Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

All’auditorium di Lavis lo spettacolo “Dalla viva voce: storie dal carcere”

Pubblicato

-

Lunedì prossimo, 3 dicembre,  la Biblioteca di Lavis-Zambana organizza lo spettacolo “Dalla viva voce: storie dal carcere” di Amedeo Savoia con musiche a cura di Nicola Straffellini. L’appuntamento è all’Auditorium di Lavis alle 10.

Il recital con musica e video narra principalmente frammenti di storia autobiografica di alcuni detenuti, raccolti da Amedeo Savoia nella sua attività di insegnante di scuola e di operatore teatrale nel carcere di Trento.

Lo spettacolo rientra nel progetto “Liberi da dentro”, finalizzato a diffondere sul territorio una conoscenza reale del mondo del carcere, delle pene e del loro effetto sulle persone per puntare alla promozione di una cultura capace di sviluppare una visione di tipo riparativo e alimentare il senso di una responsabilità sociale collettiva.

PubblicitàPubblicità

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Caritro, ha come promotori: Scuola di preparazione sociale, Fondazione Franco Demarchi, associazione “Dalla viva voce”, associazione Quadrivium, Comune di Trento, Comune di Lavis, Comune di Riva del Garda, rivista UnderTrenta, Sistema Bibliotecario Trentino, Museo Diocesano, cooperativa ABCittà, Cinformi, Apas, Atas, Conferenza regionale volontariato carcere Trentino Alto Adige; con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento.

La produzione dello spettacolo appartiene  a “Quadrivium”, associazione di musica contemporanea di Riva del Garda, in collaborazione con “Dalla Viva Voce” di Trento, associazione di volontariato per la sensibilizzazione sul carcere.

Sono invitati i ragazzi delle classi terze della Scuola media di Lavis e gli adulti che vi vorranno partecipare.

Ingresso libero e gratuito. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina Facebook “Biblioteca Lavis-Zambana”.

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Paura alla piscina di Salorno, bambina rischia di annegare

Pubblicato

-

Momenti di autentica paura poco prima delle 17.30 di oggi presso la piscina di Salorno. 

Un bambina di 9 anni di origini non italiane dopo essere scesa dallo scivolo è finita nella piscina ingerendo una grossa quantità d’acqua.  

A soccorrerla è stato un bagnante che si è subito accorto che qualcosa non andava e dopo averla tirata fuori dall’acqua le ha praticato un massaggio cardiaco che per ora ha salvato la vita alla piccola.

PubblicitàPubblicità

I bagnini, pur essendo presenti ai bordi della piscina, non si erano accorti di nulla.

Sembrava tutto andare per il meglio quando la bimba ha avuto una nuova crisi e allora l’elisoccorso è atterrato nella struttura trasportandola all’ospedale di santa Chiara. Le condizioni della bimba ricoverata in rianimazione sono gravi. 

Sul posto anche l’ambulanza di Trentino Emergenza e i carabinieri che stanno interrogando i testimoni che hanno assistito al fatto.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Piana Rotaliana

Fallimento Mercatone Uno: per i dipendenti cassa integrazione fino alla fine del 2019

Pubblicato

-

Un vecchio adagio popolare dice che “piuttosto che niente, è meglio piuttosto” ed è che con questo spirito che i dipendenti di Mercatone Uno, devono accettare la cassa integrazione.

Le possibilità erano due: o essere agganciata alle condizioni contrattuali precedenti alla cessione a Shernon oppure avere come parametro quelle in corso al momento del fallimento.

E’ prevalsa questa via che prende come base le retribuzioni decisamente inferiori per via della riduzione di orario lavorativo che i dipendenti avevano accettato al momento del passaggio di proprietà, pur di salvaguardare il posto di lavoro. Ma non basta.

Pubblicità
Pubblicità

L’esercizio provvisorio autorizzato dal ministero, non prevede la riapertura dei punti vendita, a parte possibili svendite straordinarie se ritenute utili a monetizzare le rimanenze di magazzino.

Pertanto la cassa integrazione sarà a zero ore e avrà durata fino a fine anno.

I sindacati hanno fatto mettere a verbale il loro dissenso considerando che essendo venuto meno l’impegno di Shernon di garantire l’occupazione per 24 mesi, sarebbero decaduti anche gli accordi sull’orario di lavoro.

Però la sostanza non cambia, diciamo che con il Tfr che dovrebbe essere sbloccato a breve e le mensilità fino a dicembre, l’emergenza reddito è parzialmente risolta.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Piana Rotaliana

Due anni di reclusione per il camionista polacco che ha travolto l’auto della polizia stradale sull’A22

Pubblicato

-

Ha patteggiato a due anni di reclusione il camionista polacco che mercoledì ha travolto una pattuglia della polizia stradale sull’A22. (qui articolo, foto e video)

Un agente ha subito lesioni con una prognosi di 60 giorni, mentre il collega “solo” 7 giorni. Sottoposto all’alcol test, il camionista polacco ha fatto registrare un tasso di 1,8 (ben quattro volte sopra il limite consentito).

Ricordiamo che per i conducenti dei camion il tasso alcolemico deve essere pari a zero.

Pubblicità
Pubblicità

Nel primo pomeriggio di mercoledì è arrivata una chiamata al Centro Operativo Autostradale che segnalava la presenza di un camion che procedeva a zig zag in direzione sud.

Gli agenti della Polizia stradale di Trento erano sulla corsia d’emergenza all’altezza dell’uscita per San Michele all’Adige pronti a fermare il veicolo.

Il camion è però sopraggiunto travolgendo violentemente l’auto della polizia.

La patente gli è stata ritirata e ieri è stato processato per direttissima.

Il camionista ha detto di essere dispiaciuto e di aver bevuto a causa di problemi familiari.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza