Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

“A luci spente”: si apre il sipario sulla stagione teatrale in Val di Non

Pubblicato

-

“A luci spente”, la rassegna di spettacoli teatrali che accompagnerà gli appassionati da novembre ad aprile in tanti teatri e paesi della Val di Non, sta per iniziare.

Una quarta edizione speciale per il teatro noneso che da una parte è una conferma, come lo è la collaborazione fra la Comunità della Val di Non e tutti i Comuni ospitanti, e dall’altra è una novità, per la voglia di presentare sempre proposte originali e, in modi diversi, emozionanti.

Così, la stagione 2018-2019 si presenta con un vestito nuovo, intenso di colori e di belle sensazioni per il pubblico.

PubblicitàPubblicità

C’è sicuramente la voglia di lasciare nello spettatore un pizzico di quella vibrazione dell’animo che nasce quando ci si avvicina all’arte, in una qualsiasi delle sue forme e che si può sentire quando, a luci spente, si percepisce il brivido del momento in cui la magia del teatro ha inizio.

Tutti gli spettacoli andranno in scena in Val di Non: teatro, danza, spettacoli di qualità, da sabato 24 novembre 2018 fino a venerdì 12 aprile 2019.

Si comincia appunto sabato prossimo alle 21, al cinema teatro di Taio con lo spettacolo “Rulli di luce”, evento musicale di Mariano De Tassis e Carlo Casillo che vuole ricordare e celebrare il centenario della fine della Grande Guerra e l’esperienza artistica e poetica del Futurismo, movimento artistico che ha caratterizzato i primi del ‘900 sino alla vigilia del conflitto.

Protagonisti dell’evento saranno quindi la luce, la musica, il suono, la parola.

Un light show – concerto sincronizzato ed evocativo – costituito da fasci di luce, dalle esplosioni delle bombarde, dalle voci dell’epoca e dai suoni di battaglia, ma anche dalle esplosioni di energia creativa dei poeti e pensatori futuristi.

Si alterneranno canzoni del periodo interpretate dal coro di montagna “Coralità Clesiana” e in versione contemporanea dal gruppo “Miscele d’Aria”, oltre a narrazioni tratte da lettere d’epoca di protagonisti, i soldati, nonché da brani futuristi dell’epoca.

Val di Non – Sole – Paganella

Taglio del nastro per la “nuova casa” dell’Associazione Artigiani a Cles

Pubblicato

-

Spazi luminosi e moderni, che fanno dell’innovazione e della funzionalità i propri punti di forza. Senza dimenticare però il legame con il territorio e con la realtà artigiana che rappresentano. A fare da contorno, una folla vogliosa di condividere un momento così importante e così sentito. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

L’Associazione Culturale G.B. Lampi presenta il libro “Memorie di guerra e di prigionia”

Pubblicato

-

Domenica 20 gennaio, presso Casa de Gentili a Sanzeno, in occasione dell’assemblea annuale dei soci dell’Associazione Culturale G.B. Lampi, verrà presentato il libro ‘Memorie di guerra e di prigionia’, basato sui diari di Francesco Chini di Segno e di Simone Ciccolini di Terzolas, reduci della prima guerra mondiale, e curato dal Prof. Udalrico Fantelli.

‘Condividere la memoria per un futuro di pace’ – Questa l’introduzione redatta da Walter Iori, Presidente dell’Associazione Culturale G.B. Lampi, e da Marcello Liboni, Presidente del Centro Studi per la Val di Sole:

“Nell’anno in cui si chiudono le celebrazioni per il centenario della Grande Guerra, una rinnovata collaborazione tra due realtà culturali di territori limitrofi e dalla storia profondamente intrecciata – l’Associazione Giovan Battista Lampi della Val di Non ed il Centro Studi per la Val di Sole – offre agli appassionati lettori due nuove testimonianze, due memorie inedite: quella di Francesco Chini di Segno in Val di Non, e quella di Simone Ciccolini di Terzolas in Val di Sole.

PubblicitàPubblicità

Francesco Chini

I loro scritti, qui riportati e commentati grazie alla dotta lettura dello storico Udalrico Fantelli, si collocano in quel panorama assai ricco e indagato di diari, memorie e racconti messi su carta da non pochi tra coloro che, a partire dall’agosto del ’14, con la mobilitazione generale, furono mandati a combattere o a svolgere lavori di supporto alle prime linee prevalentemente sui fronti Serbo e Russo.

Gli storici ci dicono che degli oltre 55.000 trentini chiamati “alla guerra”, circa 11 mila persero la vita. Di alcuni di loro tornarono le salme, per altri fu piantata una croce in terre lontane, di moltissimi non si seppe più nulla: dispersi.

La sorte riservò ai nostri Chini e Ciccolini miglior fortuna restituendoli entrambi alla terra d’origine, alle loro famiglie. Non di meno ciò che videro quegli occhi, le esperienze vissute e le sofferenze patite che emergono crudamente nella loro “quotidiana banalità” inducono il lettore a riflettere ancora una volta sulle cause ma soprattutto sugli effetti di una delle più grandi tragedie dell’umanità.

Scopo delle due Associazioni in fondo è proprio questo: offrire una nuova occasione, negli anni in cui è massima l’attenzione dedicata al Primo conflitto mondiale, per conoscere i fatti e per immergersi almeno con il pensiero e con la personale capacità di empatia, in quelle vicende che travolsero letteralmente milioni di esseri umani.

Vedere come, su un palcoscenico dalle dimensioni mai sperimentate prima di allora (per non pochi trentini inviati dapprima in Galizia e poi finiti in terre delle quali non avevano neppure mai sentito il nome prima di allora, il ritorno avvenne compiendo letteralmente il giro del mondo), furono risucchiati in un vortice di violenza inaudita semplici cittadini, poveri contadini che nulla desideravano al di là di una vita serena, condotta certo nelle fatiche quotidiane, ma nel contesto dei propri affetti e delle ordinarie abitudini.

Simone Ciccolini

Dalle pagine che seguono, testimonianze vere di guerra vissuta, l’appello delle due Associazioni delle Valli del Noce a lavorare insieme per costruire orizzonti di pace.

Come per tutte le pubblicazioni anche per questa sono stati indispensabili l’impegno e la competenza di varie figure. Il nostro grazie allora a Tiziana ed Emanuela Ciccolini, a Barbara Widmann curatrici dei chiari lineamenti biografici degli autori delle memorie. Al Prof. Udalrico Fantelli, storico dal profilo riconosciuto, curatore delle trascrizioni ed autore dei preziosi apparati critici ai testi.

Infine grazie agli Enti, pubblici e privati, alla Fondazione Caritro per aver finanziato in maniera considerevole questo progetto, ai Comuni di Terzolas e di Predaia che con il loro contributo anche di ordine economico hanno permesso l’idea delle due Associazioni si traducesse in fatti.”

L’assemblea annuale dei soci dell’Associazione Culturale G.B. Lampi, che si terrà alle ore 16.00, quest’anno sarà particolarmente importante, in quanto sarà rinnovato il Consiglio Direttivo.

Dal 2010 l’associazione è presieduta da Walter Iori e negli ultimi anni è divenuta partner e braccio operativo del Centro Culturale d’Anaunia che ha sede nella prestigiosa Casa de Gentili, dimora nobiliare di Sanzeno.

L’Associazione G.B. Lampi conta oltre 300 soci attivi, un numero in costante crescita grazie al coinvolgimento della compagine sociale in attività di approfondimento culturale, come viaggi, visite guidate ed eventi culturali di notevole interesse.

Tra le iniziative di rilievo per l’anno 2019 una serie di conferenze estive dedicate a testimoni dei secoli, personaggi poco conosciuti che hanno segnato lo scorrere del tempo in Anaunia, un viaggio di una settimana in Portogallo, alcune mostre presso casa de Gentili e la pubblicazione di un volume dedicato alle bellezze culturali della valle nascoste o poco conosciute.

Alla fine dell’assemblea il Prof. Udalrico Fantelli terrà una lezione sul libro, che verrà anche consegnato ai Soci dell’Associazione.

Sarà inoltre possibile visitare, al piano superiore, la mostra “Val di Non, sguardi sulla Grande Guerra”, nel suo ultimo giorno di apertura, ed i visitatori verranno omaggiati con una copia del catalogo.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

La filodrammatica Ral raddoppia con la nuova commedia “L’Ort de la Canonega”

Pubblicato

-

La filodrammatica Ral porta in scena la nuova commedia di Gabriele Bernardi “L’Ort de la Canonega”. (altro…)

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza