Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Forte sisma a Catania, molti i danni e otto feriti

Pubblicato

-

E’ stata di magnitudo 4.8 la forte scossa di terremoto avvenuta alle 3:18 a nord di Catania.

Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a solo 1 km di profondità ed epicentro vicino ai comuni di Viagrande e Trecastagni.

Molte persone nel panico per le strade. Diversi i danni segnalati.

Pubblicità
Pubblicità

Per il momento non si hanno notizie di vittime.

I feriti sono otto, tutti in maniera lieve da codice verde.

Oltre ai due registrati nella casa di Fleri, nella stessa frazione di Zafferana Etnea un 80 enne è stato estratto da soccorritori dalle macerie della sua abitazione dove il sisma lo ha sorpreso nel sonno: portato in ospedale con un’ambulanza è stato accettato nel pronto soccorso in codice verde per delle contusioni alla testa. Lo stesso per un abitante di Pisano.

Il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, accompagnato da un team di esperti del dipartimento è in partenza per la Sicilia per fare un punto della situazione sui danni provocati dallo sciame sismico, che in queste ore sta interessando l’area etnea. Dopo aver sorvolato l’area colpita, Borrelli incontrerà le autorità locali nella Prefettura di Catania per pianificare gli interventi di assistenza alla popolazione e di verifica dell’agibilità degli edifici.

La forte scossa  di terremoto è avvenuta dopo uno sciame sismico di oltre 10 scosse nella notte.

Tra le più rilevanti, appunto, oltre a quella di magnitudo 4.8 delle 3:19, una di magnitudo 3.3 all’1:09 vicino ad Aci Sant’Antonio. Quasi tutti gli eventi sismici hanno avuto ipocentro a una profondità molto bassa, anche meno di un chilometro.

L’eruzione sull’Etna, ancora in piena attività, e l’intensa attività sismica sul vulcano al momento non hanno creato disagi all’aeroporto internazionale di Catania, che è pienamente operativo.

A Pennisi (Acireale) gravi danni alla chiesa Maria SS. del Carmelo. Crollato il campanile e la la statua di Sant’Emidio il quale è venerato dalla popolazione di Pennisi proprio perché la frazione sta sulla faglia del terremoto ed è considerato il santo protettore dei terremoti. (Foto Rossana Emanuele)

Chiuso precauzionalmente al traffico un tratto dell’autostrada Catania-Messina, la A18, per la presenza di “lesioni” sospette sull’asfalto createsi dopo il terremoto di magnitudo 4.8 sull’Etna. Il blocco si registra tra i caselli di Acireale e Giarre.

 

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Il medici smontano Open Arms: «Tutti i migranti stanno bene»

Pubblicato

-

I tredici immigrati sbarcati dalla Open Arms non hanno alcuna malattia, a parte uno di loro che aveva un’otite; è quanto emerge dal resoconto fatto dal responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa, Francesco Cascio.

Il medico ha infatti dichiarato all’Ansa“C’è qualcosa che non funziona, perché tra i 13 migranti fatti sbarcare dalla Open Arms per motivi sanitari solo uno aveva una otite, mentre gli altri stavano bene: eppure dalla relazione dello staff Cisom (il Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta – ndr) risulta che a bordo ci sarebbero persone con diverse patologie, tra cui 20 casi di scabbia”.

C’è dunque qualcosa che non torna; com’è infatti possibile che mentre Open Arms parla di ingenti patologie tra gli individui caricati sulla nave e fatti sbarcare, i medici di Lampedusa non hanno riscontrato nulla di tutto ciò?

PubblicitàPubblicità

Nella relazione firmata dal medico Katia Valeria Di Natale e dall’infermiere Daniele Maestrini dello staff Cisom e in possesso dell’Ansa si legge poi quanto segue: “La situazione generale vede condizioni igienico-sanitarie pessime: spazi non idonei a ospitare un così ingente numero di persone. I naufraghi vivono ammassati gli uni sugli altri, non c’è possibilità di deambulare, sono presenti solo due bagni chimici e spesso i naufraghi sono costretti a espletare i loro bisogni fisiologici nello stesso spazio in cui dormono e mangiano”.

La Open Arms rendeva noto su Twitter che tre persone erano state fatte scendere dalla nave “per complicazioni mediche che richiedono cure specializzate”, pressando nuovamente per far scendere “urgentemente” tutti gli immigrati imbarcati sulla nave perchè “l’umanità lo impone”.

A questo punto però sono molti i dubbi riguardo alla reale situazione degli imbarcati perchè, come dice il Responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa, c’è qualcosa che non funziona.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Immigrazione: cala del 79,6% e in un anno sono stati risparmiati 1,7 miliardi di euro.

Pubblicato

-

Ieri il Viminale ha diffuso i dati del lavoro del ministro dell’interno Matteo Salvini.

Con il governo gialloverde il numero di immigrati arrivati nel nostro Paese è calato.

Solo nell’ultimo anno gli sbarchi sono scesi del 79,6 per cento.

Pubblicità
Pubblicità

A diminuire anche i rimpatri, che dal 1 agosto del 2018 al 31 luglio del 2019, hanno registrato una flessione dello 0,7 per cento mentre quelli assistiti si sono più che dimezzati.

Gli arrivi sono infatti passati da 42.700 a 8.691.

I rimpatri, invece, sono scesi da 6.909 a 6.862. Ancora più marcata è stata la diminuzione dei rimpatri volontari, passati da 1.201 a 555, con un calo del 53,8 per cento.

Nel dossier si evidenzia anche la drastica riduzione dei costi del sistema d’accoglienza. Attualmente sono ospitati 105.142 migranti, il 34 per cento in meno rispetto al 2018, e dai 2,2 miliardi spesi dal 1 agosto 2017 al 31 luglio del 2018 si è passati ai 501 milioni dell’ultimo anno.

Più che dimezzati i morti nel Mediterraneo nell’ultimo anno, un dato che fa riflettere.

Il risparmio per i cittadini italiani quindi è stato di 1,7 miliardi di euro.

Sono stati scoperti anche 141 foreign fighters, 29 rientrati in Ue,  e 109 espulsi, sono inoltre state controllate oltre 500 mila persone.

Tra sequestri e confische sono stati sottratti alle organizzazioni criminali beni per oltre 7,5 miliardi.

Il dossier del Viminale su un anno di attività indica infatti 6.802 beni sequestrati, per un totale di 3,8 miliardi, e 3.644 beni confiscati, per un valore di 3,7 miliardi.

Al 31 luglio di quest’anno risultano inoltre 16.738 beni tolti a mafia, camorra e ndrangheta e restituiti alla collettività: 15.768 immobili e 970 aziende.

E’ del 63,4% la percentuale di donne vittime degli omicidi commessi in ambito familiare/affettivo tra agosto 2018 e luglio di quest’anno.

Al capitolo ‘violenza di genere’ figurano 12.733 denunce per stalking presentate (in tre casi su 4 da donne) nell’ultimo anno, il 13% in meno rispetto all’anno precedente.

Sempre tra agosto 2018 e luglio 2019 crescono del 32,5% gli ammonimenti del questore e del 76% quelli per violenza domestica mentre calano dell’1,2% gli allontanamenti

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Migranti, Salvini risponde a Conte: «Se preferisce un ministro dell’Interno del Pd basta dirlo»

Pubblicato

-

“Carissimo Presidente Conte, leggo con stupore che Lei mi rimprovera una ‘ossessione’ per i ‘porti chiusi’, parla di rabbia, slealtà, ansia, foga e altro ancora. Sono stato leale e sempre lo sarò nel pieno rispetto di ogni carica istituzionale e, prima di tutto, nei confronti dei cittadini che incontro e che mi chiedono di intervenire“. Inizia così la risposta del ministro Matteo Salvini alla lettera aperta che gli ha inviato il premier Giuseppe Conte.

“Se come ministro dell’interno se si preferisce qualcuno del Pd basta dirlo“.

In conferenza stampa a Castelvolturno, Matteo Salvini dopo aver letto i dati di un anno di mandato replica al premier Giuseppe Conte.

PubblicitàPubblicità

Sul tema dei migranti Conte ha definito Salvini ossessionato dai porti chiusi: “Chi parla di ossessione – taglia corto il leader della Lega – venga a fare due passi a Castelvolturno“. “Spiace che certe cose, invece di dirle in faccia il gentile presidente del Consiglio le renda pubbliche mentre stavo coordinando i lavori del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica a Castel Volturno“. “Conte ha fatto uno sfogo umorale io devo rispondere con le leggi: per questo è partita dal Viminale una lettera in punta di diritto”, ha aggiunto Salvini al termine del comitato per l’ordine pubblico a Castelvolturno.

“Una nave straniera in acque internazionali non si capisce che attinenza abbia con l’Italia. A che titolo chiede l’intervento alle autorità italiane? Qual è la ratio della domanda e della risposta? In silenzio abbiamo fatto scendere chi aveva necessità, senza letterine”, ha aggiunto Salvini.

“Il mio telefono è sempre acceso, intanto andando via di qui manderò un messaggio su Whatsapp al presidente Conte per ringraziarlo, perché ha stimolato un dibattito frizzanteha detto  Salvini, rispondendo a una domanda sui rapporti con il Movimento 5 Stelle.

“Ribadisco che, finché il Governo faceva, andava a gonfie vele, quando ha iniziato a dire no e a litigare era giusto fermarsi. Al di là di questo Governo – ha aggiunto Salvini – secondo me ci sono solo le elezioni, perché un’ipotesi Renzi-Di Maio sarebbe poco rispettosa nei confronti del popolo italiano”. “O c’è un governo che governa o si va al voto. Se si sciolgono le Camere la prossima settimana si può andare al voto entro fine ottobre“, ha concluso il leader della Lega. 

Per quanto riguarda i dati calano gli sbarchi, scesi del 79,6%, ma calano anche i rimpatri: dal 1 agosto del 2018 al 31 luglio del 2019 sono diminuiti dello 0,7% mentre quelli assistiti si sono più che dimezzati. In sensibile calo anche i morti nel mar Mediterraneo che si sono più che dimezzati.

Un altro dato che balza agli occhi è la drastica riduzione dei costi del sistema d’accoglienza, dove attualmente sono ospitati 105.142 migranti, il 34% in meno rispetto al 2018: dai 2,2 miliardi spesi dal 1 agosto 2017 al 31 luglio del 2018 si è passati infatti ai 501 milioni dell’ultimo anno.

E’ quanto emerge dai dati di un anno di attività che il Viminale ha diffuso in occasione di Ferragosto. 141 foreign fighters, 29 rientrati in Ue, 109 espulsioni, controllate oltre 500 mila persone.

Tra sequestri e confische sono stati sottratti alle organizzazioni criminali beni per oltre 7,5 miliardi.

Il dossier del Viminale su un anno di attività indica infatti 6.802 beni sequestrati, per un totale di 3,8 miliardi, e 3.644 beni confiscati, per un valore di 3,7 miliardi.

Al 31 luglio di quest’anno risultano inoltre 16.738 beni tolti a mafia, camorra e ndrangheta e restituiti alla collettività: 15.768 immobili e 970 aziende.

E’ del 63,4% la percentuale di donne vittime degli omicidi commessi in ambito familiare/affettivo tra agosto 2018 e luglio di quest’anno.

Al capitolo ‘violenza di genere’ figurano 12.733 denunce per stalking presentate (in tre casi su 4 da donne) nell’ultimo anno, il 13% in meno rispetto all’anno precedente.

Sempre tra agosto 2018 e luglio 2019 crescono del 32,5% gli ammonimenti del questore e del 76% quelli per violenza domestica mentre calano dell’1,2% gli allontanamenti. “Ma contiamo – ha detto Salvini – di ridurre sensibilmente il fenomeno delle violenze in famiglia grazie alla legge codice rosso approvata da poco”

Qui puoi leggere tutto il dossier del Viminale 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza