Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Investire in sicurezza è investire nella vita: l’importanza del defibrillatore

Pubblicato

-


Investire in sicurezza = investire nella vita”. È questo il motto della serata intitolata “L’importanza del defibrillatore”, cerimonia di consegna degli attestati agli addetti all’uso del DAE che si terrà domani, mercoledì 28 novembre, alle 20.30 in sala Borghesi Bertolla, a Cles.

Dopo l’acquisto di 20 defibrillatori semi automatici, messi a disposizione di società sportive da parte della Comunità della Val di Non, continua dunque l’impegno nel sostenere la formazione all’uso del defibrillatore come previsto dalla normativa nazionale.

Formazione resa possibile dalla collaborazione del Corpo Volontari Valle di Non, associazione con sede in Cles accreditata alla realizzazione di iniziative formative nell’ambito dell’emergenza, e dalla disponibilità di istruttori provinciali e docenti esperti.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2018 il corso di formazione, nel rispetto della normativa provinciale, ha permesso di assolvere all’obbligo di aggiornamento continuo ben 135 persone che operano all’interno di società sportive nonese.

In questo modo la Comunità di Valle intende rispondere a una esigenza di triplice valore: sanitaria, legislativa e di sicurezza. Ma è anche un riconoscimento dell’importanza sociale ed educativa che le associazioni sportive ricoprono nel loro lavoro quotidiano nei confronti della collettività.

La serata prevede anche un momento informativo, durante il quale si potrà approfondire tematiche inerenti la salute nello sport con la presenza di esperti come la dottoressa Paola Bertotti, psicologa dello sport, e dei dottori Mario Cavana e Alberto Cucino, dell’Unità Operativa anestesia/Rianimazione dell’ospedale Santa Chiara APSS di Trento.

C’è grande soddisfazione aver raggiunto l’obiettivo non solo di dotare le associazioni sportive di defibrillatore, ma soprattutto per aver formato e creato una rete di persone e una cultura del primo soccorso in situazioni di emergenza – commenta l’assessore alle Politiche Sociali della Comunità di Valle Carmen Noldin –. Il primo tassello della filiera dell’assistenza siamo noi cittadini: più siamo capaci, più siamo formati, più sarà sicuro il nostro territorio”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Una scuola tutta nuova per gli alunni di Denno e Sporminore

Pubblicato

-


Una scuola tutta nuova, luminosa, funzionale. Il luogo ideale dove crescere e imparare. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Ville d’Anaunia: le caserme dei Vigili del Fuoco saranno ammodernate

Pubblicato

-


Le tre caserme dei Vigili del Fuoco volontari di Nanno, Tassullo e Tuenno saranno interessate da lavori di ammodernamento. Il Consiglio comunale ha approvato anche l’assestamento di bilancio, mentre sono state bocciate le due opposizioni alla bonifica del Comitato bosco. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sequestrati in Val di Non ben 133 kg di funghi porcini

Pubblicato

-


Nella giornata di ieri il personale forestale e di custodia della stazione di Fondo, coadiuvato dai colleghi della stazione di Rumo e dell’Ufficio distrettuale delle foreste di Cles, hanno provveduto ad un controllo della raccolta dei funghi nei comuni di Castelfondo e Brez.

L’operazione di vigilanza ha portato alla redazione di 28 verbali di contravvenzione per violazioni in materia di raccolta di funghi (quasi tutte per raccolta oltre i limiti consentiti) e di 3 verbali per transito non autorizzato su strade forestali.

Si è proceduto inoltre alla confisca di 133 kg di funghi, quasi tutti porcini. 

Pubblicità
Pubblicità

I funghi sono stati devoluti in beneficenza presso strutture locali ad eccezione di un limitato quantitativo che è stato distrutto per dubbia commestibilità, a causa del cattivo stato di conservazione.

In virtù del particolare periodo climatico, che ha favorito una copiosa produzione di funghi nel bosco, molti raccoglitori non si sono accontentati dei 2 kg per persona per giorno previsti dalla legge, superando in molti casi il limite consentito.

Eclatante il caso in cui sono stati contestati 29.5 kg a carico di un singolo raccoglitore che aveva provveduto a nascondere i porcini nel vano della ruota di scorta della propria autovettura.

Nei prossimi giorni è prevista un’intensificazione dei controlli sul territorio provinciale.

Si ricorda che la raccolta è consentita solo dalle ore 7 alle ore 19 nel limite tassativo di 2 kg a testa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza