Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

La Casa degli Affreschi di Ossana apre (virtualmente) le porte ai visitatori

Pubblicato

-

La gigantografia posizionata sulla facciata della Casa degli Affreschi a Ossana (foto Nitida Immagine)

È con il posizionamento di una gigantografia su una delle facciate che il Comune di Ossana, in Val di Sole, comunica l’avvio del progetto di valorizzazione multimediale della Casa degli Affreschi, che sorge nel centro del paese.

L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo di 10.300 euro messo a disposizione da FAI – Fondo Ambiente Italiano e Intesa Sanpaolo nell’ambito dell’ottava edizione de “I Luoghi del Cuore”, il censimento nazionale dei luoghi da non dimenticare in cui il bene ha ricevuto 3.167 voti e si è posizionato al primo posto della classifica del Trentino Alto Adige.

Con il suo straordinario ciclo pittorico risalente al XV secolo e le sue peculiarità architettoniche e costruttive, la Casa degli Affreschi rappresenta un’importante testimonianza nel panorama storico artistico della Valle di Sole e del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Celati per secoli dietro gli strati d’intonaco e i rivestimenti lignei delle stanze, le decorazioni murali della casa sono state riscoperte e rimesse in luce solo nell’estate del 2000 rivelando raffigurazioni a soggetto religioso e profano: figure allegoriche delle Virtù, cardinali e teologali, teorie di Santi e scene di caccia e di vita cortese decorano le pareti dei locali del primo piano dell’edificio. La struttura conserva quindi un impianto medievale: l’androne a piano terra in pietra, con arcate e pilastri in parte tamponati, volte e una grande colonna lignea in stile gotico al primo piano, una copertura a botte al secondo.

Luogo misterioso e fino a qualche tempo fa sconosciuto per la maggior parte della popolazione della valle, la Casa degli Affreschi, di proprietà comunale, rimane però inaccessibile causa il precario stato di conservazione che ne preclude la visita.

Da qui, la volontà dell’Assessorato alla Cultura di Ossana di candidare nel 2016 il bene alla campagna nazionale del FAI per promuovere, da un lato, la conoscenza del bene e divulgarne il valore storico artistico e, dall’altro, stimolare l’interesse della politica provinciale ad avviare al più presto l’intervento di restauro necessario alla messa in sicurezza e alla salvaguardia dell’immobile. In quell’occasione, l’amministrazione comunale di Ossana, con il sostegno del Gruppo FAI della Val di Sole e della Delegazione FAI di Trento, ha saputo appassionare e coinvolgere centinaia di cittadini della valle e di turisti riuscendo a far diventare la Casa degli Affreschi il sito il più amato della Regione Trentino Alto Adige. Un amore che, fin da subito, è stato manifestato dal Comune che ha acquistato il bene all’indomani della sua scoperta.

Pubblicità
Pubblicità

L’amministrazione comunale di allora, e di cui facevo parte, ha compreso immediatamente il significato di questa casa e ha investito risorse per l’acquisto – evidenzia infatti il primo cittadino di Ossana Luciano Dell’Eva –. Si tratta di uno dei beni culturali, assieme al castello e alla Via Crucis di Colle Tomino, a cui teniamo di più. Il prossimo obiettivo deve essere il recupero del bene per renderlo fruibile e visitabile a tutti i residenti della valle e ai nostri ospiti”.

Affreschi all’interno dell’edificio (foto Nitida Immagine)

Il censimento del FAI ci ha permesso di accendere un riflettore su questo bene che ha un grandissimo valore storico artistico per Ossana e per l’intera Val di Sole – commenta quindi l’assessore alla Cultura del Comune di Ossana Laura Marinelli –. È stato molto bello vedere quanta gente del paese, quanti cittadini della valle e quanti turisti si siano presi a cuore il destino della casa accogliendo l’invito a sottoscrivere la campagna de “I Luoghi del Cuore”. L’amministrazione da sola non riesce a sostenere un intervento di restauro che risulta molto impegnativo. In attesa che la Provincia di Trento si attivi per promuovere il recupero di questo bene architettonico, abbiamo pensato di renderlo fruibile in un modo innovativo”.

L’impegno dell’amministrazione comunale verso il bene, infatti, continua con la realizzazione di un progetto di valorizzazione multimediale dal titolo “Il mistero svelato. Alla scoperta della Casa degli Affreschi” che consentirà di visitare, anche se virtualmente, gli splendidi affreschi custoditi nella casa. Resa possibile

grazie al contributo “I Luoghi del Cuore”, il supporto della Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia Autonoma di Trento e il contributo economico dell’Azienda per il Turismo delle Valli di Sole, Peio e Rabbi, del BIM dell’Adige e di Funivie Folgarida Marilleva spa, l’iniziativa consentirà al visitatore di vivere un’esperienza attiva ed emotiva grazie alla possibilità di effettuare una visita guidata interattiva alla Casa degli Affreschi, le cui pitture saranno riprodotte digitalmente.

L’installazione, studiata e realizzata dall’agenzia di comunicazione Nitida Immagine srl di Cles, sarà collocata entro la prossima estate in una delle sale del vicino Castello di San Michele e promuoverà l’intero contesto storico e artistico della zona dando vita a sinergie e a un dialogo continuo tra i differenti siti di interesse: il maniero stesso, ma anche le chiese di San Vigilio e di Santa Maria Maddalena, Colle Tomino, il Monumento alla Pace e Valpiana con l’area Natura 2000.

Le immagini della Casa degli Affreschi, proiettate su più pareti opportunamente allestite, restituiranno così una visualizzazione a grande scala e di forte impatto al visitatore, che potrà scegliere direttamente quali temi sviluppare e approfondire.

La Casa degli Affreschi sarà “visitabile” virtualmente a partire dalla prossima estate (foto Nitida Immagine)

“L’impegno della valle che ha votato la Casa degli Affreschi come “Luogo del Cuore” del FAI è un segnale forte di appartenenza e di responsabilità verso il proprio patrimonio culturale – evidenzia la Presidente Regionale FAI Trentino Giovanna degli Avancini –. La casa rimane misteriosa perché non è possibile entrarci, ma attraverso il progetto promosso dall’amministrazione comunale si riesce a rendere palese l’importantissimo patrimonio che si trova nell’edificio, al cui interno è conservato uno dei rari esempi di affreschi medievali a tema profano che si sono salvati in regione e che testimonia come la Val di Sole, dal punto di vista culturale, non fosse una zona periferica. Oggi il restauro del bene non è stato ancora avviato, ma questo progetto multimediale rappresenta già un lavoro di recupero e di documentazione. Da tanto tempo la valle cercava di valorizzarlo e aveva chiesto aiuto anche al FAI. Ora con “I Luoghi del Cuore” la Fondazione ha iniziato a prendersi a cuore il destino di questa casa”.

Infine, sono previste ulteriori azioni di valorizzazione del bene attraverso la promozione dell’installazione con visite guidate curate dall’associazione San Vigilio di Ossana, la realizzazione di un progetto educativo rivolto ad alcune classi della scuola primaria di Ossana e l’organizzazione di un incontro culturale di approfondimento sulla casa da parte del Centro Studi per la Val di Sole.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza