto al modo in cui potrà giocare Ravenna. Servirà quindi un atteggiamento molto concentrato ed idoneo ad un appuntamento del genere, che ci vedrà giocare in un palazzetto tradizionalmente difficile da espugnare. La Consar aveva iniziato bene anche lo scorso campionato, sorprendendo Milano; vogliamo evitare che vada di nuovo così. Dobbiamo essere pronti tecnicamente e mentalmente”.

Pubblicità
Pubblicità

Nella sua ormai ventennale storia, al Club di via Trener è successo raramente di disputare la gara valevole per la prima giornata di regular season lontano da Trento, come invece accadrà domenica: quella di Ravenna sarà infatti solo la settima volta su venti occasioni. Il bilancio, fra l’altro, è negativo, tenendo conto che solo in due circostanze è arrivato il successo: proprio a Ravenna il 27 ottobre 2013 (0-3) e a Monza il 28 ottobre 2015 per 3-1. Più in generale, il debutto in campionato ha regalato un sorriso a Trentino Volley in undici occasioni su diciannove: oltre alle due vittorie esterne già menzionate, vanno infatti aggiunte anche nove affermazioni casalinghe: stagione 2002/03 (3-1 su Milano), 2008/09 (affermazione in tre set su Forlì), 2009/10 (3-1 su Latina), 2010/11 (vittoria per 3-0 su Castellana Grotte), 2011/12 (vittoria per 3-0 su Monza), 2013/14 (successo al quinto con Latina), 2014/15 (3-0 su Padova), 2016/17 (3-0 su Vibo) e 2018/19 (3-0 su Siena).

Trentino Volley scenderà in campo in questa occasione per la 815a partita ufficiale di sempre e andrà a caccia della 570a vittoria assoluta: attualmente ne conta 298 in casa e 271 in trasferta.

L’esordio in campionato al Pala De Andrè di Ravenna non rappresenta una novità per Trentino Volley: in passato, già nella stagione 2013/14 è capitato che la squadra gialloblù debuttasse in Romagna. In quel caso (27 ottobre 2013) si trattò del match programmato per la seconda giornata di regular season ma segnò l’effettivo esordio nel torneo di Trento che, per impegni relativi al Mondiale per Club, aveva posticipato il primo turno in casa con Latina. Il ricordo è particolarmente piacevole perché l’allora Diatec Trentino vinse per 3-0, facendo debuttare in prima squadra il diciassettenne Simone Giannelli. Nelle file avversarie giocava invece Klemen Cebulj, ora schiacciatore dell’Itas Trentino.

Dopo la scorsa positiva stagione nel segno della linea verde, la Consar Ravenna prosegue il suo progetto riportando in panchina Marco Bonitta, che negli ultimi anni aveva ricoperto all’interno della Società romagnola un ruolo dirigenziale di primo piano, senza però venir meno alla propria idea giovane nella costruzione della squadra, completamente rivoluzionata rispetto al recente passato.  Partiti i giocatori del calibro di Rychlicki, Russo, Goi, Poglajen, Raffaelli e Verhees, si è deciso di puntare sulle potenzialità dell’opposto canadese Vernon-Evans e su italiani di prospettiva, come Recine e i due gialloblù Cortesia e Cavuto, prodotti del settore giovanile di Trentino Volley. Proprio Oreste, domenica alla prima partita in SuperLega da avversario del Club in cui è cresciuto, contenderà verosimilmente al compagno di nazionale Lavia un posto nel sestetto titolare, in cui potrebbe trovare spazio l’olandese Ter Horst (ex Verona e Piacenza). Fra i tanti giocatori nuovi, si segnala anche il libero sloveno Kovacic (argento al recente Europeo assieme a Cebulj, che è un ex), mentre in regia dalla scorsa stagione il punto fermo è Davide Saitta (uno dei pochissimi confermati).

Pubblicità
Pubblicità

Quello di domenica sarà il diciassettesimo confronto assoluto fra le due Società, che hanno iniziato a sfidarsi con continuità a partire dalla stagione 2011/12. Il bilancio è nettamente favorevole ai gialloblù per 14-2, ma i successi dei romagnoli sono piuttosto recenti: il 25 ottobre 2017 per 3-0 al Pala De André nel penultimo match giocato a Ravenna (l’ultimo è stato invece vinto da Trento per 3-1 il 9 dicembre 2018) e il 3 febbraio 2016 al tie break alla BLM Group Arena. In tutti gli altri casi sono arrivati solo successi per Trento: per 3-1 (tre sole volte, compresa la più recente a Trento il 7 gennaio scorso) e per 3-0 (undici, compreso il 3-0 del 10 marzo scorso a Trento). Trentino Volley ha origini ravennate: nel maggio del 2000 il Presidente Diego Mosna acquistò i diritti di Serie A1 proprio dalla Valleverde Porto, già vincitrice di uno scudetto e tre Coppe Campioni negli anni novanta.

L’incontro sarà diretto dalla coppia composta da Simone Santi (primo arbitro di Città di Castello, Perugia – in Serie A dal 1994 ed internazionale Fivb dal 2011) e Massimo Florian (di Treviso, in massima categoria dal 2007). L’ultimo precedente con Trentino Volley per Santi risale a gara 2 di semifinale Play Off Scudetto 2019 (sconfitta per 1-3 a Civitanova Marche il 19 aprile), mentre per Florian corrisponde al 3-1 ottenuto a Padova il 24 novembre (partita di campionato).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza