Connect with us
Pubblicità

Trento

Rivolta Spini: nessuna sanzione disciplinare per i 100 detenuti che hanno devastato il carcere

Pubblicato

-

nella foto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Attacco frontale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e al Capo dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, per le modalità di gestione delle carceri di Trento.

Il Sindacato lamenta la mancata convocazione, nella sede ministeriale di via Arenula a Roma, per affrontare la spinosa questione delle carceri, argomento che per il SAPPE dovrebbe essere al primo punto dell’agenda ministeriale, anche alla luce degli ultimi gravi eventi critici accaduti nel penitenziario di Trento

E sono proprio i provvedimenti assunti dal DAP (dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) verso i detenuti rivoltosi di Trento a scatenare la protesta del SAPPE.

Pubblicità
Pubblicità

I detenuti facinorosi di Trento, responsabili della rivolta nelle carceri di Spini di Gardolo trasferiti in massa, sono giunti negli istituti di assegnazione senza alcun provvedimento disciplinare.

Per tutti loro nessuna sanzione disciplinare, nessun consiglio di disciplina, nessun isolamento, nulla, nonostante le devastazioni che costeranno alla comunità centinaia di migliaia di euro.

Sulla questione Donato Capece del sindacato di Polizia SAPPE ha replicato al ministro Bonafede, «Ora, dico io, – spiega Capece –  si può accettare tutto questo?»

Pubblicità
Pubblicità

«Questi, – continua il sindacalista – come tutti i detenuti che in carcere si rendono protagonisti di comportamenti violenti e di rivolte (come Trento, Lucca, Sanremo, Airola), devono essere sottoposti al regime speciale della sorveglianza particolare previsto dall’Ordinamento Penitenziario all’articolo 14 bis. Il regime di sorveglianza particolare prevede restrizioni al trattamento e ai diritti dei detenuti ritenuti pericolosi per la sicurezza penitenziaria. In base all’articolo 14 bis possono essere sottoposti a regime di sorveglianza particolare per un periodo non superiore a sei mesi, che può essere prorogato più volte, ma ogni volta in misura non superiore a tre mesi, i detenuti che con i loro comportamenti compromettono la sicurezza negli istituti penitenziari, quelli che con la violenza o le intimidazioni impediscono le attività degli altri detenuti, quelli che nella vita penitenziaria mettonoin stato di soggezione altri detenuti. E invece tutto questo non è avvenuto! E’ questo il nuovo corso nella gestione delle carceri di Bonafede e Basentini?» 

Gravissima la denuncia di Capece nei confronti di Basentini, capo del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. : Da quando è arrivato lui al Dipartimento, il Corpo rischia di fare un passo all’indietro di 40 anni! Basentini vorrebbe cacciare la Polizia Penitenziari dalle Procure delle Repubbliche, dai Tribunali di Sorveglianza, dagli Uffici giudiziari, dai varchi dei Palazzi di Giustizia di Napoli e Roma, persino dalla DIA! La scusa è quella di rinforzare gli organici dei Reparti nelle carceri, ma non è affatto così visti i numeri. La realtà ci sembra invece essere che Basentini vuole annientare l’identità di Corpo di Polizia dello Stato della Polizia Penitenziaria, specie nel suo ruolo interforze, e per farlo vorrebbe mortificare tante professionalità che nel tempo hanno elevato la professionalità del Corpo. Non lo possiamo accettare! Basentini non può fare il forte con i deboli, ossia con i poliziotti, ed essere poi debole con i forti, cioè i detenuti! Non lo accettiamo e glielo grideremo in faccia, a Roma, a Potenza ed ovunque andrà! La Polizia Penitenziaria merita rispetto e per questo, se Basentini dimostra di non avere ancora capito quali sono i reali problemi dei penitenziari italiani.chiediamo al Ministro della Giustizia Bonafede un urgente incontro al Ministero!”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza