Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Quando il vescovo Morlino difendeva la bellezza nella liturgia

Pubblicato

-

Come certo saprete, il 24 novembre è morto il vescovo di Madison (Wisconsin) Robert Morlino.

Aveva settantuno anni ed era un pastore di grande fede, innamorato di Dio, della Chiesa e della liturgia.

Un pastore coraggioso, che non aveva paura di andare controcorrente rispetto alla mentalità dominante sia nella società sia nella Chiesa.

Pubblicità
Pubblicità

Di recente aveva detto che le domande poste dall’ex nunzio negli Usa Carlo Maria Viganò dovrebbero essere prese molto sul serio e invitò la Chiesa a chiarire che quelli che vengono normalmente dipinti come problemi di pedofilia sono in realtà nella maggioranza dei casi problemi di omosessualità e riguardano il peccato di sodomia.

Chiamato in America «the extraordinary ordinary», l’ordinario straordinario, perché celebrava la Messa nella forma straordinaria, in latino, il vescovo Morlino nel 2011 scrisse un articolo che voglio qui riproporre in alcuni suoi passaggi.

Riguarda proprio il tema della liturgia e del rapporto ineliminabile tra bellezza e verità:

«Cari amici, di recente il nostro continuo rinnovamento liturgico nella diocesi di Madison ha provocato un ampio dialogo. Abbiamo fatto notizia perfino a livello internazionale: infatti un blog spagnolo si è occupato della nostra realtà locale. È molto difficile per me pensare che l’attività di un vescovo, che guida la sua diocesi cercando di mettere a punto l’attuazione della corretta interpretazione del Vaticano II, possa diventare una notizia di livello internazionale. Tuttavia la circostanza dice molto del mondo in cui viviamo, nel quale le dimostrazioni di anarchia prevalgono sul ragionevole esercizio dell’autorità legale».

Pubblicità
Pubblicità

Spiegando poi di voler precisare meglio le sue scelte liturgiche, il vescovo scriveva: «La liturgia, come il culto che lo Spirito Santo ha donato alla sua Chiesa, nelle celebrazioni richiede sempre la bellezza. Dall’implementazione, spesso sbagliata, del Concilio Vaticano II (quasi cinquant’anni fa), sono scaturite molte liturgie meno che belle. A questa affermazione, il nostro paese e la nostra cultura rispondono immediatamente  che “la bellezza è negli occhi di chi guarda” e che “tutto è bello a modo suo”. La nostra cultura, che ha cercato di relativizzare tutto ciò che è importante per l’uomo, sostenendo che è la natura umana a non avere una natura, si comporta così anche nel caso della bellezza. Ma la bellezza, dal punto di vista della ragione, non è semplicemente negli occhi di chi guarda. Perché la ragione ci dice che bellezza, bontà, verità e unità sono intercambiabili; quindi, tutto ciò che è bello è anche buono e vero ed esprime unità e armonia».

«La bellezza – scriveva ancora il vescovo – non può mai essere ridotta a indicatore di ciò che piace alla maggioranza della gente da qualche parte. Il fatto che la nostra parrocchia durante la liturgia ami cantare una certa canzone non rende di per sé bella quella canzone. Essere belli, infatti, è essere buoni e veri».

«Bello significa, in primo luogo, incarnare la verità. Alcune delle canzoni che cantiamo durante la liturgia contengono testi che chiaramente non sono veri. Per esempio, la canzone All Are Welcome [Tutti sono benvenuti]».

Questa canzone, spiegava Morlino, fin dal titolo dà l’impressione che la scelta per la Volontà di Gesù Cristo, come ci è pervenuta attraverso la Chiesa, non faccia differenza; ma «nulla potrebbe essere più lontano dalla verità».

Si può dunque dire che la canzone Tutti sono benvenuti non è bella in quanto non appropriata all’uso liturgico.

Nella liturgia un contenuto deve essere vero perché possa essere bello. E, se è vero, è anche buono.

«Il bello deve incarnare ciò che è vero, ma anche nobilitare la nostra natura umana come fatta a immagine e somiglianza di Dio».

Dobbiamo renderci conto che l’autentica bellezza è legata in modo inscindibile alla verità e alla bontà. «Poiché è la fonte e il vertice delle nostre vite come seguaci di Cristo, la liturgia non deve mai essere nulla di meno che bella, bella in modo tale da evocare il corretto atteggiamento sacramentale di riverenza, bello come si addice alla nostra comunione con tutti gli angeli e i santi».

«Quindi, tutto ciò che faremo nei giorni, nei mesi e negli anni a venire, poiché sarà centrato sulla riverenza a Cristo, nelle celebrazioni liturgiche dovrà essere nientemeno che bello, riflettendo così la perfetta bellezza, l’unità, la verità e la bontà dell’oggetto della nostra adorazione, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo».

«Grazie per aver letto il mio intervento. Dio benedica ognuno di voi! Sia lodato Gesù Cristo!»

Nato il 31 dicembre 1946 a Scranton (Pennsylvania) e rimasto presto orfano di padre, Robert Morlino avvertì una vocazione precoce, grazie anche, raccontava, all’esempio di alcuni sacerdoti e alcune suore.

Ordinato nel 1974 con la Compagnia di Gesù, sette anni più tardi lasciò i gesuiti e fu incardinato come prete diocesano a Kalamazoo (Michigan). Nel 1999 Giovanni Paolo II lo nominò vescovo di Helena (Montana) e nel 2003 di Madison, la diocesi nella quale ha servito fino alla morte.

Nei quindici anni trascorsi a Madison Morlino ha avuto tra le sue priorità, oltre alla liturgia e alla difesa della vita umana dal concepimento, la crescita delle vocazioni sacerdotali. E in effetti durante il suo ministero episcopale le vocazioni sono aumentate in modo significativo, con un andamento sorprendente rispetto all’epoca di crisi.

Quando uscì Amoris laetitia, Morlino ribadì l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e si oppose ai tentativi di cambiamento dottrinale sul tema dell’accesso alla Comunione da parte dei divorziati risposati civilmente. «Solo ciò che è vero – spiegò – può essere in definitiva pastorale».

Durante la crisi dell’estate scorsa dovuta agli scandali sessuali nel clero scrisse alla diocesi una lettera nella quale denunciò l’esistenza «all’interno della gerarchia della Chiesa cattolica di una subcultura omosessuale che sta portando grande devastazione nella vigna del Signore».

Ammonì: non bisogna mai cadere nella trappola di ciò che «la società potrebbe trovare accettabile o inaccettabile». Significherebbe «ignorare che la Chiesa non ha mai ritenuto nulla di tutto questo accettabile: né l’abuso dei bambini, né l’uso della sessualità al di fuori del matrimonio, né il peccato di sodomia».

I funerali del vescovo Robert Morlino si sono celebrati il 4 dicembre  nella chiesa di Santa Maria Goretti.

A cura di Aldo Maria Valli (blog)

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Neonato trovato morto a Lana, fermata la madre

Pubblicato

-

La Procura di Bolzano ha fermato una cittadina romena, accusata di omicidio aggravato nei confronti del proprio figlio e di occultamento di cadavere.

Lo comunica la Procura, in riferimento al ritrovamento di un neonato morto in un cespuglio a Lana.

Sono state sentite alcune persone informate sui fatti e sono stati sottoposti a sequestro alcuni oggetti ed indumenti nonché la stanza nella quale la donna soggiornava per motivi di lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Il bimbo trovato morto mostrava segni di violenza.

È stata una donna, che alloggia in un maso distante poche decine di metri dal luogo del ritrovamento, che ha scorto il corpicino del bambino seminascosto dalla vegetazione: il piccolo, che fonti riferiscono essere un maschio, aveva un panno avvolto intorno alle spalle e alla testa, particolare che farebbe pensare a una morte per strangolamento.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Dolomiten ieri il cordone ombelicale sarebbe stato ancora attaccato al corpo del piccolo, quasi sicuramente abbandonato in un luogo diverso da quello del parto.

Ulteriori elementi sono attesi dall’autopsia sul corpo del bambino.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Immigrato urla “Allah Akbar” e pugnala alla gola un militare

Pubblicato

-

A Milano nella mattinata di oggi, martedì 17 settembre 2019, un immigrato ha aggredito alle spalle un militare, pugnalandolo alla gola.

Poi, quando è stato placcato e arrestato dai carabinieri del terzo battaglione Lombardia, si è messo a urlare più volte “Allah Akbar! Allah Akbar!“.

L’episodio nel piazzale Duca D’Aosta, antistante allo scalo ferroviario meneghino, che rimane una zona critica a causa dell’elevata presenza di clandestini.

Pubblicità
Pubblicità

Lo straniero si è servito di un paio di forbici per colpire il militare impegnato nel servizio “Strade Sicure“.

 Ferito al collo, è stato medicato sul posto dal personale del 118 e dunque trasportato – in codice verde – all’ospedale Fatebenefratelli: le sue condizioni non sono gravi e non è appunto in pericolo di vita.

Secondo quanto risulta al giornale.it, l’uomo – originario dello Yemen – era già stato denunciato dai carabinieri della Radio Mobile per minacce e resistenza a pubblico ufficiale ed era in possesso di una permesso di soggiorno scaduto.

Gli inquirenti stanno ora valutando se si sia trattato del gesto di uno squilibrato o di un attacco terroristico.

Pubblicità
Pubblicità

“Da tempo denuncio il degrado, l’insicurezza e la criminalità che hanno preso il sopravvento in piazza Duca d’Aosta, ma il Comune fa sempre finta di non sentire ed ecco i risultati. Se uno di quei balordi extracomunitari che popolano la zona della stazione Centrale arriva a colpire da dietro e senza motivo un uomo dell’esercito significa che il tanto decantato modello Milano non esiste. Sala e compagni come fanno a non accorgersi che quest’area è completamente fuori controllo? Deve essere ucciso qualcuno prima che si sveglino?”, il commento di Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega.

“Le aggressioni in Stazione Centrale sono all’ordine del giorno: ci chiediamo se sia questa l’idea di integrazione della sinistra milanese, impegnata in operazioni mediatiche ma lontana anni luce dall’impegno per la sicurezza che richiederebbe una grande città come Milano”. Il leghista Alessandro Morelli commenta così il fatto.

Dunque, il capogruppo del Carroccio a Palazzo Marino ricorda gli ultimi e recenti casi avvenuti nel piazzale antistante lo scalo ferroviario: “A marzo un libico accoltellava a caso i passanti nella galleria, solo a luglio dei carabinieri furono feriti durante una rissa tra stranieri…”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Tassazione contante: i più colpiti sarebbero le casalinghe e gli studenti

Pubblicato

-

Nell’inutile corsa della stampa italiana per arrivare per primi a indovinare i provvedimenti legislativi del governo “Conte-Monti”, sta prendendo quota quello della tassazione del contante.

Già si parla della percentuale di tassazione (2%) e della quota oltre la quale scatterebbe il balzello (1500 euro) di una proposta che incredibilmente arriverebbe dagli industriali.

Non è per nulla chiaro l’interesse che il comparto industriale potrebbe avere, però se l’idea la si lancia al governo più di sinistra di tutta la storia repubblicana ed alla ricerca di nuovi fondi per finanziare prima di tutto il business della falsa immigrazione, la tattica suicida è perfetta.

Pubblicità
Pubblicità

Anche perché l’alibi sarà quello che già circola a sinistra: “Lo ha chiesto Confindustria, non è un nostro provvedimento”.

A parte che la colpa non è di chi propone, ma di chi eventualmente legifera vediamo chi sarebbe più colpito da questo provvedimento: casalinghe e studenti.

Sono loro in cima alla classifica delle categorie che pagano in contanti.

Secondo i dati forniti dalla Banca d’Italia aggiornati a gennaio di quest’anno, l’85,9% delle transazioni nei punti vendita avviene per contanti.

Pubblicità
Pubblicità

Al momento c’è solo il limite dei 2.999,99 euro per il saldo cash, oltre è necessario un assegno o un bonifico.

E’ bene ricordare che in Italia, al contrario di quanto avviene all’estero, il pagamento tramite Bancomat o Carta di Credito non è gratuito per entrambi i soggetti coinvolti.

Se venisse introdotto il balzello della tassazione, oltre a pagare dazio su denaro già tassato, gli istituti bancari faranno gratuitamente quella transazione del 2%?

E nel caso, a carico di chi sarà la spesa aggiuntiva?

C’è un altro particolare da non sottovalutare ed è quello del controllo del flusso del denaro.

Se pagare in contante avrà un costo, saranno aumentati i pagamenti tramite carte (e questo sarebbe un ulteriore regalo alle banche che incasserebbero di più sulle aumentate transazioni), ma a piacimento si potranno bloccare i pagamenti verso chi non è gradito al potere, semplicemente estromettendo il destinatario dal circuito di pagamento.

Insomma se dovesse essere attuato, potrebbe essere un provvedimento pericoloso e potrebbe non essere l’unico che andrà a colpite i conti degli italiani.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza