Connect with us
Pubblicità

Fisco e condominio

Rumori molesti del vicino: riempirlo di «botte» oppure rivolgersi all’amministratore di condominio?

Pubblicato

-

Spesso nei condomini accade che il vicino del piano superiore o quello dell’appartamento accanto abbiano dei comportamenti poco civili, che si manifestano con una serie di episodi contrari alle norme contenute nel regolamento di condominio.

Un esempio è il funzionamento della lavatrice a notte inoltrata, le urla per liti familiari, l’utilizzo in casa di scarpe con il tacco, la discesa delle scale come “bisonti”, lo spostamento di mobili in orario serale inoltrato, la musica ad alto volume, ecc.

Molte volte questi comportamenti, perpetrati per lungo tempo e a cadenza costante, arrivano ad esasperare chi li subisce, al punto in cui queste persone logorate reagiscono con violenza.

Pubblicità
Pubblicità

Le cronache riportano vari fatti legati al furore di condomini vessati.

Ricordo un caso accaduto in provincia di Milano dove un condomino, non sopportando più i rumori provenienti dai vicini del piano superiore, occupato da una famiglia numerosa e particolarmente chiassosa, ha perso il controllo arrivando a spedire il vicino in ospedale e, non contento, gli ha pure distrutto la macchina.

Sicuramente una reazione così è stata esagerata, ma per coloro che, tornati a casa dopo una giornata di lavoro, subiscono degli atti da parte dei vicini, ricadenti nella sfera di atti/rumori molesti, sicuramente non è “un bel vivere”.

Prima di valutare cosa fare, applicando quanto prevede il codice civile o prendendo spunto da sentenze del tribunale, evidenzio che sono definiti rumori molesti quei rumori che ledono la tranquillità di un gruppo di persone, che hanno una certa intensità e che minano la qualità della vita del condominio o di diversi condomini.

Nel momento in cui uno o più condomini subiscono queste forme di “violenzadevono rivolgersi prima all’amministratore di condominio, e poi, se non ottengono soddisfazione, al tribunale civile.

Il ricorso all’amministratore è necessario per la convocazione di un’assemblea condominiale straordinaria nella quale porre il problema all’ordine del giorno.

In questo modo si potrebbe affrontare la questione con i diretti interessati e magari la situazione potrebbe migliorare.

Nel caso in cui nulla cambiasse l’assemblea di condominio può deliberare una sanzione per i condomini che non rispettano le norme contenute nel regolamento di condominio.

L’ammenda può raggiungere la cifra di 200,00 euro, e per i recidivi l’importo di 800,00 euro (art. 70 del c.c.).

Un altro modo per far valere le proprie ragioni è ricorrere al tribunale civile.

Molti pensano che per provare la presenza di rumori molesti nella propria unità immobiliare, provenienti dal vicino, sia necessario procedere con delle misurazioni fonometriche.

A questo proposito evidenzio una sentenza della corte di cassazione, la numero 9361/2018.

La Corte nel verdetto afferma che, per determinare l’esistenza di rumori prodotti in ambito condominiale, non sempre è necessaria una verifica strumentale con perizia o consulenza tecnica che attesti il superamento della normale tollerabilità, ma bastano le dichiarazioni di coloro presenti che possano riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti.

Tale giudizio era stato espresso per le urla, gli schiamazzi con rottura di vetri di un condomino, fastidiosi al punto che erano percepiti sia all’interno che all’esterno del condominio.

A cura di Cristina Chemelli – amministratore di condominio

Pubblicità
Pubblicità

Fisco e condominio

Indicatori di affidabilità fiscale. Attenzione contribuenti! sono in arrivo i nuovi ISA per i titolari di partita IVA

Pubblicato

-

Ad ogni modifica legislativa in materia fiscale la categoria dei commercianti, dei titolari di partita Iva e piccoli imprenditori teme per le proprie sorti.

Spesso in verità si è assistito ad un mero cambio del nome di un tributo non gradito da versare con delle maggiorazioni, un unificazione di più voci in una sola con degli aumenti nascosti o addirittura al cambio del nome di un ente non molto amato ( si pensi ad  Equitalia  con Agenzia Entrate – Riscossione) piuttosto che una modifica reale o una riduzione degli importi per il contribuente.

L’associazione Universal Salute Diritto Lavoro con sede a Trento grazie al contributo del dott. Agostino Torre, Commercialista e Revisore contabile, esperto fiscale nonchè socio fondatore dell’associazione stessa, informa i propri simpatizzanti ed i titolari di p.iva dei possibili risvolti della novità fiscale.

PubblicitàPubblicità

L’esperto dell’associazione esprime alcune condivisibili considerazioni informative molto utili ed interessanti sul tema.

Le promesse si mantengono, ed anche se con un ritardo di un anno, i “vecchi” studi di settore sono andati in pensione.

L’amministrazione finanziaria, a partire dal periodo d’imposta 2018, ha accontentato  contribuenti e professionisti, abolendo dopo circa 20 anni questo temutissimo strumento di accertamento.

Ha introdotto però i  “nuovi ”  indicatori di affidabilità fiscale, gli ISA!

Siamo pertanto stati presi in giro ? Saranno strumenti più affidabili per la lotta all’evasione ?

Nel concreto attribuiscono al contribuente una “pagella fiscale” con voti da 1 a 10 e relative inevitabili conseguenze.

L’invio del modello reddituale  contenente un ISA con un punteggio non sufficiente, cioè inferiore al 6, determina un inserimento del malcapitato possessore di partita iva in liste nere selettive da attenzionare ed eventualmente accertare, mentre l’ottenimento di un punteggio superiore ad 8 attribuisce addirittura dei premi fiscali, spesso però insignificanti per la gran parte dei contribuenti.

L’introduzione di questi indicatori di affidabilità fiscale, che prevedono anche cause di esclusione, ha portato con se una maxi proroga relativa ai versamenti delle imposte dirette, con lo slittamento  dei termini al 30 settembre o al 30 ottobre pagando una piccola mora pari allo 0,40% di quanto dovuto.

La data ultima di invio telematico delle dichiarazioni è stato previsto di conseguenza al 30 novembre.

Inizia da quest’anno per il popolo delle partite iva e per i loro consulenti fiscali una nuova era.

L’attenzione dovrà essere massima, farsi ben consigliare ed entrare subito nell’ ingranaggio  del nuovo <software di calcolo>, che l’Agenzia delle Entrate ha battezzato “Il tuo Isa”.

Il popolo delle p.ive dorme sonni agitati e molti degli appelli di leaders di vari movimenti come quello di Lino Ricchiuti iniziano ad essere recepiti ed accolti anche nelle sedi istituzionali. Sul territorio trentino tra le varie associazioni e movimenti anche l’Associazione Universal vuole dare il suo contributo. I lavoratori autonomi vanno rispettati ed agevolati in quanto alla base dell’economia reale.

L’associazione UNIVERSAL Salute Diritto Lavoro, attiva in Trentino Alto Adige, senza fini di lucro si pone quale utile veicolo di informazione ai propri associati e simpatizzanti, grazie al dott. Agostino Torre (e del suo staff), Dottore commercialista e Revisore contabile, esperto fiscale dell’Associazione .

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fisco e condominio

Amministratore di condominio «truffaldino»: ecco come difendersi

Pubblicato

-

E recente la seconda condanna di un amministratore di condominio di Trento, tale Arcese Massimo, che, a seguito di indagini svolte dalla Guardia di Finanza, avrebbe sottratto alle casse dei condomini che amministrata una somma pari a 300 mila euro mascherando gli ammanchi mediante lo spostamento di denaro da un condominio all’altro. (qui articolo)

Da amministratrice di condominio leggere sui quotidiani tali avvenimenti fa accapponare la pelle, e sempre da amministratrice di condominio posso dare dei consigli affinché fatti del genere non accadano.

Innanzitutto va definito bene che cos’è un bilancio e quali sono i modi per verificarlo in quanto le “furbate”, oltre ad interessare il conto corrente del condominio, investono anche la documentazione contabile.

Pubblicità
Pubblicità

Tutti sappiamo che un bilancio è l’elenco delle entrate e delle uscite.

Nel condominio le entrate sono date dalle rate pagate dai condomini, le uscite sono i pagamenti delle utenze (luce, acqua, gas metano), il pagamento delle ditte che si occupano delle manutenzioni (caldaia centralizzata, raffrescamento, verde condominiale, ascensore, pulizia scale, dispositivi antincendio quali estintori).

Ogni uscita è legata ad un contratto firmato dall’amministratore pro tempore e dal soggetto che eroga la fornitura (es Dolomiti energia) o che presta un servizio (es gestione e manutenzione della caldaia, manutenzione degli estintori, ecc).

A parte i pagamenti delle forniture di luce, acqua e gas metano, che sono bimestrali, gli altri sono di norma semestrali, o meglio le fatture sono emesse ogni sei mesi, ad eccezione solo della la pulizia delle scale che di solito ha una fattura mensile.

Per capire bene quanto detto facciamo un esempio.

Immaginiamo un condominio con 2 ingressi, ognuno con vano scala e ascensore.

Un impianto di riscaldamento e acqua calda centralizzati. Un piano interrato con i garage condominiali.

Analizzando i contratti avremo minimo 2 contratti per la fornitura dell’energia elettrica (1 per ogni ingresso/civico), 1 contratto per il gas metano, 1 contratto per l’acqua, 1 contratto per la gestione e la manutenzione della caldaia, 2 contratti per la manutenzione degli ascensori, 1 contratto per la pulizia delle scale, 1 contratto per la manutenzione dei dispositivi antincendio.

A parte il pagamento delle utenze che avviene mediante fattura emessa ogni bimestre dalla società erogatrice, con addebito diretto sul conto corrente del condominio, il resto, e cioè tutti i servizi di manutenzione, sono, come detto di competenza semestrale.

Quindi come si fa a verificare un bilancio?

È semplice, si controllano tutti i contratti per capire se il pagamento è previsto mensile, bimestrale, semestrale o altro.

Oltre a verificare la periodicità dei pagamenti si verifica il nominativo della ditta o dell’artigiano che si occupa delle manutenzioni e delle pulizie.

Fatto questo si controllano le fatture, e quindi che ci siano le fatture bimestrali delle utenze e le fatture dei vari appaltatori.

Appurato che tutte le fatture sono presenti e che riportano la periodicità di emissione (mensile, semestrale o altro) si controllano i pagamenti sull’estratto conto, in modo da accertare che tutte le utenze e tutti gli appaltatori siano stati pagati.

Va verificato anche che l’amministratore abbia pagato, sempre mediante il conto corrente del condominio, la ritenuta d’acconto del 4% riportata su ogni fattura emessa da qualsiasi soggetto che abbia la partita iva (manutenzioni e pulizia scale).

A cura di Cristina Chemelli – amministratore condominiale (sito web)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fisco e condominio

Condominio: è possibile l’apertura di una porta sul pianerottolo condominiale?

Pubblicato

-

La proprietà comune, e quindi di più soggetti, nella nostra provincia è accertabile presso il Libro Fondiario attraverso la “lettura” del piano di casa materialmente diviso e della descrizione in partita tavolare.

Quanto detto significa che una persona, fisica o giuridica (esempio una società) è titolare di un diritto reale di proprietà solo se questo risulta presso il Libro Fondiario o Tavolare.

Nei fabbricati plurifamiliari ogni proprietario è individuato da una porzione materiale (pm), cioè da un numero che identifica il bene (appartamento, cantina, garage, giardino, ecc) a lui intavolato.

Pubblicità
Pubblicità

In un condominio composto da 10 appartamenti troveremo 10 porzioni materiali che risulteranno ciascuna intestata tavolarmente, e quindi di proprietà, di un soggetto (persona fisica o giuridica).

Ogni singolo soggetto può essere proprietario di una o più porzioni materiali.

Se ogni appartamento, cantina o garage è identificato tavolarmente da una porzione materiale, i pianerottoli e le scale, che collegano ogni piano del condominio, e che quindi sono utilizzati da più porzioni materiali, riporteranno il numero di ogni singola porzione materiale che l’utilizza.

Questo “utilizzo” comune fa si che quel bene (vano scala) sia di proprietà di più persone (fisica o giuridica), pertanto è definito tavolarmente “bene comune” fra le varie porzioni materiali.

La definizione di “bene comune” fa sì che qualsiasi intervento su quel bene debba rispettare quanto previsto nella Riforma di condominio che prevede fra i vari articoli anche l’utilizzo da parte dei singoli condomini, e quindi dei singoli proprietari, della “cosa comune”.

Infatti l’art. 1102 del c.c. evidenzia che ciascun condomino può servirsi della cosa comune, nel nostro caso il vano scala, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri di farne parimenti uso secondo il loro diritto. Il codice civile stabilisce anche i principi di questo utilizzo e cioè il divieto di pregiudicare la statica del fabbricato, la sicurezza e il decoro.

Da quanto espresso sopra risulta evidente che un condomino, rispettando la statica del fabbricato e “l’equilibrio” dei fori, può aprire, a proprie spese, un nuovo foro porta sul vano scala comune.

A cura di Cristina Chemelli – amministratore condominiale (sito web)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza