Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Attentato incendiario Rovereto, Fugatti: «Dovranno essere condannati pesantemente»

Pubblicato

-

«Esprimere il proprio pensiero con il danneggiamento dei simboli e delle proprietà altrui, quindi con la violenza e la prepotenza, è sempre sbagliato.  In una democrazia ci sono altri modi per esprimere le proprie idee. Chi ha incendiato l’ingresso della chiesa di San Rocco, a Rovereto, è nemico del dialogo e del confronto pacifico».

Questo il commento del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti riguardo all’attentato incendiario di stanotte, che ha danneggiato l’edificio religioso.

«Abbiamo fiducia – conclude Fugatti – nelle forze dell’ordine e attendiamo che le indagini facciano il loro corso, nell’interesse di tutta la comunità. Al momento non ci sono certezze sulla matrice dell’attacco. È certo che da parte nostra deve esserci tutta l’attenzione e la ferma condanna nei confronti dei responsabili che, qualora fossero garantiti alla giustizia, dovranno essere pesantemente condannati».

Pubblicità
Pubblicità

L’attacco si possibile matrice anarchica è stato sferrato nella notte alla Chiesa di San rocco in corso Bettini a Rovereto, quella di Don Matteo Graziola, promotore del progetto antiabortista, per il quale è stato già più volte attaccato da vari fronti.

Anche il Vescovo Lauro Tisi nei suoi confronti era stato molto critico.

I danni sono ingenti e si ipotizza possano superare i 15.000 euro. 

L’attacco ha provocato per fortuna solo danni al legno, e il rogo non si è esteso all’interno.

I Carabinieri subito intervenuti insieme ai vigili del fuoco hanno subito iniziato le indagini.

La chiesa era stata al centro delle polemiche pochi giorni fa perché le «Sentinelle in piedi» vi avevano allestito un presepio con decine di finti feti umani disseminati sul cammino dei Re Magi intitolandolo «La strage di Erode».

Gli anarchici hanno agito durante la notte poco prima delle cinque cospargendo di benzina l’entrata della chiesa per poi dargli fuoco.

La rivendicazione in una scritta lasciata sul muro: «I veri martiri sono in mare».

L’allusione è ai migranti che con i barconi tentano di raggiungere le coste italiane

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: va a fuoco l’ex negozio Kube

Pubblicato

-

foto di Matteo Bonato

Allerta incendio in tarda mattinata a Rovereto dove un edificio abbandonato ubicato in via Abetone, per la precisione fra la due stazioni di Rovereto e lo Stadio Quercia è andato a  fuoco.

Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco volontari di Rovereto e una squadra dei permanenti di Trento.

La struttura che ha perso fuoco, ospitava il negozio Kube e nell’ultimo periodo è frequentato da numerosi senza tetto.

PubblicitàPubblicità

Le fiamme hanno provocato un forte e denso fumo grigio visibile da chilometri di distanza e che in parte hanno invaso anche i binari della ferrovia che passa proprio di fronte all’edificio.

Ad andare a fuoco alcuni materassi e delle coperte. 

Non risultano persone ferite.

Gravi problemi al traffico che è rimasto per ore paralizzato.

L’ipotesi è che qualcuno per riscaldarsi abbia accesso un fuoco che poi è degenerato in un grosso incendio.

Sotto il video di Tommaso Peterlini postato su «se sei di Rovereto….»

Gepostet von Tommaso Peterlini am Sonntag, 20. Januar 2019

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Marangoni: richiesti 6 mesi di cassa integrazione straordinaria

Pubblicato

-

E’durante un incontro con la Marangoni in Confindustria ieri mattina, pianificato per discutere del business plan aziendale, che i sindacati si sono sentiti dire che lunedì e martedì saranno chiusi i reparti aziendali “core business” , il «mescole» e il «ricostruiti per movimento terra», sia per la settimana in corso che per la prossima.

L’Azienda ha infatti preso la decisione di chiedere l’accesso alla cassa integrazione straordinaria a causa di problemi legati alla liquidità.

Per appianare tali difficoltà i vertici aziendali ritengono necessario ridurre il personale per i prossimi sei mesi.

PubblicitàPubblicità

Il problema della mancanza di liquidità con cui l’azienda roveretana si confronta da tempo è scaturito dal ritardato pagamento di una fattura che ha causato un ritardo anche nell’acquisto delle materie prime riducendo di conseguenza il bisogno di manodopera.

La proposta avanzata per appianare la situazione sarebbe quindi di usufruire di 4 giornate di festività che nel 2019 coincidono con le domeniche, lasciando a casa i lavoratori lunedì e martedì della settimana prossima, e lo stesso nella settimana successiva.

L’assessore Spinelli (nella foto)ha confermato che la provincia è pronta ad avviare una cabina di regia per cercare delle soluzioni nel merito

«Oltre alla crisi dei piccoli commercianti del centro storico e della città in generale, – dichiara Alessandro Dalbosco portavoce pentastellato di Rovereto – leggiamo in queste drammatiche ore del nuovo avvicinarsi dello spettro della cassa integrazione per una delle storiche ed un tempo floride industrie di Rovereto: la Marangoni. Nella mera speranza che il fermo momentaneo delle attività di alcuni settori di tale industria, dia il tempo necessario affinché il tavolo delle trattative si possa riaprire contando anche sulla presenza della compagine provinciale nella figura dell’assessore competente, vogliamo esprimere la nostra vicinanza alle famiglie e ai dipendenti Marangoni».

I sindacati nel merito chiedono l‘obbligo morale da parte della Marangoni di fare completa chiarezza sulla situazione, per quindi poter comprendere come intenda gestire questa difficile fase temporale.

Ai quesiti sindacali l’Azienda ha replicato giustificandosi con l’impossibilità di produrre regolarmente e, vista l’assenza di altri strumenti (es. smaltimento ferie arretrate, ecc.), la necessità di fare ricorso per almeno 6 mesi a qualche ammortizzatore.

Inoltre, grazie all’attivazione di uno specifico piano finanziario (recupero insoluti, cessione di “asset”, ecc.), la Marangoni confida di pervenire ad un riequilibrio finanzio, almeno di “cassa”, tale da permettere una regolare produzione.

Mario Cerutti della Filctem CGIL ha precisato: «I colpi di scena sembrano proprio non finire, tra l’altro con una curiosa temporalità e, in tutto questo, la PAT continua a essere la grande assente. Per tale motivo ribadiamo la necessita di una “cabina di regia” della Provincia ma, se non dovesse giungere a breve una disponibilità, porremmo la questione direttamente al MI.SE».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Nuovo attacco dei Lupi a Marani di Ala, sbranate 3 pecore. Forti preoccupazioni dei residenti

Pubblicato

-

Nuovo attacco di un branco di lupi nella mattinata al pascolo Marani, frazione di Ala.

I lupi hanno aggredito un gregge di pecore.

Le pecore erano custodite in un recinto elettrificato, con rete alta 1.45 metri, fornito dalla Provincia come prevenzione antilupo.

Pubblicità
Pubblicità

Intorno alle 6.30 di questa mattina il branco ha aggredito il recinto, spaventando tutto il gregge, che in preda al panico ha sfondato il recinto per scappare.

Alcuni agnelli sono rimasti schiacciati ed altri incastrati nella rete elettrificata, tre pecore sono state sbranate dai lupi.

Il fatto è accaduto nei vigneti ad una distanza di circa 50 metri dalle case.

Le pecore sbranate sono state trovate ad una ventina di metri dalle case abitate della zona.

La cosa molto preoccupante è l’orario dell’attacco avvenuto al mattino presto in una zona abitata.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza