Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Riva del Garda, arrestati due imprenditori cinesi per sfruttamento ed estorsione a 12 lavoratori pakistani

Pubblicato

-

La Guardia di Finanza di Riva del Garda (TN), nel corso dell’operazione “Giardino Orientale”, ha eseguito ieri due misure di custodia cautelare in carcere, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Rovereto (TN) nei confronti di due imprenditori cinesi titolari di un ristorante orientale.

Nelle prime ore della mattinata di ieri, i militari delle Fiamme Gialle della Tenenza di Riva del Garda (TN) hanno arrestato C.F., 30 anni, alias Yuri, e W.F., 35 anni, alias Colfù, rispettivamente titolare e socio di una società, la R.S.K. s.r.l., che gestisce un ristorante in franchising di un marchio di ristorazione orientale, con l’accusa di sfruttamento aggravato del lavoro ed estorsione nei confronti di dodici lavoratori pakistani regolarmente residenti in Italia.

Le indagini, partite qualche mese fa dagli sviluppi di alcuni controlli sul lavoro nero e irregolare condotti nell’Alto Garda, hanno consentito di puntare i riflettori sulla società R.S.K. s.r.l., con sede legale in Firenze ed amministrativa e luogo di esercizio a Riva del Garda (TN), i cui titolare e socio principale avevano impiantato un sistema criminoso finalizzato al reclutamento di manodopera in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno e necessità dei lavoratori, mediante la corresponsione di retribuzioni difformi rispetto ai contratti collettivi di lavoro riconosciuti a livello nazionale e la sottoposizione a condizioni lavorative e alloggiative degradanti.

Pubblicità
Pubblicità

Il sistema, iniziato nel 2016, era così articolato: attraverso il passaparola o con contatti diretti, C.F. e W.F. avvicinavano stranieri regolari in evidente stato di bisogno e in ristrettezze economiche, proponendo lavori, nel proprio ristorante, con contratti a tempo determinato per 40 ore settimanali (sette ore al giorno per cinque giorni ed una giornata da cinque ore), che comprendevano la possibilità di fruire dei riposi previsti nonché di vitto e alloggio.

Ma la realtà dei fatti era diversa:

  • non venivano mai concessi i riposi settimanali e le ferie, obbligando i lavoratori a una pausa pranzo di soli quindici minuti, e venivano decurtati significativi importi in caso di malattia o assenza dal lavoro;

    Pubblicità
    Pubblicità
  • fino a giugno 2018, i pagamenti avvenivano in contanti, poi, con la recente introduzione dell’obbligo del tracciamento bancario, venivano effettuati per l’intero importo della busta paga ma i lavoratori erano costretti a restituire, dietro minaccia di licenziamento, la parte di importo eccedente gli 800 euro;

  • il costo del vitto era decurtato, per una somma pari a 100 euro, dallo stipendio realmente percepito ed il pasto consisteva in farina per piadine e una modica quantità di pollo, uova e verdura una volta alla settimana;

  • all’atto dell’assunzione, i lavoratori erano costretti a firmare fogli in bianco, sui quali, come minaccia, veniva loro detto che avrebbero potuto essere scritte dichiarazioni attestanti le loro dimissioni o richieste di aspettativa non retribuita.

In totale sono dodici i lavoratori pakistani individuati dalle Fiamme Gialle che sono stati oggetto di sfruttamento: gli stessi erano altresì costretti ad alloggiare in un appartamento di Riva del Garda di circa 90 m2 con un unico bagno, regolarmente affittato e abitato da W.F., alias Colfù, dove venivano stipati in condizioni igienico sanitarie precarie, obbligati per lo più a dormire su pagliericci improvvisati sul pavimento, mentre W.F. aveva una stanzetta riservata.

Per tale sistemazione, i lavoratori si vedevano trattenere ulteriori 100 euro a testa, con un guadagno netto di W.F. di ben 500 euro sul costo del canone, all’insaputa del locatore.

Emblematico il caso di P.A., 29 anni, pakistano, licenziato nel 2018 per essersi rifiutato di restituire il denaro eccedente gli 800 euro di stipendio nonché 27 euro per ogni giornata di malattia dovuta all’insorgenza di piaghe ai piedi, conseguenza dell’insostenibile orario di lavoro imposto.

Dopo essere ricorsi a una lettera di dimissioni volontarie riportante la falsa firma di P.A., Yuri e Colfù lo hanno costretto a lasciare l’alloggio e P.A. si è trovato a vivere in condizioni precarie e a dormire anche sulle panchine della città.

L’operazione di servizio fa parte del complesso di attività ed iniziative che la Guardia di Finanza dispiega a tutela del mercato del lavoro per contrastare, in particolare, le più gravi forme di prevaricazione e sfruttamento in danno dei lavoratori dipendenti, specie se costoro si trovano in condizioni di particolare debolezza o bisogno, anche per il fatto che questo genere di condotte illegali altera le regole del mercato e danneggia i cittadini, i lavoratori e gli imprenditori onesti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella19 minuti fa

A Nanno si festeggia San Biagio con le “trippe delivery”

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Scoperto laboratorio della cocaina a Canazei: in manette un 35enne albanese

Trento2 ore fa

Tamponi fasulli: i clienti pagavano mille euro. Pronto il registro con i nomi dei ‘furbetti’ del test

Trento2 ore fa

In Trentino nel 2021 boom di richieste di reddito o pensione di cittadinanza

Trento3 ore fa

Quando si terranno i saldi Uniqlo e cosa sarà possibile acquistare

Trento3 ore fa

Segnana: “Itea, le nuove regole riguardano gli alloggi a canone moderato e non a canone sostenibile”

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Scontro tra due auto al bivio per Andalo, in località Rocchetta: illesi i conducenti

Trento5 ore fa

Giorno della Memoria, Fugatti: «Il ricordo sia di stimolo a consolidare i valori della pace e della serena convivenza sociale»

Riflessioni fra Cronaca e Storia5 ore fa

I salvatori di bambini ebrei e l’ “Einstein della matematica”

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Sarca: nuovo incontro con i Bacini montani, chieste modifiche al progetto

Trento6 ore fa

Casino di bersaglio di Corso Buonarroti: via libera allo studio di fattibilità sullo storico edificio

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Quando la passione per la pittura accomuna e fa sognare

Trento6 ore fa

PNRR, ieri l’incontro col ministro Giorgetti sui progetti del sistema Trentino

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Incendio nei boschi tra Pomarolo e Pedersano, vigili del fuoco al lavoro

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Riva del Garda: riparte Time Out

Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento3 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 4 vittime e 885 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Altri 336 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Infermiera no vax di Rovereto muore di Covid a soli 57 anni: aveva deciso di non curarsi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Hotel di lusso nello spazio, dal 2022 la possibilità di soggiornare a 320 km di altezza

Il turismo spaziale è sempre più vicino a diventare realtà, completando la sua offerta con la realizzazione di un hotel di lusso nello spazio. Dopo aver visto Elon…

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

Categorie

di tendenza