Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

«Trump. Vita di un presidente contro tutti»: il libro del nuovo nuovo direttore del TG2 Gennaro Sangiuliano

Pubblicato

-

Dopo la nomina di Marcello Foa a presidente della Rai, un’altra nomina eccellente nella tv di Stato: Gennaro Sangiuliano è il nuovo direttore del TG2.

Sangiuliano non è davvero un giornalista “qualsiasi”, e neppure uno dei tanti che fanno carriera più per il loro servilismo e per l’abilità trasformista che per le loro effettive qualità professionali.

Il neo direttore, infatti, vanta davvero un curriculum impressionante: studi classici, laurea in giurisprudenza, dottorato di ricerca in diritto ed economia, collaborazioni con varie università romane, pubbliche e private (Lumsa, La Sapienza e Luiss), tanta esperienza come giornalista e numerosi riconoscimenti di ogni genere (dal Premio “Capalbio” per la saggistica storica a svariati premi per il giornalismo culturale).

Pubblicità
Pubblicità

Quello che si può dire con certezza è che il nuovo direttore del Tg2 possiede notevoli capacità di narratore, di storico e di analista.

Suoi sono alcuni dei saggi più equilibrati ed accurati su personaggi politici di grande attualità, come Hillary Clinton, Vladimir Putin e Donald Trump.

A pochi giorni dalle elezioni di mid term negli Usa, vorrei soffermarmi proprio sulla biografia dedicata da Sangiuliano al presidente americano, intitolata Trump. Vita di un presidente contro tutti (Mondadori, 2017).

Pubblicità
Pubblicità

L’aspetto più interessante, non certo scontato per il giornalismo militante di questi tempi, è che non si tratta del libro di un tifoso, o di quello di un detrattore, bensì dell’indagine di un serio ricercatore che vuole capire davvero chi sia, cosa pensi e perchè abbia vinto l’attuale inquilino della Casa Bianca, evitando letture semplicistiche, demonizzanti o agiografiche.

Sangiuliano parte da lontano, dal nonno di Trump, Friedrich Trumpf (questo il cognome originario), un immigrato tedesco di sedici anni giunto a New York la mattina del 19 ottobre 1885. Questo esordio storico permette al giornalista di ripercorrere una bella fetta di storia americana del XX secolo.

Mi limiterò a riprendere qualche aneddoto interessante, non solo per capire la storia di ieri, ma anche quella di oggi.

Nel secondo capitolo Sangiuliano ricorda che a New York, negli anni Venti, esisteva un circolo, il Tammany Hall, nato come società di mutuo soccorso, per divenire poi una macchina capace di gestire denaro e affari.

In mano ai democratici, il Tammany, nell’Ottocento, “aveva aiutato l’integrazione degli immigrati irlandesi gestendo le pratiche per il conseguimento della cittadinanza e ottenendo, in cambio, fedeltà elettorale. Una diffusa rete dislocata in tutti i quartieri, le cui fila erano tirate dal gruppo di Tamanny, garantiva alle famiglie degli immigrati irlandesi case popolari, tessera sanitaria, accesso alle scuole, in alcune circostanze si arrivava a distribuire ceste di cibo e vestiario per i bambini. In questo modo si potevano gestire pacchetti di voti in grado di determinare i sindaci di New York, i consiglieri comunali e le altre cariche pubbliche. Dopo, la macchina sarebbe passata a gestire l’enorme flusso di immigrati provenienti dall’Italia, agli inizi del Novecento il primo gruppo etnico di New York”.

Questa gestione dell’immigrazione irlandese ed italiana, per scopi di potere, dietro apparenti fini benefici, da parte di ambienti democratici, non ricorda un po’, mutatis mutandis, quello che avviene oggi con organizzazioni come “Mafia capitale”, o con quelle Ong che, in nome dell’accoglienza, portano a casa ricchi guadagni?

Ma torniamo al libro di Sangiuliano. Qualche riga più sotto egli ricorda che “lo strapotere di Tammany fu per un certo tempo sconfitto da Fiorello La Guardia, il sindaco repubblicano, italiano di seconda generazione, che fece della lotta alla corruzione il suo tratto distintivo”.

Chi era Fiorello La Guardia? Anzitutto un discendente di immigrati, un italiano che non poteva tollerare che altri italiani come lui, i mafiosi, gestissero il mercato della prostituzione e degli alcolici proibiti (cioè quello che fanno oggi in Italia i membri della cosiddetta “mafia nigeriana”, detentori di un fiorente giro di affari legato proprio alla prostituzione e al traffico di droga).

Per questo La Guardia ingaggiò “una dura lotta contro le famiglie di Cosa Nostra, facendo arrestare platealmente Charles Lucky Luciano, alias Salvatore Lucania, il mafioso che dalla sua suite di lusso dell’Hotel Waldorf-Astoria coordinava” i loschi affari della sua banda.

Italiano, nemico dei mafiosi italiani, La Guardia era anche un membro del Partito Repubblicano, lo stesso che ha accolto tra le sue fila, per il vero senza grande entusiasmo, Donald Trump.

Al tempo di La Guardia, rammenta Sangiuliano, ricordadoci una pagina di storia volentieri dimenticata, i repubblicani erano gli eredi di Abramo Lincoln, il presidente che si era battuto contro schiavismo e razzismo, mentre il partito Democratico, se da una parte gestiva pro domo sua il traffico di immigrati di New York, dall’altra, soprattutto nel sud del paese, manteneva legami con il suo passato favorevole alla segregazione razziale, vantando rapporti di contiguità nientemeno che con il Ku-Klux-Klan!

A La Guardia, sindaco di New York sino al 1945, subentrò il democratico BillO’Dwyer, e la mafia ricominciò “a far girare i propri affari sotto la guida di Frank Costello, già luogotenente di Lucky Luciano, lasciato da questi alla guida delle famiglie di New York e definito dai giornali ‘il primo ministro della mafia’”, finchè una commissione di inchiesta del Senato americano, nel 1950, verificò i legami tra Tammany, Partito Democrato e Cosa Nostra. Mafia capitale, insomma ma negli Usa, settant’anni fa.

E Donald Trump? Il libro va letto integralmente, ma possiamo ricordare almeno, per concludere, che le due famiglie regnanti della strana democrazia americana degli ultimi 30 anni, i Bush (repubblicani) e i Clinton (democratici), prima di indicarlo al mondo, con una inedita sintonia, all’epoca delle elezioni del 2016, come il demonio, ebbero rapporti convenienti e cordiali con lui, per molto tempo. Trump, infatti, appoggiò George H. Bush nel 1988, mentre nel 1992 si schierò con Bill Clinton, iniziando poi, con la coppia presidenziale, “un idillio che durerà anni”: “Trump sarà invitato a tutti i ricevimenti di un certo rilievo alla Casa Bianca e i Clinton parteciperano al terzo matrimonio, ospiti d’onore a Palm Beach”.

A quell’epoca i soldi del “razzista” Trump risuonavano graditi, nelle casse della fondazione dei Clinton, mentre Bill finanziava barriere di mattoni e “barriere umane” di agenti, per bloccare immigrazione illegale e traffico di droga dal Messico.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza