Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Anziani morti Fai della Paganella: un dramma della solitudine, hanno scelto insieme di farla finita

Pubblicato

-

Le indagini hanno confermato che la morte di Sergio Cini, 85 anni, e Luisa Zardo, 87 anni è da considerarsi un omicidio –  suicidio e che è avvenuta nella giornata di martedì.

L’uomo, in ginocchio davanti alla moglie sdraiata sul divano, le avrebbe sparato, e dopo, rivolgendo l’arma su se stesso si sarebbe tolto la vita.

La coppia è stata trovata abbracciata, sul divano della loro casa, al primo piano del numero 14 di via Cortalta, a Fai della Paganella.

Pubblicità
Pubblicità

Il loro è un dramma della solitudine, del dolore, che ha portato ad una drammatica scelta: quello di finire la propria sofferenza.

Vicino ai corpi un lettera indirizzata alla figlia Sonia che abita a Padova e ai parenti, dove traspare chiaramente la grande sofferenza della coppia e dove ogni frase viene scritta con il «noi», segno che ambedue erano d’accordo di farla finita.

Pubblicità
Pubblicità

Luisa Zardo era appena tornata a casa da un mese di ricovero presso la casa di riposo per anziani di Mezzolombardo. Stava male, il suo terribile male stava peggiorando di giorno in giorno.

Gli amici e le infermiere li sentivano spesso ripetere: «Non ce la facciamo più»

Pubblicità
Pubblicità

La Procura – come atto dovuto – ha aperto un’inchiesta per omicidio volontario che sarà archiviata al più presto.

Sergio Cini, originario di Venezia, aveva lavorato una vita come assicuratore alla Generali di Bolzano e dopo la meritata pensione nel 1995 aveva deciso di trasferirsi a Fai della Paganella dove per anni avevano passato le vacanze.

Sergio Cini aveva conosciuto Luisa Zardo a Venezia, dove erano nati e dove fin da ragazzini erano vicini di casa. Il loro era stato un colpo di fulmine che era culminato con in matrimonio felice durato sessant’anni.

Proprio sull’Altopiano aveva deciso di acquistare una casa per passare in modo sereno e felice la sua vecchiaia.

Si amavano molto e condividevano tutto, «vivevano uno per l’altra e avevano solo loro stessi» – spiegano gli amici e vicini di casa

A Luisa Zardo poi era stato diagnosticato un terribile male che negli ultimi tempi era peggiorato.

Probabilmente il peso della malattia di lei e della sofferenza e solitudine del marito era diventato troppo pesante da sopportare.

Forse dopo l’ultimo ricovero è scattato qualcosa nella testa dei due, e al loro ritorno a casa hanno deciso di comune accordo di farla finita per sempre.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Riapre stasera la Statale 421 per Molveno

Pubblicato

-

Grazie all’impegno determinante del Servizio Gestione Strade della Provincia, a partire da questa sera sarà riaperta al traffico la S.S. 421 nel tratto tra S. Lorenzo in Banale e Molveno, chiusa dal 23 novembre scorso a causa di una frana staccatasi dalla parete rocciosa che costeggia la sede stradale

Gli interventi per ripristinare l’agibilità dell’arteria viaria sono stati avviati già all’indomani della frana dallo stesso Servizio Gestione Strade, in collaborazione con i geologi del Servizio provinciale e di una ditta specializzata in disgaggi.

La riapertura è avvenuta in tempi record, nonostante la situazione della parete rocciosa a monte della strada, l’entità della frana e le condizioni di intervento non certe.

PubblicitàPubblicità

Superato questo problema immediato rimane l’impegno, confermato dal presidente Maurizio Fugatti, di affrontare strutturalmente le condizioni della strada, per la quale sono già disponibili risorse a bilancio.

Al momento, oltre alla bonifica di un’ampia porzione del versante interessato dai crolli, si è provveduto allo svuotamento del materiale di frana trattenuto dalle barriere paramassi già in opera ed a realizzare una nuova barriera paramassi nella parte superiore delle alte pareti presenti.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, per accelerare la riapertura della strada in considerazione della sua valenza turistica e considerato che sono già in attività gli impianti delle stazioni sciistiche dell’Altopiano della Paganella, per un tratto di circa 80 metri, la sede stradale è stata provvisoriamente spostata più a valle, in modo da allontanarla il più possibile dalla base della parete della frana.

Ad ulteriore protezione del traffico è stata realizzata una barriera di elementi prefabbricati in cemento armato, sormontati da una rete metallica, in modo da contenere le eventuali proiezioni di frammenti che potrebbero essere rilasciati nella fase di completamento dei lavori, prevista per le prossime settimane.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

In Paganella ritorna lo Slalom Gigante della Coppa Europa Femminile

Pubblicato

-

Questo weekend, Andalo, da il via alla serie di gare italiane della Coppa Europa Femminile di Sci alpino.

E’ il settimo anno consecutivo che la Coppa Europa Femminile fa tappa in Paganella e quest’anno ospiterà le prime due gare della successione di competizioni che si terranno in Italia, per la precisione in Val di Fassa e in Alto Adige.

Due gare di Slalom Gigante Femminile che si terranno sabato 14 e domenica 15 dicembre 2019 selle nevi della Ski Area Paganella. (altro…)

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sarà rifatto il manto stradale in via al Doss a Vigo di Ton

Pubblicato

-

Da parte degli utenti di via al Doss, nell’abitato di Vigo di Ton, è stato segnalato che il manto stradale in asfalto presenta buche e avvallamenti in più parti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza