Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Itas Trentino in Final Four di Coppa Italia, battuta 3 a 0 Calzedonia

Pubblicato

-

Per la decima stagione consecutiva (la dodicesima assoluta) l’Itas Trentino sarà fra le protagoniste della Final Four di Coppa Italia.

La certezza della presenza nel weekend del 9-10 febbraio all’UnipolArena di Bologna, che assegnerà l’edizione numero 41 del massimo trofeo nazionale, è arrivata stasera grazie al rotondo successo  nel derby dell’Adige con la Calzedonia Verona nella gara unica dei quarti di finale giocata alla BLM Group Arena; in semifinale l’avversario da affrontare sarà la vincente della sfida fra Civitanova e Monza, in programma giovedì alle 20.30 nelle Marche.

In un sol colpo la squadra di Lorenzetti ha così voltato pagina rispetto al rovescio casalingo in SuperLega patito domenica contro la stessa Cucine Lube e centrato un altro obiettivo stagionale: confermarsi fra le prime quattro squadre della competizione, come le accade senza pause dal 2010.

Pubblicità
Pubblicità

Il 3-0 con cui la squadra di Lorenzetti ha avuto ragione del suo glorioso passato, composto dagli ex Grbic, Solé, Birarelli, De Pandis e Kaziyski (alla prima alla BLM Group Arena di Trento da avversario), è stato un risultato corretto e costruito principalmente nel primo set. I padroni di casa ci hanno infatti messo la prima metà del parziale di apertura a sciogliere la tensione; recuperato un iniziale svantaggio di 2-5, piano piano l’Itas Trentino è tornata a giocare la pallavolo bella ed efficace che ha messo in mostra sovente nelle precedenti ventidue gare ed è diventata padrona del campo, trascinata da Russell (mvp con 17 punti ed il 54% in attacco oltre a due ace) e Lisinac (12 con 3 muri, 1 ace ed il 73%). In grande ripresa anche Kovacevic (11 palloni vincenti) ed ennesima conferma ad alti livelli per Giannelli (1 muro, 100% a rete e due ace). Da circoletto rosso la prova del servizio trentino, a segno nove volte a fronte di appena sette errori (miglior prestazione stagionale).

La cronaca della gara. Per la sfida da dentro o fuori, Angelo Lorenzetti si affida alla formazione tipo: Giannelli agisce in regia, Vettori come opposto, Kovacevic schiaccia in banda in diagonale a Russell, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero.

Nello starting six di Verona il nome più atteso è quello di Matey Kaziyski (premiato ed applauditissimo prima del fischio d’inizio per la prima partita da ex a Trento), che Grbic schiera in posto 4 assieme a Manavi.

Pubblicità
Pubblicità

Spirito al palleggio, Boyer opposto, Alletti e Solé al centro e De Pandis libero completano lo schieramento degli scaligeri.

L’impatto migliore sul match lo hanno gli ospiti, che proprio con il bulgaro e Boyer scattano in maniera davvero efficace dai blocchi di partenza (2-5); Trento però non si fa intimorire troppo e con Russell recupera in fretta terreno (6-8) e pareggia i conti a quota 10 con un muro di Vettori sullo stesso Kaziyski.

Un block di Boyer sul posto 4 americano offre un nuovo spunto agli scaligeri (11-13), ma Aaron prima e Vettori poi (ace) impattano di nuovo i conti e consentono a Kovacevic (pipe) di invertire la rotta (16-15).

Il time out di Grbic non sistema la situazione nella metà campo scaligera perché poi arrivano i break point firmati dall’opposto emiliano, Lisinac e Giannelli (col muro) per il 21-17.

Il cospicuo vantaggio conquistato dagli iridati consente loro di gestire le fasi finali del parziale senza troppe apprensioni (23-19) e di andare al cambio di campo sul 25-20 (errore di Kaziyski in battuta).

Il copione si ripete nel secondo set; Verona inizia alla grande con Boyer (0-3), ma stavolta Trento la riprende subito (5-6) e mette la freccia già sul 10-7 con un Vettori scatenato dalla linea dei nove metri. Grbic interrompe il gioco, ma l’Itas Trentino è un treno in corsa che raccoglie ogni occasione di break point (12-8, 16-9), approfittando anche delle tante sbavature scaligere e nemmeno i frequenti cambi proposti dal tecnico ospite riescono a tamponare la situazione (21-10, due ace consecutivi di Giannelli). Il 2-0 arriva già sul 25-12.

La Calzedonia rimette il naso avanti nel terzo set sul 9-11 sfruttando un buon momento di Boyer ed un inizio di set nuovamente sui binari dell’equilibrio (6-6). Vettori fiuta il pericolo ed in battuta torna a far male alla seconda linea ospite (13-13 e poi 15-13); gli iridati proteggono il vantaggio sino al 19-17, poi un errore di Russell rimette tutto in discussione (19-19, primo time out della serata di Lorenzetti). Ci pensano Kovacevic (pipe e ace per il 22-19) a far respirare i padroni di casa, che non sprecano più nulla e chiudono il discorso definitivamente sul 25-21 (primo tempo di Candellaro).

   

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza