Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Una su tre subisce ancora violenza

Pubblicato

-

Tutto è iniziato il 17 Dicembre 1999, quando le Nazioni Unite hanno stabilito che i paesi sono invitati ad organizzare eventi per sensibilizzare le persone rispetto alla violenza contro le donne.

Le iniziative potranno proseguire fino al 10 Dicembre del corrente anno.

In Italia le panchine sono state colorate e dipinte di rosso e i palazzi illuminati di arancione.

Pubblicità
Pubblicità

In Italia e nel mondo subisce violenza, mediamente, una donna su tre dai 15 anni in su.

Il timore della violenza è confermato dal dato secondo il quale il 53% di donne in tutta l’Unione Europea afferma di evitare determinati luoghi o situazioni per paura di essere aggredita.

Ma come è possibile? Dopo anni di lotta femminile, di conferenze e dibattiti, studi sul tema che poi si trasformano in dati statistici presenti in moltissimi articoli e libri, le cose sembrano non cambiare più di tanto.

Le donne muoiono o subiscono violenza per la maggior parte delle volte per quello che viene chiamato dai loro aggressori amore.

Come inizia una relazione che porta alla morte?

Ogni storia è unica, ma oggi invece di interpretare la cronaca, raccontiamo una fiaba, famosa, ma forse poco pensata e dalla quale poche donne ne prendono spunto.
Come tutte le fiabe inizia con: c’era una volta…..un principe molto ricco, generoso e divertente che aveva la barba blu e voleva sposare la più giovane di tre sorelle.

La fanciulla si era invaghita delle belle qualità dell’uomo, mentre le sorelle più vecchie le facevano notare che qualcosa non andava tanto è vero che la barba che copriva il mento era di un colore strano.

Il blu che normalmente viene visto come simbolo di calma e tranquillità è anche indice di qualcosa di mortifero.

È proprio nel nostro caso che il ricco e prestante Barbablù, una volta sposata la giovane fanciulla, diventò quell’uomo violento che nascondeva nella cantina le precedenti mogli da lui uccise.

Ma la giovane moglie come scopre tutto questo?

La fiaba racconta che la fanciulla, quando il marito si allontanò dal castello per affari, chiamò le sorelle e insieme a loro scoprì l’orrore che non era ancora emerso. Ma ormai la giovane era già sposata, non poteva semplicemente fuggire. Il marito poi, quando tornò, si accorse che la moglie aveva scoperto la sua parte malvagia e le manifestò quindi tutta la sua violenza e voglia di morte.

Lei però, proprio in quel momento, trovò in sè la forza di cambiare le cose e si comportò diversamente, abbandonò infatti la sua ingenuità per diventare una donna furba e intelligente.

Alla violenza non risponde con violenza o panico. Infatti la giovane moglie chiese al proprio potenziale assassino del tempo per raccogliersi e pregare con le sorelle. Ad un primo inganno di Barbablù, che si era mostrato diverso da quello che era, la giovane sposa rispose con un altro inganno e corse dalle sorelle e insieme, da una finestra del castello, chiamarono a gran voce i fratelli, i quali, arrivando in soccorso, uccisero Barbablù.

Si narra ancora che la barba blu venga conservata in un museo per ricordare alle donne di non farsi ingannare dalle apparenze dell’uomo gentile, generoso e ricco e nel caso cadessero nel tranello, indicare loro la via per salvarsi.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Giallo all’ospedale di Parma: da una botola emergono gli scheletri di diversi cadaveri

Pubblicato

-

È un vero mistero, quanto scoperto nell’ospedale vecchio di Parma dove da una sorta di botola che, rimossa dagli operai, ha portato alla luce i poveri resti di diverse persone: scheletri, teste, tibia, casse toraciche mischiate fra loro ma anche bricioli di tessuto e di abiti, cadaveri di cui nessuna sapeva nulla.

Una vera e propria fossa comune, del tutto sconosciuta.

I cadaveri erano nascosti dietro a un pannello di legno, ricoperto dalla pavimentazione che negli ultimi anni ha ospitato gli scaffali dell’Archivio di Stato e prima i letti dei malati ricoverati in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

I lavori erano stati commissionati in vista del 2020, anno in cui la città emiliana sarà capitale italiana della cultura.

L’enorme struttura dal Medioevo sino agli anni Trenta dello scorso secolo aveva ospitato il primo ospedale di Parma, poi fu trasformato in Archivio di Stato.

Sul ritrovamento sono iniziati gli accertamenti della Procura di Parma.

Del caso sono stati incaricati un medico legale, un’antropologa forense e un’archeologa.

Primo compito degli specialisti sarà rimuovere i resti dalla nicchia dove sono rimasti custoditi per anni, quindi la loro datazione col carbonio 14.

Per ora restano aperte tutte le ipotesi. Potrebbe trattarsi di resti di pazienti poveri deceduti nell’ospedale e qui tumulati nel corso dei secoli oppure anche di morti violente.

E allora a quel punto sarà fondamentale capire a quando effettivamente risalgono. «Il rinvenimento di questi resti umani potrebbe rappresentare un nuovo tassello delle vicende millenarie di questo luogo e potrebbe arricchire la stessa storia di Parma, in termini di eventi e accadimenti oggi non ancora noti – ha spiegato alla Gazzetta di Parma l’assessore ai lavori pubblici del Comune, Michele Alinovi – Il cantiere dell’Ospedale Vecchio ci ha dato insomma una ulteriore sorpresa».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Salvini: «Siamo gli unici dittatori che vogliono il voto, noi rispondiamo solo agli italiani e non all’Europa»

Pubblicato

-

«Una accusa surreale che Conte mi ha scagliato addosso è il fatto di aver scatenato la crisi il mese di Agosto. Perché i parlamentari non lavorano in agosto?» – inizia così Salvini il suo discorso al Senato dopo le dimissioni di Conte

«Lascio un’Italia più sicura e più giusta – aggiunge – la libertà non è aver un padrone giusto, ma non avere padroni e quindi io lotterò per un’Italia più giusta senza vincoli dall’Europa. Io ho chiuso i porti, e se gli italiani mi daranno fiducia lo farò di nuovo, perché in Italia si arriva per lavorare e non da clandestini»

Poi Salvini attacca la Boschi e Renzi, «Vi voglio vedere fare la riforma della banche e del job act con loro, chi non ha paura di mette in gioco davanti agli elettori»

Pubblicità
Pubblicità

Salvini si prende la metà dei meriti di questo governo e attacca l’Europa, «Dobbiamo attendere l’Europa per fare le strade, le scuole e tutto quanto, serve una manovra coraggiosa, e stiamo preparandola da mesi, dobbiamo aprirci all’Italia e a tutte le categorie a testa alta, rifarei tutto quello che ho fatto»

Il ministro dell’Interno conferma che la crisi di governo è stata dovuta dai troppo no del movimento cinque stelle, «gli Italiani vogliono crescere costruendo strade, ferrovie e infrastrutture e vogliono assumere 20 mila medici senza chiedere all’Europa»

Salvini poi si scatena contro Renzi, e nell’aula è il caos

«Gli italiani non votano con il rosario ma con la testa – spiega rispondendo a Conte – e non mi vergogno di chiedere aiuta a Maria e anzi, sono l’ultimo e umile testimone, non coltivo l’odio e il rancore perché l’amore vince sempre, io sono pronto a sacrificarmi per l’Italia e l’Europa, non abbiamo paura e siamo liberi e rispondiamo solo al popolo italiano e non alla Merkel, perché la nostra nazione deve essere sovrana»

«Buon lavoro con il partito di Bibbiano – attacca alla fine Salvini rivolto ai cinque stelle – siamo gli unici presunti fascisti che vogliono il voto, pensate che dittatura. Noi rispondiamo solo agli italiani e non all’Europa o alla Merkel. Se c’è già un’accordo preso fra il PD e i Cinque stelle per la spartizione delle poltrone è irrispettoso nei confronti degli italiani, se invece non è vero tagliamo i parlamentari e andiamo al voto, perché l’unico a giudicare chi ha lavorato bene o male è il popolo italiano». 

«La fiducia non si ottiene solo con le dichiarazioni ma bisogna conquistarsela e meritarsela con i fatti concreti» – Salvini termina il suo discorso citando Papa Giovanni Paolo

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Giuseppe Conte si dimette dopo il discorso al Senato. Ora decide Mattarella

Pubblicato

-

La prima sorpresa è che Matteo Salvini e tutti i suoi ministri siedono nei banchi del governo vicino al premier Conte.

Gli animi paiono sereni, ma i visi di Salvini e Di Maio tradiscono il nervosismo.

Fra loro non si parlano.

Pubblicità
Pubblicità

Siamo ormai alla resa dei conti, va in scena lo scontro tra Cinque Stelle e Lega.

Mentre in Aula va in scena la bagarre, anche fuori palazzo Madama c’è stato uno scontro tra attivisti grillini e del Carroccio. Momenti di tensione infatti hanno accompagnato i minuti precedenti all’arrivo di Conte in Aula per le sue comunicazioni.

Il premier Conte – contestato all’entrata del parlamento da alcuni leghisti –  riassume i momenti prima delle crisi di Governo: «Salvini mi disse tutto in una lunga telefonata dove mi spiegò i motivi della frattura»

Nella prima fase del suo discorso Conte spiega i motivi che avrebbero dovuto far soprassedere Salvini dall’aprire una crisi di governo.

Pochi minuti dopo l’inizio del discorso di Conte, un passaggio scatena una nuova bagarre in Aula.

Il premier ha definito l’apertura della crisi “irresponsabile per inseguire un interesse personale e di partito“, riferendosi al ministro Salvini. Infine in Aula sono arrivati gli applausi e anche qualche fischio quando Conte ha affermato che “votare ogni anno è da irresponsabili”.

Il primo ministro attacca Salvini accusandolo di non aver fatto gli interessi del proprio paese, Salvini vicino a lui sorride beffardamente «Non si capisce – aggiunge Conte – come mai Salvini non abbia aperto la crisi dopo i risultati delle elezioni Europee, e l’abbia fatto due giorni dopo il si alla Tav»

Conte elenca le cose fatte dal governo gialloverde e accusa il ministro dell’interno di non aver fatto il proprio lavoro.

Salvini fa fatica a mantenere la calma e scuote la testa e dopo alcuni minuti interrompe il premier sorridendo.

«Caro Matteo aprendo questa crisi ti sei assunto una grossa responsabilità invocando le piazze a tuo sostegno, questo comportamento mi preoccupa – continua Conte rivolto alla platea – perché le crisi di governo non si regolano nelle piazze ma in parlamento»

L’ultima stoccata per Salvini è per i crocefissi usati nei comizi: «Non te l’ho mai detto ma mi trovo in disaccordo quando usi il crocefisso nei comizi perché violi i valori laici dei cittadini»

«La decisione della Lega di presentare la mozione di sfiducia mi impone di fermare qui la mia esperienza di governo, l’esperienza di questa maggioranza finisce qui, presenterò le mie dimissioni al capo dello Stato alla fine di questa discussione.» – Conclude Conte che quindi non attende il voto della sfiducia e alla fine della discussione salirà al colle per consegnare le dimissioni nella mani di Sergio Mattarella che aprirà di fatto la crisi. 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza