Connect with us
Pubblicità

Socialmente

Carta Blu Trenitalia: l’epopea di un disabile per rinnovarla

Pubblicato

-

La Carta Blu è un documento che Trenitalia rilascia alle persone con disabilità titolari dell’indennità di accompagnamento o di comunicazione. La carta, che dura cinque anni, consente il viaggio della persona disabile e del suo accompagnatore, sui convogli di Trenitalia, ad un prezzo ridotto.

La Carta Blu viene rilasciata dagli uffici assistenza, ove presenti, oppure dalle biglietterie di stazione.

Proprio alla biglietteria Trenitalia della stazione ferroviaria della civilissima città di Trento inizia l’epopea del nostro lettore con disabilità e del suo genitore (accompagnatore).

Pubblicità
Pubblicità

La storia, pervenuta in redazione, denota l’ormai cronica mancanza d’attenzione da parte delle grandi aziende italiane alle esigenze delle persone con disabilità, perché ormai per le aziende conta solo incrementare i ricavi ed i dividendi per gli azionisti e nulla più.

Anche Trenitalia, come le altre grandi aziende non fa eccezione. All’aumentare dei ricavi è stato ridotto il personale e sono diminuiti i servizi ai clienti o, quanto meno, sono sensibilmente peggiorati.

Fino a qualche anno fa, infatti, nella stazione ferroviaria di Trento era presente un ufficio informazioni che si occupava, tra l’altro, anche di raccogliere le richieste e la documentazione per il rilascio della Carta Blu ed ora è sparito.

Ma veniamo alla storia del nostro lettore: «Gentile direttore, voglio raccontarle le vicissitudini e lo stress ai quali siamo stati sottoposti io e mio padre per il rinnovo della Carta Blu di Trenitalia, perché per ottenere la carta nuova ci siamo dovuti recare alla stazione di Trento per ben quattro volte.

Fino a qualche anno fa, esisteva uno sportello informazioni all’interno della stazione che curava anche il rinnovo delle carte, ci si recava in stazione con le copie dei documenti di invalidità, si compilava il modulo e la persona addetta al servizio dopo aver compilato un registro manuale rilasciava la carta a vista.

Oggi che viviamo nell’era dell’informatica e dell’automazione spinta, invece, sono le biglietterie tra un biglietto e l’altro a raccogliere la documentazione e dopo aver superato positivamente l’istruttoria per il rilascio, fatta da un non meglio identificato back-office, si può provare a ritornare in stazione per ritirare il documento.

La prima volta che sono andato in stazione accompagnato da mio padre, dopo aver atteso un’estenuante fila di persone che doveva fare i biglietti, mi sono sentito rispondere dagli addetti alla biglietteria: “l’ufficio è chiuso, provate a passare domani mattina”, allorché ho chiesto quale fosse l’ufficio specifico per il rilascio della carta, quali fossero gli orari di apertura dello stesso e se fosse stato possibile raggiungere telefonicamente l’ufficio in questione.

Mi hanno risposto che non è previsto alcun contatto telefonico e mi hanno ribadito di ripassare il giorno seguente, senza darmi alcuna indicazione sugli orari di funzionamento dell’ufficio.

La mattina seguente, sempre scomodando il mio paziente papà che fortunatamente era in ferie, ci siamo recati di nuovo in stazione e dopo l’immancabile fila alla biglietteria, finalmente siamo riusciti a depositare i documenti per il rinnovo ed a compilare il relativo modulo.

Trascorso qualche giorno, senza che nessuno ci avesse avvisato telefonicamente sull’esito della pratica, siamo ritornati per la terza volta in stazione e dopo la consueta fila, la biglietteria ci ha detto: “l’ufficio è chiuso, provate a passare domani mattina”.

L’indomani mattina, quarta volta e quarta fila, il personale di biglietteria aveva ottenuto l’autorizzazione a rilasciare la carta e quindi dopo una sfilza di firme e circa venti minuti allo sportello finalmente sono entrato in possesso della mia “mitica” Carta Blu rinnovata per altri cinque anni.

Nonostante tutto, ringrazio gli addetti alla biglietteria perché ho capito che non è una loro negligenza se le cose vanno in questo modo ma è una cattiva, o quanto meno discutibile, organizzazione delle procedure aziendali di Trenitalia a far sì che i disabili ed i loro accompagnatori debbano recarsi in stazione almeno quattro volte per ottenere la Carta Blu.

Trenitalia che da un lato vuole ottimizzare l’impiego delle proprie risorse per spendere di meno, dovrebbe comunque capire che il disabile ed il proprio accompagnatore sono anch’essi delle persone, con una propria vita, i propri impegni, i propri tempi e le proprie difficoltà.

Solo perché il mio papà era in ferie ha avuto la disponibilità ad accompagnarmi quattro volte in stazione ed abbiamo dovuto fare le corse tra una terapia ed un impegno al centro socioeducativo ogni volta che ci siamo andati.

Il fatto che non ci sia più un rapporto umano tra cliente ed azienda è veramente triste e significativo di questi tempi bui in cui si pensa esclusivamente ai ricavi, un’era in cui l’essere umano è un semplice e minuscolo ingranaggio della grande macchina del profitto che ingoia tutto e tutti.

Dopo il caffè decaffeinato stiamo arrivando a grandi passi all’uomo deumanizzato ed isolato anche se vive immerso in una folla enorme. Non avere un numero di telefono a cui rivolgersi, il nome di un impiegato che possa dare una mano, non poter sapere i giorni e gli orari in cui un ufficio lavora, oppure telefonare a dei call centre a pagamento e completamente automatizzati che poi alla fine ti spillano altri soldi e non ti risolvono i problemi, a mio parere, è il segno di una umanità che ha perso se stessa e non ha più futuro.

Invito la società civile ad una profonda riflessione ed al tentativo d’invertire il corso delle cose, prima che sia troppo tardi. Grazie per l’attenzione».

Lettera firmata

Come non dare ragione al nostro lettore, viviamo in una società frenetica che pensa esclusivamente agli utili e quotidianamente cancella ogni parvenza di umanità calpestando spesso i diritti dei più fragili. Possiamo aggiungere però che il disinteresse mostrato dalle aziende nei confronti della clientela non è rivolto solamente alle persone con disabilità, che ne risentono maggiormente, ma è ampiamente diffuso a tutte le tipologie di clientela.

Proprio rimanendo nella stazione di Trento, ci sembra impossibile che l’infrastruttura di una stazione di un capoluogo di Provincia e, addirittura, di Regione sia ancora rimasto alle architetture spartane del periodo fascista.

Sembra incredibile che Trento città turistica, città d’arte e di cultura nonché punto di ingresso di un territorio che offre una natura bella ed incontaminata che attrae milioni di turisti da tutto il mondo, sia in estate che in inverno, regno degli sport invernali e custode delle Dolomiti (patrimonio mondiale UNESCO) abbia una stazione così sporca, trasandata ed abbandonata a se stessa.

Oltre al salone d’ingresso della stazione che versa in condizioni pietose rispetto alle moderne infrastrutture di tutta Europa, abbiamo riscontrato ad esempio che i tabelloni che indicano le partenze dei treni ed il numero delle banchine si fermano al binario 3, i binari 4 e 5 sono indicati con un foglio di carta affisso sui muri, inoltre, le obliteratrici per i titoli di viaggio sono presenti solo fino al binario 3 per cui i viaggiatori ignari che non obliterano il biglietto nel salone d’ingresso se devono prendere il treno alle banchine 4 e 5 sono costretti a rifare le scale e raggiungere, quantomeno, i binari 2 e 3 per poter obliterare i propri biglietti ed evitare di incorrere in sanzioni.

Infine, stendiamo un velo pietoso anche sulle condizioni di scarsa igiene e di vetustà delle carrozze usate per i treni regionali perché a parte quelli con le livree Trentino e Südtirol, tutti gli altri treni che fanno Bologna-Brennero (Intercity compresi) sono veramente penosi se confrontati con quelli della concorrente ÖBB (ferrovie austriache) che per il decoro dell’azienda ed il comfort del cliente ha ricondizionato le carrozze dotando le sedute di tappezzeria nuova ed ha aggiunto delle prese elettriche di cortesia affinché i passeggeri possano ricaricare i propri smartphone e tablet durante il viaggio.

Basterebbero piccoli accorgimenti e minimi investimenti per rendere migliore la qualità del viaggio di tanti studenti e lavoratori pendolari, invece, le condizioni di decoro sembra siano riservate solo ai passeggeri delle frecce perché pagano biglietti più costosi, tutti gli altri viaggiano ancora (nella migliore delle ipotesi) come nel 1960.

A cura di Mario Amendola

Pubblicità
Pubblicità

Socialmente

Caregiver familiari: i cinque punti del CONFAD per una buona legge

Pubblicato

-

Il CONFAD (Coordinamento Nazionale Famiglie con Disabilità) in previsione dell’esame da parte del Senato del testo unificato n.1461 (vedi testo del DDL) recante le “Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare” torna ad esprimere le proprie preoccupazioni chiedendo una legge “fatta per bene” che contenga, finalmente, le tutele negate da sempre ai caregiver familiari ed assicuri agli stessi una vita dignitosa. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Socialmente

Centro aperto «Le casette»: l’incontro tra ragazzi e Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti

Pubblicato

-

Davvero molto interessante e istruttivo l’incontro, lunedì 9 dicembre, di alcuni soci dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti con i ragazzi che frequentano il Centro Aperto “La Casetta”, nella Circoscrizione di Gardolo.

A dire il vero è ormai da molti anni che l’Associazione rappresentativa dei ciechi e degli ipovedenti favorisce gli incontri con le Scuole e le Associazioni al fine di sensibilizzare i giovani sui temi e sui problemi connessi alla disabilità visiva.

Ma l’aspetto particolare di questo incontro deriva dal fatto che la richiesta questa volta è giunta da Virginia, studentessa di Educazione Professionale e tirocinante presso il Centro Aperto, ente che offre la possibilità del sostegno ai compiti per i minori e svolge attività di aggregazione.

PubblicitàPubblicità

L’Associazione è stata rappresentata da un dirigente, Dario, e da due soci, in tutto due ciechi e un ipovedente.

Il primo ad intervenire è Dario che, dopo aver raccontato il suo vissuto da cieco a 25 anni e presentato i due membri dell’Associazione, chiede agli studenti di pronunciare il proprio nome.

Claudio sintetizza la storia e le conquiste dell’Associazione, dicendo che questa è stata fondata nell’ottobre del 1920 da un trentino, Aurelio Nicolodi, rimasto cieco durante la Prima guerra mondiale.

Da lui, da Augusto Romagnoli, (padre della didattica per non vedenti), e dai dirigenti che si sono succeduti in questi quasi 100 anni, sono venute le grandi conquiste dei ciechi e ipovedenti italiani.

Si è parlato di Louis Braille, geniale inventore, intorno al 1825, dell’alfabeto tattile dei ciechi, delle tecnologie informatiche ad esso collegate, ma ormai ausilio indispensabile anche per altri aspetti della vita dei non vedenti. In questo contesto, il più giovane dei tre soci, Tarik, (atleta della nazionale marocchina di Basket venuto in Italia dopo la sua improvvisa cecità a 24 anni), ha mostrato come un cieco può utilizzare in maniera molto efficace, tramite la sintesi vocale, i moderni iPhone.

Ha poi proseguito ricordando agli studenti l’importanza dello studio, della conoscenza della lingua e della storia della nazione che li ospita, dicendo che è importante rispettarne la cultura e le leggi.

I ragazzi hanno ascoltato con molto interesse, assieme alle loro educatrici, facendo diverse domande sulla vita, sul lavoro, sulla mobilità e su altri aspetti della vita quotidiana e familiare dei ciechi e degli ipovedenti.

L’ora di incontro è davvero volata, concludendosi con il desiderio di tutti di provare a muoversi bendati all’interno dell’aula, utilizzando il bastone di Dario e Tarik e guidati dalla voce di Claudio.

Ora gli stessi studenti, dopo aver elaborato le sensazioni raccolte in questo incontro, avranno l’occasione di ottenere risposta ad altre loro curiosità nella prossima riunione, che si terrà lunedì 16 dicembre.

Scritto in collaborazione con Claudio Forti 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Socialmente

Lavis, al via «nessuno escluso»: la nuova associazione contro ogni forma di disagio sociale

Pubblicato

-

È nata la nuova associazione “Nessuno escluso” grazie alla grande forza, tenacia e intraprendenza di Giorgio Varignani e Mauro Baldo, rispettivamente presidente e vice presidente.

Durante l’inaugurazione di sabato scorso 26 Ottobre presso la sede di Lavis, via della Roggia, 38 Varignani e Baldo hanno esposto ai numerosi invitati gli obiettivi dell’Associazione.

Uno dei primi obiettivi sarà la formazione di gruppi di auto aiuto per persone coinvolte nel tragico tunnel delle dipendenze e/o altre forme di disagio. Al centro dei contenuti della nuova associazione soprattutto la sensibilizzazione, la progettazione e il sostegno in caso di disabilità ed ogni forma di violenza ed emarginazione.

PubblicitàPubblicità

Con “Nessuno escluso” collaborano diversi professionisti come avvocati e psicologi proprio per migliorare le condizioni di chi soffre senza trovare via d’uscita.

Varignani ha sottolineato l’importanza dell’ascolto verso chi si trova in difficoltà invitando chi ne avesse bisogno ogni martedì alle 20,30 al gruppo di auto aiuto presso la sede di “Nessuno escluso”.

Sono stati ringraziati per la loro preziosa presenza gli Assessori Isabella Caracristi e Graziano Tomasin ed infine è stato ricordato l’evento del 29 Novembre che si svolgerà nella sala di Don Bosco a Zambana e che vedrà protagonista Raphaella Algeri scrittrice del pluripremiato libro “Una bambina da salvare” tratto da una storia vera di una bambina di soli 7 anni trascinata nell’orrore della pedofilia

«Giornata storica per la nostra associazione – dichiarano Varignani e Baldo – dopo la consegna delle chiavi della nuova e prima sede in quel Lavis presso la casa della solidarietà. Ringraziamo Vanessa Valtorta, Enrico Afilani e tutte quelle persone che già sono socie e quelle che arriveranno a sostenerci. Un grazie particolare all’amministrazione del comune di Lavis»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza