Connect with us
Pubblicità

Trento

Via Travai: «Punto d’incontro» per lo spaccio e il degrado a cielo aperto

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Torniamo a parlare del Punto d’incontro di via Travai dove nonostante i tentativi si continua liberamente a spacciare droga di ogni tipo sotto gli occhi di commercianti e residenti.

L’occasione è data dall’invio di alcune foto da parte di una nostra lettrice al numero WhatsApp della redazione (3922640625) con tanto di rendicontazione degli orari, dei movimenti, e dei clienti degli spacciatori.

La nostra lettrice ammette che dopo aver fatto queste foto è stata anche minacciata e rincorsa da quello che lei definisce il «capo», all’apparenza di etnia sud americana o magrebina.

Pubblicità
Pubblicità

Il capo arriva tutti i giorni alle 11.00 circa e dopo aver fatto colazione al punto d’incontro attende i suoi clienti che arrivano puntualmente a  piedi o a bordo di biciclette, alcune nuove fiammanti, sulla porta della struttura.

Lo scambio avviene sotto gli occhi di tutti, in taluni cosi – spiega la nostra lettrice – si vede anche quando prepara le «palline» di droga. Lo stesso – testimoniano altri – viene visto spesso sniffare cocaina all’interno della struttura.

Ma probabilmente di «capi» e galoppini nella zona saranno molti.

Pubblicità
Pubblicità

Spacciano per tutta via Travai e vie limitrofe come delle trottole impazzite, alla luce del sole, fregandosene dei passati, dei Vigili Urbani, dei Carabinieri e della Polizia, di tutte le Forze dell’Ordine, che numerose e incazzate quanto impotenti e frustrate, passano continuamente e inutilmente nelle degradate della via.

Gli spacciatori sono instancabili, sanno che devono concentrare la loro manovalanza in poche ore, poi andare al Western Union poco distante a spedire i soldi in Africa, centinaia di migliaia di euro al giorno.

Dicono che un galoppino di media importanza in un week-end arrivi a spacciare attorno a cinquemila euro per un guadagno netto al mese di circa 10 mila euro. Un business solo nel capoluogo di milioni di euro ogni anno

Poi alle cinque del pomeriggio lo spacciatore si trasferisce con calma in piazza santa Maria Maggiore e Piazza Dante dove arrivano i clienti del tardo pomeriggio.

La storia del punto d’incontro da anni contestato da residenti e commercianti del posto che ne chiedono lo spostamento è fatta di risse, sangue, spaccio, arresti e accoltellamenti.

Episodi che hanno sempre riguardato gente straniera. Come l’ultima volta dove due magrebini mentre stavano consumando il pasto per futili motivi hanno cominciato a dare in escandescenza rovesciando il cibo per terra.

L’intervento degli operatori della mensa che tentavano di calmarli ha peggiorato ancora di più le cose, i due infatti hanno cominciato a picchiarli. Finita la rissa alcuni operatori si sono recati al pronto soccorso del santa Chiara di Trento per farsi refertare.

Dopo quanto successo la chiusura della struttura per qualche giorno non è servita un granché. Tutto è tornato come prima infatti.

Secondo gli esercenti di via Travai la zona a causa della presenza della struttura è in preda al degrado ed a episodi di criminalità continuati e giornalieri.

Molti sono stati anche gli episodi che hanno visto i frequentatori del punto d’incontro ordinare ai bar della zona e poi dire candidamente di non avere il becco di un euro per non pagare. Gente che in taluni esercizi commerciali si sono presentati completamente ubriachi minacciando i clienti attoniti.

Sulla questione di via Travai il comitato sicurezza Trento aveva anche incontrato il sindaco Andreatta che aveva promesso oltre 2 anni fa che il problema del «Punto d’incontro» sarebbe stato risolto. Si parlava allora di decentrarlo in qualche zona periferica. Promesse che sono state tutte disattese.

Nel luglio del 2017, dopo la denuncia di 30 commercianti della zona giunti allo stremo delle forze, ci aveva provato anche la Lega con una raccolta firme che denunciava la completa «inadeguatezza della giunta comunale completamente paralizzata di fronte alle grandi problematiche del degrado e della sicurezza del capoluogo che mettono a repentaglio investimenti e sacrifici degli operatori economici».

Una raccolta firme, quella dei commercianti che operano in Via Travai, Via 24 Maggio e strade laterali, che chiedeva per l’ennesima volta al sindaco e alle autorità competenti di trovare una diversa collazione al Punto d’Incontro, che in origine pare il problema più grave della zona.

I negozi lamentavano aggressioni, furti, imbrattamenti dei muri delle case, rapine, episodi di degrado come urina e segni di defecazione sui muri e nelle trombe delle scale dei condomini, escrementi, atti vandalici e vomito dappertutto. Cose insomma da terzo mondo.

Le panchine di Via Travai, che erano utilizzate per dormire all’aperto sono state rimosse per combattere una parte di degrado e alcuni servizi erano stati allertati riguardo alla presenza di queste persone, «ma fino ad ora le proposte di aiuto formulate da questi servizi non sono state accolte; noi stessi siamo in difficoltà ad accettare questa impotenza nel risolvere la situazione che si è creata». – spiegavano allora i vertici del punto d’Incontro chiedendo aiuto all’amministrazione comunale rimasta come sempre muta.

Pensate che c’è chi è costretto ad arrivare in negozio mezz’ora prima dell’apertura per bonificarne l’ingresso «e tutte le mattine mi tocca raccogliere ogni sorta di schifezza e disinfettare» – si leggeva nella lettera dei commercianti di via Travai.

Sembra insomma che l’unica via sia spostare la struttura in altro luogo, magari in periferia. Ma pare che nessuno si prenda la responsabilità per tale decisione.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro4 ore fa

Si allontana dai proprietari e rimane bloccato nella vegetazione: cagnolino salvato dai Vigili del Fuoco

Piana Rotaliana5 ore fa

Tamponamento sulla provinciale 235 a Lavis, coinvolti 3 veicoli

Valsugana e Primiero6 ore fa

Cade lungo il sentiero alla Cascata del Lupo: escursionista finisce al santa Chiara

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Paura per il gasolio finito nel Sarca. I vigili del fuoco limitano i danni

Politica6 ore fa

Meloni contro Borne: «Siamo uno Stato sovrano, è finita l’era delle ingerenze»

Trento7 ore fa

Torna la «Mala movida» in centro città, l’appello dei cittadini: «Così non si può continuare»

Alto Garda e Ledro7 ore fa

Sabato a Nago pietre, dipinti, musica e coperte rosse

Musica7 ore fa

Ecco «Volume One», il nuovo progetto di Heterogene

Trento8 ore fa

Energia, ecco le direttive della Provincia per il risparmio

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Riapre l’ambulatorio di fisioterapia alla Casa di Riposo di Cles con un nuovo laser

Trento8 ore fa

Coronavirus: 744 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Arte e Cultura11 ore fa

«Saranno rosse le mie scarpe»: il debutto letterario della trentina Angela Rossi

Trento12 ore fa

Il presidente Fugatti incontra il generale Riccardi, nuovo comandante dei Carabinieri della Legione Trentino Alto Adige

Italia ed estero13 ore fa

Approvato il decreto con limiti per il riscaldamento: 19 gradi per le abitazioni e 17 per industria. Previste alcune deroghe

Italia ed estero14 ore fa

Ue, al vertice di Praga si inaugura “un’Europa allargata” a 44 Stati: Italia e altri 3 Paesi difendono l’idea del price cap dinamico

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento7 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Trento4 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura4 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento3 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento2 settimane fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Trento4 giorni fa

Sette tornanti: giovane agganciato dall’alettone di una macchina – IL VIDEO

Politica2 settimane fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…1 settimana fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Le ultime dal Web1 settimana fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza