Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

Wsj, Apple riduce produzione iPhone, domanda sotto attese

Pubblicato

-

Apple ha ridotto la produzione dei nuovi iPhone, a causa di una domanda inferiore alle attese.

Lo rende noto il Wall Street Journal, secondo cui l’aver lanciato sul mercato tre modelli diversi – iPhone Xs, Xs Max e XR – ha reso più difficile prevedere il fabbisogno di componenti e dispositivi.

Dopo le indiscrezioni Cupertino cala in Borsa dove arriva a perdere il 2,45%.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime settimane Apple ha tagliato la produzione per tutti e tre i modelli presentati a settembre, riporta il quotidiano citando fonti a conoscenza della situazione.

Le previsioni sono risultate particolarmente difficili per l’iPhone XR, il più economico dei tre e quello arrivato sugli scaffali più tardi.

Apple avrebbe tagliato di un terzo il piano di produzione, che prevedeva 70 milioni di dispositivi tra settembre e febbraio.

All’inizio di novembre, durante la presentazione dei risultati fiscali, Apple aveva comunicato stime inferiori alle attese degli analisti sulle vendite nell’ultimo trimestre dell’anno, quello degli acquisti natalizi.

La notizia aveva portato il titolo a cedere il 7% in Borsa, facendo scivolare la capitalizzazione di mercato della società sotto la cifra storica dei mille miliardi di dollari.

Pubblicità
Pubblicità

economia e finanza

Cina vs U.s.a la nuova Guerra Fredda 4.0

Pubblicato

-

Nel 1989 la caduta del  muro di Berlino sancì il termine della guerra fredda.

Il comunismo cedeva il passo al capitalismo Americano.

Sono passati ormai 30 anni ma la storia sembra ripetersi. Cambiano solo i protagonisti o meglio uno dei protagonisti.

PubblicitàPubblicità

La Russia cede il posto di nemico numero uno degli Stati Uniti alla Cina.

Anche gli scenari sono cambiati. Non ci sono più missili nucleari disseminati nei vari stati che prestano le basi ai protagonisti.

Oggi la guerra si combatte con armi diverse, con la tecnologia. E le minacce diventano informatiche.

Siamo davanti a una guerra fredda 4.0 tra Cina e Stati Uniti. Le prime avvisaglie ci sono state quando Trump ha deciso di mettere i dazi sulle importazioni cinesi, poi si è aggiunta la blacklist con l’elenco di tutte le aziende del Mandarino non benvenute nel territorio statunitense.

Anche la notizia che Google non fornirà gli aggiornamenti del sistema operativo Android di Huawei è stata letta come una chiara presa di posizione.

Si è avuto la percezione che Trump e compagni abbiano intuito la pericolosità di concedere industrie strategiche alle aziende asiatiche. Pericolosità che si fonda sulla raccolta dei dati.

Dati che potrebbero avvantaggiare il nemico cinese e le sue industrie. Importante è comprendere che la Cina rimane, sostanzialmente, un sistema ibrido dove l’iniziativa privata è sempre immischiata  con il potere politico del  partito comunista.

I dati sembrano essere un bene da tutelare. Un patrimonio da preservare dalle mani del nemico.

Anche se non vediamo muovere aerei o carri armati non significa che il mondo sia tranquillo.

La Cina è il maggiore detentore di debito pubblico americano e questo Trump lo sa. Ma esso è anche il maggiore antagonista negli equilibri geopolitici.

Certamente gli scontri avverranno nell’abito dell’industria 4.0, con la Cina che si prodigherà nella creazione di tecnologie parallele e antagoniste a quelle americane.

La Cina ha già risposto alla prima provocazione mettendo in moto tutto il suo apparato produttivo e creativo per creare un sistema operativo migliore e più efficiente di Android. Se ce la faranno lo scontrò si sposterà, molto probabilmente, sulla finanza digitale.

I due blocchi cercano alleati. L’Europa dal canto suo è inerme, incapace di cogliere le opportunità che il bisogno di equilibrio potrebbe concederle.

Come sempre il bisogno di raccogliere ed elaborare dati sembra essere la materia prima più importante. I dati concedono potere e controllo, due condizioni che gli Stati Uniti non vogliono cedere facilmente.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

economia e finanza

Hartmann Reichhalter nominato nuovo presidente di Autobrennero

Pubblicato

-

L’avvocato Hartmann Reichhalter è il nuovo Presidente di Autostrada del Brennero SpA.

Lo ha nominato questa mattina (11 luglio) l’Assemblea dei Soci riunitasi nella sede di via Berlino, a Trento. Gli azionisti hanno indicato anche gli altri componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione per il triennio 2019-2021.

Si tratta di Richard AmortGiovanni AspesAnna BertazzoniDiego CattoniRaffaele De ColFrancesca GerosaBarbara GuadagniniAstrid KoflerLuigi OlivieriMattia PalazziMaria Chiara PasqualiGiulio SantagataManuel Scalzotto.

PubblicitàPubblicità

L’equilibrio di genere previsto dalla vigente normativa risulta pertanto perfettamente rispettato.

Nato a Bolzano nel 1969, laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano, avvocato, dal 2004 al 2010 Reichhalter è stato Sindaco di Castelrotto, Comune di cui era già stato Vicesindaco dal 2000 e di cui lo sarà poi nuovamente dal 2010 al 2015.

Specializzato in diritto urbanistico, appalti pubblici, enti locali e protezione del paesaggio, dal 2005 al 2010 ha rappresentato il Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano nel gruppo di lavoro provinciale per la revisione della legge sulla pianificazione territoriale.

Sono grato ai Soci di Autostrada del Brennero per avermi voluto indicare quale Presidente di questa importantissima Società – ha commentato Reichhalter al termine della riunione –. Vorrei mettere al suo servizio le mie competenze professionali e la mia esperienza di amministratore. Il mio massimo impegno sarà rivolto alla trasformazione dell’attuale Società in una in house, per poter così aspirare al prossimo rilascio della nuova Concessione autostradale.

Queste sono le imprescindibili basi per portare Autostrada del Brennero nel futuro, ossia per permetterci di affrontare gli importanti investimenti previsti per tutto il territorio di competenza, per implementare l’intermodalità con la ferrovia, nonché per l’introduzione di una tariffa ambientale. In poche parole: per migliorare il nostro servizio, sia per chi usa l’autostrada, sia per chi deve convivere con l’autostrada”.

Hartmann Reichhalter raccoglie il testimone da Luigi Olivieri. Il Presidente uscente – confermato in CdA – ha ripercorso i passaggi cruciali di questi mesi così importanti per la Società, ha ringraziato tutto il personale, i dirigenti, l’Amministratore Delegato, Walter Pardatscher, e l’intero CdA per il lavoro svolto e ha così concluso:

Si apre ora una nuova stagione. Il rinnovo del Consiglio di Amministrazione coincide con il compito di studiare sviluppi ad oggi inediti per la mobilità transalpina. La responsabilità sociale dell’impresa è un principio sancito dalla nostra Costituzione, a noi il compito di dimostrare come Autostrada del Brennero sia una società al servizio delle Comunità locali, dell’Italia, dell’Europa”.

L’Assemblea dei Soci ha, inoltre, designato i membri del Collegio Sindacale di propria spettanza per il triennio 2019-2021. Sono Tommaso Bergmeister, Martha Florian von Call, Tommaso Zanini che vanno ad aggiungersi al dott. Giovanni Ciuffarella, di spettanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze con il ruolo di Presidente e alla dott.ssa Romana Sciuto, di spettanza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Nel corso del pomeriggio di oggi avverrà anche la nomina del nuovo amministratore delegato.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

economia e finanza

BM Group: nuova filiale per la progettazione in Polo Meccatronica a Rovereto

Pubblicato

-

La storica impresa di Condino ha scelto di aprire una sede in Vallagarina per consolidare le sinergie già attive sul territorio nell’ambito dell’Industria 4.0

BM Group cresce: a Condino, ma non solo.

Dopo l’acquisizione, nell’ottobre scorso, di un nuovo e più ampio stabilimento industriale moderno e interconnesso proprio in Valle del Chiese, il gruppo dell’automazione e della robotica ha deciso di aprire un ufficio per la progettazione in Polo Meccatronica a Rovereto.

PubblicitàPubblicità

Negli ultimi anni, infatti, sono state numerose le occasioni di collaborazione con le startup insediate nell’hub dell’Industria 4.0 di Trentino Sviluppo e gli istituti tecnici del territorio.

Proprio nelle scorse settimane BM Group ha donato all’Istituto Tecnologico Marconi di Rovereto un kit “School ABB” per l’apprendimento e il trasferimento tecnologico. Nello specifico, l’apertura della filiale in Polo Meccatronica, vedrà impegnati quattro progettisti.

BM Group cresce ancora in Trentino. Lo storico gruppo dell’automazione e della robotica nato a Borgo Chiese nel 1993, ha siglato in ottobre un’intesa con la Provincia di Trento e Trentino Sviluppo per costruire – al posto degli attuali stabilimenti ormai “stretti” e distanti 5 chilometri l’uno dall’altro – un unico grande sito produttivo, funzionale e interconnesso secondo i principi dell’Industria 4.0.

Il compendio, interamente ristrutturato e dotato di tecnologie all’avanguardia per un valore complessivo di 8 milioni di euro, sorgerà a Condino, dove saranno assunti 30 nuovi collaboratori passando dalle attuali 76 alle 106 unità lavorative.

Le vecchie sedi di Condino e Cimego, invece, sono state acquisite da Trentino Sviluppo e poi messe a disposizione di altre attività produttive locali che avevano già manifestato il proprio interessamento.

A qualche mese dall’operazione, BM Group ha deciso inoltre di rafforzare la propria presenza in Vallagarina, insediandosi in Polo Meccatronica a Rovereto con un ufficio dedicato alla progettazione.

Negli ultimi anni, infatti, sono state numerose le occasioni di collaborazione con le startup insediate nell’hub 4.0 di Trentino Sviluppo.

“A ciò – commenta Mirko Bottini, Cto e cofondatore di BM Group – si aggiunge la volontà del nostro gruppo di essere ancora più attrattivo per i giovani talenti che escono dagli istituti tecnici della città”.

Giovani talenti ai quali proprio nei giorni scorsi BM Group ha donato il “KIT School di ABB”, un pacchetto di robotica pensato per favorire l’apprendimento in aula di concetti di programmazione ispirati a esempi reali e il trasferimento di know-how. Il “kit” è stato consegnato all’Istituto tecnologico Marconi, con il quale il gruppo giudicariese ha già sviluppato diversi percorsi di Alternanza Scuola Lavoro.

Oltre che del macchinario e del software, la scuola disporrà di personale e competenze interne al gruppo, con lo scopo di supportare i docenti nell’utilizzo di questo nuovo strumento robotizzato e di far appassionare il più possibile gli studenti al settore.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza