Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Miracolo Hockey Riva Under 14 femminile: conquista il tricolore dopo una drammatica finale

Pubblicato

-

In molti non si erano ancora ripresi dalla «sbornia» sportiva legata all’impresa delle Under 18, che ci ha regalato il titolo di vicecampione d’Italia per la loro categoria, che ritroviamo sul gradino più alto del podio tricolore le ragazze dell’Under 14 come campionesse d’Italia hockey indoor.

In una settimana quindi il Riva Hockey mette in bacheca due prestigiosi trofei, un sogno che è diventato realtà!

Un’impresa a dir poco eccezionale quella delle ragazze: alle final-six di Limone (organizzazione affidata alla Riva Hockey) non partivano certo con i favori dei pronostici vista la presenza di squadre molto forti e ambiziose come la Lorenzoni Bra e la Moncalvese (Asti).

PubblicitàPubblicità

Ma alla fine la coppa delle migliori l’hanno alzata loro: Campionesse d’Italia Hockey indoor under 14!

Una gioia sfrenata, costellata di emozioni contrastanti che hanno pervaso ragazze, dirigenti e genitori durante tutto il weekend.

Pubblicità
Pubblicità

Un su e giù come dalle montagne russe.

La partita finale per le ragazze under 14 era iniziata nel peggiore dei modi.

Pubblicità
Pubblicità

Subito sotto per 4 a 1 durante il primo e parte del secondo tempo. Poi non si capisce cosa sia scattato dentro la testa e il cuore delle ragazze.

Orgoglio, rabbia, una sfrenata voglia di dimostrare al mondo di che pasta sono fatte.

Il risultato è stato un impressionante impeto d’orgoglio, che ha portato la squadra rivana a recuperare ben 3 goal di svantaggio.

Da lì in poi, complice l’adrenalina a mille e un piccolo “pensiero stupendo” di potercela fare a conquistare il tricolore, le atlete rivane hanno neutralizzato ogni velleità di “rinvenire” delle avversarie, e grazie anche ai miracoli del super portiere Yasmine El Bakali (che si è meritata anche il premio individuale), vera saracinesca e fenomeno negli shoot out (i rigori dell’hockey) sono riuscite a portare a casa il meritato Titolo tricolore, che porta nuovo lustro alla società e alla città di Riva del Garda.

Fernando Redini e Simone Micheletti con la collaborazione di Eithne Barion, hanno deciso di portare (come prassi e consuetudine dell’Hockey Club Riva) alle finali Under 14 tutte le ragazze in età per questa categoria: ben 16 anche se in lista, ogni partita, potevano scendere in campo (fra titolari e panchina) 12 effettivi.

Ogni partita, quindi, gli allenatori dovevano fare turnover: un arduo compito reso meno difficoltoso dalla magnifica disponibilità dimostrata da tutte le ragazze.

Il capitano Agnese Corrent, alla sua ultima stagione in questa categoria, e le “veterane” della squadra, Yasmine El Bakali, Jazmin Delai, Chiara Bevilaqua, Sarah Barion, Gaia Orlandini, Giorgia Stoppini, Dea Kaci e Costanza Rigatti, hanno potuto contare su un gruppo di giovani promesse che, oltre ad aver ampliato la rosa, ha dato uno slancio decisivo, fin dagli allenamenti, alla conquista del titolo.

Quindi un applauso a Micaela Frias, Sara Oberti, Lisa Righi, Rachele Barion, Vittoria Peron, Kasfia Abdul e Perla Riviera.

In aggiunta al folto di ragazze di Riva, Arco, Torbole e Limone, un nuovo piacevole acquisto: infatti dall’Argentina è arrivata Agustina Angiò, figlia dell’ex portiere della Nazionale italiana Damian Angiò, decisa di affrontare la sola stagione indoor con i colori dell’Hockey Club Riva.

Una vittoria dedicata dalle ragazze all’ amica e capitana Albachiara Baroni e alla sua famiglia, presente sulle tribune.

Campionesse anche fuori dal campo quando, durante la cerimonia di premiazione, hanno voluto insieme a loro la mamma di Albachiara, Loredana, ricevendo tutte insieme la medaglia d’oro.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Riva del Garda: denunciate otto persone per truffe online

Pubblicato

-

Sono otto le persone individuate dagli investigatori del Commissariato di Polizia di Stato di Riva del Garda per truffe online.

Gli autori residenti in diverse regioni d’Italia, hanno sfruttato le vendite su internet per indurre in errore le vittime che cercavano sui siti acquisti a buon prezzo.

Le modalità sono quasi sempre le stesse. Nella maggior parte dei casi la vittima, dopo aver effettuato una ricerca online, trova su un sito l’oggetto di interesse. Sempre online contatta il proprietario del bene, per realizzare una compravendita.

Pubblicità
Pubblicità

L’acquirente ed il compratore stipulano un contratto virtuale e, come avviene anche nella vita reale, per confermare l’acquisto viene versata una caparra.

Il più delle volte il truffatore intasca la caparra e si dilegua. Spesso rintracciare l’autore della truffa appare particolarmente complesso perché i truffatori utilizzano utenze telefoniche mobili e carte postepay con intestazioni false e sempre più spesso, realizzano siti civetta collocati all’estero dove è ancora più difficile rintracciarli.

Pubblicità
Pubblicità

Le modalità sono quelle solite dell’acquisto: l’acquirente trova l’oggetto, in genere con un prezzo appetibile, contatta il venditore che propone alla vittima di effettuare il pagamento tramite ricarica della postapay in quanto, sarebbe il miglior metodo di pagamento immediato. Una volta pagato il primo acconto, in genere, il truffatore scompare. Talvolta questa operazione, per i meno avveduti, viene ripetuta più volta con diversi acconti.

Questo tipo di truffa potremmo definirla “tradizionale”, più “innovativa” è certamente quella che capovolge i ruoli. Il truffato mette in vendita online il bene viene contattato dal truffatore, il quale si mostra interessato all’acquisto e propone alla vittima, anche in questo caso, di effettuare il pagamento tramite ricarica della postapay in quanto, (a dire dell’autore del reato) sarebbe il miglior metodo di pagamento immediato.

Pubblicità
Pubblicità

La vittima, si reca in uno sportello Postamat ed esegue le operazioni sulla base delle indicazioni telefoniche del truffatore. La procedura è sempre la stessa: la vittima digita i codici che gli vengono dettati (altro non sono che il numero seriale della Carta Postapay del truffatore) poi, distratta dalle domande che il truffatore gli pone riguardo al bene venduto, non realizza che in quel momento sta caricando la Postapay dell’autore dell’inganno.

Generalmente l’operazione viene ripetuta una seconda volta. Il truffatore, infatti, carpita la fiducia della vittima, la convince a ripetere l’operazione di pagamento perché la prima non era andata a buon fine.

Vi sono stati casi in cui il malfattore è riuscito a convincere la vittima ad effettuare 7 volte l’operazione.

Questo tipo di truffa, causa generalmente danni economici per un valore tra i 500 e i 4000 euro.

Le vittime una volta realizzato che sono incorse in un inganno denunciano, sempre più spesso il reato, nella speranza di riuscire a recuperare il denaro. In diverse occasioni indagini particolarmente efficaci riescono ad individuare gli autori delle truffe e denunciarli all’autorità giudiziaria.

Il Commissariato di P. S. di Riva del Garda negli ultimi due mesi ha denunciato a piede libero otto persone per truffe perpetrate ai danni di cittadini residenti nei comuni dell’Alto Garda.

I casi come detto sono molteplici come per esempio l’autore di una truffa residente nella provincia di Novara che utilizzando un noto sito per la vendita, acquisto di automobili, aveva incassato un anticipo di 1300 euro per la presunta vendita di una autovettura, oppure  un uomo di Napoli che sempre con le stesse modalità aveva incassato, quale anticipo 850 euro per l’acquisto di un motore, o ancora  un cagliaritano che aveva offerto un cellulare Iphone X per, pubblicizzandolo attraverso facebook , per un valore di 500 euro, ed infine, una donna di Milano per la compravendita di un robot da cucina per un controvalore di 1300 euro.

“Le truffe –  commenta il vice Questore Salvatore Ascione – per essere realizzate hanno bisogno della collaborazione volontaria, anche se estorta con l’inganno, della vittima. Spesso abbiamo registrato che questo tipo di reato colpisce non solo persone che hanno conoscenze limitate del mondo online ma, anche persone avvezze a scambi ed acquisti sui siti che, però, tralasciano la proverbiale attenzione del “buon padre di famiglia” incorrendo nei trabocchetti dei truffatori. Rimane, pertanto, indispensabile molta attenzione e, in certi casi, una sana diffidenza ed in particolare per tutte quelle operazioni di pagamento apparentemente non convenzionali. Per questo motivo la Polizia di Stato, sulla base dell’esperienza ed al fine di aiutare i cittadini a prevenire queste forme di devianza, ha elaborato una serie di consigli, facilmente reperibili sul sito istituzionale, utili per evitare di cadere nelle tante trappole della rete»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Incidente alla galleria dei «Nani», 3 feriti

Pubblicato

-

Grave incidente questa mattina alle 7.30 a Limone del Garda dove si sono scontrate due autovetture e un furgone.

L’incidente è successo nella  nella galleria “dei Nani” sulla strada Gardesana per Limone in territorio Lombardo.

La peggio è toccata ai tre occupanti di una delle due autovetture che sono rimasti completamente incastrati nell’abitacolo.

Pubblicità
Pubblicità

I vigili del fuoco di Riva del Garda, allertati subito dopo lo scontro, hanno dovuto intervenire con le pinze idrauliche per tagliare il tetto di una delle due vetture per permettere così l’accesso ai sanitari per stabilizzare e successivamente estrarre in sicurezza gli occupanti.

Sul posto hanno operato 10 vigili del fuoco con tre automezzi di soccorso. È stato necessario l’intervento di due elicotteri sanitari dalla Lombardia e di 5 ambulanze. Sul luogo dell’incidente anche la polizia locale di Limone, la Polizia Stradale ed i vigili del fuoco di Salò (Bs).

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

81 enne esce di strada sulla Statale fra Loppio e Nago

Pubblicato

-

Poco prima delle 18.30 di oggi sabato 18 gennaio 2019 sulla strada statale tra Loppio e Nago un’automobile è finita fuori strada.

Il conducente, un uomo di 81 anni, ha perso il controllo della sua autovettura finendo contromano addosso alle rocce.

L’anziano è uscito dall’abitacolo incolume rifiutando anche il trasporto all’ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza la carreggiata, le forze dell’ordine e un’ambulanza del 118 che per fortuna non è servita.

L’incidente ha creato delle lunghe code fino all’uscita della galleria di Mori per via del senso unico alternato istituito sul luogo dell’incidente.

Pubblicità
Pubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza