Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Baruffe Chiozzotte: Carlo Goldoni apre la stagione di prosa del centro santa Chiara

Pubblicato

-

Fino a domenica, al teatro Sociale va in scena un grande classico della commedia italiana, le Baruffe Chiozzotte di Carlo Goldoni.

Si tratta di una delle sue opere più note, la cui diffusione è unicamente limitata dall’uso del vernacolo: questa storia potrebbe rappresentarsi in ogni tempo, a qualsiasi latitudine.

Lo spettacolo è una produzione del Teatro stabile del Veneto, per la regia di Paolo Valerio.

Pubblicità
Pubblicità

Nel piccolo mondo della Chioggia del diciottesimo secolo tutto si svolge secondo regole e consuetudini ben oliate, finché un giorno il giovane Toffolo (Luca Altavilla) passa presso il gruppo delle protagoniste femminili fresco di paga e, per puro capriccio, offre della zucca abbrustolita a Lucietta (Anna Tringali) e a sua sorella Pasqua (Michela Martini).

Lucietta però ha già un corteggiatore, Titta-Nane (Francesco Wolf), mentre Toffolo non dispiace a Checca (Margherita Mannino), che si offende.

Con il concorso delle di lei sorelle Orsetta e Libera (Francesca Botti e Stefania Felicioli) le cinque avviano un crescendo di ingiurie verbali, momentaneamente placato dal ritorno dal mare degli altri uomini: il marito di Pasqua, Paron Toni (Giancarlo Previati), suo fratello Beppo (Riccardo Gamba), il marito di Libera Paron Fortunato (Valerio Mazzucato).

Pubblicità
Pubblicità

Il litigio, e soprattutto la maldestra galanteria di Toffolo, vengono presto a galla.

Giovani più testardi che esperti ed adulti più focosi che saggi fanno sì che la situazione degeneri al punto da richiedere l’intervento dell’autorità nella persona del Cogitore (coadiutore; Piergiorgio Fasolo), trascinato suo malgrado in questa faida rusticana.

Il regista Valerio offre una chiave di lettura alle vicende della commedia: “Le donne delle Baruffe sono in attesa, hanno una decisa urgenza, quella di non far passare un altro inverno senza essersi maritate”.

Lo svolgimento della commedia lascia però supporre che questa esigenza sia altrettanto sentita della loro controparti, come del resto era il costume del tempo.

Solo pochi decenni dopo Jane Austen, intenta a trasformare storie di ragazze da marito in arte perfetta, ha chiarito: “è una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo in possesso di un solido patrimonio debba essere in cerca di moglie”.

Ai pescatori di Goldoni l’assenza d’un borghese solido patrimonio non sembra ostacolo decisivo.

Come s’intuisce dalla trama, questi tre atti sono spiccatamente corali, senza un o una protagonista che spicchi nettamente: come un’orchestra da camera lavorano in ensemble, con brevi passaggi solisti per ognuno.

Il pubblico ha applaudito a scena aperta il Fortunato di Mazzucato, le cui frasi smozzicate e la cui mimica hanno costantemente divertito.

La regia è scattante, orientata verso l’azione e la commedia piuttosto che verso l’introspezione o il tono malinconico che anni or sono aveva messo in rilievo Strehler. Le scene (di Antonio Panzuto) rifiutano ogni concessione al pittoresco: la scena è limitata da drappi bianchi, e solo pochi elementi scenici ed i cambi di luce (di Aldo Berardi) caratterizzano gli ambienti.

All’opposto i costumi d’epoca di Stefano Nicolao ci ricordano che siamo nel Settecento: il contrasto potrebbe risultare straniante, ma ci si abitua senza sforzi.

Il compositore Antonio Di Poli, oltre ad un commento affidato agli archi pizzicati efficace ma che a tratti è risuonato eccessivamente nel teatro, coprendo un paio di dialoghi, ha aggiunto brevi canzoni all’inizio ed alla fine.

In questo spettacolo ha esordito Intermezzi letterari: durante l’intervallo alcuni personaggi iniziano a discutere la commedia in un palco.

Lei è pretenziosa, lui disinteressato. A metter tutti in riga provvede il professor Massimo Rizzante, che fornisce contesto e rilevanza storica all’argomento.

L’idea è bella, e utile per chi non sente urgenza di fare due passi nella pausa.

Unico (possibile) neo: chi non avesse letta la segnalazione all’interno del programma di sala potrebbe aver attribuito la scena alla produzione.

La sola possibile controindicazione che potrei trovare a queste Baruffe è che, naturalmente, tutto il dialogo è in veneziano del tempo – chi non conosca bene almeno il nostro dialetto potrebbe trovarsi in seria difficoltà a seguire l’azione.

Altrimenti, per gli amanti del teatro tradizionale e della commedia, sarà una bellissima serata. Il pubblico, una volta fatto l’orecchio al dialetto, ha apprezzato vivamente, ridendo ed applaudendo con partecipazione.

Le Baruffe Chiozzotte si replicano al teatro Sociale venerdì 23 e sabato 24 novembre alle venti e trenta, ed infine domenica 25 novembre alle sedici. La rappresentazione si è conclusa poco prima delle undici.

A cura di Giordano Bergamo

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La ferrovia panoramica tra i colori dell’autunno: in viaggio con il Treno del Foliage
    Come ogni anno la natura in autunno torna a proiettare uno dei suoi migliori film, riempiendo e infiammando scorci panoramici con i caldi colori tipici di questa affascinante stagione. Uno dei modi migliori per riscoprire e vivere l’autunno e i suoi colori è la magica esperienza del viaggio lento regalato dai finestrini dell’incredibile Treno del […]
  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]

Categorie

di tendenza