Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Roberto Paccher ripristina il collegamento Levico – Trento – Borgo

Pubblicato

-

Dalla metà gennaio saranno reintrodotte due corse per le autocorriere nella tratta Levico-Borgo e, con il nuovo orario, sarà aggiunto un treno veloce che arriva a Trento alle 8:19 e che ferma a Levico alle 7:40.

Inoltre sarà migliorata l’autostazione lungo Corso Centrale e l’area circostante la stazione ferroviaria, dove sarà ristrutturato il Caffè Asburgico.

E’ quanto assicurato dal dirigente di Trentino Trasporti, Roberto Andreatta, al Presidente del Consiglio regionale, Roberto Paccher, allarmato dalla cancellazione di alcune corse tra Levico Terme e Borgo Valsugana e dallo stato in cui da molti anni versano l’autostazione e la stazione ferroviaria.

PubblicitàPubblicità

Grazie all’intervento del Consigliere Provinciale e dello stesso Presidente Fugatti, saranno dunque ripristinate due corse, corrispondenti a quelle in partenza da Trento alle 9.35 e 18.35 e, in questa fase di avvio del nuovo modello integrato ferro/gomma della Valsugana, sarà monitorata la situazione per verificare se ci siano ulteriori miglioramenti da apportare.

“Sono molto soddisfatto di quanto è stato  deciso – commenta Roberto Paccher – Un centro abitato come Levico Terme deve avere un sistema di collegamenti pubblici adeguato e, in considerazione della forte attrazione turistica, strutture decorose. Ringrazio gli Uffici e il dirigente Andreatta per la disponibilità dimostrata. Il mio impegno è quello di monitorare la situazione per poter garantire a tutta la Valsugana un sistema dei trasporti che possa essere il più funzionale possibile all’intera valle”.

Pubblicità
Pubblicità

In sintesi, ha spiegato il dirigente di Trentino Trasporti, con l’orario attuale, da Levico al mattino transitano  cinque treni che arrivano rispettivamente a Trento alle 6:58, alle 7:28, alle 7:58, alle 8:28 e alle 9:28. Con il nuovo orario, dunque, non solo restano tutti questi treni in fermata a Levico,  ma viene aggiunto un treno: si tratta del treno veloce che arriva a Trento alle 8:19 e che ferma a Levico alle 7:40 per un totale di percorrenza di 39 minuti,  e quindi l’offerta al mattino verso Trento da Levico è fatta dei treni in arrivo a Trento alle 6:58, 7:28, 8:09, 8:19, 8:46, 9:28.

Al pomeriggio l’offerta prevede che tutti i treni fermino a Levico, anche i due treni veloci in partenza da Trento alle 17:40 e alle 18:40

Per quanto riguarda l’autostazione, è stato rilevato come l’attuale struttura non offra riparo né dal sole, né in caso di pioggia, alle persone in attesa e per questo, in accordo con il Comune, sarà a breve portato avanti un progetto che possa essere più funzionale e esteticamente  più inserito nel contesto urbano di Levico Terme.

Per quanto riguarda la stazione ferroviaria, Rfi ha manifestato la disponibilità anche finanziaria al restauro del Caffè Asburgico, realizzato tra il 1898 e il 1900 totalmente in legno: un piccolo gioiello architettonico che ora giace in stato di semiabbandono e che, rimodernato, potrebbe ospitare attività di bar e liberare spazi di attesa per l’utenza nell’edificio a fianco.

Roberto Paccher ha anche chiesto se vi fosse la possibilità, nel rispetto della sicurezza degli utenti, di intervenire sui tempi di alcuni passaggi a livello, dove si sono registrate attese anche di dieci minuti e anche su questo il dirigente Andreatta ha manifestato disponibilità ad avviare i contatti con Rfi.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Costasavina: 87 enne muore cadendo dalle scale

Pubblicato

-

Tragedia stamane poco dopo le 8.00 in via Caset a Costasavina, una piccola Frazione del comune di Pergine Valsugana.

Una donna di 87 anni, Lucia Andreatta, costretta sulla sedie a rotelle è caduta rovinosamente dalle scale procurandosi delle ferite mortali.

Secondo una prima ricostruzione l’anziana stava scendendo le scale accompagnata dal figlio, quando improvvisamente la carrozzina ha avuto un improvviso sobbalzo.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è riuscito a riprendere il controllo della sedia a rotelle, ma nel frattempo però la madre era caduta.

È stata subito allertata l’ambulanza che è arrivata sul posto, la per Lucia Andreatta non c’era più nulla da fare. È deceduta sul colpo.

Pubblicità
Pubblicità

La procura ha aperto un fascicolo d’inchiesta, in questi casi comunque dovuto, anche se l’incidente sarà probabilmente catalogato come «accidentale»

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo: Mercoledì 19 alle ore 18:00 l’annuncio della nuova giunta di Enrico Galvan

Pubblicato

-

Si terrà domani sera Mercoledì 19 Giugno alle ore 18:00 il primo consiglio guidato dal neo eletto sindaco Enrico Galvan

Un momento molto atteso da tutta la comunità di Borgo e Olle durante il quale il nuovo sindaco comunicherà anche la composizione della Giunta che guiderà uno dei comuni più importanti del trentino fino al 2025.

In consiglio comunale tra i banchi di maggioranza siederanno: Paolo Dalledonne, Giacomo Nicoletti, Patrizio Andreatta, Mariaelena Segnana, Enrico Frainer, Luigi Cimadon, Sabrina Parolin, Luca Bettega, Emanuele Deanesi, Rocco Guarini ed Armando Orsingher.

PubblicitàPubblicità

Nelle file della minoranza invece ci saranno: Martina Ferrai, Marco Galvan, Samuele Campestrin, Marika Sbetta, Davide Decarli e Lorenzo Trentin.

Saranno sette i punti affrontanti dalla nuova amministrazione comunale: 1)Esame di eventuale approvazione delle condizioni di eleggibilità e convalida dell’elezione del Sindaco eletto. 2) Esame di eventuale approvazione delle condizioni di eleggibilità e compatibilità e convalida dell’elezione dei Consiglieri Comunali eletti. 3)Giuramento del sindaco. 4) Comunicazione da parte del Sindaco e della composizione della Giunta Comunale e dell’assessore incaricato di svolgere la funzione di Vice Sindaco. 5) Nomina del Presidente del Consiglio Comunale. 6) Nomina del Vice Presidente del Consiglio Comunale. 7) Esame ed eventuale approvazione proposta di indirizzi generali di governo del Sindaco.

Pubblicità
Pubblicità

Punto focale e molto atteso sarà la composizione dell giunta comunale, dove sembra sempre più “caldeggiata” la nomina di Paolo Dalledonne nella veste di Vice Sindaco

Da capire anche il riconoscimento che Galvan darà e se lo darà alla lista Rivivere Borgo (esclusa dal consiglio comunale) che ha di fatto decretato la vittoria di Galvan con un appoggio esterno e non ufficiale forte dei 276 voi raccolti pari al 7,14%.

Nel consiglio non ci sarà nessuna rappresentanza nemmeno per la lista ciivica  Viviamo Borgo Olle di fatto “succursale” di Civitas (in pratica il PD di Borgo) che ha raccolto poco più di 229 pari al 6,52%.

La lista che faceva capo a Martina Ferrai

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Castanea 2019, un successo di partecipanti e sinergie per il rilancio della castanicoltura

Pubblicato

-

Bilancio positivo per Castanea 2019, la quattro giorni dedicata alla castanicoltura locale e nazionale organizzata da Fondazione Edmund Mach e Società di Ortoflorofrutticoltura italiana che si è svolta dall’11 al 14 giugno a Pergine, sede individuata in virtù del rilancio che i suoi amministratori vogliono dare a questo tipo di coltura in Valsugana, e già peraltro inventariata nel Patrimonio immateriale delle Regioni Alpine.

Un grande successo, sia in termini di partecipanti al settimo convegno nazionale, con oltre 150 esperti da tutta Italia ma anche da Svizzera e Slovenia, e in termini di sinergia organizzativa: l’evento infatti, ha visto dialogare enti, istituzioni e associazioni locali e nazionali che ruotano attorno a questa coltura in fase di rilancio che è il castagno.

Il settimo convegno nazionale sul castagno che si è tenuto presso l’Istituto Marie Curie, diretto dalla ricercatrice FEM Luisa Palmieri in qualità di presidente del Comitato organizzatore, ha visto intervenire il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo con il messaggio video del sottosegretario Alessandra Pesce, la presenza del direttore della Direzione generale delle foreste nell’ambito del Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del Mipaaft , Alessandra Stefani, e del funzionario Alberto Manzo.

PubblicitàPubblicità

L’evento ha coinvolto anche la Provincia di Trento, in quanto patrocinatore, con l’intervento dell’assessore all’agricoltura, caccia e pesca, Giulia Zanotelli. Castanea ha aperto i battenti martedì 11 giugno al Teatro comunale con una serata dedicata alle 15 associazioni italiane che hanno avuto una possibilità unica di presentare la propria attività e di confrontarsi su problematiche comuni, e l’intervento del direttore generale FEM, Sergio Menapace, dell’assessore del Comune di Pergine, Sergio Paoli e del Presidente di Unione giornalisti agroalimentari (Unaga- FNSI), Roberto Zalambani.

Il dibattito scientifico, iniziato il 12 giugno, ha visto la presentazione in tre giorni di più di novanta contributi scientifici.

Pubblicità
Pubblicità

Sono state toccate diverse tematiche riguardanti le ricadute dell’attività castanicola sulle società e sul paesaggio rurale dove essa viene praticata.

Si è passati quindi a problematiche quali la gestione del castagneto sia mediante l’utilizzo di tecniche classiche che di tecnologie più avanzate quali la biologia molecolare ed il telerilevamento, come già avvenuto in altri campi quali il melo o la vite.

Si è anche discusso dell’incidenza di diverse patologie e problematiche sanitarie del castagno e delle possibili soluzioni applicabili per arginare l’incidenza della Gnomoniopsis castanea o del cinipide in questa coltura.

Il 13 giugno sono state presentate le diverse attività di ricerca innovative riguardanti il campo medico e nutraceutico, nonché la tracciabilità del frutto e del legno nelle diverse fasi della filiera.

La giornata si è conclusa con tematiche riguardanti diversi Programmi di sviluppo rurale dedicati alla castanicoltura in diverse regioni quali il Piemonte, l’Emilia Romagna ed il Lazio, tematiche riguardanti la produzione di castagne e la gestione fiscale o la non ancora risolta definizione di castagneto da frutto e castagneto da legno.

Tutti gli argomenti trattati hanno gettato le basi per la definizione delle linee guida della castanicoltura italiana per il prossimo decennio che saranno definite a livello ministeriale al tavolo di filiera del castagno del Mipaaft. Non sono mancati momenti di divulgazione per il grande pubblico con la serata ai Parco Tre Castagni con aperitivi scientifici, mostre, vignette e degustazioni di birra d castagno.

L’evento Castanea organizzata da Fondazione Edmund Mach e Società di Ortoflorofrutticoltura italiana è stato patrocinato dalle seguenti istituzioni ed associazioni: Provincia autonoma di Trento, Comune di Pergine Valsugana, Associazione Nazionale Città del Castagno, Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Istituto Marie Curie di Pergine Valsugana, Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale, Centro di Castanicoltura Regionale del Piemonte, Centro Studio e Documentazione sul Castagno di Marradi, APT Valsugana Lagorai.

I numeri del castagno:

Le aziende agricole con castagneto da frutto in Italia sono circa 18.000 con una superficie investita a castagneto da frutto pari a poco meno di 43.000 ettari per una produzione annua di 50.889 tonnellate.

Sono inoltre presenti sul territorio 16 prodotti riconosciuti (4 DOP e 6 IGP) comprendenti 14 varietà frutticole, 2 mieli e 2 farine. Il Trentino ha una superficie coltivata a castagneti di 240 ettari per una produzione annua di 15.000 quintali.

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza