Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Terre d’Adige al via: si è insediato Rolando Fontan, Commissario Straordinario del nuovo Comune.

Pubblicato

-

Con il 1 gennaio 2019 è nato il nuovo Comune di Terre d’Adige, dalla fusione di Nave San Rocco e Zambana.

Ieri 3 gennaio 2018 si è insediato il Commissario Straordinario designato dalla Giunta Provinciale, il dott. Rolando Fontan, che reggerà il Comune fino alle elezioni amministrative che si terranno, indicativamente, nel prossimo mese di maggio.

Il Commissario ha visitato le due sedi municipali di Zambana e Nave San Rocco ed ha incontrato tutto il personale; si è poi confrontato con il Segretario dott. Bevilacqua e con i Responsabili dei vari Servizi Comunali per fare il punto della situazione e per avere dati e informazioni riguardanti la vita amministrativa e la programmazione del nuovo Comune.

Pubblicità
Pubblicità

Ha quindi incontrato i due ex Sindaci Renato Tasin e Joseph Valer per conoscere le questioni da portare avanti e concordare con loro il metodo di lavoro da attuare nei prossimi mesi.

Il dottor Fontan ha espresso apprezzamento per quanto fatto dalle due Amministrazioni per arrivare alla fusione ed ha dichiarato che il suo impegno sarà finalizzato a consolidare e affinare questo percorso dal punto di vista strutturale, organizzativo e procedurale, al fine di garantire ai cittadini i servizi e le risposte che sono richieste al Comune.

Obiettivo sarà quello di non aumentare la spesa corrente del personale e di utilizzare il risparmio derivato dalla fusione a beneficio della cittadinanza.

Al fine di garantire una continuità dell’attività amministrativa ha chiesto ai due ex Sindaci di affiancarlo per condividere le decisioni che sarà chiamato a prendere e ha affidato loro il compito di garantire la rappresentanza del nuovo Comune negli Enti in cui esso è inserito e nelle varie iniziative della comunità.

Il nuovo Comune di Terre d’Adige quindi parte sotto i migliori auspici, il lavoro propedeutico alla fusione portato avanti dalle Amministrazioni di Tasin e Valer è stato importante ed ora il Commissario Fontan potrà consolidare, affinare e migliorare la struttura, anche con consigli dettati della sua competenza ed esperienza professionale, e prepararla per la nuova Amministrazione che sarà eletta in tarda primavera.

CHI È ROLANDO FONTAN  – Laureato in giurisprudenza a Bologna, ha lavorato come segretario comunale in differenti comuni del Trentino. Ha iniziato la sua carriera politica avvicinandosi al partito indipendentista neo-costituito “Lega Nord”. Rolando Fontan è stato deputato dal 1994 al 2001, per due legislature. È stato membro della Commissione parlamentare per le riforme costituzionali (cosiddetta bicamerale). Dal 1999 al 2001 è segretario della Lega Nord Trentino subentrando a Alessandro Savoi.

 

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Mezzolombardo, un percorso fotografico dedicato a Oscar Romero in chiesa parrocchiale

Pubblicato

-

Oscar Romero, proclamato santo da Papa Francesco il 14 ottobre 2018

Domani sera, venerdì 22 marzo alle 20, la Via Crucis nella chiesa dei frati francescani a Mezzolombardo sarà dedicata alla memoria dei missionari martiri. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

“Diversi ma uguali”: domani al Martino Martini tutti con scarpe e calzini spaiati

Pubblicato

-

“Siamo tutti diversi ma uguali”: è questo lo slogan dell’iniziativa a cui prenderà parte l’Istituto d’Istruzione Martino Martini di Mezzolombardo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Piana Rotaliana

Discarica abusiva Mezzocorona, Paoli (Lega): «Fatto grave per il nostro territorio»

Pubblicato

-

I Carabinieri del NOE di Trento e gli ispettori ambientali dell’APPA, con il supporto di personale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Trento hanno sequestrato stamane una discarica abusiva sui terreni estrattivi di Mezzocorona di proprietà dell’Adige Bitumi.

Le complesse attività ispettive hanno permesso di accertare che a partire dagli inizi degli anni 2000 sono state accumulate circa 200 mila tonnellate (circa 130.000 mc) di rifiuti, sino a formare una collina di circa 23 metri di altezza, che ora dovranno essere gestiti al fine della rimessa in pristino dell’area.

Le ipotesi di reato, al vaglio della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Trento, riguardano le attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, reato recentemente introdotto nel codice penale.

PubblicitàPubblicità

Su quanto successo è intervenuto anche il consigliere provinciale della Lega Denis Paoli: «È di fondamentale importanza fare chiarezza su quanto successo e, qualora il tutto fosse confermato, mi auguro si procederà con pene giuste, decise e severe. Sull’ambiente, così come su qualsiasi altro tipo di reato, non ci sono scusanti»

Paoli ha voluto ringraziare i Carabinieri del Noe di Trento per la loro attività di tutela dell’ambiente sottolineando che «Chi offende, inquinando, il Trentino e i trentini non è degno di vivere e lavorare nella nostra terra autonoma»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Metti un Like alla pagina

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza