Connect with us
Pubblicità

Sport

Trentino Volley sfida Haching per l’andata degli ottavi di CEV Cup

Pubblicato

-

2019 CEV Cup di nuovo in primo piano nel calendario della Trentino Itas: giovedì 20 dicembre alle 20:30 alla BLM Group Arena di Trento la formazione gialloblù disputerà il match d’andata degli ottavi di finale del torneo, affrontando i tedeschi dell’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching

QUI TRENTINO ITAS Dopo aver conquistato e poi confermato il secondo posto in classifica nel campionato italiano, Giannelli e compagni si rituffano immediatamente nelle competizioni internazionali ed in particolare in CEV Cup, manifestazione europea che sin qui li ha visti protagonisti solo in un turno precedente (i sedicesimi di finali), caratterizzato da due nette vittorie per 3-0 sui Campioni di Svizzera del Losanna.

Nel secondo doppio impegno dell’avventura continentale la Trentino Itas sfiderà una fra le formazioni più attrezzate di Germania; il match contro l’Haching aprirà oltretutto un periodo natalizio particolarmente intenso per la formazione di Angelo Lorenzetti, che fra giovedì 20 e e la fine del 2018 scenderà in campo quattro volte, tenendo conto anche delle trasferte a Monza (23) e Siena (26) e dell’incontro casalingo con Sora (29).

Pubblicità
Pubblicità

“Pensiamo ovviamente solo ad una partita alla volta, anche perché quella che ci attende giovedì sera è una partita da prendere con le molle – presenta così il match l’allenatore marchigiano – . Affronteremo la sorpresa del campionato tedesco, una formazione che ha legittimato il proprio primo posto in Bundesliga battendo le principali avversarie Berlino e Friedrichshafen. Tradizionalmente in Germania si gioca una pallavolo molto votata alla fase di break point; dovremo quindi lavorare bene sul nostro cambiopalla e, più in generale, porre molta attenzione ai momenti importanti che la partita ci proporrà”.
La Trentino Itas si presenterà al match d’andata degli ottavi di finale senza particolari problemi di formazione e completerà la preparazione fra gli allenamenti di questa sera e di giovedì mattina.

54^ GARA INTERNAZIONALE ALLA BLM GROUP ARENA Giovedì sera l’impianto di via Fersina ospiterà la cinquantaquattresima partita europea casalinga della storia di Trentino Volley, la trentesima di sempre in CEV Cup, dove sino ad ora ha vinto in ventiquattro circostanze (uniche cinque sconfitte: due con Ankara nell’edizione 2005, una con Mosca in quella 2015, una col Fenerbahce e Tour in quella 2017). Il Club di via Trener in questo caso disputerà la 785^ gara ufficiale della sua storia, la 155^ internazionale (bilancio: 126 vittorie e 28 sconfitte).

GLI AVVERSARI A Trento arriva la squadra che sin qui ha dominato il primo scorcio di Bundesliga. L’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching guarda infatti tutti dall’alto nel campionato tedesco, forte di otto vittorie in altrettante partite e di appena un punto concesso agli avversari sui ventiquattro disponibili. L’unione fa quindi la forza perché questa Società è stata fondata solo nel 2017 dalla fusione di due rinomate realtà di nazioni differenti, ma confinanti: l’austriaca Volleyballteam Innsbruck e la tedesca TSV Unterhaching, che fra il 2009 ed il 2013 aveva ottenuto ottimi risultati nella Bundesliga prima di ritirarsi dal torneo nel 2014. La concessione, nel 2017, di una wild card per giocare nuovamente il massimo campionato ha convinto i due club ad unire le risorse e a presentare una squadra condivisa, che disputa la maggior parte delle partite di Bundesliga in Austria e quelle di CEV Cup, come accadrà con la Trentino Itas, invece ad Haching (città dell’Alta Baviera di 25.000 abitanti, che si trova a pochi chilometri a sud di Monaco).

La formazione biancoblù, classificatasi al terzo posto in patria nella precedente stagione, è affidata alle mani del tecnico Stefan Chrtiansky sr (già storico tecnico di Innsbruck e padre del giocatore che militò a Trento nella stagione 2012/13), che nel suo staff può contare anche sul preparatore atletico Martin Poeder (con Trentino Volley fra il 2009 ed il 2017). La rosa ha un profilo prettamente internazionale e dispone dell’opposto australiano Hodge (ex Lagonegro), di quattro brasiliani (fra cui il palleggiatore titolare Gelinski, lo schiacciatore De Leon ed il centrale Douglas), due austriaci (fra cui il libero della Nazionale Ringseis), un polacco (il martello Halaba), un russo (l’opposto Klets), uno statunitense (il centrale Pollock, ex Roma) e solo un tedesco (lo schiacciatore Sagstetter). I tirolesi si presentano a questo appuntamento dopo aver superato al tie break domenica sera ad Innsbruck il Friedrichshafen (che disputa la Champions League) e dopo aver eliminato nel doppio turno precedente i serbi del Novi Sad. La rosa dell’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching: 1. Florian Ringseis (l), 2. Thomas Hodges (o), 3. Krill Klets (o), 4. Matthew Pollock (c), 5. Jonas Sagstetter (s), 6. Danilo Gelinski (p), 10. Hugo De Leon Guimaraes Da Silva (s), 11. Pedro Henrique Frances (c), 13. Pawel Halaba (s), 14. Douglas Duarte Souza Da Silva (c), 15. Niklas Kronthaler (s), 16. Daniel Koncal (p). Allenatore Stefan Chrtiansky Sr.

LA FORMULA E GLI ALTRI INCONTRI La 2019 CEV Cup prevede la disputa di sei doppi turni (andata e ritorno) di gare (Trentaduesimi, Sedicesimi – già giocati – , Ottavi, Quarti, Semifinali e Finale) ad eliminazione diretta: supera il turno la squadra che nell’arco delle due sfide ottiene il maggior numero di punti, assegnati come in campionato: 3 per la vittoria per 3-0 o 3-1, 2 per il successo al tie break, 1 per la sconfitta al tie break (golden set a 15 in caso di parità di punti – stesso sistema dei Playoffs 12 di CEV Champions League). Chi passa il turno affronterà nei quarti di Finale la vincente del confronto fra Amriswil e Brcko. Le altre gare d’andata degli ottavi di finale: giocata martedì Dukla Liberec (Cze)-Galatasaray Istanbul (Tur) 2-3; stasera: Lindaren Volley Amriswil (Sui)-Ok Mladost Brcko (Bih), Istanbul BBSK (Tur)-Olympiacos Piraeus (Gre), Viking Tif Bergen (Nor)-Neftohimic 2010 Burgas (Bul), Cv Teruel (Esp)-Lindemans Aalst (Bel), Kuzbass Kemerovo (Rus)-Indykpol Azs Olsztyn (Pol); giovedì: Kladno Volejbal Cz (Cze)-Ford Store Levoranta Sastamala (Fin). Le gare di ritorno si disputeranno fra il 15 e 17 gennaio: Hypo Tirol AlpenVolleys Haching-Trentino Itas verrà giocata martedì 15 gennaio alle ore 19 ad Untherhaching (Germania).

I PRECEDENTI Le due realtà vantano una lunga serie di incontri amichevoli, sostenute nelle precedenti stagioni, sia come Innsbruck sia come Untherhaching, ma nessuna sfida ufficiale. L’ultimo incrocio, proprio nel recente pre-campionato: 19 settembre 2018, vittoria tedesca per 1-3 alla BLM Group Arena contro un’Itas Trentino priva di otto giocatori (impegnati nel Mondiale per nazionali). Contro formazioni tedesche il bilancio complessivo è di 3-1 per Trentino Volley, tenendo conto delle vittorie ottenute su Berlino (1) e Friedrichshafen e della sconfitta contro la stessa formazione della capitale.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Al via la stagione 2019-2020 del Paganella Calcio. A Pressano la presentazione della squadra

Pubblicato

-

Presentazione in grande stile per il Paganella calcio, che ieri sera nella splendida cornice dell’agribirrificio Maso Alto di Pressano ha ufficializzato alla stampa e ai tifosi il nuovo organico 2019-2020.

L’anno scorso la società nata nel 1983 con sede a Lavis è riuscita a mantenere in extremis la permanenza in Prima Categoria. Il 31 maggio nel campo neutro di Campodenno riuscì a battere per 2-0 il Redival, spedendo la squadra solandra in Seconda Categoria.

È stato confermato il mister Mauro Spangaro, che verrà affiancato dai due collaborati Massimo Carmeci e Maurizio Stimpfl e dai due preparatori dei portieri Fabrizio Sonn e Steve Merlo. La novità di quest’anno è la folta campagna acquisti: ben dieci nuovi arrivati.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i neoacquisti spicca una folta colonia di ex lavisiani: Filippo Biasoni, Youness Et Tahiri e Yousef El Qacemy. Tutti giocatori che l’anno scorso hanno sfiorato la promozione in Serie D e che in Prima Categoria daranno un apporto eccellente sul piano tecnico.

Massimo Corazzola dopo l’esperienza nel calcio a 5 con l’Imperial Grumo ha deciso di ritornare a calcare campi più grandi mentre Gabriele Menghini è l’unico proveniente dalla Prima Categoria, in particolare dall’Alta Anaunia.

Il resto dei nuovi arrivati proviene interamente dalla Seconda Categoria. Nicolò Carmeci, dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili del Lavis, l’anno scorso è approdato in prima squadra  tra le file del Giovo. Anthony Chini proviene dall’Ozolo Maddalene, Marco Venturini dalla Dolasiana, Manuel Forti dal Mattarello e Roberto Zadra dall’Oltrefersina.

Durante la conferenza è intervenuto il presidente Diego Claus:“E’ prassi per noi del Paganella trovarsi ogni anno per far conoscere la rosa ai tifosi e alla stampa. Il mister è stato riconfermato perché è una persona con la quale interagiamo molto bene e per questo lo vogliamo avere con noi indipendentemente dallo spareggio dello scorso campionato.

Lo ringraziamo e siamo certi che anche quest’anno faremo bene. Sarà un campionato difficile perché andremo a rapportarci con squadre che pochi di noi hanno avuto modo di confrontarsi.

Hanno lasciato qualche perplessità le scelte della Federazione di fare i gironi con delle trasferte impegnative sul piano della distanza e sul  piano del tempo. Prendiamola però come una sfida e come un incentivo a fare bene.

La possibilità di confrontarsi con realtà lontane può essere sicuramente un ulteriore stimolo. Ringraziamo coloro i quali hanno fatto altre scelte e quest’anno non sono con noi, un grazie a chi era con noi negli anni passati, proprio per la continuità e un più caloroso benvenuto a tutti voi che per la prima volta avete accettato l’invito da parte della nostra società”.

A concludere la serata le parole dell’allenatore Spangaro: “Benchè l’anno scorso fossimo arrivati allo spareggio, non sono ancora convinto che fosse una squadra da spareggio. Quest’anno la rosa è stata ringiovanita, ha delle caratteristiche ben precise e corre molto.

I nuovi arrivati sono andato personalmente a cercarmeli e sono contento che siano venuti. Credo molto in quelli che sono arrivati e credo molto in quelli che abbiamo tenuto qui.

Abbiamo iniziato bene e dobbiamo andare avanti così. Secondo me il fatto di andare a giocare lontano, al di là delle spese, ci insegna a crescere. Ai miei tempi nelle giovanili i gironi erano composti con squadre altoatesine. Sono convinto di avere una squadra all’altezza. Secondo me abbiamo la possibilità di fare veramente bene”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Itas Trentino al lavoro, Lorenzetti: “Abbiamo addosso entusiasmo e aspettative”. Anche Capitan Giannelli al raduno

Pubblicato

-

Ha preso il via nel pomeriggio odierno la preparazione alla stagione 2019/20 della nuova Itas Trentino.

Alla BLM Group Arena di Trento i Campioni del Mondo in carica si sono ritrovati ufficialmente oggi per cominciare gli allenamenti in vista del primo impegno ufficiale (previsto per il 20 ottobre – trasferta a Ravenna per la prima giornata di SuperLega).

La presenza sin dal primo giorno di allenamento di metà dei giocatori della rosa (sei dei tredici che la compongono) ha reso già grande la curiosità di appassionati e giornalisti, in buon numero al primo atto della nuova stagione.

Pubblicità
Pubblicità

Fra i presenti, un po’ a sorpresa, anche Simone Giannelli; in attesa di riprendere (il 25 agosto a Cavalese) l’attività con la Nazionale Italiana in vista dell’Europeo, il Capitano non ha voluto mancare al raduno della sua squadra per salutare compagni, staff e fans.

Il gruppo a disposizione di Angelo Lorenzetti per questa prima parte di lavoro potrà contare sul palleggiatore Nicola Daldello, sull’opposto Luca Vettori, sui centrali Davide Candellaro (fresco di convocazione azzurra, partirà per Cavalese già giovedì) e Lorenzo Codarin, sul libero Carlo De Angelis e sullo schiacciatore cubano Luis Sosa Sierra, unico vero volto nuovo del raduno.

Assieme a loro, durante le prime settimane, si alleneranno anche l’ex schiacciatore di Cuneo, Civitanova e Latina Simone Parodi, ancora in cerca di sistemazione, e sei fra i prospetti più interessanti del Settore Giovanile, che disputeranno poi il campionato di Serie A3: lo schiacciatore Bonatesta, i centrali Acuti e Simoni, il palleggiatore Pizzini, l’opposto Poggio ed il libero Zanlucchi.

Abbiamo addosso tanto e rinnovato entusiasmo, che deriva principalmente dal fatto di poter lavorare in una grande Società e di misurarci in un campionato ancora più bello e competitivo come la prossima SuperLega – ha spiegato Angelo Lorenzetti a Trentino Volley Tv – . Abbiamo grandi aspettative ed aver cambiato poco può rappresentare un vantaggio, soprattutto a livello di intese fra i singoli giocatori, ma questo non ci deve assolutamente bastare. Ci sarà tanto da fare ma durante la prima parte di preparazione dovremo fare i conti con i pochi effettivi a disposizione; ne approfitteremo quindi per curare maggiormente la parte fisica e la tecnica individuale. Sono reduce assieme al mio staff da un’estate di studio, in cui abbiamo provato ad immaginare la stagione che vivremo. Tornare a giocare la Champions League proprio nel ventesimo anno di attività di questo Club sarà qualcosa di straordinario, che andrà preparato in maniera accurata in ogni suo appuntamento. Vogliamo festeggiare nel miglior modo possibile l’importante ricorrenza, sentendoci privilegiati a rappresentare in campo questa Società e mantenendo sempre gli atteggiamenti giusti per ben figurare in tutte le occasioni”.

Già al completo lo staff tecnico e medico che lavorerà per tutta la stagione con il tecnico marchigiano, interamente confermato rispetto all’ultima annata agonistica. A far sì che il lavoro dei gialloblù proceda nel migliore dei modi ci saranno quindi ancora il Team Manager Riccardo Michieletto, alla sua quindicesima stagione fra campo e scrivania in Trentino Volley, gli Assistant Coach Francesco Petrella e Dante Boninfante, il Preparatore Alessandro Guazzaloca (che ha diretto in sala pesi il primo allenamento odierno), il fisioterapista Alessandro Russo, lo scoutman Mattia Castello ed il medico sociale Mauro Bertoluzza.

Il programma della prima settimana di preparazione sarà particolarmente articolato e prevederà due sessioni di allenamento per mercoledì e venerdì (piscina al mattino, tecnica nel pomeriggio) ma anche per giovedì (pesi e tecnica), mentre nella giornata di sabato (l’ultima di lavoro prima di una domenica di riposo) è programmato solo un allenamento con palla in mattinata.

Per vedere la squadra all’opera in un test match bisognerà invece attendere meno di due settimane; il primo appuntamento non ufficiale è stato infatti messo in calendario già per venerdì 6 settembre all’AGSM Forum di Verona con un allenamento congiunto con la Calzedonia. In agenda altri due impegni: mercoledì 25 settembre alle 19 a Sedico (Belluno) contro la Kioene Padova e martedì 1 ottobre al PalaBanca di Piacenza con la neopromossa Gas Sales.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Basket Altitude – amici di Luca Lechthaler: basket e allegria a Fai della Paganella

Pubblicato

-

Si è svolta ieri, domenica 18 agosto, la terza edizione del torneo di basket Dolomiti Basket Altitude – amici di Luca Lechthaler.

Il torneo, con formula 3×3, era dedicato ai giovani cestisti nati tra il 2003 e il 2011 e suddivisi per tre categorie di età.

In collaborazione con il consorzio Fai Vacanze, BainDrain, Luca Lachthaler e commentato in diretta dai ragazzi della pagina Instagram @ilLonzone, l’evento si è rivelato essere un vero successo.

Pubblicità
Pubblicità

Nella splendida cornice di Fai della Paganella, sotto un caldo sole estivo, la giornata è letteralmente volata.

I ragazzi si sono divertiti ed i genitori hanno avuto occasione di tifare i propri piccoli, sfidarsi nella gara ai tiri liberi che ha visto in palio alcune grappe messe a disposizione dalla Distilleria Bertagnolli e di rilassarsi nell’area riservata al cibo, dove era anche possibile assaggiare il buonissimo yogurt prodotto dalla Malga di Fai della Paganella.

Abbiamo partecipato al torneo sia lo scorso anno che a giugno, in occasione del torneo in alta quota. E’ sempre una bella esperienza, in un ambiente rilassato e in una location davvero bellissima.

Tra i numerosi giocatori iscritti nelle varie squadre, alcuni provenivano dal Veneto e dalla Lombardia, a dimostrazione di quanto questi tornei stiano iniziando a farsi conoscere in tutta Italia e non solo in Trentino.

Per organizzare questo torneo, Dolomiti Basket Altitude ha rivisto l’estetica del campo, inserendo anche al centro il proprio logo autografato poi dallo stesso Luca Lechthaler poco prima dell’inizio del torneo.

Durante tutta la giornata di ieri è stata fatta una raccolta di firme per una petizione volta alla ristrutturazione del fondo del campetto: alla fine, tra le varie firme spiccavano anche quelle di alcuni compagni di squadra di Luca Lechthaler quali Fabio Mian e Andrea Mezzanotte oltre che dello stesso Sindaco di Fai della Paganella.

Oltre ai tre giocatori già citati, per la gioia dei piccoli fan, nel pomeriggio è arrivato anche il capitano della squadra trentina, Toto Forray, che insieme agli altri è stato disponibile per foto e autografi.

In attesa di scoprire la futura location del secondo torneo in alta quota prevista per la prossima estate, sui canali social dell’evento verranno diffuse foto e video di questa bellissima e incredibile giornata.

WEBSITE – YOUTUBEINSTAGRAMFACEBOOK

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Una giornata pazzesca in un posto speciale. Un anno fa nasceva sul playground di Fai della Paganella il simbolo @dolomitibasketaltitude uno stemma e un progetto di @mountain_attitude che vuole dire amore e passione per la #montagna e lo #streetbasket . Oggi abbiamo avuto la conferma che la strada è avviata e che l’idea che, all’inizio sembrava folle, ha solide radici e molti amici. Ora è doveroso ringraziare. Prima di tutto tutti voi che avete partecipato numerosissimi a questo evento. Agli amici de @illonzone che hanno condotto magistralmente l’evento. Agli amici di @fai_vacanze per l’aiuto e il sostegno logistico. Ad @andre_mezza_ , @fabiomian e al capitano dell’ @aquilabaskettrento Toto Forray che hanno condiviso con noi il torneo. Agli sponsor @grappabertagnolli @acqua_pejo @legealecco @sportlifee_shop @c.o.s.m.a._srl @bottegaottica @forstbeer @cornettoit @nardelli_sport Infine un grazie ai genitori senza! Senza il vostro aiuto e sostengo non saremmo arrivati fino a qui. @dolomitibasketaltitude #unconventionalbasketball !🏀 #staytuned per aggiornamenti e location del torneo !

Un post condiviso da Dolomiti Basket Altitude (@dolomitibasketaltitude) in data:

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza