Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

All’auditorium di Lavis lo spettacolo “Dalla viva voce: storie dal carcere”

Pubblicato

-

Lunedì prossimo, 3 dicembre,  la Biblioteca di Lavis-Zambana organizza lo spettacolo “Dalla viva voce: storie dal carcere” di Amedeo Savoia con musiche a cura di Nicola Straffellini. L’appuntamento è all’Auditorium di Lavis alle 10.

Il recital con musica e video narra principalmente frammenti di storia autobiografica di alcuni detenuti, raccolti da Amedeo Savoia nella sua attività di insegnante di scuola e di operatore teatrale nel carcere di Trento.

Lo spettacolo rientra nel progetto “Liberi da dentro”, finalizzato a diffondere sul territorio una conoscenza reale del mondo del carcere, delle pene e del loro effetto sulle persone per puntare alla promozione di una cultura capace di sviluppare una visione di tipo riparativo e alimentare il senso di una responsabilità sociale collettiva.

PubblicitàPubblicità

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Caritro, ha come promotori: Scuola di preparazione sociale, Fondazione Franco Demarchi, associazione “Dalla viva voce”, associazione Quadrivium, Comune di Trento, Comune di Lavis, Comune di Riva del Garda, rivista UnderTrenta, Sistema Bibliotecario Trentino, Museo Diocesano, cooperativa ABCittà, Cinformi, Apas, Atas, Conferenza regionale volontariato carcere Trentino Alto Adige; con il patrocinio della Provincia autonoma di Trento.

La produzione dello spettacolo appartiene  a “Quadrivium”, associazione di musica contemporanea di Riva del Garda, in collaborazione con “Dalla Viva Voce” di Trento, associazione di volontariato per la sensibilizzazione sul carcere.

Sono invitati i ragazzi delle classi terze della Scuola media di Lavis e gli adulti che vi vorranno partecipare.

Ingresso libero e gratuito. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina Facebook “Biblioteca Lavis-Zambana”.

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Un intero corso del Martino Martini al vecchio “Cason”: Mezzolombardo Partecipa presenta una mozione

Pubblicato

-

Il vetusto edificio conosciuto come "Cason", a Mezzolombardo, da settembre ospiterà gli studenti del corso LES del Martino Martini

Qualche giorno fa l’Istituto Martino Martini di Mezzolombardo, tramite un avviso firmato dalla dirigente scolastica Tiziana Rossi, ha comunicato in via ufficiale – confermando le voci dei mesi scorsi – che la nuova sede distaccata della scuola sarà all’interno dell’edificio conosciuto dalla popolazione come “Cason” in via Filzi. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

Mercatone uno: crisi di governo blocca la cassa integrazione?

Pubblicato

-

Ferragosto di preoccupazione e di ansia per i quasi ex dipendenti di Mercatone Uno di San Michele.

Dopo lo spiraglio aperto dal parere favorevole alla cassa integrazione, seppur parametrata sul contratto part time sottoscritto con la fallita Shernon Holding, non è chiaro se la crisi di governo abbia o meno bloccato l’iter della concessione.

Parliamo comunque di una cifra minima con un assegno mediamente pari a 400 euro, in quanto rapportato a quella riduzione d’orario imposta dalla Shernon Holding per mantenere i precedenti livelli occupazionali.

PubblicitàPubblicità

Nel frattempo i nuovi commissari nominati dal Mise, sono pronti per ricevere le eventuali offerte vincolanti che andranno presentate entro il 31 ottobre.

La cessione di tutti 55 punti vendita dovrebbe avvenire entro fine anno.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

L’ orso M49 si sposta verso nord, stamattina trovate le sue orme a Faedo

Pubblicato

-

Prosegue l’attività di monitoraggio del Corpo forestale trentino: proprio stamattina, in seguito a una segnalazione di alcuni cacciatori di Faedo, i forestali hanno rilevato orme nel fango nel territorio del Comune di Giovo, versante di Faedo, a poca distanza dal confine con la Provincia di Bolzano.

Successivi controlli hanno confermato che si tratta effettivamente di M49; l’orso si starebbe quindi spostando verso nord, dopo aver trascorso circa un mese sulla Marzola.

Il corpo forestale di Trento ha allertato i colleghi dell’Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza