Connect with us
Pubblicità

Politica

Fugatti con Mattarella a Merano: “Informazione bene pubblico. Importanti libertà di opinione e pluralismo”

Pubblicato

-

“Una storia di successo, intimamente legata alla storia dell’Alto Adige, con una straordinaria capacità di competere sul mercato”. Così il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, intervenuto oggi a Merano alle celebrazioni per i 130 anni di Athesia alle quali ha partecipato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ecco il testo dell’intervento del governatore Fugatti.

“La storia di Athesia è intimamente legata alla storia di questa terra, al percorso, difficile e complesso, che le nostre popolazioni hanno compiuto e spesso condiviso in questi 130 anni. Si tratta, anzitutto, di una storia imprenditoriale di grande successo, con una straordinaria capacità di competere su un mercato, come quello dell’editoria, colpito duramente dalla crisi economica degli ultimi anni.

Pubblicità
Pubblicità

In una fase così difficile Athesia ha saputo crescere ed investire, scommettendo sul futuro. Non era certo scontato e credo che uno dei segreti di questo successo stia nella capacità del gruppo, in tutte le sue ramificazioni, di saper innovare, diversificando le attività, ma restando sempre fedele a quei valori cristiano-sociali espressi dai padri fondatori. Valori quanto mai importanti in un territorio, come quello regionale, che fonda la sua specialità sulle differenze etniche e linguistiche che devono trovare, anche attraverso i mezzi di informazione, un luogo di rappresentanza.

Siamo tutti consapevoli, il Presidente Mattarella ce lo ha ricordato anche recentemente, dell’importanza del pluralismo e della libertà d’opinione. L’informazione è un bene pubblico. Più complesso è mettersi d’accordo su come le istituzioni possano sostenere il pluralismo e la pluralità dei mezzi di comunicazione, senza, ovviamente, intaccarne la necessaria autonomia.

In questa regione abbiamo trovato, a mio giudizio, un compromesso virtuoso, oltretutto ampiamente condiviso dalle forze politiche, che si è concretizzato in due specifiche normative provinciali che hanno inteso salvaguardare un patrimonio di esperienze e di professionalità che in Trentino e in Alto Adige ha garantito, in tanti anni, soprattutto nel settore delle televisioni e delle radio private, pluralismo e diffusione gratuita di contenuti informativi d’interesse locale, offrendo un’informazione di qualità in una logica di servizio pubblico, oltre a molti posti di lavoro e allo sviluppo di professionalità specifiche.

Normative che hanno tenuto conto dell’innovazione tecnologica che ha investito l’informazione negli ultimi anni, con il conseguente sviluppo di nuovi media online, settore su cui Athesia ha saputo investire con lungimiranza.

La corretta informazione, la conoscenza piena dei fatti, sono elementi fondamentali di civiltà, di libertà e di democrazia. Per questo gli operatori del settore, giornalisti ed editori, svolgono un compito estremamente delicato, anche perché l’informazione è uno strumento con cui si forma l’opinione pubblica e dunque il consenso necessario per ogni atto decisionale. In una terra dove le decisioni, in virtù dell’autonomia, vengono prese a livello locale, l’informazione relativa al territorio e alle sue istituzioni assume una rilevanza ulteriore.

Sostenere gli editori e i professionisti impegnati in questo ambito è quindi assolutamente doveroso, non soltanto per il ruolo fondamentale che svolgono, ma anche per impedire che il sistema dei media smarrisca, complici dinamiche economiche e commerciali, la propria caratterizzante autonomia.

L’importante è che l’offerta di informazione sia resa secondo un concetto di servizio pubblico. Quindi con la massima ampiezza, considerando tutte le parti in causa e nel contempo con una qualità ed una credibilità che solo operatori qualificati possono garantire ai cittadini.

L’anno che si avvia a conclusione è stato un anno importante per l’editoria regionale con alcuni cambi di proprietà che hanno interessato importanti testate locali, cartacee e televisive, segno comunque di un dinamismo del settore che può rappresentare una spinta al cambiamento e all’innovazione, attuata attraverso un’interazione fra gli strumenti tradizionali, come la carta stampata e quelli digitali, in forte espansione.

Athesia ha assunto un ruolo centrale nell’editoria regionale e debbo dire che ha sempre dimostrato, con i fatti, di credere nell’autonomia delle testate giornalistiche acquisite, sapendo valorizzare il lavoro giornalistico in una logica di sistema.

Credo che questi primi 130 anni di storia siano davvero un bel traguardo, ma soprattutto un punto di partenza per affrontare nuove importanti sfide”.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Sostegno alla famiglia, Pillon: «3 anni di contributi figurativi per ogni figlio e aumento degli assegni famigliari per le mamme lavoratrici»

Pubblicato

-

Si sta discutendo molto nelle ultime settimane del disegno di legge del senatore leghista Silvano Pillon sull’affido condiviso dei figli e il loro mantenimento.

Il ddl in sintesi introduce la “bigenitorialità perfetta”, cioè, in caso di separazione di una coppia, il mantenimento dei figli, il loro affido, e di conseguenza i costi e il tempo passato con loro, devono essere equamente divisi tra padre e madre.

Il disegno di legge a prima firma Pillon è arrivato in commissione Giustizia del Senato lo scorso 10 settembre 2018.

PubblicitàPubblicità

Il senatore leghista e organizzatore del Family Day, noto per le sue prese di posizione contro le unioni civili e l’aborto, ha difeso il disegno di legge, che era stato ampiamente criticato da più parti, sostenendo che non è vero che sia maschilista ma che ha l’obiettivo di diminuire la conflittualità tra i genitori e consentire ai bambini di stare con padre o madre per tutto il tempo che vogliono.

Il ddl punta tra le altre cose a prevedere come obbligatoria per le coppie con figli la mediazione al fine di aiutarle a trovare un accordo nell’interesse dei minori.

Con il Senatore Pillon non abbiamo però parlato del nuovo disegno di legge ma dei temi più legati alla famiglia, all’educazione dei figli e agli aiuti che il suo governo sta mettendo nero su bianco.

Mi spiega cos’è di preciso il «Comitato difendiamo i nostri figli»?

«È il comitato del Family Day che ha organizzato gli eventi del 2015 e del 2016  presieduto e diretto ora dal professor Massimo Gandolfini che sta facendo un gran lavoro di raccordo fra le realtà politiche territoriali e centrali con l’obiettivo di costruire un grande fronte «pro live» e «pro family» nel nostro paese».

Come ha intenzione di muoversi il ministro dell’istruzione per salvaguardare i bambini dalla propaganda LGBT?

«Premetto che questa domanda dovrebbe essere rivolta al ministro competente. Io mi limito però a prendere atto delle decisioni che il ministro ha preso in questi giorni a cui noi abbiamo plaudito e che ci hanno visti concordi nel bloccare la diffusione dei questionari vergognosi che dovevano essere distribuiti nelle scuole Umbre ai bambini di 12 e 13 anni in cui il bambino veniva costretto a scegliere la propria identità sessuale fra: bisessuale, eterosessuale, moderatamente omosessuale, asessuale o omosessuale. Dopo il deposito di una nostra interrogazione il ministro ha subito bloccato la distribuzione e l’iniziativa. Ora accanto a questo faremo anche una segnalazione alla corte dei conti perché questi questionari sono costati alla collettività 40 mila euro. Il ministro ha emanato inoltre una circolare dove si ricorda che, come dice la costituzione italiana e il codice civile, spetta solo ai genitori il diritto e dovere di educare i propri figli, ricordando che qualsiasi iniziativa come l’educazione alla sessualità deve avere il preventivo consenso informato dei genitori e deve passare attraverso un’accurata e dettagliata specificazione dei contenuti che si intendono veicolare».

Lei si batte da tempo contro l’ideologia Gender, mi sa dire come definirebbe tale ideologia?

«Io non voglio certo fare il teorico del complotto o cose del genere, e premetto che ognuno nel privato può fare ciò che vuole senza problema. Ma se questi comportamenti servono invece per condizionare i minori allora la famiglia deve sempre avere la priorità, quindi lasciamo perdere i bambini. La mentalità gender è costruita nelle università di filosofia degli Stati Uniti ed ha come lettura della realtà che l’identità di ciascuno di noi non è determinata dalla nostra natura sessuale ma che ciascuno è libero di scegliere la propria identità sessuale, che quindi non è più una caratteristica della persona. Il gender sostiene insomma che la natura della propria sessualità è una scelta, come un catalogo dove di decide a prescindere dal nostro corpo. Questo è quello che noi chiamiamo gender, la costruzione di una realtà alternativa che non ha nulla a che vedere con la realtà vera e che passa purtroppo sulla pelle dei bambini. Questo noi non lo vogliamo».

E perché la sinistra in questi anni ha più volte affermato che tale ideologia non esiste?

«Si sa che ciò che non esiste non può essere colpito, in questi anni c’è stata una precisa volontà della sinistra italiana di nascondere questa cosa per poter così agire indisturbati»

Quali politiche attuerete per la famiglia?

«Per quanto riguarda i temi etici non sono oggetto dei lavori e del contratto di governo. Quindi non sono previsti interventi o forzature su questi temi ne da una parte nel dall’altra. Stiamo lavorando invece sul sostegno alla famiglia e sullo sviluppo della natalità che negli ultimi anni è crollata. Oltre al grandissimo lavoro del ministro Fontana che ha trovato 400 milioni di euro per rilanciare la natalità ho presentato due emendamenti alla finanziaria. Uno propone che la donna lavoratrice e madre con più di 3 figli veda attribuito alla sua posizione previdenziale 3 anni di contributi figurativi per ogni figlio, conseguentemente avrà un anticipo del pensionamento di 3 anni per ogni figlio, questo per sostenere le donne lavoratrici e madri che rappresentano un tessuto importantissimo per il nostro paese. L’altro emendamento riguarda l’assegno famigliare. In pochi sanno che esiste un fondo degli assegni famigliari che si autofinanzia con i contributi dei lavoratori che è in attivo di 1 miliardo di euro che  però o non vengono spesi o vengono incanalati altrove. Ebbene, proporrò di alzare il livello di contribuzione in modo che l’assegno pesi di più nelle tasche delle famiglie» 

Sarà in piazza domani a Roma?

«Sarò certamente in piazza insieme a Matteo Salvini a Roma per sostenere la sua grande azione di Governo e quella della Lega»  

Come sta il Ministro dell’Interno?

«Benissimo, mai stato meglio» 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Fugatti agli artigiani: “La Provincia tornerà ad investire”

Pubblicato

-

“La nuova giunta tornerà ad investire, immettendo così nuove risorse per consolidare la ripresa economica. Negli ultimi anni, gli investimenti pubblici sono andati via via calando ma noi intendiamo invertire il trend”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Politica

Vigilantes a Trento, i consiglieri al sindaco Andreatta: “Irresponsabile non collaborare per la sicurezza”

Pubblicato

-

Forza Italia, Progetto Trentino, Lega e Civica Trentina hanno presentato al comune di Trento un ordine del giorno collegato alla proposta dell’amministrazione provinciale riguardo i vigilantes a Trento nelle piazze e sugli autobus. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it