Connect with us
Pubblicità

Fisco e condominio

Condominio: chi non rispetta il decoro architettonico incorre in una vertenza civile

Pubblicato

-

Il valore di un appartamento è legato alla sua superficie, alla zona in cui è ubicato e al contesto condominiale di cui fa parte.

A parità di zona ha maggior valore un immobile sito in un condominio armonioso dal punto di vista architettonico rispetto ad un altro sito in uno stabile dove il disordine sulle facciate ha il sopravvento.

Per disordine si intende tutti quegli elementi che alterano il prospetto al punto di renderlo disarmonico.

Pubblicità
Pubblicità

Un esempio ne sono le antenne paraboliche agganciate ai parapetti dei poggioli o sulla muratura, le caldaie esterne, le canne fumarie che escono dai muri perimetrali, gli infissi diversi fra piano e piano, i condizionatori d’aria agganciati nella parte in alto della muratura e ben in vista, le tende sui balconi diverse fra loro, ecc.

Il codice civile non parla espressamente del decoro architettonico ne lo definisce nelle sue caratteristiche.

Ne fa un accenno all’art. 1120 laddove stabilisce che nel condominio sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.

E’ la corte di Cassazione che più volte è entrata nel merito, ne è un esempio la sentenza 851 del 2007 con la quale i giudici hanno stabilito che il decoro architettonico è l’estetica del fabbricato, data dall’insieme delle linee e delle strutture che connotano lo stabile stesso e gli imprimono una determinata armonica fisionomia ed una specifica identità.

E’ chiaro che tutti gli elementi inseriti successivamente rispetto alla realizzazione dell’edificio e che chiaramente non rispettano l’omogeneità del fronte non fanno altro che rovinarne la piacevolezza visiva.

Pertanto il condòmino che lede l’estetica del condominio commette un abuso e può essere sottoposto al giudizio del tribunale nel caso l’assemblea lo ritenga necessario.

In tal senso si è espressa la corte di Cassazione la quale ha rigettato, con sentenza n. 29905/2018, il ricorso di una condòmina contro una sentenza del Tribunale (confermata in appello) che l’aveva condannata a rimuovere una chiusura in vetro e metallo realizzata sul balcone aggettante sulla pubblica via.

Il procedimento civile da un lato condannava la condòmina irrispettosa e dall’altra rigettava la domanda di risarcimento proposta nei suoi confronti dal condominio per violazione del decoro architettonico dell’edificio.

Secondo la condòmina l’amministratore sarebbe dovuto intervenire per tutelare il decoro architettonico nei confronti anche dei condòmini che avevano posizionato diversi manufatti (caldaie, armadi, condizionatori) sul prospetto condominiale e sui balconi.

Secondo la corte spettava a lei, in qualità di comproprietaria del bene comune, citare in giudizio i singoli responsabili delle violazioni in quanto l’amministratore non ha la legittimazione passiva a rispondere degli effetti pregiudizievoli derivati all’edificio e compiuti dai condòmini stessi ma solo per l’azione (non avviata dalla condòmina) volta all’accertamento dell’illiceità della sua noncuranza.

A cura di Cristina Chemelli – amministratore di condominio

Pubblicità
Pubblicità

Fisco e condominio

Spese condominiali: il nuovo proprietario paga solo per gli ultimi 2 anni

Pubblicato

-

Da un po’ di tempo è prassi dei notai, negli atti di vendita di immobili facenti parte di un condominio, chiedere al venditore una dichiarazione, rilasciata dal amministratore, in cui si attesta la regolarità del pagamento delle spese condominiali.

Questa forma di tutela nei riguardi dell’acquirente ha origine dall’art. 63 delle “Disposizioni per l’attuazione del codice civile e disposizioni transitorie” il quale prevede che il nuovo proprietario, nel caso in cui il precedente non abbia pagato le spese condominiali, deve provvedere al pagamento delle stesse per l’anno in corso e il precedente.

Tale principio è stato ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza 10346, pubblicata il 12 aprile 2019, relativa al caso di un condòmino che si opponeva alla disposizione contenuta nel regolamento di condominio mediante la quale si imputava ai nuovi proprietari i debiti condominiali, del precedente condòmino, oltre il termine di due anni.

PubblicitàPubblicità

Il nuovo condòmino, ritenendo illegittima la norma applicata dal condominio e sancita in alcune delibere, procedeva alla loro impugnazione in quanto in contrasto con l’art. 63 delle “Disposizioni per l’attuazione del codice civile e disposizioni transitorie”.

L’impugnazione, da prima accolta dal tribunale, veniva rigettata dalla Corte di appello in quanto la stessa riteneva che quanto disposto dall’art. 63 era inderogabile solo nel senso che il regolamento di condominio non può contenere disposizioni che liberino l’acquirente dal pagamento delle spese condominiali arretrate per l’anno in corso e quello precedente, inteso come limite temporale minimo, e che eventuali debiti oltre il biennio possono essere messi a carico del nuovo condòmino.

I giudici ermellini però ribaltano la sentenza sostenendo che quanto espresso dalla corte di appello è un’ estensione illegittima in quanto non prevista dalla legge ribadendo il principio secondo il quale «in tema di condominio negli edifici, la responsabilità solidale dell’acquirente di una porzione di proprietà esclusiva per il pagamento dei contributi dovuti al condominio dal condòmino venditore è limitata al biennio precedente all’acquisto, trovando applicazione l’articolo 63, (già) secondo comma, disposizione attuative del Codice civile e non già l’articolo 1104 del Codice civile atteso che, in base all’articolo 1139 del Codice civile, le norme sulla comunione in generale si estendono al condominio soltanto in mancanza di apposita disciplina».

A cura di Cristina Chemelli – amministratrice di condominio  – Link Sito web 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fisco e condominio

Detrazioni 2019: ecco cosa possiamo detrarre per l’acquisto dell’abitazione principale.

Pubblicato

-

Immaginiamo la signora Maria che nel febbraio del 2018 ha acquistato l’abitazione principale, cioè quel immobile dove ha posto la residenza.

L’appartamento è stato acquistato per un importo di 150.000,00 euro pagato mediante mutuo ipotecario.

L’atto di acquisto è stato firmato presso il notaio “Pinco” il quale ha esposto una parcella di 3.500,00 euro, comprendente 900,00 euro per l’atto di compravendita dell’immobile, il resto dell’importo pagato riguarda gli oneri – l’onorario per il contratto di mutuo – le spese per l’iscrizione di ipoteca ecc.

Pubblicità
Pubblicità

La signora Maria paga anche alla banca le spese di istruttoria e la perizia tecnica per un importo di 600,00 euro e 1.000,00 euro per l’assicurazione dell’immobile.

All’agenzia immobiliare “Casetta Rota” la signora paga una fattura di 5.500,00 per l’attività di mediazione, tale attività risulta nell’atto di acquisto.

Per il 2018 la signora Maria ha pagato 1.600,00 euro di interessi passivi per il mutuo ipotecario.

Quali sono gli importi che la signora Maria potrà considerare per la detrazione fiscale del 19%?

Per il notaio potrà considerare l’importo di 2.600,00 euro in quanto l’onorario per l’atto di compravendita non è compreso nella detrazione.

Per la banca potrà considerare l’importo di 600,00 euro in quanto l’assicurazione non entra nel plafond degli importi detraibili a differenza della fattura dell’agenzia immobiliare e degli interessi passivi.

L’importo sul quale calcolare la detrazione viene calcolato analiticamente dal consulente fiscale, e il limite massimo detraibile ammonta a 4.000,00 euro, cifra sulla quale viene applicata la percentuale del 19%.

A cura di Cristina Chemelli – Consulente fiscale 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fisco e condominio

Lotta alla processionaria nei condomini: l’obbligo è dell’amministratore

Pubblicato

-

La processionaria, a causa dei cambiamenti climatici, sta piano piano invadendo il nostro territorio al punto di diventare un problema per la gestione delle aree a verde.

Questo insetto, che deve il proprio nome alla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di “processionaria”, attacca le nostre piante, principalmente il pino nero e il pino silvestre, provocando il totale depredamento dagli aghi di ogni singolo ramo, grazie a delle forti mandibole di cui sono dotate le larve.

Mentre un tempo i nidi erano visibili nei boschi, ora gli avvistamenti sono segnalati anche nei giardini della città e della periferia.

PubblicitàPubblicità

La situazione critica ha imposto all’ente pubblico l’emanazione di una ordinanza nella quale si specifica che la lotta alla processionaria è obbligatoria anche sui suoli privati (Delibera della Giunta provinciale n. 2874 del 14 dicembre 2007).

Questa imposizione nasce dal fatto che l’insetto, oltre ad intaccare il patrimonio alberato sul territorio, può causare problemi di ordine sanitario all’uomo e agli animali che entrano in contatto con i peli urticanti di cui sono provviste le larve.

I peli urticanti possono provocare reazioni allergiche con sintomi a carico della pelle, degli occhi o del sistema respiratorio.

Sugli animali, in particolar modo i cani, può causare la necrosi dei tessuti, che a volte può avere conseguenze tali da richiedere la soppressione dell’animale.

Ma nel condominio è il condomino o l’amministratore che devono intervenire per la disinfestazione?

Stando all’art. 1130 del codice civile è l’amministratore di condominio che ne ha l’obbligo.

Infatti il comma 4 evidenzia che l’amministratore ha il dovere di compiere atti conservativi relativi alle parti comuni dell’edificio.

Pertanto essendo la processionaria un insetto che può distruggere le alberature (pino nero e pino silvestre) piantumate negli spazi comuni del condominio, l’intervento contro questo parassita è un atto conservativo della pianta che costituisce un bene comune, quindi di tutti i condomini.

E’ evidente che non può essere l’amministratore ad intervenire, ma deve avvalersi di personale esperto che conosca le procedure, le tempistiche esatte e disponga di mezzi adeguati.

I metodi sono molteplici, si passa dall’installazione di trappole all’ utilizzo di insetticidi, oppure all’utilizzo di insetti predatori fino alla rimozione meccanica del nido.

Il periodo migliore per procedere alla disinfestazione della processionaria è indicativamente tra la primavera e l’estate, quando questo insetto è ancora nel suo stadio larvale e si cerca di impedire che raggiunga la sua massima crescita e di conseguenza il suo grado di pericolosità.

A cura di Cristina Chemelli – amministratore di condominio

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza