Connect with us
Pubblicità

Trento

Grembiuli e divise nelle scuole: quando l’ordine del giorno di Claudio Cia fu approvato in aula

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Quanto proposto dall’assessora Stefania Segnana non è del tutto nuovo. (qui articolo)

Nel giugno del 2016 infatti il consigliere provinciale di Agire Claudio Cia presentò un ordine del giorno collegato al Disegno di Legge 126/2016 sulla «buona scuola» che venne approvato in aula con 24 voti.

L’ordine del giorno di Claudio Cia prevedeva la possibilità per le istituzioni scolastiche di adottare un abbigliamento uniforme di istituto.

Pubblicità
Pubblicità

«L’adozione di grembiuli e divise nelle scuole di ogni ordine e grado, – recitava l’ordine del giorno di Claudio Cia – considerata l’utilità sociale e la funzione educativa di un abbigliamento scolastico improntato alla praticità, al decoro, alla sobrietà e all’uniformità, anche a fini di uguaglianza e di inclusione sociale. A questo scopo la Provincia attua apposite iniziative informazione e comunicazione».

Nella premessa dell’ordine del giorno Claudio Cia ricordava anche che nel Regno Unito, Australia, Giappone, India e parzialmente molti altri paesi le divise sono adoperate da sempre.

Pubblicità
Pubblicità

In Italia vi sono alcune scuole che in via sperimentale hanno scelto di inserire tale misura nel loro regolamento interno. Il sistema regge: i ragazzi accolgono con positività la divisa e lo dimostrano i tanti questionari di gradimento.

Un esempio per tutti, l’Istituto comprensivo “Giorgini” di Montignoso, con il 76 per cento di alunni favorevoli e sponsor che fanno a gara per offrire completi gratis.

«Ogni scuola avrebbe piena autonomia nel decidere il modello di divisa adatto, elaborandolo a piacimento, anche sulla base di pareri richiesti agli studenti. Ogni scuola “appalterebbe” all’istituto di moda superiore più vicino i modelli per le uniformi, che poi li proporrebbe alla scuola. Il Consiglio d’Istituto deciderebbe quale adottare e come ricompensare gli studenti vincitori. Un logo personalizzato per ogni scuola favorirebbe la costruzione di un’identità condivisa tra gli alunni, animando orgoglio e senso di appartenenza alla medesima realtà» riportava l’ordine del giorno del segretario di Agire. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

A Cavareno si impara l’inglese

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

A Folgaria «La lingua batte dove il dente duole»

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Bartolomeo Carneri: un trentino illustre valorizzato a Vienna

Rovereto e Vallagarina8 ore fa

Avio: in corso i lavori di sistemazione della strada forestale

Trento8 ore fa

Riconoscimenti OMS-UNICEF: anche i Consultori e i servizi della Comunità di Apss sono Baby Friendly

Trento8 ore fa

Rincari e effetti per i servizi di assistenza, Segnana ha incontrato U.P.I.P.A e Spes

Trento9 ore fa

Fugatti: “Assestamento di bilancio pienamente operativo”

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

“Aperitorno al futuro”: in Val di Sole un workshop per permettere ai giovani di far sentire la propria voce

Cani Gatti & C10 ore fa

ENPA chiede la riduzione dell’IVA al 10% per pet food e spese veterinarie

Italia ed estero10 ore fa

Nuova inquietante gaffe di Biden. «Jackie, dove sei?», ma la deputata è morta in agosto

Trento10 ore fa

L’Ospedale Santa Chiara di Trento per la terza volta «Amico delle Bambine e dei Bambini»

Vita & Famiglia10 ore fa

Giornata aborto sicuro. Pro Vita: «Di sicuro solo la morte di un bambino»

Trento10 ore fa

Coronavirus, nelle ultime 24 ore in Trentino 658 nuovi positivi

Rovereto e Vallagarina10 ore fa

Ala: serata in ricordo del poeta Giuseppe Caprara

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza