Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Assessore Failoni: «Pronti 43 milioni di euro per l’ampliamento del polo fieristico e congressuale di Riva del Garda»

Pubblicato

-

“Il polo fieristico congressuale di Riva del Garda è un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale e per questo merita tutta la nostra attenzione. La giunta provinciale ha dato mandato in queste ore a Patrimonio del Trentino di sostenere l’ampliamento dell’area espositiva gardesana”.

L’assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo della Provincia autonoma di Trento, Roberto Failoni, annuncia – in occasione della presentazione della 91° edizione di Expo Riva Schuh – la disponibilità della giunta di finanziare, con un investimento di circa 43 milioni di euro, il progetto di ampliamento dell’area espositiva e congressuale, atteso da anni.

I lavori dovrebbero concludersi entro il 2023.

PubblicitàPubblicità

In particolare, la Provincia ha destinato 15 milioni di euro per finanziare il polo fieristico alla Baltera: il termine per la presentazione delle domande di partecipazione al bando è scaduto lo scorso 15 dicembre.

Inoltre, la Provincia ha stanziato altri 28 milioni di euro – oggetto di un secondo bando, il cui termine per la presentazione delle domande scade il prossimo 16 gennaio – per la riqualificazione e ampliamento del polo congressuale a ridosso del lago.

In conferenza stampa, accanto all’assessore provinciale Roberto Failoni, c’erano il presidente di Riva del Garda Fierecongressi, Roberto Pellegrini; e il direttore generale, Giovanni Laezza, che incassano con soddisfazione il via libera dell’esecutivo provinciale: “Grazie ai nuovi spazi, Fierecongressi potrà competere sui mercati internazionali, offrendo non solo spazi espositivi ma anche servizi di qualità agli espositori. L’annuncio di oggi è la conclusione di un percorso iniziato da tempo e da cui dipendeva buona parte del nostro futuro”.

Queste le cifre esposte in conferenza stampa: il polo fieristico amplierà in maniera consistente la superficie espositiva – tra i 12 e i 15 mila metri quadrati – che vanno ad aggiungersi ai 32 mila esistenti. La società Riva del Garda Fierecongressi finanzierà con 30 milioni di euro l’ampliamento a nord, verso l’ex area artigianale.

La Provincia Autonoma di Trentino investirà i primi 15 milioni di euro nell’ampliamento dell’area ad ovest dell’attuale comparto fieristico ed altri 28 milioni di euro nel Palazzo dei Congressi, dove sarà ampliato e riqualificato il Centro Congressi e dove sarà realizzato anche il nuovo teatro di Riva del Garda.

Ancora l’assessore provinciale Roberto Failoni: “Le fiere e i congressi, prima tra tutte Expo Riva Schuh, rappresentano un formidabile volano per l’intera economia dell’Alto Garda, e non solo, ad incominciare dal turismo. La nuova giunta provinciale intende investire in progetti che contribuiscano in maniera tangibili alla crescita e allo sviluppo dell’economia del Trentino. In questo primo mese e mezzo di mandato ho incontrato più volte i vertici della società fieristica e con il presidente Maurizio Fugatti abbiamo ritenuto prioritario dare una risposta alle esigenze di un comparto che in questi anni ha saputo crescere in maniera costante”.

EXPO RIVA SCHUH – La 91° edizione di Expo Riva Schuh, Gardabags e tutta la rete espositiva di Riva del Garda apriranno i battenti dal 12 al 15 gennaio prossimi per accogliere i più importanti player internazionali del settore calzaturiero e presentare le tendenze accessori per l’autunno/inverno 2019/2020.

“Expo Riva Schuh, Gardabags e la rete espositiva degli hotel di Riva del Garda si propongono come vera e propria Fiera Diffusa – spiega il presidente di Riva del Garda Fierecongressi, Roberto Pellegrini. Negli anni abbiamo sviluppato la capacità di recepire le evoluzioni del settore e studiare delle strategie che rendessero unica la nostra proposta. La nostra vocazione internazionale ci ha reso un punto di riferimento per gli operatori del settore, offrendo un momento qualificato in cui fare business di qualità”.

La 91 edizione di Expo Riva Schuh accoglie al Quartiere Fieristico 1.469 espositori provenienti da 39 Paesi su una superficie espositiva di 32.322 mq. L’anima internazionale della manifestazione catalizza a Riva del Garda ad ogni edizione circa 12.000 visitatori in rappresentanza di 102 Paesi.

In questo senso risultano vincenti le collaborazioni con ICE (Italian Trade Agency) e MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), grazie alle quali sono attesi in fiera 40 Delegati provenienti da Francia, Polonia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Romania, Russia, Ucraina, Ungheria e Croazia.

“Il nostro modello espositivo è capace di valorizzare le eccellenze sia dell’offerta merceologica sia della terra che la ospita – afferma Giovanni Laezza, direttore generale di Riva del Garda Fierecongressi. La nostra non è solo una fiera ma un’esperienza, un’insostituibile piattaforma di business e un luogo di incontro e di confronto per ritrovare l’equilibrio tra le tempistiche sempre più accelerate della moda e le esigenze di produzione e distribuzione”.

Gardabags, l’evento espositivo dedicato a borse e accessori, arricchisce ulteriormente l’offerta per i buyer, rispondendo alla crescente richiesta del retail di soluzioni total look con una qualificata selezione di borse, cinture e accessori presentata da 60 espositori da 9 paesi.

Per questa seconda edizione i buyer possono beneficiare di un’apertura prolungata di Gardabags fino alle 20.00 e di una capillare rete di servizi e di collegamento tra le due manifestazioni per ottimizzare la loro visita e creare nuove occasioni di contatto e di business.

“La sinergia tra Expo Riva Schuh e Gardabags ha permesso di creare l’unico hub internazionale di business in grado di integrare un’offerta unica con calzature e accessori per il comparto di volume – afferma Carla Costa, responsabile dell’Area Fiere di Riva del Garda Fierecongressi. Il fashion system ragiona sempre di più in una logica di total look e ancora una volta siamo stati capaci di intercettare questa tendenza e di offrire agli operatori uno strumento fieristico in linea con le evoluzioni del mercato”.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Soccorso Alpino: recuperati due giovani in difficoltà sul Monte Altissimo

Pubblicato

-

Nel pomeriggio di ieri l’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino è stata chiamata a intervenire per recuperare due escursionisti in difficoltà sul Monte Altissimo.

I due, un ragazzo e una ragazza della provincia di Verona, stavano salendo a piedi con il cane dal Rifugio Graziani a Malga Campei.

Tra malga Campo e Malga Campei si sono trovati a dover attraversare una lingua di neve e ghiaccio senza avere i ramponcini.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’impossibilità di proseguire hanno chiamato il Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 14.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino ha mobilitato una squadra di 3 tecnici i quali hanno raggiunto i due escursionisti, grazie alle coordinate gps, salendo per un tratto di strada con il quod e proseguendo poi a piedi.

I soccorritori hanno dotato di ramponcini i due ragazzi e con una corda li hanno guidati lungo la lingua di ghiaccio e neve, per poi accompagnarli, incolumi, a valle.

Alle operazioni si recupero hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco di Brentonico.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Ieri l’ncontro fra la Giunta provinciale di Trento e quella comunale di Riva del Garda

Pubblicato

-

La ciclabile del Garda, le questioni degli affitti turistici, del Polo scolastico nel rione De Gasperi, della revisione dei criteri di finanziamento del Corpo di Polizia Locale intercomunale, dello spostamento della stazione delle autocorriere e dell’omogeneizzazione del sistema raccolta rifiuti dell’Alto Garda, oltre alla conferma del personale del Progettone per la custodia del Museo Alto Garda e del Forte Garda sul Monte Brione.

Sono molti i temi al centro dell’incontro fra la Giunta provinciale di Trento e quella del Comune di Riva del Garda, guidata dal sindaco Adalberto Mosaner, che si è tenuto ieri pomeriggio nel Capoluogo, secondo un modus operandi instaurato dalla nuova Giunta provinciale basato sull’ascolto e sul dialogo con le amministrazioni comunali, per affrontare con spirito collaborativo le principali questioni aperte.

“Si è trattato di un incontro conoscitivo molto proficuo – ha commentato al termine il presidente Maurizio Fugatti – servito a mettere sul tappeto le principali questioni che riguardano Riva, ma che hanno spesso anche una valenza importante per tutto il Trentino. Sulla necessità di completare la ciclabile del Garda verso Limone – ha detto il presidente che nei giorni scorsi aveva effettuato un sopralluogo – dobbiamo mettere in campo ogni sforzo per accelerare. Vogliamo fare presto e bene, senza nasconderci che l’opera è impegnativa, ma ben sapendo che si tratta di un biglietto da visita per il Garda trentino”.

Pubblicità
Pubblicità

Al centro del confronto fra le due giunte anche la questione della difficoltà, causa gli affitti turistici, a reperire appartamenti in locazione per i residenti. “E’ un tema complesso – hanno evidenziato il presidente Fugatti e l’assessore al turismo, Roberto Failoni – che riguarda anche altre zone del Trentino e che stiamo studiando al fine trovare una soluzione”.

L’incontro è terminato con l’impegno da parte della Giunta provinciale di esaminare ed approfondire, entro un mese, le varie richieste avanzate dall’amministrazione rivana e di verificare le eventuali soluzioni, che potrebbero poi essere definite puntualmente in uno specifico protocollo d’intesa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Stupore in via Linfano, asino in mezzo alla strada

Pubblicato

-

Per qualche minuto ha girovagato lungo via Linfano ad Arco camminando a velocità d’uomo lungo la carreggiata fra lo stupore e un po’ di paura fra gli automobilisti.

Un stamane verso le 9.30 un asino, scappato dal recinto di qualche azienda agricola della zona, ha creato un po’ di scompiglio fra gli automobilisti e alcuni problemi al traffico.

Nel frattempo le forze dell’ordine allertate dopo qualche minuto di indagini sono riuscite ad accertare la provenienza ed avvisare i proprietari che nel pomeriggio sono arrivati per recuperare l’animale portarlo nel loro abituale recinto di casa. Per loro, i proprietari, scatterà una lieve sanzione amministrativa per il mancato controllo.

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza