Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

I 31 lavoratori licenziati dalla nuova Pulisprint di Nago incontrano l’assessore

Pubblicato

-

Questa mattina, alle ore 10.00 in concomitanza con l’inizio del consiglio provinciale di Trento, i lavoratori e le lavoratrici della Nuova Pulisprint licenziati, insieme al Sindacato di Base Multicategoriale hanno richiesto un incontro con l’assessore al lavoro al fine di spiegare le loro ragioni in ordine alla chiusura della ditta.

La disponibilità dell’assessore è stata massima ed immediata.

L’incontro si è infatti regolarmente svolto alle ore 11:00.

Pubblicità
Pubblicità

La nuova Pulisprint è un’azienda che effettua servizi di lavanderia a livello industriale e che ha chiuso i battenti lasciando sulla strada 31  dipendenti

La sua clientela, per lo più alberghi e ristoranti, è situata nel Basso Sarca, nelle zone ad alta densità turistica posizionate attorno al Lago di Garda, nelle province contigue del Veneto, con particolare riferimento a Verona e Padova.

Nello stabilimento aziendale di Nago-Torbole il personale operaio pulisce, lava, asciuga e stira migliaia di capi (tovaglie, tovaglioli, lenzuola, federe, ecc.) al giorno per i vari esercizi turistici, tanto da aver accumulato, sino allo scorso mese di novembre 2018, migliaia di ore di permessi individuali retribuiti, a causa delle tantissime prestazioni di lavoro straordinario rese alla ditta.

Pubblicità
Pubblicità

I sindacati, durante la protesta hanno messo in evidenza un volantino che riportiamo integralmente sotto:

Pubblicità
Pubblicità

IL VOLANTINO DEL SINDACATO DI BASE – E’ un’impresa industriale a cui il lavoro e la clientela non mancano, anzi! Eppure lo scorso lunedì 17 dicembre 2018 i dipendenti hanno trovato i cancelli della fabbrica chiusi ed è stato loro letto un laconico comunicato aziendale così sintetizzabile: “Siete tutti in ferie, l’azienda chiude perché non è più in grado di andare avanti, le banche hanno bloccato i finanziamenti e congelato i conti”.

Così da un giorno all’altro 30 operai e 1 impiegato, che fino alla settimana prima avevano svolto lavoro straordinario, si sono ritrovati senza lavoro e senza stipendio.
L’azienda ha avviato una fittizia procedura di licenziamento collettivo, con una lettera trasmessa alla triplice sindacale (CGIL-CISL-UIL), escludendo ovviamente il Sindacato di Base Multicategoriale (SBM) che ha il 60% di iscritti nella fabbrica.

E pochi giorni fa ha depositato istanza di fallimento (in proprio) avanti il Tribunale di Rovereto. E la clientela? L’attività produttiva? Qui cominciano le stranezze di questa storia.

Sembrerebbe che il sostanzioso pacchetto clienti e tutta l’attività produttiva connessa, siano stati “affidati” ad una impresa di Sirmione, sul Lago di Garda in provincia di Brescia, che provvederà in proprio a proseguire la redditizia lavorazione sopra descritta.

Questa ditta subentrante, la quale avrebbe l’obbligo di assumere tutto il personale della NUOVA PULISPRINT, si dice abbia la propria sede legale al medesimo indirizzo di un’altra impresa di lavanderia industriale, dichiarata l’anno scorso fallita dal Tribunale di Brescia.

Una prima domanda sorge spontanea: a che pro “affidare” un redditizio e sostanzioso pacchetto clienti ad un’impresa concorrente? E ancora: perché affidarlo ad una ditta rivale (in senso commerciale s’intende), la quale avrebbe preso il posto (così si vocifera) di altra azienda, del medesimo settore, anch’essa fallita?

Si potrebbe ipotizzare che quest’ultima sia impresa capace di acquisire società concorrenti decotte e finanziariamente dissestate… Ma tutto è molto discutibile e
non regge alla logica dei fatti. Con quale personale (in particolare operaio) gestirà la mole di lavoro che la NUOVA PULISPRINT le avrebbe riversato sulla preesistente attività produttiva?

Ma le bizzarrie di questa vicenda non finiscono qui. C’è anche da comprendere come sia stato possibile che la nostrana azienda di Nago-Torbole possa essere finita in completo dissesto finanziario nonostante il lavoro non le mancasse, al punto da costringere gli operai e le operaie dipendenti a prestare migliaia di ore di lavoro straordinario all’anno!

Gestione allegra della proprietà? Può darsi. Poca abilità imprenditoriale dei titolari? Anche questo è possibile. Elevato costo del lavoro? QUESTO NO! Cominciamo col dire che, a fronte dell’attuale organico di 31 dipendenti, negli ultimi anni la NUOVA PULISPRINT avrebbe assunto una quarantina di apprendisti. E’ noto che a fronte della formazione del personale, le ditte godono sia di privilegi in termini di spese contributive e fiscali, sia in termini di salario, erogato in misura ridotta.

Il risparmio per l’imprenditore è di rilevante entità: sono migliaia di euro annui in meno rispetto all’assunzione d’un operaio qualificato.

Ma questo è niente. Secondo i resoconti dei lavoratori e delle lavoratrici apprendisti assunti, sembrerebbe che il programma formativo al quale l’azienda dovrebbe attenersi per conseguire tutti i favori sul costo del lavoro, non vi sarebbe mai stato o sarebbe stato effettuato in misura ridotta.

Ci sono stati casi in cui operai ed operaie avrebbero firmato moduli formativi mai effettuati (si discute di centinaia di ore passate in produzione anziché a scuola) o svolti con modalità non rispondenti alla qualità certificata.

In alcuni casi – non è chiaro se vi sia stata o meno la connivenza delle scuole di formazione professionale esterne – risulterebbe che gli (immaginari)
apprendisti abbiano frequentato sulla carta corsi formativi per 40 ore, pur avendone fatte in misura ridotta.

Il risparmio sul costo del lavoro per la NUOVA PULISPRINT non finisce qui. Pare che, soprattutto in periodi di alta stagione e massima produzione, sia stato assunto personale non in regola (c.d. “lavoro nero”), personale minorenne (sotto forma di stage), e lavoratori stranieri non a norma con la documentazione di soggiorno in Italia.

Si narra che durante un controllo effettuato dalle autorità preposte, taluni operai non in regola siano stati fatti fuggire nel bosco attiguo allo stabilimento. E c’è di più. Si novella che talune prestazioni straordinarie siano state remunerate fuori dalla busta paga, o nelle buste paga di parenti stretti degli operai irregolari, anch’essi alle dipendenze della società.

In alcuni casi finanche sotto forma di benefit di considerevole valore (è un eufemismo) anziché in denaro.

Ovviamente tutto questo è accaduto in un clima di controllo severo del lavoro, con diritti sindacali vicini allo zero (in particolar modo per coloro che sono o erano iscritti a SBM, comunemente definiti dalla proprietà “i bastardi”), sicurezza sul lavoro estremamente precaria, qualche incidente sul lavoro fatto passare per malattia, anziché infortunio.

Il caso più vergognoso ascoltato, riguarda una dipendente in gravidanza alla quale è stato “consigliato” di abortire (a spese aziendali) nel caso fosse sua aspirazione proseguire il suo rapporto di lavoro con la ditta.

Ma c’è ancora dell’altro che non quadra in tutta questa vicenda. A dire degli operatori che hanno prestato la loro opera per la NUOVA PULISPRINT, sembrerebbe che non tutti i rapporti economici con la clientela siano stati gestiti in modo legittimo, soprattutto in ordine alla normativa fiscale vigente in Italia. Sul punto, però, questo sindacato sta raccogliendo materiale ed informazioni di maggior pregio che saranno poi comunicate alla Guardia di Finanza per competenza.

Sulla scorta di tutte le informazioni raccolte ed ivi sinteticamente esposte, il Sindacato di Base Multicategoriale ha conferito mandato ai propri legali di redigere un esposto dettagliato che verrà trasmesso nei prossimi giorni alla competente Procura della Repubblica, nonché al curatore fallimentare che verrà nominato a breve dal Tribunale di Rovereto.

Alla giunta ed al consiglio della P.A.T. il compito politico di vigilare sulle condotte di taluni “avventurieri” che si professano imprenditori e di chiudere i rubinetti dei finanziamenti pubblici, sotto qualunque forma essi siano erogati. Ma anche quello di intervenire a livello nazionale per ottenere un periodo di ammortizzatori  ociali, in attesa che l’attività produttiva di Nago-Torbole possa riprendere a pieno regime e senza licenziamenti.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]
  • Riceve 100 euro dalla nonna e li usa per comprare mascherine da donare all’ospedale
    “Grazie Dottoressa, vi vogliamo bene, buon lavoro” è la frase che ha reso Christian di soli 8 anni protagonista di un piccolo ed inaspettato gesto che ha commosso tutto il personale sanitario dell’ospedale San Pio di Vasto, Chieti. La frase arriva accompagnata da un gesto che ha emozionato chi, in questi mesi è stato impegnato […]

Categorie

di tendenza