Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Pescara: arrestati 2 senegalesi con 2,5 milioni di euro di merce contraffatta. Denunciate altre 100 persone

Pubblicato

-

Nella mattinata odierna, all’esito di indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, nell’ambito della quale sono stati denunciati oltre 100 soggetti e sequestrata merce contraffatta per 2,5 milioni, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 2 cittadini extracomunitari per i reati di contraffazione e ricettazione.

Il provvedimento giudiziario è stato emesso all’esito di un’indagine condotta dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, avviata nel mese di novembre 2017, allorché sottoponevano a controllo un cittadino senegalese che aveva con sé un borsone risultato contenere capi di abbigliamento contraffatti e, nel corso della perquisizione domiciliare dell’abitazione, sita in Montesilvano (PE), rinvenivano circa 1.000 fra capi di abbigliamento e di pelletteria contraffatti nonché macchinari per confezionamento e numerose etichette di note griffes.

Lo sviluppo investigativo permetteva di accertare che il responsabile aveva posto in essere una fiorente attività di “commercio all’ingrosso” di merce contraffatta e di individuare ulteriori soggetti dediti al confezionamento ed alla rivendita di merce recante marchi contraffatti.

Pubblicità
Pubblicità

Ai primi di dicembre 2017, infatti, i Finanzieri attenzionavano una palazzina sita nei pressi della pineta di Montesilvano (PE), rilevando un continuo andirivieni di cittadini extracomunitari che recavano al seguito grossi bustoni o borsoni verosimilmente contenenti merce contraffatta.

Individuato l’appartamento ove gli stessi si recavano, si effettuava una perquisizione domiciliare, che permetteva di rinvenire alcuni cittadini senegalesi intenti ad apporre marchi contraffatti su capi di abbigliamento “anonimi” riproducenti modelli di note griffes e, pertanto, si procedeva al sequestro di macchine da cucire, punzonatrici, pressa di stampo a caldo utilizzata per la produzione di etichette nonché vari metri quadrati di pelle, decine di rocchetti di cotone di vari colori, un pc connesso ad un plotter per la creazione di etichette oltre a centinaia di etichette già stampigliate e numerosi capi di abbigliamento già pronti per la vendita per complessivi 10.000 articoli, con denuncia all’Autorità Giudiziaria di due cittadini senegalesi.

Il prosieguo dell’attività d’indagine, anche con il supporto delle intercettazioni telefoniche, faceva emergere una fitta rete di contatti con cittadini italiani ed extracomunitari, siti in varie zone d’Italia (Abruzzo, Marche, Puglia, Lombardia e Campania), che acquistavano dagli indagati pescaresi i capi contraffatti per la successiva rivendita a clienti finali.

I finanzieri riuscivano anche ad accertare le forniture di decine di migliaia di etichette di note griffes che sarebbero state successivamente apposte sui “capi anonimi” e, soprattutto, ad individuare, alcuni depositi/laboratori in cui venivano confezionati i capi contraffatti.

In particolare, in Castellalto (TE), un opificio “clandestino” dedito al confezionamento illecito di capi di abbigliamento, in cui veniva rinvenuto un cittadino senegalese intento ad apporre etichette su capi “anonimi” ed un’attività commerciale, gestita di fatto da due soggetti teramani, che li poneva in vendita in Bellante (TE), all’interno di un centro commerciale, ove venivano rinvenuti centinaia di capi contraffatti di noti brand (Woolrich, Colmar, Stone Island e Moncler).

Pubblicità
Pubblicità

L’attività si concludeva con il sequestro complessivo di oltre 3.500 fra capi di abbigliamento ed etichette contraffatti, nonché di macchine per cucire e materiale necessario al confezionamento e con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di tre soggetti (un senegalese e due teramani).

Ulteriore intervento veniva effettuato in Civitanova Marche (MC), ove la merce contraffatta veniva rinvenuta stoccata in due cabine di uno stabilimento balneare, in cui venivano rinvenute etichette, giubbini, pantaloni, foulard e borse riproducenti note griffes nazionali ed internazionali (Louis Vuitton, Burberry, Gucci, Woolrich, Save the Duck, Colmar, Ciesse Piumini, Napapijiri) nonché numerosi orologi contraffatti di prestigiose marche (Rolex, Audemars Piguet, Patek Philippe), per complessivi 85.000 capi contraffatti.

All’esito delle indagini, l’A.G. come detto, ha emesso l’ordinanza di arresto nei confronti dei due senegalesi che, dopo essere stati ricercati e rintracciati, sono stati tratti in arresto nelle prime ore della mattinata odierna a Montesilvano.

Complessivamente, sono stati effettuati 10 interventi operativi in Pescara, Montesilvano (PE), Castellalto (TE), Bellante (TE) e Civitanova Marche (MC), che hanno permesso di sequestrare oltre 100.000 articoli di merce contraffatta per un valore complessivo alla vendita di circa 2,5 milioni di euro, con l’arresto dei due senegalesi e con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 106 soggetti per i reati di contraffazione di marchi e ricettazione.

L’investigazione avviata, corroborata da perquisizioni e sequestri, sebbene resa complessa dall’assenza di documentazione commerciale e fiscale, ha permesso di risalire a tutti i livelli della distribuzione, fino ai “grossisti”, consentendo di ricostruire e smantellare la “filiera illecita”.

Il colpo inferto dalle Fiamme Gialle di Pescara è solo l’ultimo di una campagna di contrasto posta in essere nel settore della contraffazione dei marchi registrati e, più in generale, del commercio illegale che, specie nei mesi estivi, nella zona litoranea, è maggiormente fiorente

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza