Connect with us
Pubblicità

Politica

A Roma il Presidente Paccher incontra i Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province Autonome italiane

Pubblicato

-

Due rappresentanti eletti, uno per il Trentino e uno per l’Alto Adige/Südtirol, nel parlamento europeo, attraverso la costituzione di due circoscrizioni a collegio unico.

Questo l’obiettivo che si potrebbe raggiungere con la proposta di riforma della legge 24 gennaio 1979, n. 18 per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, che i Presidenti delle Assemblee legislative a Statuto speciale Italiane, tra cui Roberto Paccher, vorrebbero presentare al Parlamento italiano.

Il Presidente del Consiglio regionale del Trentino – Alto Adige/Südtirol, ha infatti partecipato a Roma, a latere della Conferenza plenaria dei Presidenti dei Parlamenti regionali, al Coordinamento delle Speciali, dove è stata esaminata la “Memoria in tema di “Una garanzia di rappresentanza nel Parlamento europeo per i cittadini dei territori ad autonomia speciale”, elaborata dal gruppo di ricerca A.S.A. (Autonomie Speciali Alpine), nel quadro del progetto L.I.A. (Laboratorio di Innovazione istituzionale per l’Autonomia integrale) dell’Università di Trento

PubblicitàPubblicità

La ricerca, come spiegato nel documento, parte dalla considerazione che le popolazioni residenti nelle Regioni a statuto speciale – “fatta eccezione per la Sicilia, in relazione alla sua dimensione demografica nettamente superiore – sono penalizzate dall’attuale meccanismo elettorale e la loro possibilità di avere voce nell’assemblea parlamentare dell’Unione europea dipende da circostanze altamente aleatorie”

Ad oggi, infatti, la distribuzione degli eletti, vista la particolare normativa vigente, non consente una adeguata rappresentanza alle Regioni a statuto speciale, soprattutto se confrontata con quella degli altri stati europei. “L’Italia è il paese che, con la Francia fino alla riforma del 2018, ha costituito in assoluto gli ambiti di più estesa dimensione: in media una circoscrizione ogni 11,4 milioni di elettori nel primo caso, una ogni 7 milioni e mezzo di elettori nel secondo. In Italia, la circoscrizione Nord-ovest (Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d’Aosta) raggiunge da sola i 15 milioni di elettori! La distribuzione attuale degli eletti in Italia presenta evidenti paradossi: la Sardegna, ad esempio, è inserita in un collegio unico “delle Isole” insieme alla Sicilia; quest’ultima conta però quasi 5 milioni di abitanti, mentre gli elettori della Sardegna sono 1 milione e 480 mila. I numeri dicono che in questa circoscrizione elettorale sono molto più probabilmente eletti al Parlamento europeo deputati siciliani e in effetti così è avvenuto molto spesso in passato, ad esclusione della legislatura in corso che ha eccezionalmente sancito, dopo venticinque anni, l’elezione di ben 3 deputati europei sardi.

LA TUTELA DEI RAPPRESENTANTI DELLE MINORANZE LINGUISTICHE  – Ad oggi, come ricorda la memoria, esiste già una norma all’interno della legge elettorale, che prevede la salvaguardia dei rappresentanti delle minoranze linguistiche.

In particolare, “quando in una circoscrizione sia costituito un gruppo di liste con le modalità indicate nell’articolo 12, ai fini della assegnazione dei seggi alle singole liste che compongono il gruppo l’ufficio elettorale circoscrizionale provvede a disporre in un’unica graduatoria, secondo le rispettive cifre individuali, i candidati delle liste collegate.

Proclama quindi eletti, nei limiti dei posti ai quali il gruppo di liste ha diritto, i candidati che hanno ottenuto le cifre individuali più elevate. Qualora nessuno dei candidati della lista di minoranza linguistica collegata sia compreso nella graduatoria dei posti ai quali il gruppo di liste ha diritto, l’ultimo posto spetta a quel candidato di minoranza linguistica che abbia ottenuto la maggiore cifra individuale, purché non inferiore a 50.000”.

Si tratta di un meccanismo – spiegano gli autori della memoria – di cui ha potuto concretamente beneficiare fino ad oggi, nei fatti, soltanto la minoranza di lingua tedesca della Provincia di Bolzano-Südtirol, stante il numero eccessivamente elevato di suffragi individuali richiesti rispetto alla consistenza delle altre due minoranze. Per quanto si tratti di una disposizione positiva in termini di attenzione nei confronti delle minoranze linguistiche, la sua applicazione si è rivelata problematica e già in passato sono state avanzate da parte degli stessi parlamentari altoatesini proposte per un suo superamento mediante l’istituzione di un collegio uninominale”.

PROPOSTA DI RIFORMA DELLE LEGGE 24 GENNAIO 1979 n. 18  – I Presidenti hanno dunque deciso di dare mandato al gruppo di ricerca A.S.A. (Autonomie Speciali Alpine), di elaborare, sulla base della memoria presentata, un testo normativo che possa dare maggiore rappresentatività ai territori, attraverso “il mantenimento dell’attuale sistema di macro-circoscrizioni, accompagnandolo con lo scorporo dei territori coincidenti con le autonomie regionali e provinciali speciali (ad eccezione della Sicilia, che continuerebbe a costituire una macro-circoscrizione anche senza la presenza della Sardegna) per costituire dei collegi uninominali in grado di dare adeguata rappresentanza a comunità e territori fortemente caratterizzati.  Anche se ne deriva un rapporto numerico leggermente più favorevole per questi territori rispetto al resto del territorio nazionale, si tratterebbe comunque di una scelta perfettamente in linea con il principio sancito a livello europeo di “rappresentanza degressivamente proporzionale”, applicato in questo caso però alla scala interna italiana. Questa proposta va nella direzione di eliminare l’attuale condizione di disparità e sotto-rappresentanza dei cittadini che risiedono in Regioni ad autonomia speciale, in parte significativa appartenenti a minoranze linguistiche e residenti in territori di frontiera marittima esterna o di frontiera nazionale intracomunitaria, garantendo loro di poter dare un più concreto apporto al processo di integrazione europea”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza