Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Anche la Comunità della Val di Non contro la violenza sulle donne

Pubblicato

-

Sono tante e diverse le iniziative che la Comunità della Val di Non ha deciso di istituire nel mese di novembre, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne che si è celebrata ieri, domenica 25 novembre, per sensibilizzare le persone riguardo a un fenomeno tanto drammatico, quanto, purtroppo, diffuso.

Ma anche per ricordare a tutti che questo problema esiste, che non bisogna girare lo sguardo dall’altra parte e fare finta di niente.

Si tratta infatti di una problematica che si combatte nella quotidianità, attivando azioni giorno per giorno, sulla base di un ritorno ai valori, alle regole e a una responsabilità attiva da parte di tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Per questo all’interno del progetto “Pari Opportunità 2018”, promosso dall’assessorato alle Politiche Sociali e Familiari dalla Comunità della Valle di Non guidato dall’assessore Carmen Noldin, con la collaborazione del Comune di Predaia, l’associazione sportiva “Budodefense” di Cles e gli studenti del Liceo Russell di Cles, si è dato vita a una serie di iniziative toccando la tematica della violenza sulle donne.

Mercoledì 28 novembre alle 16 la Biblioteca di Cles ospiterà gli studenti della classi classi V scientifico sez. ASO e BDL del Liceo Russell di Cles che guideranno un pubblico dibattito su un tema così delicato.

Il progetto è stato pensato all’interno del programma di educazione alla cittadinanza e di filosofia, al fine di approfondire tematiche su cui gli studenti si sono concentrati maggiormente come la discriminazione contro le donne, il femminicidio in Italia, la legge antiviolenza e l’educazione di genere, la tutela internazionale delle donne.

Venerdì prossimo, 30 novembre, si terrà invece l’incontro dal titolo “Femminicio, abuso e violenza: riconoscere e intervenire”.

Nell’auditorium di Taio (Predaia) alle 20.30 interverranno Michele Facci, psicologo, perito e consulente tecnico del tribunale di Trento, e Marcello Paiar, avvocato penalista.

La serata sarà l’occasione per riflettere insieme sul tema dell’abuso e della violenza sulle donne, indagando le variabili psicologiche, criminologiche e legali implicate.

Nei prossimi mesi sarà poi proposto un corso di autodifesa al femminile, intitolato “Sicura”: dieci lezioni in data da definire tenute dal maestro Ivan Micheli, referente regionale Arti Marziali CSNE.

Si tratta di un corso con un programma semplice, ma efficace – spiega il maestro –. L’obiettivo è quello di insegnare alle donne strategie utili a riconoscere un potenziale pericolo per poi sapersi difendere da aggressioni di ogni tipo”.

Oltre alla parte tecnica, il corso affronterà anche gli aspetti psicologico-emotivi, con esercizi per il controllo dello stress, e gli aspetti giuridici della legittima difesa.

Per concludere, la Comunità della Val di Non ha deciso di aderire alla campagna di sensibilizzazione, promossa dalla Provincia Autonoma di Trento, con una sedia vuota e una rosa rossa per ricordare le donne uccise per mano di un marito, di un fidanzato o di uno sconosciuto.

La proposta è stata divulgata ai Comuni della valle: sono molti gli aderenti che sensibilizzeranno sul tema i propri residenti adottando questa modalità figurativa.

La violenza sulla donna è un fenomeno in costante crescita , lo testimoniano le cronache quotidiane che raccontano spessi di casi di violenza domestica ma non solo, anche sessuale, fisica e psicologica – commenta l’assessore Carmen Noldin –. I dati lo confermano: in Italia ogni tre giorni una donna viene uccisa. Per questo diventa necessario muoversi, non ci si può rassegnare alla violenza ed è nostro dovere reagire davanti a questi abusi. La solidarietà e l’educazione verso il rispetto, in particolare quello di genere, devono diventare il bagaglio di ogni cittadino a partire dalla famiglia. Conoscenza e prevenzione, educazione e rispetto rappresentano la strada da percorrere per uscire dalla violenza, per poter creare una rete efficace in grado di contrastare il fenomeno”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Una scuola tutta nuova per gli alunni di Denno e Sporminore

Pubblicato

-

Una scuola tutta nuova, luminosa, funzionale. Il luogo ideale dove crescere e imparare. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Ville d’Anaunia: le caserme dei Vigili del Fuoco saranno ammodernate

Pubblicato

-

Le tre caserme dei Vigili del Fuoco volontari di Nanno, Tassullo e Tuenno saranno interessate da lavori di ammodernamento. Il Consiglio comunale ha approvato anche l’assestamento di bilancio, mentre sono state bocciate le due opposizioni alla bonifica del Comitato bosco. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sequestrati in Val di Non ben 133 kg di funghi porcini

Pubblicato

-

Nella giornata di ieri il personale forestale e di custodia della stazione di Fondo, coadiuvato dai colleghi della stazione di Rumo e dell’Ufficio distrettuale delle foreste di Cles, hanno provveduto ad un controllo della raccolta dei funghi nei comuni di Castelfondo e Brez.

L’operazione di vigilanza ha portato alla redazione di 28 verbali di contravvenzione per violazioni in materia di raccolta di funghi (quasi tutte per raccolta oltre i limiti consentiti) e di 3 verbali per transito non autorizzato su strade forestali.

Si è proceduto inoltre alla confisca di 133 kg di funghi, quasi tutti porcini. 

Pubblicità
Pubblicità

I funghi sono stati devoluti in beneficenza presso strutture locali ad eccezione di un limitato quantitativo che è stato distrutto per dubbia commestibilità, a causa del cattivo stato di conservazione.

In virtù del particolare periodo climatico, che ha favorito una copiosa produzione di funghi nel bosco, molti raccoglitori non si sono accontentati dei 2 kg per persona per giorno previsti dalla legge, superando in molti casi il limite consentito.

Eclatante il caso in cui sono stati contestati 29.5 kg a carico di un singolo raccoglitore che aveva provveduto a nascondere i porcini nel vano della ruota di scorta della propria autovettura.

Nei prossimi giorni è prevista un’intensificazione dei controlli sul territorio provinciale.

Si ricorda che la raccolta è consentita solo dalle ore 7 alle ore 19 nel limite tassativo di 2 kg a testa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza