Connect with us
Pubblicità

Trento

Controlli Finanza sulla vendemmia: in Trentino Alto Adige il 21% dei braccianti è irregolare

Pubblicato

-


La Guardia di Finanza del Trentino-Alto Adige, nel periodo 1° settembre – 31 ottobre 2018, ha eseguito, nelle province di Trento e Bolzano, 100 controlli nei confronti di aziende agricole impegnate nell’annuale raccolta delle mele e nella vendemmia.

L’attività complessivamente svolta, che rientra in un piano d’interventi predisposto dal Comando Regionale, ha consentito di scoprire, presso 39 delle 100 aziende ispezionate, 131 lavoratori irregolarmente impiegati, dei quali 107 completamente “in nero” e 24 iscritti a libro paga ma percettori di salari “fuori busta”.

I responsabili delle imprese “irregolari” sono stati segnalati ai competenti Uffici del Lavoro, per quanto attiene alle violazioni relative all’illecito impiego della manodopera e all’Agenzia delle Entrate per i profili di carattere strettamente tributario.

Pubblicità
Pubblicità

Il 60% dei lavoratori irregolari individuati proviene dall’Unione Europea, con particolari picchi fra gli italiani (36%) e gli slovacchi (11%).

I lavoratori provenienti, invece, da zone extra U.E., Africa e Asia rappresentano il rimanente 40%, con una prevalenza di macedoni (14%).

Pubblicità
Pubblicità

Tra questi ultimi, è stato scoperto anche un bracciante “in nero” (proveniente appunto da una provincia della Repubblica di Macedonia), privo di permesso di soggiorno e, quindi, clandestinamente presente sul territorio nazionale. Il datore di lavoro è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Bolzano per violazione della legge “Bossi-Fini”, secondo cui l’impiego di lavoratori stranieri sprovvisti di permesso di soggiorno costituisce reato ed è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa di 5.000 euro per ogni lavoratore impiegato.

Le aziende agricole visitate dalla Guardia di Finanza hanno presentato anomalie nel 39% dei casi mentre, a fronte di 630 lavoratori controllati, è stata riscontrata una percentuale d’irregolarità pari a circa il 21% della forza lavoro (un lavoratore non in regola ogni cinque impiegati).

Con riferimento al personale impiegato “in nero”, la disciplina di settore prevede l’applicazione della cosiddetta “Maxisanzione”, che, nei casi individuati, oscilla da un minimo di 1.500 a un massimo di 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolare.

L’attività ispettiva, condotta in stretto coordinamento con i due Servizi Ispettivi del Lavoro delle Province Autonome di Trento e Bolzano e, in una decina di casi, congiuntamente con funzionari dell’INPS, ha permesso di riscontrare un costo orario a carico dell’imprenditore variabile dai 7 ai 10 euro, nei casi di rapporti diretti tra impresa e lavoratore, e dagli 8 ai 12 euro nei casi di intervento di agenzie di intermediazione.

Proprio con riferimento a queste ultime figure, gli accertamenti condotti hanno consentito di scovare 5 intermediari abusivi (1 persona fisica e 4 società, 2 italiane e 2 rumene), vale a dire soggetti che si occupano professionalmente di reperire manodopera per le imprese che ne hanno necessità ma che non sono iscritti all’Albo tenuto presso il Ministero del Lavoro.

In particolare, la persona fisica scoperta, di nazionalità macedone e con precedenti specifici di abusiva intermediazione, ha “fornito” 4 braccianti a un’azienda agricola, che li ha impiegati “in nero”. L’intermediario si faceva corrispondere 12 euro per ogni ora di lavoro prestata da ciascun dipendente, una parte dei quali venivano trattenuti a titolo di “provvigione”. Per una delle due società abusive rumene, invece, è stata acquisita la copia di un contratto d’intermediazione di manodopera, concluso con un agricoltore della bassa atesina, che indicava la tariffa da “riconoscere” per ogni lavoratore “intermediato”, pari a 0,30 € l’ora.

Per tutti questi soggetti è scattata la denuncia per intermediazione illecita di manodopera, reato punito con l’arresto fino a sei mesi e l’ammenda da 1.500 a 7.500 euro.

Durante le attività svolte nelle campagne dai Finanzieri, non sono mancati i casi di lavoratori che hanno tentato di sottrarsi ai controlli, dandosi alla fuga tra i vigneti o dileguandosi nei boschi adiacenti e fingendosi cercatori di funghi.

L’azione di contrasto svolta dalla Guardia di Finanza a tutela della legalità fiscale e contributiva assume un particolare rilievo non soltanto per via delle ingenti risorse che il “sommerso” sottrae al benessere della collettività ma anche per il fatto che questo genere di condotte illegali altera le regole del mercato e danneggia i cittadini e gli imprenditori onesti.

Con riguardo al comparto del lavoro, l’attività del Corpo è anche finalizzata a contrastare le più gravi forme di prevaricazione e sfruttamento in danno dei dipendenti, specie se costoro si trovano in condizioni di particolare debolezza o bisogno ovvero vengono impiegati in violazione delle regole in materia di sicurezza. A questo proposito, va ricordato come la mancata assunzione di un lavoratore, sebbene assicuri al dipendente “in nero” un immediato vantaggio economico, in realtà priva lo stesso di alcune forme di assistenza (ad es. in caso d’infortunio) ovvero del sostegno economico nell’ipotesi di licenziamento (la c.d. indennità di disoccupazione).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza