Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Sfruttamento sessuale e lavorativo: lo studio UniTrento sul finanziamento e uso dei fondi

Pubblicato

-

Domani, venerdì 30 novembre, presentazione dei risultati dello studio condotto in Italia dal gruppo di ricerca eCrime dell’Università di Trento.

La conferenza si apre alle 9.15 al Palazzo di Giurisprudenza (Trento – Via Verdi, 53).

Conoscere il finanziamento e l’uso dei fondi nella tratta di persone a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo è importante per rafforzare il contrasto a questo mercato illegale, strutturato in attori differenti e che genera enormi profitti. A oggi però la conoscenza di questi aspetti è ancora limitata, così come l’utilizzo delle indagini di tipo finanziario, a livello sia nazionale sia europeo.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto europeo FINOCA 2.0, coordinato dal Center for the Study of Democracy – CSD (Bulgaria), con la collaborazione del gruppo di ricerca eCrime dell’Università di Trento, Facoltà di Giurisprudenza (Italia), Institute for International Research on Criminal Policy, Università di Ghent (Belgio) e National Institute for Advanced Studies in Security and Justice – INHESJ (Francia) ha consentito una prima analisi e conoscenza di come gli attori di questo mercato illegale siano capaci di avviare e mantenerle nel tempo operazioni di tratta.

Quasi due anni di lavoro e 150mila euro di finanziamento della Commissione europea con il Programma Internal Security Fund – Police, per analizzare e capire il finanziamento e l’uso dei fondi nella tratta di persone a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo. Obiettivo, suggerire proposte e integrazioni alla normativa per incrementare la cooperazione nell’uso di indagini finanziarie a livello nazionale, europeo e internazionale.

Grazie alla preziosa collaborazione di esperti tra rappresentanti delle forze di polizia, magistratura, associazioni no-profit, ma anche vittime di tratta e giornalisti, è stato possibile approfondire vari aspetti. Innanzitutto l’organizzazione e la struttura degli attori della tratta e dei modelli di business anche con riferimento alla fase dello sfruttamento. Quindi le fonti utilizzate per finanziare le operazioni di tratta. Il terzo aspetto ha riguardato le modalità e i mezzi impiegati per pagare le operazioni di tratta, così come il costo sostenuto per avviarle. Infine si è puntata l’attenzione sui profitti e il riciclaggio dei proventi illeciti della tratta rispetto ai metodi utilizzati e agli ambiti di investimento.

Il team di ricerca commenta: «In un mercato illegale dove gli attori si collocano all’interno di un continuum, da gruppi criminali organizzati a gruppi criminali di medie-piccole dimensioni (strutturati spesso su base familiare) e attori singoli, organizzare operazioni di tratta risulta relativamente economico a parità di altri traffici, come ad esempio quello di sostanze stupefacenti. Perché? Per l’elevata offerta». E prosegue: «Sempre più persone sono spinte da fattori quali povertà, instabilità politica, condizioni socio-economiche svantaggiate a lasciare il proprio paese. Questo facilita il lavoro dei reclutatori nei villaggi e nelle città in Africa, Cina e Europa dell’Est ovvero i paesi di maggiore provenienza delle vittime sfruttate in Italia. E per i costi molto bassi, o addirittura quasi inesistenti, per chi organizza le operazioni di tratta. Spesso sono le vittime, i familiari o i parenti ad anticipare la somma necessaria a coprire le spese di viaggio e quelle per i documenti (quando servono), magari vendendo proprietà o indebitandosi con prestiti usurai».

La conferenza

I risultati verranno presentati domani, venerdì 30 novembre, nella sala conferenze del Palazzo di Giurisprudenza (Trento – Via Verdi, 53).

Dopo il saluto iniziale del Procuratore della Repubblica, Sandro Raimondi, capo della Procura distrettuale della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Trento, a introdurre il progetto europeo FINOCA 2.0 sarà Andrea Di Nicola, coordinatore scientifico del gruppo di ricerca eCrime, illustrandone obiettivi e metodologia. I risultati del caso studio saranno presentati da Fiamma Terenghi di eCrime, che parlerà delle fonti di finanziamento e dell’uso dei fondi nella tratta di persone a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo in Italia. Dai risultati alle proposte per rafforzare l’attività di prevenzione e contrasto della tratta di persone a livello europeo e extra-europeo, di cui parlerà Valentina Piol di eCrime.

La mattinata proseguirà con due sezioni dedicate alle due forme di sfruttamento (quello sessuale e quello lavorativo).

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

Tumori del sangue: Ail Trentino e Cibio lottano assieme

Pubblicato

-

L’obiettivo è affrontare leucemie, linfomi e mieloma alla radice. In altre parole studiare le basi genomiche di queste malattie e la loro diffusione per individuare nuove terapie farmacologiche capaci di fermarne la progressione.

Verranno sostenuti due progetti: uno si sviluppa in ambito pediatrico, l’altro riguarda, invece, le persone adulte.

Sono i contenuti del protocollo d’intesa firmato oggi in Rettorato da Roberto Valcanover, presidente dell’Ail – Associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma, sede del Trentino, e Alessandro Quattrone, direttore del Dipartimento Cibio dell’Università di Trento

Pubblicità
Pubblicità

Dopo due anni di collaborazione, saranno ora sviluppate in modo più strutturato iniziative congiunte di ricerca per giungere all’identificazione di potenziali nuove molecole terapeutiche per la leucemia e altre malattie del sangue.

Il responsabile del protocollo per Ail Trentino sarà Gianluca Farina, mentre il responsabile scientifico della collaborazione per il Cibio sarà Paolo Macchi.

Questo è un passo importante per la creazione di iniziative di cooperazione con soggetti e istituti di ricerca che hanno obiettivi affini, nonché per la costituzione di un ambiente che promuova la ricerca scientifica nei settori di rispettivo e comune interesse.

L’intesa consentirà di attivare contratti di collaborazione per lo svolgimento di lavoro di ricerca, nonché lo sviluppo di iniziative congiunte volte allo studio delle basi biologiche delle patologie del sangue, finalizzate alla ricerca di nuove soluzioni terapeutiche. Il fine ultimo è studiare i meccanismi molecolari alla base di queste patologie per migliorare sia la salute sia la qualità di vita dei pazienti.

Roberto Valcanover ribadisce: «Da sempre il finanziamento della ricerca scientifica è considerato da Ail Trentino un investimento sulla speranza. Sostenere la ricerca significa garantire un’assistenza più mirata, cure personalizzate, un’aspettativa maggiore di guarigione. Negli anni Ail Trentino ha destinato risorse economiche sempre maggiori a favore di importanti studi clinici». Sottolinea: «Ail Trentino non riceve contributi da nessuna fonte di finanziamento pubblica. Tutti i progetti che l’Associazione realizza sono possibili grazie alla generosità dei cittadini e delle aziende e al sostegno dei numerosi volontari. Riceviamo contributi e, in cambio, restituiamo risultati, impegnandoci a valorizzare e a rispettare la fiducia dei sostenitori, trasformando ogni donazione in un aiuto concreto affinché il lavoro che svolgiamo sia di anno in anno più efficace, anche in campo di finanziamento alla ricerca. Si è fatto sì che la generosità nella lotta ai tumori del sangue raggiungesse traguardi incoraggianti e lusinghieri e siamo fiduciosi ne possa raggiungere altri di importanti, grazie anche alla ricerca, alla professionalità e alla passione di ricercatori come quelli del Cibio»

In base al protocollo, che ha durata di tre anni ed è rinnovabile, i partner intendono valorizzare i risultati della ricerca scientifica e ogni altra attività di comune interesse

La collaborazione si concretizzerà con l’attivazione, da parte del Cibio, di assegni di ricerca, borse di dottorato e altre forme di contratto a favore di giovani finanziati da Ail Trentino su base annuale.

Si prevede di riuscire a coinvolgere due giovani ricercatori/ricercatrici nel corso del triennio che verranno affiancati/e da studenti e studentesse delle lauree triennali e magistrali che svolgeranno la tesi sperimentale su queste tematiche.

Ail Trentino e Cibio saranno liberi di utilizzare i risultati derivanti dalle attività congiunte per esclusivi scopi di ricerca.

I progetti di ricerca realizzati nell’ambito del protocollo avranno carattere non-profit. Nel segno della condivisione del sapere, i partner si impegnano inoltre a garantire la pubblicazione dei risultati su riviste scientifiche internazionali, la presentazione a conferenze scientifiche e, dove possibile, la distribuzione di dati e altri prodotti rilevanti alla comunità scientifica internazionale secondo le modalità dell’open source.

I DUE PROGETTI DI PARTENZA – Un progetto riguarda le sindromi mielodisplastiche (SMD) in età pediatrica e, in particolare, lo studio delle alterazioni del meccanismo di maturazione (splicing) dell’RNA. L’informazione genetica contenuta nel DNA viene copiata (trascritta) in una molecola di RNA. Lo splicing è una fase della trascrizione in cui le diverse porzioni di RNA appena prodotto sono unite a formare l’RNA messaggero maturo (mRNA) da cui derivano le proteine. Grazie allo splicing, la cellula non solo può esercitare un accurato controllo sull’espressione genica, ma può anche aumentare la variabilità dell’informazione del proprio genoma. Infatti, partendo da un singolo RNA, si possono sintetizzare diversi RNA messaggeri maturi attraverso il meccanismo dello splicing alternativo. L’obiettivo del progetto, che verrà svolto da Lorena Zubovic del laboratorio diretto da Paolo Macchi, sarà studiare le condizioni in cui lo splicing alternativo riveste un ruolo rilevante per la cellula tumorale identificando delle specifiche varianti di RNA messaggero da usare come marcatori della malattia o come bersagli terapeutici.

L’altro progetto si concentra sulla leucemia mieloide acuta (LMA), malattia più tipica dell’età adulta. Lo studio vuole indagare il ruolo della modifica (metilazione) dell’RNA nell’insorgenza e progressione maligna della maIattia. La metilazione dell’RNA è un processo che permette di modificare la struttura dell’RNA regolandone la traduzione in proteina ed è generalmente mediato da proteine che promuovono, leggono o rimuovono tale modificazione. Il progetto si pone quindi l’obiettivo di identificare le proteine più importanti coinvolte all’interno del processo di metilazione dell’RNA che contribuiscono alla oncogenesi, per poterle proporre come nuovi bersagli terapeutici.

QUALCHE DEFINIZIONE – Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono malattie del sangue causate da danni nel DNA delle cellule staminali presenti all’interno del midollo osseo. Le cellule staminali danneggiate non riescono a produrre una quantità adeguata di cellule del sangue funzionali, causando una carenza di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. In circa un terzo di pazienti con SMD la malattia degenera in leucemia mieloide acuta (LMA).

Le loro cellule accumulano varie mutazioni genetiche che possono interessare sia porzioni di DNA sia addirittura cromosomi interi. Si ipotizza che alcune di queste mutazioni contribuiscano alla trasformazione delle cellule staminali in cellule tumorali o le facciano diventare più aggressive nel corso della malattia, anche se il preciso meccanismo molecolare alla base dell’insorgenza delle sindromi mielodisplastiche è ancora in gran parte sconosciuto.

Ogni anno in Europa circa una persona ogni 12.500 viene colpita da una mielodisplasia. Le SMD sono patologie rare in età pediatrica (rappresentano solo il 4% di tutti i tumori del sangue pediatrici) e colpiscono anche e soprattutto le persone anziane. Sopra i 70 anni, infatti, si ammala ogni anno una persona ogni 3mila. La progressiva gravità del difetto genetico si traduce spesso in alterazioni sempre più profonde dei processi non solo di maturazione, ma anche di differenziamento cellulare.

Sebbene negli ultimi anni si siano registrate numerose e approfondite scoperte scientifiche per la cura delle SMD, esse rimangono ancora oggi patologie di sottovalutata incidenza clinica e di insoddisfacente risoluzione terapeutica.

La leucemia mieloide acuta (LMA) è una patologia tumorale ematologica molto eterogenea, caratterizzata dall’espansione incontrollata di cellule mieloidi (le cellule da cui provengono globuli bianchi, globuli rossi e piastrine) non differenziate nel sangue periferico, nel midollo osseo e/o in altri tessuti. È la forma più comune di leucemia acuta tra le persone adulte: infatti l’età media alla diagnosi è di 67 anni.

Grazie alle nuove tecnologie di sequenziamento del genoma, numerose aberrazioni genetiche ricorrenti hanno permesso di classificare diverse sotto-categorie di LMA permettendo di associare la prognosi, più o meno favorevole, con specifiche categorie. Inoltre, la caratterizzazione della presenza di bersagli molecolari ha anche permesso di suggerire nuovi protocolli terapeutici da affiancare alla chemioterapia prevista e al trapianto di cellule ematopoietiche (cellule da cui derivano tutte le cellule del sangue).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Ieri le biotecnologie trentine in mostra nel Roadshow BioInItaly

Pubblicato

-

Ieri al CLab Trento di piazza Fiera si è tenuta la tappa trentina del Roadshow BioInItaly Investment Forum, organizzata da HIT-Hub Innovazione Trentino in collaborazione con Intesa San Paolo-Innovation Centre, Federchimica-Assobiotec e il Cluster Tecnologico nazionale sulla chimica verde (SPRING).

L’evento – specifico per i settori delle biotecnologie mediche e agroalimentari – ha avuto lo scopo di avvicinare le nuove iniziative imprenditoriali derivanti da tecnologie sviluppate dai centri di ricerca del Trentino – in particolar modo dall’Università di Trento, Dipartimento Cibio – con i principali investitori finanziari ed industriali a livello nazionale, come dimostrato dalla presenza di numerosi e rilevanti rappresentanti esterni al sistema trentino interessati a conoscere meglio le proposte.

L’iniziativa conferma inoltre il ruolo di HIT come ponte tra l’offerta di ricerca e di tecnologie del territorio ed il sistema nazionale della finanza tecnologica e delle imprese, promuovendo così la possibilità di investimenti concreti nelle più promettenti tecnologie e startup trentine.

Pubblicità
Pubblicità

A sfidarsi, per conquistare l’accesso di diritto alla fase successiva del programma nazionale, i migliori sei progetti imprenditoriali innovativi sviluppati da docenti, ricercatori e studenti dell’Ateneo trentino e accelerati in questi mesi da HIT: BDS – Biology Derived Solutions: tecnologie applicate alla lotta al neuroblastoma; Blue Tentacles: agricoltura di precisione con un sistema di irrigazione intelligente che consente risparmi e sostenibilità nell’uso dell’acqua in agricoltura; Bruno Meat: tecnologie innovative per la creazione di carne sintetica in vitro sostenibile; Organoo: kit per test farmacologici su organoidi per velocizzare il processo di scoperta di nuovi farmaci; Pleyra: tecnologie per lo screening di potenziali farmaci; Stilla: kit per effettuare la diagnostica su pazienti in modalità non invasiva.

La crescente incidenza delle tecnologie in ambito biotech presenti sul territorio trentino e nell’attività di trasferimento tecnologico è stata sottolineata da Mauro Casotto, vicepresidente di HIT, che in apertura dei lavori della tavola rotonda introduttiva ha sottolineato come “nelle attività di trasferimento tecnologico avanzato, il 40% del totale dei progetti seguiti da HIT – e che in alcuni casi hanno portato a licenze di tecnologie/brevetti – è in ambito biotecnologico, ovvero biotecnologie mediche e agroalimentari. Mentre di tutte le start up seguite nei programmi di accelerazione, il 38% rappresenta la percentuale delle nuove società nate in ambito biotech”.

Questo dimostra quanto il settore sia sempre più vitale, ma soprattutto attrattivo per investimenti e nuove imprese tecnologiche che potranno essere canalizzati sul territorio trentino.

La presenza di numerosi partner nazionali e il recente insediamento di Bio4Dreams a Trento presso gli spazi di Trentino Sviluppo ne sono un’ulteriore dimostrazione”.

L’offerta scientifica del territorio è stata confermata dal Alessandro Quattrone – direttore presso l’Ateneo trentino del Dipartimento Cibio – che, nel corso della tavola rotonda, ha focalizzato l’attenzione sullo stato dell’arte della ricerca trentina nel settore illustrando anche i risultati del trasferimento verso il mercato e le principali direttrici di sviluppo scientifico.

Il respiro nazionale del Roadshow BioInItaly è stato reso evidente dalla presenza di interlocutori illustri del settore, quali Elisabetta Borello, co-fondatrice di Bio4Dreams, che ha raccontato la scelta di localizzare in Trentino una sede del proprio incubatore specializzato proprio nelle scienze della vita.

Scelta che ha tenuto in considerazione lo spessore delle ricerche e delle tecnologie presenti in Trentino rispetto ad un quadro generale che vede Il biotech a livello nazionale, secondo i dati di Assobiotec, contare circa 570 imprese, un fatturato superiore a 11 miliardi di euro e una fortissima intensità di ricerca e sviluppo (quasi il 30% degli addetti totali per piu’ di 2 miliardi di spesa complessiva).

La tappa trentina del Roadshow BioInItaly ha visto anche le testimonianze di Mario Bonaccorso, di Assobiotec-Federchimica e Germano Paganelli di Intesa San Paolo Innovation center, che hanno spiegato il format di BioInItaly, partendo dai successi delle passate edizioni.

Mentre Francesco Senatore, di Fondazione Toscana Life Sciences di Siena ha illustrato un caso di studio e cioè lo sviluppo del distretto toscano scienze della vita, il cluster biomedico operante da anni proprio in regione Toscana.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Autismo, cosa scatena la paura di un abbraccio

Pubblicato

-

Uno studio di TRAIN (Trentino Autism Initiative), progetto strategico dell’Università di Trento, suggerisce che specifiche caratteristiche anatomiche e funzionali del cervello siano alla base di una risposta alterata agli stimoli sensoriali comune a varie forme di autismo.

La ricerca ora prosegue e se le conclusioni saranno confermate, ciò potrebbe aiutare chi interagisce con persone autistiche a ridurre gli stati d’ansia e a favorire relazioni migliori.

 Circa il 90% delle persone con disturbi dello spettro autistico manifesta una alterata sensibilità agli stimoli sensoriali (visivi, uditivi, tattili).

Pubblicità
Pubblicità

Un’immagine particolarmente luminosa, un tono alto della voce o un contatto fisico, come un abbraccio, possono scatenare in questi soggetti una reazione amplificata e improntata alla paura.

Quanto l’esperienza insegna e la letteratura scientifica riferisce, ha trovato ora un primo riscontro sperimentale.

I risultati dello studio

Uno studio condotto in laboratorio dimostra che l’alterata sensibilità agli stimoli tattili dipende da una ridotta connettività della corteccia somatosensoriale, l’area del cervello che riceve ed elabora questi stimoli, e da una forte attivazione dell’amigdala, regione cerebrale tipicamente coinvolta nelle risposte di paura.

Il lavoro di ricerca è stato pubblicato in questi giorni sulla rivista “Journal of Neuroscience“.

Yuri Bozzi, professore del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) dell’Università di Trento, spiega: «I risultati del nostro studio suggeriscono che specifiche caratteristiche anatomiche e funzionali delle aree cerebrali coinvolte nell’elaborazione degli stimoli sensoriali siano alla base di alcuni comportamenti comuni a varie forme di autismo come una risposta alterata agli stimoli sensoriali. Ulteriori studi condotti dal nostro consorzio di ricerca potrebbero estendere queste osservazioni a pazienti affetti da autismo. Se le conclusioni saranno confermate, ciò potrebbe aiutare chi interagisce con persone autistiche a ridurre gli stati d’ansia e a favorire relazioni migliori».

TRAIN, progetto strategico dell’Università di Trento

Il lavoro di ricerca si è sviluppato nell’ambito di TRAIN (Trentino Autism Initiative), progetto strategico finanziato dall’Università di Trento per il periodo 2018/2020 e può essere considerato una prima tappa raggiunta nel viaggio di questo particolare “treno” nell’esplorazione e nell’approfondimento dell’autismo.

Uno degli obiettivi del progetto, infatti, è studiare i meccanismi biologici alla base delle differenti manifestazioni comportamentali tipiche dei disturbi dello spettro autistico.

TRAIN, che è coordinato da Yuri Bozzi, è un consorzio che coinvolge 13 gruppi di ricerca afferenti a varie istituzioni: Università di Trento, Istituto Italiano di Tecnologia, Fondazione Bruno Kessler e Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Allo studio hanno partecipato 4 gruppi di ricerca che fanno parte di TRAIN, guidati rispettivamente da Yuri Bozzi (Centro interdipartimentale Mente/Cervello, Università di Trento), Giovanni Provenzano (Dipartimento CIBIO, Università di Trento), Simona Casarosa (Dipartimento CIBIO, Università di Trento) e Alessandro Gozzi (Istituto Italiano di Tecnologia, Rovereto).

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il gruppo di Valerio Zerbi del Politecnico Federale di Zurigo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza