Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Dimaro, riunione fra comune e Provincia: ridotta la zona rossa

Pubblicato

-

A Dimaro la zona compresa tra via Gole e via Tonale (la statale 42), compresa la parte immediatamente a nord della statale, è ora accessibile alla popolazione.

Il sindaco Andrea Lazzaroni ha firmato il provvedimento con cui è stata rideterminata la “zona rossa”.

E’ questa la decisione principale adottata oggi nel corso della riunione che si è tenuta in tarda mattinata presso la Provincia autonoma di Trento, alla presenza del presidente Maurizio Fugatti, del direttore generale Paolo Nicoletti, dei dirigenti provinciali dei settori coinvolti nell’emergenza per il maltempo, del primo cittadino di Dimaro Folgarida e del consigliere provinciale, fino a pochi giorni fa amministratore del Comune, Ivano Job, che, dalle prime ore, sta seguendo per l’amministrazione locale gli interventi di emergenza sul territorio.

PubblicitàPubblicità

“Dopo esserci incontrati a Dimaro – ha sottolineato il presidente Fugatti – ci eravamo presi l’impegno di rivederci al più presto per fare il punto delle azioni da proseguire e attuare, di concerto con l’amministrazione comunale”.

Pubblicità
Pubblicità

Tra le priorità si è deciso anche l’alleggerimento dei fronti franosi e delle erosioni sulle sponde del rio Rotian, osservato speciale, nella parte alta del bacino.

Dopo una  fotografia della situazione attuale e un primo confronto sull’assetto complessivo da dare alla zona coinvolta, si è deciso di continuare a muoversi in tre direzioni: procedere per parti progressive alla liberazione dell’abitato dai detriti che lo hanno investito e quindi alla riduzione della “zona rossa”, in relazione all’andamento dei lavori e alle eventuali ulteriori precipitazioni (una eventuale ulteriore riduzione della “zona rossa” sarà decisa in un incontro che si terrà fra 7-10 giorni); mettere in sicurezza il rio Rotian, anche verificando o ripristinando la funzionalità delle briglie poste lungo il suo corso; accentuare il monitoraggio, attraverso un apposito piano che preveda le procedure da attivare in caso di allerta, anche attraverso messaggi da inviare sia alle strutture provinciali che a quelle del Comune.

Pubblicità
Pubblicità

I geologi provinciali continueranno inoltre a collaborare con il personale impegnato in zona, in particolare assieme a quello del Servizio Bacini Montani della Provincia.

Durante l’incontro si è parlato anche delle risorse, ancora da definire nei dettagli, da riconoscere al Comune per le spese sostenute per dare ospitalità alle persone che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni.

Si è fatto il punto anche su alcune scadenze amministrative che riguardano il Comune di Dimaro Folgarida al quale l’amministrazione provinciale ha confermato il suo supporto.

Il direttore generale Nicoletti ha ricordato che, come annunciato, si sta anche lavorando per la sospensione della riscossione del saldo dell’Imis nei Comuni maggiormente colpiti dal maltempo.

Oltre a quelli indicati, si è confermato poi l’obiettivo di salvaguardare l’ormai prossima stagione turistica, garantendo anche l’agibilità della rete viaria della zona colpita.

Provincia e Comune hanno confermato l’intenzione di procedere confrontandosi costantemente sullo stato di attuazione degli interventi e sulle soluzioni che dovranno essere individuate per rispondere alle necessità che dovessero ulteriormente emergere.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

A Taio una serata sulla prevenzione dei furti e la tutela del cittadino con i carabinieri di Cles

Pubblicato

-

Considerati gli ultimi spiacevoli episodi, che hanno visto parecchi furti nelle case e negli appartamenti della zona, il Comune di Predaia, in collaborazione con il comando carabinieri di Cles, ha organizzato un incontro sul tema “Prevenzione dei furti e tutela del cittadino”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Il deposito ex Bentivoglio di Cles come la palude Amazzonica. La Uil trasporti torna all’attacco

Pubblicato

-

A distanza di quasi un anno torna alla carica la Uil Trasporti.

Il contendere è ancora una volta il piazzale del deposito «Bentivoglio» che la Trentino Trasporti ha in affitto a Cles  e per il quale sborsa 65.000 euro all’anno. 

«Troviamo inconcepibile che nonostante tutti questi soldi un’azienda come Trentino Trasporti non riesca ad imporre all’ex ciclista professionista padrone dell’immobile a far asfaltare un deposito» afferma Nicola Petrolli segretario della Uil Trasporti

Pubblicità
Pubblicità

In realtà la storia va avanti da oltre venti anni.

«Si parla di costruire depositi nuovi,  – aggiunge Petrolli – ma andiamo in pensione tutti, prima di vedere realizzata una struttura degna di questo nome per la Val di Non».

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il segretario della Uil pare che gli autisti siano pronti alla protesta ed a non effettuare le corse la mattina quando ci sono avverse condizioni metereologiche in quanto devono parcheggiare le proprie vetture in mezzo al fango, bagnandosi e sporcandosi le scarpe prima di accedere al capannone dove sono ubicate le corriere.

«Siamo nel 2019 abbiamo fatto molte segnalazioni e la trattativa azienda e ciclista è estenuante. Prima era disponibile a defalcare la quota dall’affitto per abbattere i costi dell’asfaltatura che sarebbe stata effettuata dall’azienda ad un costo contenuto; Ciò nonostante pur avendo avuto questa importante possibilità non ha dato ordine di effettuare l’asfaltatura. Se il braccio corto di chi non vuol fare il lavoro prende ancora tempo, addebiteremo i disservizi al titolare della struttura. Se pensano che il sindacato molli la presa su un problema così annoso si sbagliano di grosso. La sicurezza è la linfa e la base quotidiana delle nostre battaglie sindacali»Conclude Petrolli

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Raccolta straordinaria di pneumatici usati nei Crm della Val di Non

Pubblicato

-

In tutti i Centri Raccolta Materiali della Val di Non, a partire da martedì prossimo, 29 ottobre, e fino a sabato 30 novembre, nei giorni e negli orari di apertura sarà possibile conferire da parte delle utenze domestiche gli pneumatici usati. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza