Connect with us
Pubblicità

Trento

Droga in Trentino, 18 arrestati in una banda italo-albanese. La base era il bar “Anny” di Castello di Fiemme

Pubblicato

-

L’operazione “Sciamano” è stata avviata nell’ottobre 2017 dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Cavalese e trae origine dalla  raccolta di indiscrezioni confidenziali carpite dalla Stazione Carabinieri di Molina di Fiemme.

Gli approfondimenti hanno portato gli inquirenti ad avviare un  monitoraggio  del  bar Anny di Castello di Fiemme gestito da Paolo Girardi, indicato come luogo ove era possibile procurarsi cocaina a qualsiasi ora.

L’avvio delle attività tecniche ha fatto affiorare l’esistenza di un gruppo ben coeso che ruotava attorno a quel bar dove lo spaccio di cocaina era incessante e avveniva tramite cessioni di dosi da parte del gestore Paolo Girardi, dell’altro promotore dell’associazione criminale Taulant Shtembari e del barista Alessio Sartori.

Pubblicità
Pubblicità

L’opera inquirente non si è fermata alla mera individuazione dei singoli ma ha permesso consentiva di tratteggiare la mappatura di un sodalizio criminale di conformazione piramidale caratterizzato dal vincolo associativo con una ripartizione di ruol funzionali ben assolti dai sottoposti Alessio Sartori, Mihali Ionel Dorel, Andrea Bagattini, Gianluca Lira, Thomas Matordes, Patrick Capovilla e Flavio Varesco deputati alla redistribuzione del narcotico sul mercato delle valli di Fiemme e Fassa.

Oltre alle cessioni di narcotico, i sottoposti  fornivano altre prestazioni propedeutiche alla realizzazione delle attività illecite attraverso tutta una serie di condotte quali servizi di vigilanza/vedetta ai monitor delle telecamere di sicurezza del bar Anny  nel corso del “taglio” della cocaina e del successivo  confezionamento delle dosi.

Altri membri  hanno ricoperto il ruolo di c.d. “galoppino” ottemperando alle direttive di consegna emanate dagli apicali Shtembari e Girardi in favore di numerosi clienti.

Atri invece, grazie alle specifiche competenze si sono dedicati alla lavorazione del narcotico, attraverso il c.d. “taglio”, mescolando la cocaina sempre contraddistinta da un grado di alta purezza, con sostanza da taglio quale  caffeina, mannitolo ed aspirine  garantendo importanti ricavi agli elementi di vertice.

Figura particolarmente funzionale alla struttura  è risultata essere il giovane cembrano Vincenzo Marti che oltre a sovraintendere alle operazioni di taglio si è occupato del procacciamento della sostanza da taglio reperita all’estero attraverso spedizioni  via posta,  oppure acquistandola nelle farmacie della zona.

Gianluca Lira invece oltre ad aver redistribuito il narcotico ricevuto da Girardi, nei  periodi di indisponibilità di stupefacente palesata dal gruppo apicale ha provveduto a rifornire quest’ultimo attingendo da autonomi canali di approvvigionamento.

Bagattini e Mihali invece si sono dedicati alla distribuzione del narcotico negli ambienti prettamente  giovanili eseguendo numerose consegne all’interno di noti locali molto frequentati della Valle di Fiemme principalmente a Cavalese.

Analogamente il giardiniere Varesco si è dedicato a rifornire suoi  fidati clienti nella zona di Tesero, redistribuendo cocaina.

Altro elemento organico alla struttura è risultato essere il marocchino Hamza Ridha che ha assolto i compiti di intermediario mettendo in contatto Shtembari e Girardi con dei grossisti  stanziali a Trento, permettendo loro di rifornirsi in  almeno in 4 occasioni di cocaina di alta purezza , poi trasportarti sulla tratta  Trento – Castello di Fiemme – Bar Anny, una delle quali sequestrata la sera del 31.8.2018 a seguito di un movimentato episodio.

Il c.d. gruppo Fiemme è risultato direttamente correlato ad una compagine di narcotrafficanti stanziale a Milano di “livello superiore” capeggiata dall’albanese Arapi Petrit,  narcotrafficante con pregressa residenza in Val di Fiemme che gli ha permesso in tempi non sospetti di allacciare rapporti di natura illecita con il connazionale Shtembari e dare vita a continui rifornimenti di importanti quantitativi di cocaina sull’asse Rozzano – Castello di Fiemme  poi gestiti dal segmento Fiemmese.

L’insieme delle attività investigative ha consentito di documentare  circa un migliaio di episodi di spaccio concretizzati nelle Valli di Fiemme Fassa e Cembra ad opera degli indagati ed individuare almeno  un centinaio di acquirenti la cui posizione è al vaglio degli inquirenti.

Dei 18 soggetti colpiti dalle misure restrittive, 16 sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata alla spaccio di sostanza stupefacente mentre Youssef Anwar e Kevin Prendi sono ritenuti responsabili del solo reato di spaccio.

Il Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Trento dr. Marco La Ganga ha inoltre disposto il sequestro  preventivo del bar Anny di Castello di Fiemme, ritenuto dagli inquirenti vera e propria base logistica della consorteria di trafficanti dove i sodali con soluzione di continuità hanno stoccato, lavorato, confezionato e smerciato ingenti quantitativi di cocaina in un  periodo compreso dall’ottobre 2017 all’ottobre 2018

Nel corso delle ‘investigazioni sono stati sequestrati  complessivamente circa 310 grammi di cocaina, 100 grammi di marijuana 200 grammi di hashish, e strumentazione  propedeutica al taglio della  cocaina.

L’esecuzione delle misure restrittive  delle quali 15 in carcere e 3 agli a arresti domiciliari ha visto l’impiego di  100 Carabinieri del Comando Compagnia Carabinieri di Cavalese, del Comando Provinciale di Trento e delle unità di Pronto intervento del Comando Provinciale di Trento, supportati da due unità cinofile Antidroga del Nucleo Cinofili Carabinieri di Laives, due unità cinofile antidroga del Comando Provinciale della GdF di Trento, dal Nucleo elicotteri Carabinieri di Bolzano nonché da personale del R.O.S. per specifiche attività tecniche.

Le misure cautelari sono state emesse dal G.I.P. del Tribunale di Trento dr. Marco La Ganga su richiesta del P.M. titolare dell’indagine dr. Davide Ognibene concordando pienamente con le risultanze investigative acquisite dai militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Cavalese.

Gli arrestati sono stati associati in vari carceri del Nord Italia in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Il video

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Africano senza biglietto aggredisce i controllori e la polizia locale. Arrestato

Pubblicato

-

Nella foto l'arresto del giovane africano

Nuovo episodio di violenza ai danni degli uomini della Trentino Trasporti e della Polizia Locale oggi pomeriggio in via Bolzano a Trento

Un ragazzo nord africano dall’apparente età di 25 anni, verso le 14.00 di oggi, dopo essere salito sull’autobus 17 è stato individuato da tre controllori che gli hanno chiesto di favorire il biglietto.

il 25 enne ha cominciato subito ad agitarsi ed innervosirsi. Le cose sono cominciate a precipitare quando gli uomini della Trentino Trasporti hanno invitato il giovane a scendere dall’autobus.

Pubblicità
Pubblicità

In quel momento i tre sono stati aggrediti. 

A sostegno dei tre sono subito intervenuti due operatori della polizia locale che sono stati a sua volta aggrediti anche loro.

Lo straniero, con molta fatica, è stato immobilizzato e arrestato grazie all’uso dello spray al peperoncino e portato in caserma nella camera di sicurezza in attesa di essere identificato e probabilmente processato per direttissima. 

Per quanto riguarda la salute fisica dei protagonisti, a tutti sono state riscontrate delle contusioni varie che andranno refertate nelle prossime ore al pronto soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Le finte leggende sulla correttezza dei tedeschi

Pubblicato

-

I tedeschi, si sa, sono sempre pronti a fare la ramanzina all’Italia.

Chiunque a Berlino si sente titolato a puntare il dito contro l’inefficienza e il poco rispetto delle regole e del bene comune dell’Italia.

Negli anni ’80 sono nati molti luoghi comuni sulla Germania poi però piano piano smentiti dai fatti.

Pubblicità
Pubblicità

Uno di questi recitava che in Germania tutto è puntuale ed efficiente.

Indubbiamente i tedeschi sono gran lavoratori, efficienti, organizzati. Ma, una volta in Germania, non aspettatevi che ogni servizio, mezzo di trasporto, lavoro pubblico funzioni alla perfezione.

I tedeschi, come tutti, hanno le loro debolezze e non sono immuni da ritardi, sprechi, corruzione e poco rispetto del codice della strada. 

Lo possiamo anche dimostrare, senza dover per forza generalizzare, grazie ad una segnalazione arrivata da un nostro lettore al numero whatApp della redazione (3922640625).

La foto ritrae infatti una macchina tedesca che ha parcheggiato sul posto dei disabili per molto tempo, presso il centro commerciale Top Center stamattina.

Insomma, «questi sono i bravi ragazzi tedeschi in vacanza rispettosi delle leggi italiane»scrive il nostro lettore

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Il medico legale a Trento. Attore protagonista del diritto alla difesa previsto anche nella Costituzione

Pubblicato

-

Nella foto il dottor Andrea Moar

Analizzando la consulenza tecnica medico-legale abbiamo incontrato il dott Andrea Moar di Trento, tra i più giovani medico legali in Trentino Alto Adige che ci conferma il ruolo centrale della figura del perito in ambito medico.

Prestigio ma anche impegno notevole.

Il dott Andrea Moar, si è laureato in medicina presso la facoltà di Verona e successivamente ha conseguito l’ambito titolo specialistico in medicina legale e delle assicurazioni (scuola di specializzazione a numero chiuso), è fortemente attivo sia a Trento che in Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Ad oggi riveste ruolo di consulente medico legali per molti privati e risulta fiduciario per alcune delle più importanti compagnie assicurative.

L’impegno e la determinazione nelle studio accompagnati dalla serietà e professionalità lo hanno portato ad avere un ottima visibilità ed autorevolezza in un settore veramente complesso.

Le funzioni del medico legale non sono infatti solo quelle di fare autopsie nel ruolo americano del “coroner” ma principalmente di valutare le ripercussioni sull’integrità psicofisica che le persone riportano in seguito ad esempio ad un incidente stradale, ad un infortunio, a qualsiasi evento che risulta impattante sull’entità biologica del soggetto.

Il dottor Moar ci ha confermato le specifiche del suo ruolo precisando alcune cose.

Le finalità del medico legale posso essere molteplici ma la più comune ed attuale è rappresentata dallo studio del caso per redigere una perizia inclusiva di attività di consulenza al fine di poter valutare correttamente l’equità di un possibile risarcimento, nonché la valorizzazione dello stesso.

La medicina in tribunale – Il dr. Moar ci conferma la centralità del ruolo anche in relazione con il mondo legale, infatti una buona perizia è sempre maggiormente valorizzata.

La consulenza tecnica di parte nel procedimento giudiziale infatti costituisce, a pieno titolo nel quadro delle garanzie costituzionali, il fondamentale diritto alla difesa di cui all’art. 24 Cost.

Il consulente tecnico di parte interviene nel processo quale “difensore tecnico” della parte, con il compito di fornire le proprie cognizioni tecniche relativamente ai fatti per l’accertamento o la valutazione dei quali il Giudiceha nominato un consulente tecnico d’ufficio.

Per effettuare un adeguato controllo sull’operato del c.t.u. i legali delle parti si possono rivolgere ad un proprio tecnico con il compito di fornire un supporto scientifico rispetto alla relazione dell’ausiliario del giudice.

Infatti a livello procedurale il giudice, con la stessa ordinanza di conferimento dell’incarico al c.t.u., assegna alle parti un termine entro il quale le parti possono nominare un proprio consulente (art. 201 c.1 c.p.c.).

La nomina del consulente di parte viene effettuata dall’avvocato difensore, fornito del mandato ad litem, e la scelta può essere fatta senza ricorrere a dei professionisti iscritti ad albi professionali, ma possono nominare un soggetto con una specifica abilitazione nella materia oggetto della consulenza tecnica. Inoltre la parte che sia professionalmente competente può svolgere la funzione di consulente di parte nel proprio interesse.

Il ruolo del consulente tecnico di parte (c.t.p.) è centrale in tutti campi ed in quello medico è particolarmente delicato e importante.

Il consulente di parte non presta giuramento e non è soggetto alla norma relativa alla ricusazione e alla astensione, ma può rendersi responsabile dei reati di infedeltà nei confronti del proprio cliente.

Comunque resta fermo nel nostro ordinamento il principio secondo cui la consulenza di parte costituisce “… pur inerendo all’istruzione probatoria, non costituiscono mezzi di prova ma semplici allegazioni difensive a contenuto tecnico, prive di autonomo valore probatorio; che coerentemente, dunque, la norma impugnata autorizza la nomina dei consulenti tecnici di parte solo nel caso di nomina del consulente tecnico d’ufficio, le cui funzioni parimenti sono preordinate, non ad accertare fatti rilevanti ai fini della decisione, bensì ad acquisire elementi di valutazione ovvero a ricostruire circostanze attraverso una specifica preparazione, a scopo di controllo sugli elementi di prova forniti dalle parti e in funzione ausiliaria del giudice; che peraltro rimane sempre salva la possibilità di produrre in causa perizie stragiudiziali, integranti anch’esse ​semplici mezzi di difesa come le deduzioni e argomentazioni dell’avvocato, soggette al libero apprezzamento del giudice”

Anche in assenza di CTU, rimane salva la possibilità di produrre in causa perizie stragiudiziali, che dal punto di vista giuridico rappresentano un semplice mezzo difensivo, al pari delle deduzioni e delle argomentazioni dell’avvocato, e sono soggette al libero apprezzamento del Giudice, che è tenuto quindi a motivare adeguatamente ove le risultanze di tale perizia siano alla base della decisione; mentre non incorre in vizio di motivazione laddove le disattenda senza confutarle ed analizzarle specificamente.

Con riferimento poi ai fatti che il consulente asserisce di aver accertato, la perizia stragiudiziale non ha valore probatorio, non essendo prevista dall’ordinamento la precostituzione fuori del giudizio di un siffatto mezzo di prova, ma solo valore indiziario.

Il consulente tecnico di parte effettua, nell’ambito della consulenza tecnica d’ufficio affidata all’esperto del giudice, una funzione che lo assimila a quella del legale, avendo il compito di assistere la parte che lo ha nominato per le proprie competenze tecniche, mentre l’avvocato può definirsi un tecnico del diritto.

Il consulente tecnico di parte ai sensi dell’art. 201 c.p.c. svolge le seguenti attività:

• assiste alle operazioni peritali del consulente tecnico d’ufficio;
• può presentare osservazioni ed istanze nel corso delle attività del CTU;
• partecipa all’udienza e alla camera di consiglio quando interviene il CTU;

In generale le osservazioni fatte dal c.t.p. sulla relazione presentata dal c.t.u. riguardano sostanzialmente aspetti tecnici, metodologici, logici e scientifici che il giudice deve valutare nelle sue determinazioni giuridiche.

Di conseguenza eventuali critiche da parte del c.t.p. devono risultare pertinenti, precise e circostanziate, fornendo dati e dimostrazioni in grado di evidenziare gli errori commessi dall’ausiliario del giudice.

Il consulente di parte opera negli interessi del cliente mediante un contratto di prestazione d’opera intellettuale (art. 2230 c.c.) e le obbligazioni assunte sono obbligazioni di mezzi e non di risultato e l’eventuale inadempimento per mancanza di diligenza prescritta dall’art. 1176 c.c. comporta una colpa lieve.

Il giudice ha l’obbligo di prendere in esame le valutazioni della consulenza tecnica di parte, ma non è tenuto a confutarne le argomentazioni e può disattendere le analisi effettuate.

Negli anni recenti le consulenze tecniche medico legali hanno assunto una crescente importanza nei processi civili e riguardano in particolare il risarcimento del danno, specie nella materia della responsabilità medico-sanitaria, dove la natura dei fatti allegati dalle parti impone delle conoscenze tecnico-scientifiche che il giurista, magistrato o avvocato, non possiede.

Tuttavia, la loro esecuzione soffre spesso di irritualità ed incertezze, causate da divergenze interpretative e, ancor più, dalla trascuratezza delle norme processuali, con effetti negativi sul contraddittorio e quindi sul giusto processo.

La Cassazione ritiene che vada esente da responsabilità “ l’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica” non c’è motivo per escludere in sede di responsabilità civile l’analisi relativa alla sussistenza del nesso eziologico, anche con riferimento a prassi e linee guida adottate dal magistrato nell’esercizio delle sue funzioni.

Evoluzione della normativa sanitaria –   Il dr. Moar ribadisce la centralità dello studio e dell’aggiornamento costante ai fini di ottenere dei buoni risultati in un contesto in continua evoluzione e legato sia alle leggi che alla giurisprudenza.

Il legislatore nel 2012, al fine di rallentare l’impetuosa crescita della responsabilità civile nell’ambito sanitario, è intervenuto con il c.d. decreto Balduzzi che all’art. 3, comma 1 precisa: “l’esercente la professione sanitaria  che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo”. 

In questo intervento viene posto particolare attenzione alle linee guida e sulle buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica; il giurista tradizionale non è abituato né a questo linguaggio, né tantomeno alla comprensione di queste regole tra le fonti del diritto.

Ma il fenomeno non riguarda esclusivamente l’ambito medico e ma tutta l’attività dei professionisti è sempre più interessata da una cospicua normativa di settore non riconducibile al diritto positivo propriamente inteso.

Nel decreto viene fatto riferimento alla c.d. soft law di derivazione anglo-sassone che prende in considerazione in tema di responsabilità, delle linee guida e delle buone pratiche che vengono accreditate dalla comunità scientifica ed inoltre nel decreto è previsto un meccanismo di intervento a tutela del medico di tipo assicurativo.

Le linee guida e buone pratiche sono delle norme che integrano nel giudizio di responsabilità il quadro di riferimento previsto dalla legislazione che riguarda il dovere di diligenza, di perizia e di prudenza.

La legge Balduzzi ha modificato sul piano delle fonti delle regole che prima dovevano essere apprezzate nella verifica della colpa in senso soggettivo, ora sono diventate diritto positivo, a tutti gli effetti. Ciò comporta che l’errata qualificazione di una norma ivi contenuta o la sua inosservanza da parte del giudice del merito, legittima il ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 360, n. 3, c.p.c., come se si trattasse di una comune norma di diritto positivo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza