Connect with us
Pubblicità

Trento

Parco S. Chiara: bivacchi ed illegalità generalizzata. Parte un esposto alla procura contro il Sindaco

Pubblicato

-

Pubblichiamo la lettera denuncia dell’avvocato M.Stefano Sforzellini arrivata in redazione.

L’avvocato, che minaccia di inviare un esposto contro il Sindaco Alessandro Andreatta, riporta lo stato d’animo, i disagi, e i malesseri di molti cittadini Trentini che negli ultimi anni stanno assistendo al completo degrado della nostra città.

La situazione è ormai ben nota a tutti, amministrazione compresa naturalmente, ed è stata denunciata più volte dal nostro giornale anche attraverso testimonianze dirette e fotografie.

PubblicitàPubblicità

Una in particolare che aveva riguardato una mamma e i suoi figli aveva fatto discutere i indignare molti lettori (qui l’articolo)

Ora la nuova denuncia.

LA LETTERA – Ieri mattina, verso le 8.00 ho avuto la malaugurata idea di accorciare il mio tragitto a piedi verso il centro attraversando il Parco S. Chiara dall’ ingresso di via Piave.

PubblicitàPubblicità

Dopo una decina di metri mi sono imbattuto in un dormitorio a cielo aperto di immigrati clandestini, i quali avevano eretto una sorta di gigantesca tenda con teloni tesi tra il muretto che delimita il parco, verso l’ area Tosolini.

Ovviamente vi erano rifiuti dappertutto , resti di cibo e parecchie bottiglie di superalcolici e lattine di birra sparse attorno al bivacco.

Ho segnalato la situazione chiedendo un intervento a tutela del decoro e della legalità al primo vigile urbano che ho incontrato, il quale ha sfoderato il suo miglior sorriso e mi ha risposto che la situazione era nota da tempo ma che vi erano direttive “dall’ alto” di lasciare le cose come stavano.

Allibito, mi sono qualificato professionalmente ed ho risposto che, se tali ordini erano stati impartiti, essi erano illegittimi, anzi veri e propri reati, ma il vigile ha allargato le braccia facendomi esplicitamente presente che era padre di famiglia.

Due considerazioni:

Esiste un regolamento di polizia urbana, noto a tutti, che vieta il campeggio e comunque impedisce ogni utilizzo scorretto del parco pubblico cittadino, quale lordare e lasciare in giro rifiuti.

Questo vale per tutti, clandestini compresi. O forse sono più uguali di altri?

Nessun pubblico ufficiale può rifiutarsi di adempiere al suo dovere, anche se eventualmente mosso a pietà, di far rispettare leggi e regolamenti.

Chi ci dice che in mezzo all’immondizia non ci sia, more solito, droga o altro, ovvero che tra quei soggetti colpevolmente lasciati entrare in nome di un buonismo d’ accatto e lasciati in balia di se’ stessi o di chi li sfrutta anche a livello politico, non si nasconda qualche delinquente? Nessuno può saperlo, se ci si rifiuta di fare i controlli e far rispettare leggi e regolamenti.

Credo proprio che domattina ripasserò in zona e se la situazione sarà nuovamente quella riscontrata, provvederò io a fotografare lo sconcio e a spiccare un esposto denuncia alla Procura della Repubblica. Contro tutti, “alto” compreso.

Con la speranza che l’ ordine dall’alto …..

Avv. M.stefano Sforzellini

Foto di repertorio parco santa Chiara

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Domenica a Mattarello la celebrazione del 32° anniversario della morte della «Piccola Mamma»

Pubblicato

-

Domenica 18 novembre la chiesa parrocchiale di Mattarello era stracolma di fedeli accorsi anche da fuori provincia per onorare il 32° anniversario del pio transito della «Piccola Mamma», al secolo Enrichetta Bianchi Carollo.

Nata a Ravazzone di Mori il 20 ottobre 1898, Enrichetta Bianchi Carollo si è spenta a Mattarello di Trento il 13 novembre 1986.

Nell’arco di 88 anni ha conosciuto molte esperienze significative.

PubblicitàPubblicità

Orfana di madre all’età di tre anni, accolta con affettuoso amore da famiglia amica fino al settimo anno di età, consegnata poi alle cure amorevoli delle suore di un orfanotrofio.

Il 10 giugno 1914, 18 giorni prima dell’attentato omicida di Saraievo, che provocherà, il 28 luglio successivo, lo scatenarsi della prima guerra mondiale, una giovane poco più che quindicenne si avvia, a piedi, da Mori a Montagnaga di Pinè, spinta da un irresistibile impulso interiore.

Il colloquio interrotto a tre anni con la madre terrena si sviluppa, intimo, lassù tra i monti, con la Madre del Cielo.

PubblicitàPubblicità

Il pellegrinaggio al santuario di Pinè rappresenta un punto nodale nella vicenda terrena della giovane.

Al ritorno a casa di Enrichetta seguiranno, 48 giorni dopo, i richiami alle armi, l’internamento dei trentini nei campi per profughi dell’Impero, le angosce, i lutti, la fame, che l’immane conflitto mondiale a poco a poco riverserà tragicamente sulla popolazione inerme.

Il 25 marzo 1927 inizia infatti la manifestazione della malattia che costituirà il suo progressivo calvario; ed inizia, tale evento, precisamente nella solennità dell’Annunciazione, quasi come presagio di fecondità spirituale legato all’evento mariano più significativo.

Ma ci saranno ancora altre tappe importanti nel cammino spirituale di Enrichetta e  il susseguirsi di fatti mistici che dal 1948 andranno via via segnando sempre più il suo rapporto personale con Dio; fatti mistici da lei ripetutamente respinti con il pregare il Signore di cercarsi altre anime più degne. Ma le scelte divine non sempre combaciano con i desideri umani: così avvenne anche per Enrichetta Bianchi Carollo

A lei Claudio Forti ha voluto dedicare una lettera che riassume quanto successo domenica, giornata celebrativa per la «piccola mamma».

La riportiamo in forma integrale sotto.

LA LETTERA –  Già alle 14 – mezz’ora prima della celebrazione -, molti fedeli erano presenti assorti in un profondo silenzio orante.

Alle 14.30, Gianni Villotti, figlio spirituale della Piccola Mamma, ha rivolto un cordiale saluto ai convenuti, commentando con grande passione, come negli anni precedenti, i misteri del Rosario e portando testimonianze e ricordi inediti della vita di Enrichetta.

La solenne liturgia Eucaristica era concelebrata da 4 sacerdoti e un diacono e presieduta dal parroco don Duccio Zeni.

L’omelia, ricchissima di contenuti e di stimoli tratti dalla vita di Enrichetta, è stata tenuta da Padre Luigi Fattor.

È stata la sua una lunga e potente catechesi che ha portato i fedeli a contemplare il misterioso agire lungo i secoli dello Spirito Santo, che forma i profeti, i mistici, i dottori e i santi.

Tutto ciò sullo sfondo della maestosa scena della fine dei tempi e della seconda venuta del Cristo, di cui solo il Padre conosce il momento.

Alla fine della celebrazione, Suor Barbara ha letto con emozione le testimonianze di alcune persone beneficate con autentiche grazie e miracoli ottenuti dalla Piccola Mamma.

Anche una signora è salita spontaneamente al pulpito per portare la sua commossa esperienza.

Ma si è saputo che molte persone che prima della celebrazione hanno visitato la stanza in cui morì Enrichetta, o hanno sostato in preghiera nella bellissima cappella della Piccola Opera del Divino Amore, sono state sopraffatte dal pianto e dall’emozione.

Dopo la benedizione – mentre Suor Barbara si accingeva a ringraziare tutti i partecipanti, compreso il Vescovo Lauro Tisi, che per un contrattempo non previsto non aveva potuto partecipare, come precedentemente previsto, a questo solenne rito -, il bravissimo coro di Palù di Giovo aveva già iniziato il canto del Magnificat.

Sicuramente molti si saranno emozionati udendo l’arcana armonia e il contenuto profetico del cantico di Maria, tanto amato dalla Piccola Mamma.

Insomma, in queste oltre due ore di preghiera, in cui i presenti hanno potuto sperimentare quasi un anticipo delle solenni liturgie del cielo, ognuno ha potuto avvertire la presenza dei propri cari defunti, ma vivi in Dio, che, accanto alla Piccola Mamma e ai santi, pregano per noi, perché possiamo essere pronti con le cinture ai fianchi e le lanterne accese, ad accogliere con gioia lo Sposo quando verrà a portarci nella Santa Gerusalemme, dove non ci sarà più né pianto, né lutto, né affanno, ma solo una tal gioia che qui nemmeno possiamo immaginare!

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trento: il primo turismo alpino femminile tra donne “montanare” e “cittadine”

Pubblicato

-

Verrà inaugurata giovedì 22 novembre alle 17 presso la Sala Thun di Torre Mirana una mostra che, grazie ad opere e oggetti della Collezione Cavallini e del Museo Casa Andriollo, racconta il primo turismo alpino femminile tra moda e folclore. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Errore grammaticale: Mirko Bisesti non «puote» perché…..

Pubblicato

-

La faccenda è davvero grave!

Un neo assessore della Provincia di Trento, il trentenne Mirko Bisesti, ha scritto “conoscienza” invece che “conoscenza” sul suo profilo facebook.

Un simile errore, sembra di capire da autorevoli commentatori, non si può tollerare!

PubblicitàPubblicità

Sì, è vero che Bisesti ha compiuto l’imperdonabile scivolone non in un testo scritto e meditato, ma in un post volante in rete; è vero che spesso, su facebook, si scrive senza tanto pensare, e che talora ci pensa il correttore automatico ad inserire strafalcioni di ogni genere; è vero che, secondo un’indagine di Scott R. Maier (2005) della University of Oregon, il 61% degli articoli di cronaca e di approfondimento prodotti in una redazione di giornale contiene almeno un errore … ma ciononostante hanno pienamente ragione le vestali della grammatica e dell’ortodossia (grafica e politica) a stracciarsi le vesti!

Bisesti non può davvero permettersi!

Non può farlo, soprattutto, perchè questo è il paese in cui c’è chi “puote” e c’è chi non “puote”; il paese in cui si diventa colti se si appartiene al partito giusto, ed automaticamente ignoranti in caso contrario; il paese in cui Piero Angela, senza laurea, conduce le trasmissioni scientifiche in Rai e suo figlio Alberto (chissà perchè padre e figlio entrambi in rai!), parla di storia con la laurea in scienze naturali che manca al padre…

PubblicitàPubblicità

Bisesti non puote, perchè non è mica il re dei giornalisti, quell’Eugenio Scalfari a cui è concesso fare citazioni in latino ad orecchiam, in cui sono errate sia la citazione sia la traduzione; o che può raccontare in prima pagina che il filosofo Spinoza fu “scomunicato” dalla Chiesa cattolica senza che nessuno abbia il coraggio di spiegargli che la Chiesa non può scomunicare un ebreo, e cioè un non credente (e che sarebbe bene non si occupasse di filosofia, chi non la conosce affatto).

Bisesti non puote perchè non è mica il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca del Pd, quella coltissima Valeria Fedeli che incominciò truccando il suo curriculum, per nascondere il fatto che non possedeva una laurea, e che continuò inanellando uno dopo l’altro errori marchiani, come quando disse “sempre più migliori”, o quando, scrivendo al Corriere della Sera e non su facebook, sbagliò la consecutio temporum utilizzando un congiuntivo presente al posto del congiuntivo imperfetto.

Bisesti non puote, per concludere, perchè non è mica Sara Ferrari, l’assessore impettito con la matitina rossa in mano che appartiene di diritto ai colti e ai progrediti perchè per anni ha sponsorizzato gender e utero in affitto!

Però, stabilito che la sua strada sarà in salita, io, come insegnante, aspetto di giudicare l’assessore Bisesti da qualcosa di più serio di un post su facebook.

Così, credo, molti altri colleghi, che al di là dell’appartenenza politica di Tizio e Caio, aspettano i fatti.

Soprattutto dopo che hanno vissuto anni non propriamente eccellenti quanto a conduzione della cultura e della scuola

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it