Connect with us
Pubblicità

Socialmente

WIRun Trento, la corsa contro la violenza sulle donne

Pubblicato

-

Nell’aula del Muse intitolata alla matematica, astronoma e filosofa Ipazia si è tenuta la presentazione della WIRun Trento, la corsa non competitiva di 5 km che si terrà domenica 25 novembre per dare un segnale forte contro la violenza sulle donne.

Un buon auspicio per l’iniziativa, presentata nel segno di questa scienziata coraggiosa, libera e indipendente. Un messaggio di vicinanza indirizzato alle tante donne che con i loro figli e figlie ancora si trovano in condizioni di violenza fisica o psicologica o stanno faticosamente cercando di uscirne.

A loro cerca di dare una mano il Fondo “La violenza non è un destino” che finanzia i piccoli bisogni concreti necessari ad iniziare un percorso individuale di uscita dalla violenza. II fondo è gestito direttamente da Famiglia Materna e da Punto d’Approdo, strutture con una lunga esperienza di accoglienza di donne e minori in situazioni di disagio. Possono accedervi donne di tutto il territorio trentino segnalate dalle strutture e dalle associazioni che in provincia assistono le vittime di violenza.

PubblicitàPubblicità

WIRun Trento correrà interamente per loro anche quest’anno. Una scelta che privilegia il finanziamento a realtà che operano a livello locale. Sono già numerose le iscrizioni registrate finora per la corsa (o camminata) di domenica 25 novembre, data simbolo perché coincide con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Partenza alle 10 e arrivo dal Parco delle Albere per la cinque chilometri da correre o passeggiare per mostrare vicinanza alle vittime di violenza domestica e di genere.

L’iscrizione costa 12 euro e dà diritto al pacco gara. Gli under 16 potranno iscriversi gratuitamente: a loro verrà consegnato il pettorale ma non il pacco gara. Le iscrizioni si raccolgono oppure online sul sito https://www.endu.net/it/events/wirun-italy-trento/ oppure nei vari esercizi aderenti: a Trento nei punti vendita di Puntoevirgola, Stokkino, Salone Idea Donna (via Degasperi 59), RunningStore.it e al Bici Grill. Oppure a Rovereto da Storie di Latte; a Pergine da Trirunnis srl; a Lavis da SD Sport; a Volano da made2win. Ci si potrà comunque iscrivere anche il 25 novembre in loco (entro le 9.30) e nei giorni immediatamente precedenti la corsa in altri punti allestiti ad hoc.

Da lunedì fino a sabato prossimo sarà inoltre aperto il WIRun point in viale Olivetti, 9 (già sede dell’Adunata degli Alpini a maggio e gentilmente messo a disposizione dall’ANA sezione di Trento) dove effettuare le iscrizioni e ritirare i pacchi gara ogni giorno dalle 17 alle 20 (sabato tutto il giorno).

Tra gli iscritti naturalmente tante donne, ma anche uomini, intere famiglie e per questa edizione – la quarta a Trento – anche un numero sempre maggiore di gruppi organizzati. La lotta alla violenza di genere del resto è un tema sentito e trasversale, su cui in tanti hanno voglia di ritrovarsi. A testimonianza di questo, anche quest’anno al posto dei numeri di gara i pettorali dei partecipanti riporteranno parole di incitamento alla libertà e al coraggio: messaggi di vicinanza indirizzati alle vittime di violenza.

L’iniziativa si svolge in collaborazione con Provincia autonoma di Trento, del Comune di Trento e dell’Università di Trento. 

A portare il saluto della giunta provinciale è stata la neo assessora alla Sanità e Politiche sociali Stefania Segnana, alla sua prima uscita pubblica, che ha ribadito la propria vicinanza “per una iniziativa di indubbio spessore e molto importante ai fini di una sensibilizzazione sul tema della violenza di genere”.

Grande anche il supporto da parte degli sponsor che anche quest’anno hanno aderito con convinzione per sostenere i costi dell’organizzazione di questa edizione della WIRun Trento. In prima fila i main sponsor che hanno contribuito con grande generosità all’evento: Conad, La Sportiva, Sparkasse- Cassa di Risparmio di Bolzano Euro&Promos. Danno il loro supporto anche: Areaderma Natura Cosmetica Trentina, ITAS Mutua-Assicuritas, Ferramenta Centro Vendite Galvagni, Menz&Gasser, Risto 3, Puntoevirgola, Salone Idea Donna, Sosi – Il pane di Trento. In questa edizione daranno supporto logistico anche MUSE – Museo delle Scienze e 91° Adunata Alpini – ANA Sezione Trento.

Durante la WIRun 2018 sarà data anche visibilità alle associazioni presenti sul territorio trentino che si occupano di supportare le persone vittime di violenza. Come è stato fatto nel 2017, sarà creato un punto di aggregazione informale nel quale i/le partecipanti alla manifestazione, gli enti e le istituzioni coinvolte possano incontrarsi e conoscersi.

Com’è nato women in run – womeninrun.it

Women in Run è un running network al femminile nato su Facebook nel 2014 da un’idea dell’atleta Jennifer Isella con l’obiettivo di creare gruppi di allenamento gratuiti in tutta Italia per consentire alle donne di correre all’aperto in totale sicurezza e libertà. Nel 2016 Women In Run è diventata un’Associazione Sportiva Dilettantistica a tutti gli effetti. “Il branco siamo noi”, gridano le WIR (acronimo di Women In Run) e i WIRangels (gli uomini che le sostengono), ormai virali sul web. Una frase forte, ma che esprime la necessità di unirsi e fare gruppo per dire basta alla violenza sulle donne. Al fianco di Jennifer Isella, coordinano il progetto Manuela Barbieri e Massimo Pileri.

Maggiori informazioni sul Fondo:
https://www.famigliamaterna.it/cosa-facciamo/contrasto-alla-violenza-di-genere/

Pubblicità
Pubblicità

Socialmente

Città a misura di tutti con la comunicazione “Aumentativa e Alternativa”

Pubblicato

-

http://colibrimagazine.it
Immagine di: http://colibrimagazine.it

Esiste in mezzo a noi un mondo a parte in cui vivono bambini affetti da problemi cognitivi e persone con bisogni comunicativi complessi, persone che faticano a interagire con la realtà come la conosciamo.

Per affrontare questo problema è stato messo a punto un sistema di comunicazione chiamato “Comunicazione Aumentativa e Alternativa” (CAA), termine utilizzato per descrivere le modalità che possono facilitare e migliorare la comunicazione delle persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura.

Questo linguaggio è basato su un insieme di simboli, ma non esistono soluzioni universali adatte ad ogni soggetto.

PubblicitàPubblicità

L’obiettivo della CAA è quello di contenere e compensare la disabilità di chi presenta un grave disturbo di comunicazione sia sul versante espressivo che ricettivo.

Quello che si ottiene è un miglioramento della competenza comunicativa del bambino e di tutte le persone del suo ambiente di vita in modo da favorire la massima partecipazione sociale possibile.

Con l’obiettivo di creare sempre più ambienti accessibili ed una società capace di aprirsi a questo bisogno di comunicazione, in alcune città è nato il progetto “Città in CAA”, che vede l’istituzione di una rete di realtà commerciali “CAA friendly” che appoggiano l’utilizzo della CAA.

Gli esercenti che partecipano al progetto espongono immagini, scritte in CAA, adeguano i propri spazi, e formano il proprio personale per facilitare la comunicazione, promuovere le abilità sociali e favorire l’autonomia di persone con bisogni comunicativi complessi.

La rete di Città din CAA è nata in Emilia Romagna, grazie all’associazione Fare Leggere Tutti Faenza che lo ha ideato e applicato nei comuni di Castel Bolognese, Solarolo e Faenza coinvolgendo realtà commerciali, istituzionali, artigianali. Il progetto ha fatto il suo esordio anche in Umbria (comune di Corciano).

IN CONCRETO

In pratica ogni soggetto coinvolto nel progetto, sia esso un bar, un supermercato, una biblioteca piuttosto che un ufficio aperto al pubblico, terrà esposte al suo interno delle “tavole comunicative”, fogli a4 contenti i simboli tradotti in CAA, corrispondenti al linguaggio verbale, così che il soggetto con difficoltà, non si trovi a chiedere ma ad avere già presenti e visibili gli strumenti con i quali poter comunicare. Maggiori info sul progetto sono disponibili qui: http://www.cittaincaa.it/

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Socialmente

Italia’s got talent: Damiano vince sull’autismo

Pubblicato

-

Venerdì scorso a Italia’s got talent, lo show in onda su TV8, la performance lirica-comica di Damiano Tercon (persona con sindrome di Asperger) e di sua sorella Margherita ha incassato i quattro “sì” della giuria decretando la vittoria di Damiano sull’autismo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere

Socialmente

Carta Blu Trenitalia: l’epopea di un disabile per rinnovarla

Pubblicato

-

La Carta Blu è un documento che Trenitalia rilascia alle persone con disabilità titolari dell’indennità di accompagnamento o di comunicazione. La carta, che dura cinque anni, consente il viaggio della persona disabile e del suo accompagnatore, sui convogli di Trenitalia, ad un prezzo ridotto. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza