Connect with us
Pubblicità

Musica

Luca Carboni in concerto a Trento il 15 marzo

Pubblicato

-

A grandissima richiesta, dopo la prima parte nei club, Luca Carboni a marzo e aprile atterra nei teatri italiani con SPUTNIK TOUR!

Il pop d’autore di Luca Carboni nel live sorprende con uno show coloratodove luci e laser emergono da un maxischermo digitale.

Il 15 marzo del 2019 il cantante sarà all’Auditorium di Santa Chiara

Pubblicità
Pubblicità

Le immagini raccontano e amplificano il lavoro musicale, fotografie della propria carriera si uniscono a quelle che hanno segnato la storia da sessanta anni fa ad oggi.

Per i suoni, l’artista ha voluto una situazione molto elettronica figlia dell’ultimo album, accompagnata da momenti più acustici o più elettrici.

Sul palco è con la sua band: Antonello Giorgi alla batteria, Ignazio Orlando al basso, Mauro Patelli e Vincenzo Pastano alle chitarre, Fulvio Ferrari Biguzzi alle tastiere.

Per quanto riguarda la parte musicale e le canzoni in scaletta ci sarà sicuramente l’elettronica di SPUTNIK (Una grande festa, Io non voglioAmore digitale, Due) suoni già presenti  nel precedente POP-UP (Luca lo stesso Bologna è una regola) e non mancheranno trent’anni di successi da Mare Mare a Farfallina, da Inno Nazionale a Silvia lo sai.

Un concerto con tante anime come quelle del suo pubblico, che grazie anche alle canzoni degli ultimi due progetti, si è arricchito anche di tanti giovani.

Con SPUTNIK un album potente, diretto, essenziale uscito a giugno Luca Carboni si è confermato ancora una volta uno straordinario hit maker con testi ironici e nello stesso tempo profondi, un suono che è impossibile togliersi dalla testa: l’artista conosce alla perfezione l’arte del POP.         

                                                           

Queste le prime date di SPUTNIK TOUR NEI TEATRI (prodotto e organizzato da F&P Group):

MARZO
07 MARZO – UDINE  – TEATRO NUOVO GIOVANNI DA UDINE

09 MARZO  –  MESTRE  (VE) – TEATRO CORSO

15 MARZO  – TRENTO  – AUDITORIUM SANTA CHIARA

19 MARZO  – LECCE  – TEATRO POLITEAMA

21 MARZO  – COSENZA –  TEATRO RENDANO

23 MARZO  – CATANIA  – TEATRO ABC

24 MARZO  – PALERMO  – TEATRO GOLDEN

26 MARZO  – AVELLINO  – TEATRO GESUALDO

APRILE
02 APRILE  – BORGOSESIA  (VC)  – TEATRO PRO LOCO

04 APRILE  – GROSSETO  – TEATRO MODERNO

06 APRILE  – RIMINI  – TEATRO GALLI

09 APRILE  – BOLOGNA  – TEATRO EUROPAUDITORIUM

 

Pubblicità
Pubblicità

Musica

20 anni fa l’addio a Fabrizio De André

Pubblicato

-

Penso che un uomo senza utopia, senza sogno, senza ideali, vale a dire senza passione, senza slanci, beh, sarebbe un mostruoso animale fatto semplicemente di istinto e di raziocinio, una specie di cinghiale laureato in matematica pura.” – Amava ripetere Fabrizio De Andrè durante molte interviste

Tutta la carriera artistica di Fabrizio De Andrè è stata caratterizzata da fusioni e sincretismi culturali, consacrate sia in Italia che a livello internazionale.

Ma la sua musica, prima di tutto, è stata espressione di ribellione e di volontà di rompere tutti gli schemi: quelli sociali ma anche quelli culturali e musicali.

Pubblicità
Pubblicità

E nei suo testi risaltano i disagi e i malesseri di allora.

De Andrè è stato decisamente uno dei re del cantautorato italiano e i suoi testi, come la sua musica, non smettono mai di mancarci: parliamo di Fabrizio De André, il poeta genovese che, con i suoi testi dissacranti e pieni di storie di anime nere, corrotte e perse, rivoluzionò la musica italiana.

Oggi, venerdì 11 gennaio 2019, ricorre il 20esimo anniversario della sua morte: proprio quel giorno del 1999, a Milano, De André ci lasciava stroncato da una malattia incurabile lasciando un grande vuoto artistico che proviamo a colmare ricordando la sua vita, la sua carriera e le sue canzoni.

Fabrizio Cristiano De André, detto «Faber» era nato a Genova il 18 febbraio 1940.

In quasi quarant’anni di attività artistica, De André ha inciso quattordici album in studio, più alcune canzoni pubblicate solo come singoli e poi riedite in antologie.

Molti testi delle sue canzoni raccontano storie di emarginati, ribelli e prostitute, e sono considerate da alcuni critici come vere e proprie poesie, tanto da essere inserite in varie antologie scolastiche di letteratura già dai primi anni settanta e da ricevere gli elogi anche di grandi nomi della poesia come Mario Luzi

Insieme a Bruno Lauzi, Gino Paoli, Umberto Bindi e Luigi Tenco è uno degli esponenti della cosiddetta Scuola genovese, un nucleo di artisti che rinnovò profondamente la musica leggera italiana. È l’artista con il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco, con sei Targhe e un Premio Tenco. La popolarità e l’alto livello artistico del suo canzoniere hanno spinto alcune istituzioni, dopo la sua morte, a dedicargli vie, piazze, parchi, biblioteche e scuole.

Durante la sua carriera ha collaborato con personalità della cultura e importanti artisti della scena musicale italiana, tra cui Nicola Piovani, la Premiata Forneria Marconi, Ivano Fossati, Mauro Pagani, Massimo Bubola, Álvaro Mutis, Fernanda Pivano e Francesco De Gregori.Oltre Paolo Villaggio, Fabrizio ha infatti molti amici celebri nel panorama musicale italiano, come Gino Paoli e Luigi Tenco.

De Andrè viene ricordato anche come “il cantautore degli emarginati” o “il poeta degli sconfitti”, che per queste categorie umane scriveva ballate che rimarranno per sempre vere e proprie opere d’arte musicali.

De André aveva alte, altissime fonti d’ispirazione: dalle ballate francesi a Leonard Cohen fino a Bob Dylan, De André sapeva cogliere le giuste influenze, anche diversissime fra loro, ma utilizzarle per parlare degli ultimi.

I modelli sia francesi che americani lo hanno accompagnato nella creazione dei suoi testi in cui il cantautore sfidava le convenzioni borghesi, ripudiava la violenza e raccontava le vite di coloro che non trovavano spazio nella società: “Bocca di Rosa”,La Guerra di Piero” e “Via del Campo” sono infatti solo alcuni dei brani che ancora oggi ascoltiamo e che, probabilmente, rimarranno attuali per l’eternità.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Auditorium Santa Chiara: sabato l’omaggio al grande Ennio Morricone con l’ensemble Le Muse

Pubblicato

-

Uno straordinario omaggio al maestro Ennio Morricone, con le più celebri colonne sonore, selezionate tra le oltre 400 musiche da film, dagli esordi con Sergio Leone (1964, “Per un pugno di dollari”) fino alle più recenti collaborazioni con Tornatore e Tarantino.

Il 25 febbraio 2007, dopo cinque candidature non premiate, gli è stato conferito, accompagnato da una standing ovation tributatagli dalla platea, il Premio Oscar alla carriera, “per i suoi magnifici e multiformi contributi nell’arte della musica per film”.

A consegnargli il premio l’attore Clint Eastwood, icona dei film western di Sergio Leone.

Pubblicità
Pubblicità

Ne 2016 il maestro ottiene il prestigioso riconoscimento alla Migliore colonna sonora, composta per The Hateful Eight, film di Quentin Tarantino

Protagonista strumentale del concerto sarà il prestigioso Ensemble LE MUSE, che ha avuto l’onore di rappresentare l’eccellenza musicale italiana all’inaugurazione del semestre di presidenza italiana presso l’Unione Europea.

Diretto al pianoforte dal suo ideatore, il maestro Andrea Albertini e accompagnato dalla suadente voce di Angelica De Paoli, l’ensemble “Le Muse” ci condurrà attraverso un viaggio emozionale coinvolgente dentro l’universo creativo di Morricone.

Musiche che diventano immagini, tanto sono radicate nella memoria collettiva le scene di alcuni film che le colonne sonore di Morricone hanno contribuito a far diventare celeberrimi.

Dalla lunga e incomparabile collaborazione con Sergio Leone fino alla produzione cinematografica più recente.

C’era una volta il west, Il Buono il brutto e il cattivo, Giù la testa, le magiche atmosfere di Missio, le tinte più moderne di Malena, Nuovo cinema Paradiso. Ascolteremo anche un Morricone che forse non ci aspettavamo, e cioè il Morricone autore di indimenticate canzoni come Se Telefonando (portata al successo da Mina) e Here’s to you (cantata da Jon Baez) .

ENSEMBLE LE MUSE – Un ensemble al femminile, formato da strumentiste cresciute artisticamente nei principali Conservatori del Nord Italia (Milano, Torino, Genova, Parma). Dopo esperienze di perfezionamento in Accademie Musicali come Fiesole, Santa Cecilia a Roma , Chigiana a Siena, Prix Virtuositè a Ginevra, arricchiscono sul campo il loro bagaglio musicale lavorando per Enti Lirici.

Tutto il repertorio MUSE è creato appositamente per il gruppo dal proprio ideatore pianista e direttore d’orchestra Andrea Albertini.

L’attività concertistica ha portato il gruppo ad esibirsi nelle principali sale da concerto di tutto il mondo. Da ricordare le principali tappe di una grande crescita di successi. Nel luglio del 2015 LE MUSE aprono ufficialmente il semestre di presidenza italiana alla Comunità Europea con due concerti presso l’Auditorium del Conservatorio di Ankara e presso Palazzo Venezia ad Istanbul.

Sono altresì scelte come rappresentanza della eccellenza musicale italiana in un concerto presso il Padiglione Italia nel corso di EXPO MILANO 2015.
Nel febbraio del 2017 suonano per la
Fondazione Dante Alighieri di Montecarlo alla presenza dei reali monegaschi.

Nel giugno del 2017 concerto benefico voluto dalla famiglia Elkann alla Reggia di Venaria favore del reparto di pediatria dell’ospedale Sant’Anna di Torino. Suonano per la festa della repubblica Italiana a Tirana, chiamati dalla ambasciata.

Il 24 ottobre scorso, in occasione dell’esecuzione del Progetto Morricone eseguito a Rabat (Marocco), ricevono l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. Nel 2018 grazie a questo riconoscimento, effettueranno tourneè in Thailandia (per il festival del cinema italiano a Bangkok) e negli USA.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Recuperate le chitarre rubate a Natale ai Negrita

Pubblicato

-

Nella giornata di giovedì 3 gennaio 2018 i Carabinieri della Compagnia di Arezzo hanno individuato e denunciato all’autorità giudiziaria due persone che erano in possesso delle chitarre dei Negrita rubate la notte di Natale a Castelnuovo di Subbiano, dove la band le custodiva in un locale di loro proprietà.

Si tratta di due pregiudicati italiani, classe 1968 e 1983, già con precedenti per furto e ricettazione.

L’attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Subbiano unitamente al Nucleo Operativo e Radiomobile di Arezzo, già iniziata il giorno del furto, ha avuto una svolta quando i due malviventi nella giornata di ieri si sono presentati in un negozio di strumenti musicali di Perugia per tentare di vendere due delle chitarre rubate.

PubblicitàPubblicità

Le indagini seguenti, in collaborazione della Questura di Perugia, hanno portato i militari ad individuare, anche grazie alle telecamere di videosorveglianza, i due pregiudicati, che venivano rintracciati nell’immediato contesto nei pressi del Comune di Capolona.

Le successive perquisizioni eseguite dagli stessi Carabinieri operanti effettuate presso i locali nelle disponibilità degli indagati, hanno consentito di recuperare la restante refurtiva costituita da altre quattro chitarre ed alcuni amplificatori, nascosta all’interno di un capannone situato in un terreno tra i Comuni di Subbiano ed Anghiari.

I due dovranno rispondere del reato di ricettazione, mentre gli strumenti sono già stati restituiti ai musicisti.(foto)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza