Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

In 507 alla Cerimonia di laurea questa mattina in Piazza Duomo

Pubblicato

-

Le previsioni meteorologiche nei giorni scorsi avevano portato gli organizzatori a riprogrammare la cerimonia di laurea in forma ridotta.

E così oggi la festa dei tocchi è durata appena mezz’ora rispetto al consueto paio di ore.

Oltre a un minor numero di interventi sul palco, a rendere la cerimonia molto più breve è stata la decisione di consegnare il diploma di laurea al momento dell’accredito, invece che sul palco durante la cerimonia, chiamando ogni nominativo.

Pubblicità
Pubblicità

La formula breve, però, non ha reso meno ufficiale il momento con la maggior parte di giovani che ha richiesto di immortalare il conferimento della pergamena con una foto nella sala degli Stucchi di Palazzo Sardagna, sede del Rettorato, e con la proclamazione e il lancio dei tocchi che in Piazza Duomo hanno sfidato la pioggia battente sostenuti dall’accompagnamento musicale eseguito dal vivo, con particolare vigore, dalla Corale Polifonica UniTrento e dal Gruppo Strumentale di Ateneo.

Nel saluto che il rettore Paolo Collini ha rivolto ai 507 giovani oggi presenti e ai loro parenti e amici un invito ad apprezzare il senso di unità di questa cerimonia, che avvicina famiglie, e comunità accademica. «La cerimonia di laurea è un’occasione per dare visibilità a un percorso di crescita personale per tanti giovani, un punto di arrivo e nuova partenza per la propria vita personale e professionale. Noi come università li abbiamo accompagnati in questo percorso e ora li incoraggiamo a essere protagonisti scrivendo la loro storia nella comunità» E poi, direttamente ai laureati: «Quelli all’Università sono anni in cui si cambia, si sperimentano relazioni, matura la propria partecipazione nella società. Sono anni in cui si acquisisce la capacità di stare al mondo e si gettano le basi per costruire la propria strada. Non rinunciate a fare la vostra parte, con entusiasmo e curiosità, non rinunciate a costruire il vostro percorso. Cercate di fare la differenza, perché un giorno, voltandovi indietro possiate dire di aver cambiato qualcosa nel mondo, anche solo una piccola cosa».

Nella cerimonia, organizzata dall’Università di Trento in collaborazione con il Comune di Trento e con la Provincia autonoma di Trento, il sindaco Alessandro Andreatta ha chiesto di usare al meglio il proprio bagaglio: «Ora per tutti voi inizia la fase delle scelte più libere, responsabili e difficili. Vi esorto a essere curiosi e creativi, a non accontentarvi. Cercate il vostro ruolo nella società e non fatevi rubare la speranza e il coraggio di cambiare le cose. Sono contrario al cambiare per cambiare, ma favorevole al cambiare per migliorare. Come ha detto Bob Dylan, “essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza, anche quando il mare è cattivo e il cielo si è stancato di essere azzurro”».

Quindi un grazie: «Se Trento è migliorata in questi ultimi lustri, se è diventata più aperta e accogliente, lo dobbiamo anche a voi e alla vostra vivacità intellettuale».

Ha preso, poi, la parola Valerio Valentini, laureato in Lettere moderne a UniTrento nel 2015, scrittore e giornalista, vincitore del Premio Campiello 2018 nella sezione Opera Prima col romanzo “Gli 80 di Camporammaglia”. Non ha nascosto l’imbarazzo di essere stato invitato a fare un discorso motivazionale: «Se c’è una cosa che ricordo bene, degli anni universitari, è proprio l’insofferenza, per non dire di peggio, nei confronti di chi, dall’alto del suo più o meno evidente successo, veniva a predicare ottimismo e a dispensare speranza».

Ha raccontato l’approdo al Collegio Bernardo Clesio, gli anni di studio a Trento, l’Erasmus a Parigi, la passione per il giornalismo (che è diventato il suo lavoro) e la narrativa (che gli ha fatto vincere una sezione del premio Campiello).

«Credo davvero di essere stato fortunato a incontrare qui certi professori. Molto della nostra vita dipende dalla qualità degli incontri che si fanno, specie se li si fa nel momento più propizio: e io i libri che mi ha consigliati il professor Comboni, ad esempio, credo che li abbia letti proprio quando avevo inconsapevolmente voglia di leggerli. Proprio quelli. Il modo di intendere la letteratura, direi l’arte in generale, che mi ha trasmesso il professor Giunta, penso mi abbiano cambiato la vita».

Ha confidato: «Quel poco che sono riuscito a combinare, fin qua, è stato quasi sempre dovuto alla volontà di aggirare un divieto, un ostacolo, un intoppo: più per disperazione, credo, che non per caparbietà».

«Quel grosso rognoso intralcio che è il futuro davanti a voi, davanti a noi, forse è bene prenderlo di petto. L’idea di farlo proprio mentre tante certezze che sembravano granitiche, nel nostro vivere collettivo, vengono meno, è più angosciante e più stimolante allo stesso tempo, credo» ha concluso.

Dopo di lui è intervenuto Simone Amadori come miglior laureato tra chi partecipava alla settima cerimonia di laurea, che all’Università di Trento ha frequentato il corso di Studi Internazionali con sei mesi di Erasmus a Praga e ora è studente di laurea magistrale a Bologna: «Studiare a Trento mi ha fatto cambiare idea un centinaio di volte sul mondo e mi ha fatto ripensare altrettante volte alla strada che volevo seguire. Certo, a volte mi sono sentito sprofondare nella confusione, ma ognuno di questi stravolgimenti è stato un passo di un bellissimo percorso che mi ha insegnato ad essere critico, curioso e aperto verso il nuovo».

Per lui l’esperienza universitaria è stata decisiva: «Dico grazie all’Università che mi ha aperto le porte di quella che sarà la mia vita. Ringrazio la mia famiglia, i professori e tutte le persone che hanno voluto darmi una mano a raggiungere questo traguardo, oltre che tutti quegli ostacoli e quelle sfide che mi hanno portato qui oggi, sereno e senza rimpianti, felice di dirmi laureato a Trento».

I laureati e le laureate di questa edizione hanno conseguito il titolo tra luglio e settembre 2018 nei corsi di laurea di I livello dei Dipartimenti: CIBIO; Economia e Management; Fisica; Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica; Ingegneria Industriale; Ingegneria e Scienza dell’Informazione; Lettere e Filosofia; Matematica; Psicologia e Scienze cognitive; Sociologia e Ricerca Sociale. Con loro anche laureati e laureate del Collegio Bernardo Clesio.

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

Aumentano i trentini iscritti alle università

Pubblicato

-

Sono 13.216 gli studenti trentini che si sono iscritti alle facoltà universitarie per un incremento pari al 2% ( 250 in più rispetto al precedente anno accademico).

Era dal 2005-’06 che gli universitari erano in costante diminuzione. Ora emerge un dato confortante in controtendenza.

Il 52,5% studia fuori dal Trentino ( lo scorso anno accademico era il 51%, mentre 10 anni il 36%).

Pubblicità
Pubblicità

Gli atenei più frequentati sono quelli del Veneto ( 44,3%) e dell’Emilia Romagna ( 16,7%).

Il 26% degli iscritti ha scelto l’area umanistica, seguita da Ingegneria e Architettura per il 16,4%, mentre il 12% ha scelto alla pari l’area economica e medica.

I maggiori incrementi di iscrizione tra gli studenti trentini si sono avuti per Scienze Motorie ( +61,1%) e Agraria (+54%).

In netta diminuzione l’area giuridica (-31,4%) eD economica ( – 21,6%). Il totale degli iscritti all’università trentina è di 16.569 per un incremento pari al 1,6%.

Gli incrementi più significativi sono per il Dipartimento di Matematica (+10,5%), Ingegneria Industriale (+5,1%) e Psicologia e Scienze Cognitive (+3,6%).

In calo invece le iscrizioni al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica (-8%). Del totale degli iscritti i trentini che hanno scelto la locale università sono il 35% col Dipartimento di Lettere e Filosofia come il più “ trentinizzato” col 46,8% delle iscrizioni, mentre la percentuale più bassa la registra la facoltà di Giurisprudenza col 19,8%.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Stefano Osele deposita 400 emendamenti ed annuncia la nascita di un nuovo soggetto politico di centro destra in università

Pubblicato

-

Stefano Osele, consigliere comunale della Lega Nord Trentino, preannuncia il deposito di 400 emendamenti per altrettante richieste di modifiche al regolamento dell’organismo studentesco istituito dal Comune di Trento sei anni fa.

La situazione si presenta in modo decisamente anomalo.

Come si legge nel documento diffuso da Stefano Osele, domani andranno in discussione in consiglio comunale delle modifiche sostanziali proposte da Udu e Unitin: “ Questi due mostri della politica universitaria sono rispettivamente finanziati dalla Cgil e dall’Opera Universitaria e di fatto monopolizzano ogni istituzione scolastica, soffocando tutte le voci dissidenti, tramite elezioni alle quali partecipa il 30% degli studenti aventi diritto”.

Pubblicità
Pubblicità

La modifica proposta riguarda l’articolo 16 del nuovo regolamento che secondo Osele, trasformerebbe un organismo partecipativo, in una sorta di commissione politica. “ Il tutto – si legge ancora nel comunicato stampa – senza passare attraverso elezioni, ma tramite nomine già monopolizzate da questi soggetti di sinistra . Inoltre è prevista l’immediata espulsione degli unici due rappresentanti degli studenti medi ( 2 su 13) senza nessuna motivazione, nonostante rappresentino una parte importante della realtà studentesca trentina”.

Contro quanto andrebbe a configurarsi, Stefano Osele depositerà appunto 400 emendamenti.

Osele oltre ad essere consigliere comunale è anche studente universitario e ha raccolto le indicazioni di altri studenti che a breve presenteranno il nuovo soggetto di centro destra che nell’ambito universitario prenderà il posto di quella che è stata “ Alternativa in Ateneo”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Università Trento: Approvato il bilancio di previsione per il 2020

Pubblicato

-

Un’accresciuta capacità di attrarre finanziamenti per la ricerca attraverso bandi competitivi nazionali e internazionali.

È un punto di forza dell’Università di Trento che emerge con evidenza dal bilancio di previsione per il 2020, discusso e approvato oggi dal Consiglio di amministrazione dell’Ateneo.

Sono circa 58 i milioni ottenuti tra progetti di ricerca comunitari (nell’ambito di Settimo programma quadro e Horizon 2020) e ministeriali (come il bando “Dipartimenti di eccellenza”) con un incremento di quasi 20 milioni rispetto al budget dell’anno scorso.

Pubblicità
Pubblicità

In generale, l’Università di Trento appare in salute.

Il conto economico del prossimo esercizio, garantisce il pareggio tra costi e ricavi sulla cifra di 258 milioni e prevede l’utilizzo di riserve di patrimonio netto per 14,1 milioni (in parte formate da riserve vincolate di esercizi precedenti).

Il documento all’attenzione del Consiglio di amministrazione, riunito oggi a Palazzo Sardagna, include il bilancio di previsione per l’anno 2020, il bilancio di previsione triennale 2020-2022 e i prospetti di riclassificazione previsti dai decreti ministeriali relativi ai “nuovi principi contabili e schemi di bilancio in contabilità economico-patrimoniale per le università”.

Per quanto attiene il piano degli investimenti sono stati stanziati 30,9 milioni complessivi. Per 14,1 milioni sono interventi destinati allo sviluppo del piano edilizio finanziati con contributi in conto capitale da parte della Provincia autonoma di Trento per 11,4 milioni. Riguardano in particolare la prosecuzione dei lavori a Manifattura Tabacchi di Rovereto e ai laboratori di Ingegneria a Mesiano, ma anche la realizzazione di nuove aule a Povo, nella Cittadella dello studente che sorgerà negli spazi di Trento Fiere e nel complesso di Santa Margherita, accanto al Collegio Bernardo Clesio.

Si tratta inoltre di acquisti di impianti e attrezzature scientifiche e informatiche per 16,8 milioni, finanziati principalmente dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito del bando ministeriale “Dipartimenti di eccellenza” (5,2 milioni) e dalla Provincia autonoma di Trento in particolare per il progetto di ricerca “Infrastruttura di Ricerca per la Biologia integrata – Irbio” del Dipartimento Cibio (6,3 milioni). Si precisa che per circa 4 milioni di attrezzature scientifiche le gare risultano già concluse e che sono in corso quelle per circa 1,5 milioni di euro.

In attesa della redazione dell’Atto di indirizzo per la ricerca e l’alta formazione universitaria 2020-2022, la Provincia garantisce continuità gestionale alle attività dell’Ateneo, prevedendo una quota base in linea con il quadriennio precedente.

I trasferimenti da parte della Provincia autonoma di Trento, sulla base dell’impegno assunto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e rilevati tra i contributi in conto esercizio, ammontano a 119,2 milioni di euro e sono ripartiti fra una quota base (111 milioni), destinata a dare continuità alle attività già in essere, una quota programmatica (1,1 milioni), assegnata per il finanziamento di specifici programmi di sviluppo già definiti in precedenza e residui di anni precedenti (2,8 milioni) riferiti a iniziative progettuali di interesse comune non ancora ultimate e una quota premiale relativa a valutazioni positive degli anni precedenti (4,3 milioni)

Come anticipato, per quanto attiene i ricavi propri, emerge la capacità dell’Ateneo trentino di attrarre finanziamenti per la ricerca (57,6 milioni) con un incremento rispetto al budget previsionale 2019 di quasi 20 milioni.

La crescita di questa voce è determinata principalmente dal fatto che l’Ateneo, a seguito della partecipazione dello stesso a bandi competitivi nazionali e internazionali, è risultato beneficiario di consistenti finanziamenti sia da parte dell’Unione Europea, sia da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

I finanziamenti di tale voce sono costituiti infatti da 28,1 milioni relativi a progetti di ricerca comunitari erogati nell’ambito del Settimo programma quadro e Horizon 2020 e da 22,8 relativi a finanziamenti del Ministero, per iniziative legate al bando “Dipartimenti di eccellenza” e al bando Miur 2017.

Significativi anche i proventi derivanti da ricerche commissionate e da trasferimento tecnologico (5,3 milioni) e la contribuzione studentesca per 20,5 milioni.

In riferimento ai costi, le spese per il personale strutturato di Ateneo, al netto dell’Irap, sono pari a 60,7 milioni per docenti e ricercatori, 2 milioni per esperti linguistici e a 30,3 milioni per personale tecnico amministrativo. Gli stessi sono stimati nel rispetto dei vincoli stabiliti dal patto di stabilità e dalla normativa vigente.

Per quanto riguarda le altre voci a bilancio, le spese per interventi a favore degli studenti, al netto dell’Irap, ammontano a 23 milioni, di cui 10,4 milioni a favore dei dottorati di ricerca e 12,6 milioni a favore di studenti per il finanziamento di borse di studio volte, principalmente, a promuovere e valorizzare la mobilità internazionale e di altri servizi.

Di rilievo anche le spese strettamente legate alle attività di ricerca scientifica e diffusione dei risultati delle strutture accademiche di Ateneo che ammontano, compresi gli assegni di ricerca, a 38,3 milioni.

Tra le risorse previste a budget 2020, rilevano 4,3 milioni relativi ad iniziative e investimenti individuati nell’ambito del Piano strategico di Ateneo per il quinquennio 2017-2021, approvato nell’autunno. Tale documento riflette la visione pluriennale dell’Ateneo e le linee di indirizzo generali che ne guidano le attività.

I dati previsionali tengono inoltre conto delle risorse aggiuntive stanziate a rafforzamento del Piano strategico, destinate in particolare al supporto alla ricerca scientifica e all’inserimento di giovani ricercatori nelle attività di Ateneo (0,5 milioni).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza