Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

«Riduciamoci il debito pubblico, perché è di tutti noi»- di Paolo Farinati

Pubblicato

-

«Il deficit annuale dell’Italia deve calare anche più di quanto chiede l’Europa».

Sono le testuali ferme parole del Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi, attualmente tra gli italiani se non l’italiano più credibile e più stimato a livello internazionale.

In altre parole, i 2.350 Mld di debito pubblico non sono più sostenibili, vanno progressivamente ridotti. Per tutelare l’Italia di oggi, ma ancor più quella di domani.

Pubblicità
Pubblicità

Indebitarsi non è un’eresia, anzi.

La storia dell’umanità, specie quella del ‘900, ha ampiamente dimostrato che ricorrere alla leva finanziaria, in maniera ragionevole e condivisa, ha significato per molte Nazioni l’uscita dalla miseria, la creazione e il consolidamento di un benessere sempre più diffuso.

Ricordiamo, in tal senso, le teorie di J. M. Keynes. In sostanza, quindi, le risorse che ci derivano dal debito contratto non vanno sperperate, bensì ci devono mettere nelle condizioni di creare nuova ricchezza. Proprio qui sta il punto decisivo.

Pubblicità
Pubblicità

All’attuale livello dei tassi, il nostro debito pubblico, perché ricordiamoci sempre che è di tutti noi, ci costa annualmente 90/100 MLD solo di interessi. Interessi che non creano ricchezza e nemmeno nuovo benessere, ma anzi faranno aumentare anno dopo anno l’ammontare del debito stesso.

Il disavanzo annuale del bilancio statale dell’Italia è infatti previsto nel 2019 al 2,9% del Prodotto Interno Lordo e addirittura tale rapporto volerà al 3,5% nel 2020.

Pertanto, non vi è altra soluzione. Il debito pubblico va significativamente ridotto, come ci raccomanda fermamente il Presidente della BCE Mario Draghi, almeno di qualche centinaio di MLD di Euro. Come? Chiedendo equamente a chi più può, di fare una tantum la propria parte. Questo a partire da un livello di reddito annuo e di patrimonio personale che potrebbe essere posto ad esempio a 50 mila Euro.

Salvaguardando, quindi, da questa improrogabile operazione straordinaria le fasce della popolazione con reddito più basso. A chi ha dai 50 mila Euro in su dovrebbe essere richiesto un contributo una tantum pari al 5 % o al 10%.

L’importo ottenuto, stimabile in 600/800 Mld di Euro, dovrebbe essere affidato ad un Commissario super partes, nominato ad hoc dalla Commissione Europea o dalla Banca d’Italia, e dovrebbe essere finalizzato alla sola riduzione dell’ammontare complessivo del nostro debito pubblico. Debito che potrebbe così scendere a poco più di 1.500 Mld di Euro.

Entità certamente sopportabile dal sistema Italia, essendo stimata la “ricchezza privata” del Paese poco meno di 12 mila Mld di Euro, ovvero circa cinque volte il debito pubblico.

L’operazione libererebbe molte risorse per quegli investimenti di cui il nostro  Paese necessita con urgenza da molti anni.

A cui si potrebbe aggiungere unsignificativo ribasso del carico fiscale per le famiglie e le imprese.

Contestualmente la spesa corrente dello Stato italiano dovrà responsabilmente ridursi, con l’eliminazione di sprechi, di privilegi e di enti ormai inutili, con privatizzazioni e liberalizzazioni coerenti ad un virtuoso concetto di Big Society, con un progressivo innalzamento dell’età pensionabile in linea con l’aumentata speranza di vita di ognuno di noi.

Opportune agevolazioni fiscali nei confronti di chi meno ha e delle nostre imprese, potrebbero rimettere in moto la domanda interna di beni e servizi, con un comprensibile grande beneficio in termini di Prodotto Interno Lordo, ovvero di nuova ricchezza nazionale prodotta e distribuita.

Sono fermamente convinto che i suddetti provvedimenti potrebbero contribuire a portare l’Italia nuovamente e virtuosamente su un binario di crescita, riacquistando una rinnovata importante credibilità e affidabilità internazionale.

In sintesi finale, ridurre il debito pubblico italiano, del quale chi più e chi meno abbiamo beneficiato tutti ( sanità, scuole, pensioni, trasporti, strade ecc. ), è un atto di responsabilità propria di un onesto e capace padre di famiglia.

Mi rendo conto che tutto questo elettoralmente paga molto poco. Ma come ci ha lasciato scritto con saggezza Alcide Degasperi: « …il vero politico non guarda alle prossime elezioni, bensì alle prossime generazioni…».

E’ sul tavolo, infatti, un doveroso e necessario patto anche e soprattutto con le nostre giovani generazioni e quelle future, alle quali devono essere date e garantite le stesse opportunità che hanno avute le nostre generazioni a partire dal secondo dopoguerra.

In più, sono altrettanto certo, otterremo l’ulteriore pregevole risultato di veder crescere la nostra autostima come Paese e il nostro senso civico di appartenenza ad un popolo tra i più ammirati al mondo per la sua creatività, per la sua capacità innovativa e per il suo innato senso di solidarietà verso gli altri.

Paolo Farinati

Pubblicità
Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative
    Con una dotazione totale di 9,5 milioni di euro, a partire dal 24 giugno potranno essere presentate le domande di agevolazione per Startup innovative dal Programma Smart Money. Smart Money, Cos’è Smart Money è una... The post Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative appeared first on Benessere Economico.
  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza