Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Al via la campagna di vaccinazione antinfluenzale

Pubblicato

-

Paolo Bordon vaccinazione antinfluenzale [Ufficio comunicazione Apss]

Parte il 5 novembre la campagna di vaccinazione antinfluenzale. Come tutti gli anni l’Apss e la Provincia autonoma di Trento sono in prima linea per promuovere la vaccinazione e ribadirne l’importanza per evitare la malattia e le sue complicanze.

#iomivaccino sarà lo slogan della campagna che invita alla vaccinazione i cittadini che hanno compiuto i 65 anni e le persone per le quali l’influenza potrebbe costituire un problema di salute. Le antinfluenzali potranno essere effettuate negli ambulatori dei servizi vaccinali dell’Apss o dal proprio medico di famiglia.

La vaccinazione antinfluenzale è raccomandata e offerta gratuitamente alle persone a partire dai a 65 anni, alle donne nel secondo o terzo trimestre di gravidanza, a bambini e adulti affetti da patologie croniche, a bambini nati pretermine o di basso peso alla nascita e a quelli in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico. Queste categorie di persone hanno, infatti, un rischio più elevato di andare incontro a forme gravi o a complicanze dell’influenza.

L’Influenza è una malattia infettiva seria che, in alcune categorie di persone, può avere conseguenze gravi per la salute. La maggior parte di coloro che sono colpiti guarisce spontaneamente ma, in una quota significativa di casi, l’influenza si contrae in forma grave o dà complicanze che comportano il ricovero in ospedale e talvolta di morte. Sulla base dei dati forniti dal sistema di sorveglianza si stima che ogni anno circa 50 mila persone in Trentino si ammalino di influenza; negli anni di picco tale numero di persone arriva a 70-80 mila.

Il vaccino è raccomandato al personale sanitario e a coloro che svolgono funzioni di assistenza per evitare la malattia e ridurre le occasioni di contagio da virus influenzale, dando maggior protezione anche ai pazienti e ai donatori di sangue per garantire la continuità della disponibilità di sangue ed evitare il rinvio di interventi non urgenti negli ospedali a causa della difficoltà di approvvigionamento.

La vaccinazione, inoltre, è proposta e somministrata gratuitamente alle Forze di pubblica sicurezza, Vigili del fuoco, personale della Protezione civile e al personale che per motivi di lavoro ha contatto con animali come veterinari, allevatori e addetti al trasporto di animali.

I bambini di età compresa tra 6 mesi e 14 anni con condizioni di salute particolari riceveranno un invito alla vaccinazione dai servizi dell’Apss.

Le persone sessantacinquenni (nate nel 1953) saranno invitate per effettuare, oltre all’antinfluenzale, la vaccinazione antipneumococco per la protezione contro le polmoniti, meningiti e altre malattie gravi causate dal germe pneumococco.

Per sensibilizzare la popolazione il Servizio comunicazione dell’Apss e l’Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento hanno organizzato una campagna di comunicazione i cui contenuti sono scaricabili all’indirizzo: www.apss.tn.it > Notizie

Di seguito gli indirizzi dei servizi vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari da contattare per eventuali informazioni:

Arco largo Arciduca Alberto d’Asburgo, 1 – tel. 0464 582588
Borgo Valsugana viale Vicenza, 9 – tel. 0461 755611
Cavalese via Dossi, 17 – tel. 0462 242183
Cembra Via Marconi, 7 – tel. 0461 683711
Cles viale Degasperi, 31 – tel. 0463 660308
Malé via IV Novembre, 8 – tel. 0463 909430
Mezzolombardo Poliambulatori via degli Alpini, 7 – tel. 0461 611293
Pergine Valsugana via San Pietro, 2- tel. 0461 515200
Pozza di Fassa strada di Prè de Gejia, 4 – tel. 0462 242183
Primiero San Martino di Castrozza via Roma, 1 – loc. Tonadico tel. 0439 764428
Rovereto piazza Leoni 11/A – tel. 0464 403704
Tione di Trento via Presanella, 16 – tel. 0465 331428
Trento Centro per i servizi sanitari palazzina D viale Verona – tel. 0461 902247

 

Pubblicità
Pubblicità

Benessere e Salute

Giornata mondiale del diabete in Trentino dall’11 al 18 novembre

Pubblicato

-


Anche quest’anno, in occasione della giornata mondiale del diabete, medici e infermieri dei centri diabetologici dell’Apss e volontari delle associazioni trentine dei diabetici saranno presenti, nella settimana dall’11 al 18 novembre, a Cavalese, Cles, Pergine Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tione e Trento con iniziative mirate alla sensibilizzazione della patologia diabetica. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Benessere e Salute

In arrivo l’aumento delle sigarette: + 10 centesimi a pacchetto

Pubblicato

-


Lo si legge nella relazione tecnica che accompagna la legge di bilancio, che prevede l’aumento della tassazione su sigarette, tabacco trinciato e sigari.

In arrivo quindi un nuovo aumento dei pacchetti di sigarette, per tutte le fasce di prezzo.

Secondo quanto si legge nella relazione tecnica che accompagna la manovra «l’incremento della fiscalità potrebbe essere recuperato dai produttori con un aumento dei prezzi di vendita di circa 10 centesimi a pacchetto, per tutte le fasce di prezzo».

Nella legge di Bilancio sono previsti per il 2019 rincari della tassazione per le sigarette di 108 milioni, altri 22,5 milioni per il tabacco trinciato, circa 1,8 milioni per i sigari, per un totale di 132,6 milioni.

Solo il 25% dei trentini fuma. La media nazionale è del 29%.

Tra i fumatori quasi la metà è volenterosa di smettere (ma tentano ancora quasi tutti da soli) ma senza raggiungere i risultati sperati.

Anche tra i giovani adulti la maggioranza delle persone non fuma, ma è comunque preoccupante l’elevata prevalenza di fumatori: nella classe d’età dei 18-34enni, dove circa un terzo delle persone riferisce di essere fumatori  e tra i 15enni (1 su 4 fuma almeno qualche volta al mese)

Anche in Trentino l’abitudine al fumo segue un gradiente socio-economico penalizzante le fasce sociali più deboli.

Il fumo in Italia è la principale causa di morte: dai 70.000 agli 83.000 decessi l’anno e oltre il 25% di questi è compreso tra i 35 ed i 65 anni di età.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Benessere e Salute

Scoperto il farmaco che elimina la dipendenza e gli effetti collaterali dell’astinenza da fumo

Pubblicato

-


Potrebbe arrivare presto in farmacia un farmaco capace di bloccare la dipendenza del farmaco, riuscendo anche a contenere i sintomi da astinenza e le temutissime ricadute per gli ex fumatori.

La scoperta è del team guidato dal prof. Olivier George nel dipartimento di Neuroscienze dell’istituto americano Scripps research institute di La Jolla, in California.

Gli scienziati hanno individuato un enzima, il NicA2-J1, testato per il momento sui topi. L’enzima scoperto dal team di scienziati è in grado di spezzare i legami molecolari della nicotina e inattivarla nel flusso sanguigno, prima che riesca a raggiungere il cervello, quindi prima che si sviluppi la dipendenza.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it