Connect with us
Pubblicità

Trento

Domenica a Mattarello la celebrazione del 32° anniversario della morte della «Piccola Mamma»

Pubblicato

-

Domenica 18 novembre la chiesa parrocchiale di Mattarello era stracolma di fedeli accorsi anche da fuori provincia per onorare il 32° anniversario del pio transito della «Piccola Mamma», al secolo Enrichetta Bianchi Carollo.

Nata a Ravazzone di Mori il 20 ottobre 1898, Enrichetta Bianchi Carollo si è spenta a Mattarello di Trento il 13 novembre 1986.

Nell’arco di 88 anni ha conosciuto molte esperienze significative.

PubblicitàPubblicità

Orfana di madre all’età di tre anni, accolta con affettuoso amore da famiglia amica fino al settimo anno di età, consegnata poi alle cure amorevoli delle suore di un orfanotrofio.

Il 10 giugno 1914, 18 giorni prima dell’attentato omicida di Saraievo, che provocherà, il 28 luglio successivo, lo scatenarsi della prima guerra mondiale, una giovane poco più che quindicenne si avvia, a piedi, da Mori a Montagnaga di Pinè, spinta da un irresistibile impulso interiore.

Il colloquio interrotto a tre anni con la madre terrena si sviluppa, intimo, lassù tra i monti, con la Madre del Cielo.

Il pellegrinaggio al santuario di Pinè rappresenta un punto nodale nella vicenda terrena della giovane.

Al ritorno a casa di Enrichetta seguiranno, 48 giorni dopo, i richiami alle armi, l’internamento dei trentini nei campi per profughi dell’Impero, le angosce, i lutti, la fame, che l’immane conflitto mondiale a poco a poco riverserà tragicamente sulla popolazione inerme.

Il 25 marzo 1927 inizia infatti la manifestazione della malattia che costituirà il suo progressivo calvario; ed inizia, tale evento, precisamente nella solennità dell’Annunciazione, quasi come presagio di fecondità spirituale legato all’evento mariano più significativo.

Ma ci saranno ancora altre tappe importanti nel cammino spirituale di Enrichetta e  il susseguirsi di fatti mistici che dal 1948 andranno via via segnando sempre più il suo rapporto personale con Dio; fatti mistici da lei ripetutamente respinti con il pregare il Signore di cercarsi altre anime più degne. Ma le scelte divine non sempre combaciano con i desideri umani: così avvenne anche per Enrichetta Bianchi Carollo

A lei Claudio Forti ha voluto dedicare una lettera che riassume quanto successo domenica, giornata celebrativa per la «piccola mamma».

La riportiamo in forma integrale sotto.

LA LETTERA –  Già alle 14 – mezz’ora prima della celebrazione -, molti fedeli erano presenti assorti in un profondo silenzio orante.

Alle 14.30, Gianni Villotti, figlio spirituale della Piccola Mamma, ha rivolto un cordiale saluto ai convenuti, commentando con grande passione, come negli anni precedenti, i misteri del Rosario e portando testimonianze e ricordi inediti della vita di Enrichetta.

La solenne liturgia Eucaristica era concelebrata da 4 sacerdoti e un diacono e presieduta dal parroco don Duccio Zeni.

L’omelia, ricchissima di contenuti e di stimoli tratti dalla vita di Enrichetta, è stata tenuta da Padre Luigi Fattor.

È stata la sua una lunga e potente catechesi che ha portato i fedeli a contemplare il misterioso agire lungo i secoli dello Spirito Santo, che forma i profeti, i mistici, i dottori e i santi.

Tutto ciò sullo sfondo della maestosa scena della fine dei tempi e della seconda venuta del Cristo, di cui solo il Padre conosce il momento.

Alla fine della celebrazione, Suor Barbara ha letto con emozione le testimonianze di alcune persone beneficate con autentiche grazie e miracoli ottenuti dalla Piccola Mamma.

Anche una signora è salita spontaneamente al pulpito per portare la sua commossa esperienza.

Ma si è saputo che molte persone che prima della celebrazione hanno visitato la stanza in cui morì Enrichetta, o hanno sostato in preghiera nella bellissima cappella della Piccola Opera del Divino Amore, sono state sopraffatte dal pianto e dall’emozione.

Dopo la benedizione – mentre Suor Barbara si accingeva a ringraziare tutti i partecipanti, compreso il Vescovo Lauro Tisi, che per un contrattempo non previsto non aveva potuto partecipare, come precedentemente previsto, a questo solenne rito -, il bravissimo coro di Palù di Giovo aveva già iniziato il canto del Magnificat.

Sicuramente molti si saranno emozionati udendo l’arcana armonia e il contenuto profetico del cantico di Maria, tanto amato dalla Piccola Mamma.

Insomma, in queste oltre due ore di preghiera, in cui i presenti hanno potuto sperimentare quasi un anticipo delle solenni liturgie del cielo, ognuno ha potuto avvertire la presenza dei propri cari defunti, ma vivi in Dio, che, accanto alla Piccola Mamma e ai santi, pregano per noi, perché possiamo essere pronti con le cinture ai fianchi e le lanterne accese, ad accogliere con gioia lo Sposo quando verrà a portarci nella Santa Gerusalemme, dove non ci sarà più né pianto, né lutto, né affanno, ma solo una tal gioia che qui nemmeno possiamo immaginare!

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza