Connect with us
Pubblicità

Sport

Basket, Marble campione ritrovato: “Molti avevano dimenticato che sono stato fermo un anno e mezzo”

Pubblicato

-

Dai 29 punti, purtroppo inutili, di Torino, ai 18 di Ankara, anche questi occorsi in una sconfitta, per finire ad essere l’eroe della vittoria contro Reggio Emilia.

Devyn Marble, fortemente considerato a rischio taglio nei primi tre mesi di questa stagione, sembra tornato sui livelli che tutti ricordavano a Trento nel 2017.

Molti sapevano di un infortunio che lo ha tenuto fuori oltre un anno, ma dopo i primi tempi sono sorti parecchi dubbi sulla possibilità che la guardia americana fosse recuperabile atleticamente.

Pubblicità
Pubblicità

Al di là della realizzazione dei punti, si vedeva un giocatore con parecchi limiti di mobilità in difesa, mancanza di esplosività e di voglia di attaccare l’area avversaria.

Adesso il giocatore con la maglia numero 1 somiglia di più al campione di due stagioni fa.

I suoi 7 punti nel quarto quarto contro Reggio Emilia, in particolare un tiro da tre in isolamento che ha tolto le castagne dal fuoco in una partita testa a testa, pesano parecchio sul risultato anche se Hogue aveva trascinato l’Aquila per tutta la partita coi suoi 21 punti.

Anche Aaron Craft si è personalmente congratulato per quella bomba finale.

A fine partita Marble ci ha concesso alcune dichiarazioni che fanno capire quanto sia tornata la fiducia che un mese fa era inimmaginabile.

“Sono di nuovo in salute, ho ritrovato le mie gambe. Ora spero di continuare a vincere partite con la squadra e giocare bene come sto facendo nelle ultime partite”, ha detto la guardia americana.

“Sto ritrovando fiducia in me stesso un po’ alla volta. Sono cose per cui serve tempo. Molte persone avevano dimenticato che non ho giocato a basket per un anno e mezzo. Avevo bisogno di tornare in ritmo partita, di ritrovare la forma migliore dopo l’infortunio al ginocchio”.

“Non mi sono mai preoccupato quando si parlava di un mio possibile taglio. So cosa sono in grado di fare in campo e lo sa anche la squadra. Sapevo cosa si aspettano da me ed è ciò che sto facendo vedere ora. Sono contento che ci sia stata pazienza per il mio processo di guarigione e ora sto ripagando la fiducia”.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Basket Serie D: Gardolo sconfitto dal Piani anche in gara 2

Pubblicato

-

Domenica al palazzetto di Gardolo a partire dalle 19, i Piani Bolzano avranno a disposizione un tennistico match ball per chiudere la serie con Gardolo.

Ieri sera nella seconda partita casalinga, hanno sofferto per uscire alla distanza e vincere con un buon margine: 79 a 67.

Gardolo ha puntato tutto su una partenza a razzo ed il primo quarto si è concluso con 10 punti di vantaggio: 22 a 12.

Pubblicità
Pubblicità

Gardolo ha poi insistito nell’affondo riuscendo ad andare all’intervallo ancora in vantaggio per 40 a 35.

Del resto quella di provare a sorprendere la corazzata Piani, era l’unica possibilità a disposizione della squadra giallo blu ed è giusto che Gardolo si sia giocato una delle poche carte a disposizione.

L’intervallo è servito più ai Piani che sono rientrati in campo con un piglio del tutto diverso, rispetto a Gardolo al quale invece si è spezzato il ritmo.

Infatti nella terza frazione i Piani hanno piazzato un parziale di 28 a 13 che vale il 53 a 63 dell’ultima pausa.

Dieci punti di vantaggio che Gardolo non è più riuscito a recuperare anche perché i Piani non avevano nessuna intenzione di correre il rischio di allungare la serie.

Domenica Gara 3, la prima in casa Gardolo, potrebbe essere quella decisiva per assegnare il titolo regionale: chi lo conquisterà dovrà poi spareggiare con la quarta classificata del girone Veneto e la vincente sarà promossa in serie C.

Promozione che è dall’inizio della stagione l’obiettivo conclamato dei Piani.

L’ultimo ostacolo ora è gara 3 e il Gardolo.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Finale Playoff Pallamano: Pressano sconfitto 28 a 21 da Bolzano in gara 1

Pubblicato

-

Subito senza Di Maggio e nel finale anche senza Dallago, Pressano non poteva che essere costretto alla resa contro un Bolzano che nulla ha concesso.

Primo tempo giocato a ritmo più basso con i gialloneri a sprecare troppi palloni ( dieci in totale) che hanno agevolato Bolzano nell’andare a rete.

Sarebbe servito una cambio di ritmo per riuscire ad anticipare la difesa altoatesina ed invece la squadra di Dumnic, è rimasta invischiata nella ragnatela tessuta dal Bolzano per rallentarne l’azione.

PubblicitàPubblicità

Tuttavia il primo tempo è stato equilibrato, 10 a 11 il punteggio parziale a conferma di una partita aperta ad ogni risultato.

A fare la differenza nella ripresa è stata una fase di confusione iniziale che Bolzano è riuscito a sfruttare a proprio favore portandosi in vantaggio di tre reti: 14 a 11.

Il passivo ha messo pressione a Pressano che non è più riuscito a rientrare in gioco ed obiettivamente recuperare uno svantaggio al team altoatesino è un’impresa difficile per tutti.

Di certo per giocare d’anticipo ci sarebbe voluta la velocità di Di Maggio perché il confronto a livello fisico è tutto a favore del Bolzano.

La ripresa è stata a senso unico con la squadra di Dvorsek che ha spadroneggiato.

Pressano è stato condannato anche dalle palle perse: 10 nel primo tempo e quasi altrettante nella ripresa che quasi sempre hanno innescato il contropiede bolzanino.

Adesso l’obiettivo giallonero sarà quello di portare la serie alla terza partita, mentre Bolzano punterà a chiudere la pratica scudetto già domenica.

Si giocherà sul campo neutro di Bressanone ( domenica alle 17,15 e eventuale gara 3 martedì alle 18,45) perché nel fine settimana gli impianti di Bolzano con la capienza dei 700 posti richiesti dalla Federazione, sono tutti occupati.

Finale scudetto – gara 1

Press4 – Bolzano 21-28 (primo tempo 10-11)

PRESSANO: Facchinelli, Dallago 4, Chistè, Moser M. 1, Bolognani 3, Dedovic 4, D’Antino 2, Di Maggio 1, Mazzucchi, Sontacchi, Giongo 3, Sampaolo, Alessandrini, Argentin 2, Folgheraiter 1, Moser N. All. Dumnic

BOLZANO: Volarevic, Sonnerer 8, Viehweider, Sporcic, Halilkovic 3, Mathà, Arcieri, Gaeta 5, Pircher, Innerebner 1, Turkovic 3, Udovicic 6, Putzer, Brzic 2. All. Dvorsek

ARBITRI: Dionisi-Maccarone

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia spalle al muro: domani sera deve vincere gara-3 per allungare i quarti di finale con Venezia

Pubblicato

-

Dopo il doppio successo della Reyer al Taliercio ai bianconeri serve un successo interno per rientrare nella serie ed evitare l’eliminazione dai playoff Scudetto: palla a due alle ore 20.45.

Go Big or Go Home. La post-season dei bianconeri, conquistata dopo un esaltante girone di ritorno fino a raggiungere il sesto posto in classifica, arriva al suo primo momento dentro-o-fuori. Dopo lo “spareggio” di Brindisi che era valso il pass playoff, la Dolomiti Energia Trentino sotto 2-0 nella serie dei quarti di finale contro Venezia è di nuovo spalle al muro, questa volta fra le mura amiche della BLM Group Arena dove domani sera alle 20.45 comincerà gara-3

Nella serie al meglio delle cinque partite per il momento non c’è stata storia: dopo il 67-57 di gara-1, martedì sera al Taliercio la Reyer ha mostrato perché (non a caso) abbia avuto per tutto l’anno la miglior difesa del campionato e ha concesso ai bianconeri la miseria di 51 punti a referto nel 69-51 che ha permesso agli orogranata di difendere il fattore campo.

PubblicitàPubblicità

Per la Dolomiti Energia i 51 punti segnati rappresentano un nuovo record negativo in Serie A: il minimo a referto precedente era un 54 datato 10 ottobre 2015, quando 17 punti di Julian Wright non bastarono ad impedire un pesante tonfo interno dei bianconeri contro Pistoia (54-74).

«Ci serve uno sforzo maggiore, una concentrazione maggiore – commenta coach Maurizio Buscaglia poco prima dell’allenamento di squadra alla BLM Group Arena -: in gara-1 e gara-2 non abbiamo fatto una cattiva performance difensiva, per qualità di punti concessi e nella gestione di alcune situazioni che potrebbero metterci in difficoltà, ma dobbiamo trovare il modo di far fruttare quel lavoro anche nella metà campo offensiva. L’enorme sforzo anche mentale della rincorsa ai playoff è normale che si faccia sentire, ma in questo momento dobbiamo metterci tutto alle spalle e dare tutto per allungare la serie e proteggere il nostro parquet».

Le difficoltà dei bianconeri in attacco, palesate in ogni zona del campo ma in particolare nel tiro da due punti, sono peraltro state una costante di tutti i precedenti stagionali fra le due squadre, compreso il match vinto dalla Dolomiti Energia al Taliercio in regular season. In quattro incontri nel 2018-19 i trentini hanno tirato complessivamente 63-184 da dentro l’arco dei 6.75, una percentuale del 34.2% che mette in luce la capacità della squadra veneta di chiudere l’area e non permettere ai bianconeri di trovare punti facili attorno al ferro.

Per gara-3 intanto è attesa la BLM Group Arena delle grandi occasioni: già oltre 3.800 i biglietti venduti, con tutti i presenti sulle tribune del palazzetto di via Fersina che riceveranno la speciale t-shirt Playoff realizzata con il contributo del main sponsor del club aquilotto Dolomiti Energia. La #DieHardNation è chiamata a sostenere i bianconeri per creare la magica atmosfera playoff di Trento che ha permesso all’Aquila di spiegare le ali e raggiungere le ultime due Finali Scudetto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza